Redirect, VeriSign denunciata

100 milioni di dollari: questo l'ammontare dei danni richiesti all'azienda per aver dirottato una certa parte del traffico web sulle proprie pagine


Roma – Una società americana ha deciso di far propri il malumore e le accesissime polemiche che hanno fatto seguito nei giorni scorsi alla decisione di VeriSign di intervenire pesantemente sul traffico web e di trasformare tutto questo in una azione legale.

Una società che sviluppa tecnologie di ricerca su internet, Popular Enterprises, in una denuncia presentata nelle scorse ore chiede 100 milioni di dollari di danni a VeriSign sostenendo che le operazioni compiute dall’azienda equivalgono al sequestro di una parte del traffico web. Come noto, VeriSign ha attivato un servizio, SiteFinder, che appare come pagina web all’utente che, inserendo un dominio.com o.net, compie un errore nell’immissione del nome. Una operazione che VeriSign ha potuto attuare in quanto detentore dei registri dei domini.com e.net.

Secondo Popular Enterprises, che gestisce il servizio di ricerca netster.com , SiteFinder rappresenta una minaccia alla libera competizione e viola le leggi sulla trasparenza nelle pratiche commerciali. La denuncia chiede che il tribunale imponga immediatamente a VeriSign di bloccare il proprio servizio.

La chiave della denuncia risiede nella considerazione che VeriSign si è posta in diretta concorrenza con gli operatori del settore della ricerca su web sfruttando indebitamente a proprio vantaggio la gestione dei registri di dominio per i.com e i.net.

Per ora VeriSign non ha commentato la denuncia, che potrebbe essere la prima di una lunga serie, ma ha difeso semplicemente il proprio servizio sostenendo che è un supporto per gli utenti che inseriscono un nome errato come URL. “Per venti milioni di volte al giorno sul nostro network – ha dichiarato l’azienda – la gente sbaglia nell’inserire i domini e non trova quello che sta cercando. La navigazione web può migliorare con servizi come SiteFinder”.

Gli operatori internet non rimangono però con le mani in mano. Nei giorni scorsi è già stato rilasciato un update per BIND , software diffusissimo necessario all’indirizzamento del traffico internet, che può essere utilizzato per bloccare SiteFinder. Nei prossimi giorni, poi, anche ICANN , l’organismo che si occupa dei domini internet, ha promesso che farà sentire la propria voce.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    questi signori sono alla frutta...
    dopo aver denunciato una 12enne, per salvarsi il posto sulla poltrona di pelle di scaricatore di dvd farebbero le scarpe anche alla loro madre...poveretti...:)
  • Anonimo scrive:
    Hanno rotto
    Che vadino a zappare invece di rompere le "4&&£" alla gente. E' ormai 6 mesi che non sentiamo parlare altro di filesharing..... Basta per carita'.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno rotto
      - Scritto da: Anonimo
      Che vadino a zappare invece di rompere le
      "4&&£" alla gente. E' ormai 6 mesi che non
      sentiamo parlare altro di filesharing.....
      Basta per carita'.....E' ora di tornare a squola ad imparare la gramatica itagliana.
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno rotto
        Ah, la netiquette... l'educazione.... questa sconosciuta... :D
        • Anonimo scrive:
          Re: Hanno rotto
          - Scritto da: Anonimo
          Ah, la netiquette... l'educazione.... questa
          sconosciuta... :DAh, l'educazione scolastica, questa sconosciuta... :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Hanno rotto
            Beh, ognuno ha i gusti che preferisce :DIo personalmente preferisco una persona che sbaglia a scrivere qualche parola piuttosto che una maleducata :DDe gustibus non est disputandum, ma io sto meglio così :D
          • Anonimo scrive:
            [OT] Re: Hanno rotto
            - Scritto da: Anonimo
            Beh, ognuno ha i gusti che preferisce :D
            Io personalmente preferisco una persona che
            sbaglia a scrivere qualche parola piuttosto
            che una maleducata :D
            De gustibus non est disputandum, ma io sto
            meglio così :DIo personalmente preferisco una persona che sta zitta piuttosto che una maleducata e pure ignorante. Ti quoto il post che ho criticato:Che vadino a zappare invece di rompere le "4&&£" alla gente. E' ormai 6 mesi che non sentiamo parlare altro di filesharing..... Basta per carita'..... Ciao!
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] Re: Hanno rotto
            Io invece se trovo maleducato qualcuno tendo a rispondergli in maniera educata, per fargli meglio notare la sua maleducazione, e per non abbassarmi al suo livello :DSe poi non capisce, pace, ma se capisce e magari si redime in minima parte, avrò aiutato qualcuno ad innalzarsi moralmente :D
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] Re: Hanno rotto
            - Scritto da: Anonimo
            Io invece se trovo maleducato qualcuno tendo
            a rispondergli in maniera educata, per
            fargli meglio notare la sua maleducazione, e
            per non abbassarmi al suo livello :D
            Se poi non capisce, pace, ma se capisce e
            magari si redime in minima parte, avrò
            aiutato qualcuno ad innalzarsi moralmente :DDi solito il mio comportamento e' uguale, pero' coperto dall'anonimato mi diverto pure io a fare il maleducato :-)Ciao!
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] Re: Avete rotto
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Io invece se trovo maleducato qualcuno
            tendo

            a rispondergli in maniera educata, per

            fargli meglio notare la sua
            maleducazione, e

            per non abbassarmi al suo livello :D

            Se poi non capisce, pace, ma se capisce e

            magari si redime in minima parte, avrò

            aiutato qualcuno ad innalzarsi moralmente
            :D

            Di solito il mio comportamento e' uguale,
            pero' coperto dall'anonimato mi diverto pure
            io a fare il maleducato :-)

            Ciao!avete rott' u'cazz cò ttutte stè cose, maleducatotu... maleducato io.... ma andate a ......
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno rotto
      vadi pure raggioniere, vadi, vadi.....
  • Anonimo scrive:
    imesh --
    spyware, occhio!
    come da subject
  • Anonimo scrive:
    fasttrack anche kazaa?
    io non mi ricordo più. kazaa/kazaa lite sono sulla Fasttrack ancora o no? una volta era Morpheus/kazaa ... ma a me pareva che morpheus non fosse più sulla stessa rete di kazaa
    • Anonimo scrive:
      Re: fasttrack anche kazaa?
      - Scritto da: Anonimo
      io non mi ricordo più.

      kazaa/kazaa lite sono sulla Fasttrack ancora
      o no?Certo.
      una volta era Morpheus/kazaa ... ma a
      me pareva che morpheus non fosse più sulla
      stessa rete di kazaaInfatti. Morpheus già da tempo non è un client FT.
      • Anonimo scrive:
        Re: fasttrack anche kazaa?


        una volta era Morpheus/kazaa ... ma a

        me pareva che morpheus non fosse più sulla

        stessa rete di kazaa

        Infatti. Morpheus già da tempo non è un
        client FT.
        infatti, lo era all'epoca della denuncia (mo' non lo uso piu' da un sacco di tempo devo dire)
  • Anonimo scrive:
    Ma con tutti sti $$ tra avv. e Trib.
    di quanto potevano aver abbassato il costo dei supporti digitali ?
  • Anonimo scrive:
    vale Betamax
    "Il caso contro iMesh si apre a New York mentre quello contro gli altri due player del peer-to-peer si è tenuto a Los Angeles. Tribunali diversi potrebbero anche avere orientamenti opposti."Ma i tribunali americani non si basano sui precedenti ?La tesi Betamax non credo si sia sentenziata a Los Angeles per essere stata accettata, quindi ...........
    • Anonimo scrive:
      Re: vale Betamax
      - Scritto da: Anonimo
      "Il caso contro iMesh si apre a New York
      mentre quello contro gli altri due player
      del peer-to-peer si è tenuto a Los Angeles.
      Tribunali diversi potrebbero anche avere
      orientamenti opposti."

      Ma i tribunali americani non si basano sui
      precedenti ?
      La tesi Betamax non credo si sia sentenziata
      a Los Angeles per essere stata accettata,
      quindi ...........Pure qui in Italia tribunali diversi sono giunti a sentenze diverse (Previti docet :-)Dvorebbero cambiare"La legge e' uguale per tutti"in"La legge e' uguale ovunque"Ciao!
  • Anonimo scrive:
    Ma la Riaa puo' tutto dappertutto?
    Ma cosa c'entra Imesh (israeliana) con la RIAA che e' americana?Come possono denunciarli?ora la legislazione usa vale in tutto il mondo? :(
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma la Riaa puo' tutto dappertutto?
      - Scritto da: Anonimo
      Ma cosa c'entra Imesh (israeliana) con la
      RIAA che e' americana?Sai com'e' ... se gli israeliani non obbedissero potrebbero trovarsi senza missili per ammazzare i loro vicini.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma la Riaa puo' tutto dappertutto?
        Bassa politica... In realtà la RIAA non può colpire iMesh in quanto società straniera, ma potrebbe chiedere i danni per l'attività svolta negli USA. Se qualcuno conosce qualche particolare, sarebbe bene che lo postasse, poichè la cosa potrebbe eventualmente avere qualche ripercussione anche da noi. Ad esempio, potrebbe la RIAA chiedere i danni ad un provider italiano per complicità nella violazione del copyright?
      • TieFighter scrive:
        Re: Ma la Riaa puo' tutto dappertutto?

        - Scritto da: Anonimo

        Ma cosa c'entra Imesh (israeliana) con la

        RIAA che e' americana?perche' imesh ha una sede in america
        Sai com'e' ... se gli israeliani non
        obbedissero potrebbero trovarsi senza
        missili per ammazzare i loro vicini.credo che i missili li comprino dalla francia
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma la Riaa puo' tutto dappertutto?
      - Scritto da: Anonimo
      Ma cosa c'entra Imesh (israeliana) con la
      RIAA che e' americana?
      Come possono denunciarli?
      ora la legislazione usa vale in tutto il
      mondo? :(Balle! Sebbene animati da manie di onnipotenza, gli avvocati americani non hanno alcuno strumento legale per procedere contro iMesh, ed anche se arrivassero ad ottenerne la condanna, al massimo potrebbero ottenere di fare arrestare uno qualsiasi dei dirigentiproprietarilegali-rappresentanti di iMesh non appena per qualche motivo si presentassero sul suolo Americano.In caso contrario a meno di non mandargli la CIA o i Marines...Il vero scopo della RIAA è di ottenere una condanna per poi usare la sentenza contro kazaamorpheus, non gliene frega niente di mettere in galera i tizi di iMesh, gli importa di farsi riconoscere un principio, per farlo denuncerebbero persino Tom, Jerry e Topo Gigio !
Chiudi i commenti