Revenge porn, la FTC chiude un occhio

Il gestore di un sito che ospitava immagini delle nudità di soggetti inconsapevoli se la cava senza alcuna sanzione, ma con una semplice ammonizione: d'ora in poi dovrà rispettare la legge. La California non è altrettanto comprensiva

Roma – Dovrà semplicemente smettere di pubblicare in Rete immagini di individui inconsapevoli ritratti nell’intimità e distruggere tutte le immagini in suo possesso, scatti pubblicati su IsAnybodyDown.com estorti con l’inganno a un’infinità di donne o messi a disposizione dagli utenti che abbiano abusato della fiducia dei propri partner.

Il gestore del sito, il 30enne Craig Brittain, aveva fatto del revenge porn un business: echeggiando il fu IsAnyoneUp , chiuso nel 2012 dal suo stesso fondatore Hunter Moore, con IsAnybodyDown da un lato metteva a disposizione immagini pornografiche arricchite dei dettagli personali dei soggetti, dall’altro lucrava sulla vergogna delle vittime, proponendo rimozioni a cifre che oscillavano tra i 250 e i 500 dollari. Era riuscito a guadagnare 12mila dollari, pubblicando foto ai danni di oltre mille persone.

La tortuosa ricostruzione del caso ha probabilmente consentito a Brittain di schivare l’accusa di estorsione: la Federal Trade Commission, che con ogni probabilità ha intuito che l’uomo interpretasse diversi suoli impersonando diverse identità, si è accordata per punire Brittain con una semplice ammonizione. Non potrà più pubblicare immagini di nudo senza il consenso delle persone ritratte, o rischierà una sanzione di 16mila dollari per ogni giorno di ciascuna eventuale violazione.

FTC auspica che il messaggio raggiunga gli altri operatori di siti analoghi: la vergogna inflitta da Brittain alle sue vittime ricadrà ora su di lui. Per quanto attiene le sanzioni, sarà eventualmente l’autorità giudiziaria a disporle, sulla base di regolari processi che potrebbero avviarsi a seguito della denuncia delle vittime.

Frammentario però è il contesto dei singoli stati federali : le legislazioni in materia si moltiplicano e assumono differenti sfumature nei diversi quadri normativi. La California, il primo stato americano ad approvare nel 2013 una controversa legge in materia, ha amministrato le prime condanne: l’ una nei confronti di un ex-partner vendicativo, l’ altra nei confronti di Kevin Bollaert, che tra il 2012 e il 2013 aveva gestito il business di ugotposted.com , e per questo motivo rischia di dover scontare fino a 24 anni di carcere.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Yok scrive:
    mah...
    @puntoinformaticoPer me non vi rendete conto di quello che fate quando censurate i post.Contenti voi, ma utenti gabbati.
  • Exidor scrive:
    Nazionalizzazione
    Come gli stati del centroamerica (volgarmente detti: stati banana) negli anni 60 e 70 che nazionalizzavano petrolio e quanto potesse loro far incamerare denaro per i loro governi corrotti ora il Nostro nazionalizza virtualmente allorquando... si supera una certa soglia di fatturato, scatta automaticamente la qualifica di impresa italiana.
    • Leguleio scrive:
      Re: Nazionalizzazione
      - Scritto da: Exidor
      Come gli stati del centroamerica (volgarmente
      detti: stati banana) negli anni 60 e 70 che
      nazionalizzavano petrolio e quanto potesse loro
      far incamerare denaro Veramente la più celebre nazionalizzazione delle società petrolifere è stata attuata gradualmente da Hugo Chavez in Venezuela a partire dal 2001.
      ora il Nostro nazionalizza virtualmente
      allorquando... si supera una certa soglia di
      fatturato, scatta automaticamente la qualifica di
      impresa
      italiana.Far pagare le tasse e nazionalizzare sono la stessa cosa?
      • bradipao scrive:
        Re: Nazionalizzazione
        - Scritto da: Leguleio
        Veramente la più celebre nazionalizzazione delle
        società petrolifere è stata attuata gradualmente
        da Hugo Chavez in Venezuela a partire dal 2001.Dimentichi la nazionalizzazione della Repsol-YPF in argentina... appena nel 2012.
  • lorenzo scrive:
    Non mi torna ...
    Chi glielo dice quanto fattura l'azienda in italia ? Visto che e' estera non deve depositare bilanci in italia , magari non emette nemmeno fattura con partita iva italiana , quindi dalle "invoice" emesse dalla sede legale ( estera ) non c'e' iva da scaricare ,faranno degli "studi di settore" per il web ? Siccome hai un bel sito ed e' anche tradotto in italiano secondo me fatturi millemila euro in italia ?Quelle sono multinazionali ... gli sparano cosi' tanti ricorsi ( magari in sede internazionale cosi' ottengono anche i danni ) che non ne escono vivi ... ( e poi noi paghiamo il danno erariale ) , oppure semplicemente chiudono i contatti con l'italia e pace cosi' se sono cosi' folli da avere assunto impiegati in italia si perdono anche i posti di lavoro ...
    • Guerrgliero scrive:
      Re: Non mi torna ...
      tin che mondo vivi? utte le fatture sono trasmesse telematicamente pertanto si sa quanto fattura in italia. Tutti quelli che spendono inserisconono le fatture di costo, SE NO PAGANO TASSE
      • Certo scrive:
        Re: Non mi torna ...
        E lo chiedi a lui dove vive? Sulla terra a differenza di te ahahahah
      • scumm78 scrive:
        Re: Non mi torna ...
        Questo se a comprare e' un azienda.. Se prendiamo per esempio Amazon, la maggior parte del fatturato e' dovuto alla vendita a privati per cui: no registrazione telematica delle fatture, ne insirimento delle fatture di costo da nessuna parte.Tra l'altro lo stesso concetto di "Fattura" in molti paesi esteri non esiste quindi molte aziende non la emettono nemmeno.
    • Izio01 scrive:
      Re: Non mi torna ...
      - Scritto da: lorenzo
      Chi glielo dice quanto fattura l'azienda in
      italia ?

      Visto che e' estera non deve depositare bilanci
      in italia ,

      magari non emette nemmeno fattura con partita iva
      italiana , quindi dalle "invoice" emesse dalla
      sede legale ( estera ) non c'e' iva da scaricare
      ,
      Veramente leggo nell'articolo che "(...) un'impresa straniera può essere qualificata italiana dal fisco se si dimostra che ha una struttura fisica nel paese (dipendenti, stabilimenti, produttivi, sede ecc.)".Quindi CREDO che si parli di quelle aziende che costruiscono e assumono, non di quelle che si limitano a vendere.
      faranno degli "studi di settore" per il web ?
      Siccome hai un bel sito ed e' anche tradotto in
      italiano secondo me fatturi millemila euro in
      italia?

      Quelle sono multinazionali ... gli sparano cosi'
      tanti ricorsi ( magari in sede internazionale
      cosi' ottengono anche i danni ) che non ne escono
      vivi ... ( e poi noi paghiamo il danno erariale )
      , oppure semplicemente chiudono i contatti con
      l'italia e pace cosi' se sono cosi' folli da
      avere assunto impiegati in italia si perdono
      anche i posti di lavoro...Eh già, questa cosa che hai detto è purtroppo molto probabile (la seconda). Siccome possono liberamente vendere da altri paesi dell'Unione Europea, non credo che ci sia grande incentivo ad affrontare il moloch burocratico della fallimentare Italia.
  • Tribec scrive:
    Miserabili
    Le priorità degli idioti che ci 'governano' sono rivolte a spremere soldi a chiunque.Non dico che sia sbagliato, fatto con moderazione, nei modi e nei tempi giusti.Dico che di questi tempi, dopo sette anni continui di recessione, dove un italiano su due fatica ad arrivare alla fine del mese, le priorità dovrebbero essere quelle di rilanciare l'economia (non la finanza) e l'occupazione abbassando anche la tassazione sui dipendenti.I beoti che governano 'dimenticano' sempre di dire che non esiste solo la tassazione ma esistono anche l'inps e l'inail che devono essere pagati ogni mese.Ogni mese l'imprenditore, a fronte di una entrata assolutamente variabile, si trova ad avere delle uscite fisse e cospique.Manca elasticità, in un paese intriso di garantismo frutto della paura; finché non si agirà su queste cose, non riusciremo a riprenderci.Come ciliegina sulla torta, l'italia si appresta a regalare 50 miliardi di soldi nostri (per via dei crediti inesigibili) alle banche, 'perché non possono fallire'.E intanto gli incapaci politicanti, guidati dal narciso, con i loro azzeccagarbugli e i loro burosauri, si arrovellano per aumentare ed estendere le tasse.C@GLI@NI incapaci e corrotti.
Chiudi i commenti