Reddito di Cittadinanza: quanti lo percepiscono?

Reddito di Cittadinanza: quanti lo percepiscono?

Pubblicati da INPS i dati aggiornati dell'Osservatorio su Reddito e Pensione di Cittadinanza: quanti sono in totale i percettori in Italia?
Pubblicati da INPS i dati aggiornati dell'Osservatorio su Reddito e Pensione di Cittadinanza: quanti sono in totale i percettori in Italia?

Arriva direttamente da INPS un aggiornamento in merito ai numeri riguardanti il Reddito di Cittadinanza e la Pensione di Cittadinanza. I dati dell’Osservatorio, relativi al gennaio 2022, indicano in poco più di 1,34 milioni (più precisamente 1.346.672) le famiglie che percepiscono uno dei sussidi. Interessano un totale pari a circa tre milioni (3.005.348) di italiani.

Pensione e Reddito di Cittadinanza: i numeri di INPS

A livello di distribuzione geografica, sud e isole ne beneficiano maggiormente con 842.797 famiglie (2.007.942 cittadini). Sono invece 210.771 (420.177 cittadini) al centro e 293.104 (577.229 cittadini) al nord. Più avanti nell’articolo una tabella con la suddivisione tra le regioni: a guidare la classifica è la Campania (287.043 nuclei), seguita da Sicilia (249.311) e Lazio (140.124).

Un altro dato interessante tra quelli emersi è relativo alla composizione delle famiglie che percepiscono RdC o PdC. I nuclei con un solo componente si attestano a 594.531, mentre quelli con sei o più componenti sono 32.039.

Reddito di Cittadinanza e Pensione di Cittadinanza: i numeri forniti da INPS

La distribuzione, regione per regione, dei nuclei familiari percettori del Reddito di Cittadinanza o della Pensione di Cittadinanza (fonte: INPS)

Dai dati si apprende inoltre di un un sostanziale incremento nel valore medio riconosciuto ai percettori. Si è passati dai 498,06 euro dell’aprile 2019 agli attuali 549,98 euro. La spesa complessiva si attesa a 740,2 milioni di euro al mese.

Nei giorni scorsi, INPS ha reso noto che si sono verificati problemi nel calcolo della rata del Reddito di Cittadinanza e della Pensione di Cittadinanza relativa al mese di febbraio, promettendo una soluzione in tempi stretti.

Fonte: INPS
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 28 feb 2022
Link copiato negli appunti