Regno Unito, la licenza trasparente

Coprirà tutti i dati pubblici, compresi i software sviluppati nell'ambito degli enti pubblici, e garantirà la loro piena riusabilità

Roma – L’ Archivio Nazionale britannico ha adottato una nuova licenza , la Open Government License (UK OGL), destinata al riuso dei dati raccolti dagli istituti pubblici del Regno Unito. E sembra rimuovere molte delle barriere finora poste dal legislatore al loro utilizzo.

I dati erano già stati divulgati : una scelta di trasparenza avviata inizialmente con il sito data.gov.uk , dove ha appunto esordito la nuova licenza. Secondo gli osservatori questa ha il pregio di essere semplice, flessibile e compatibile con altri modelli di licensing come quelli del sistema Creative Commons: in pratica, di base, tutti i dati non personali riguardanti il settore pubblico prodotti sono considerati aperti e gratuiti .

La Open Government License andrà a sostituire l’attuale licenza Click-Use per tutte quelle opere coperte da diritto d’autore conferito alla Corona , per i database e per i software sviluppati nell’ambito degli enti pubblici. Questi ultimi saranno coperti dall’ Open Government Licence , a parte nei casi in cui questi siano sviluppati a partire da software open che presuppongano la viralità della propria licenza.

La prima caratteristica è che, a differenza del precedente modello, agli utenti non verrà chiesto di registrarsi o fare richiesta ufficiale per l’utilizzo: le libertà sono garantite di default senza bisogno di sottoscrizioni specifiche o ulteriori oneri burocratici.

Secondo uno studio della Cambrigde University la liberalizzazione dei dati pubblici, e il loro riutilizzo in siti e applicazioni, potrebbe portare all’economia britannica oltre 6 miliardi di sterline . Il primo plauso, naturalmente, dal baronetto Tim Berners-Lee che siede del Consiglio britannico sulla trasparenza e che era già stato chiamato a patrocinare il già citato data.gov.uk .

La nuova iniziativa rappresenta un importante passo verso l’idea di un’ economia della conoscenza : considera i dati raccolti e i software sviluppati con le risorse pubbliche come beni pubblici, non concorrenziali e aperti a tutti, anche perché sono già stati pagati dalla collettività.

La direzione è stata d’altronde tracciata dalla Commissione Europea: il trattamento delle informazioni relative al settore pubblico e al loro utilizzo (delineato della direttiva europea sul riuso ) è una delle questioni rilevanti per la strategia di Lisbona e il piano europeo sull’economia della conoscenza. Iniziative in questa direzione sono state anche adottate da Svezia e Italia , le cui inadempienze nel settore erano state nel mirino di Bruxelles.

Dal primo luglio 2010 è entrata in vigore in Svezia la normativa che rilascia alla collettività i dati raccolti in ambito pubblico, mentre il nostro Paese, tirato in ballo in particolare per i dati relativi agli atti di proprietà e ipoteche, a partire dal 10 luglio ha aperto teoricamente, secondo le indicazioni europee, le possibilità di utilizzo dei dati raccolti in questo settore specifico.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti