RIAA, guerra agli anonimi

Scende in campo ACLU che si schiera a difesa dell'identità di uno studente del North Carolina accusato di aver condiviso nove brani musicali protetti da copyright sul peer-to-peer


Roma – Tra i discografici della RIAA e l’identità di uno studente universitario del North Carolina si sono frapposti i legali della American Civil Liberties Union (ACLU) secondo cui la RIAA non ha alcun diritto di ottenere nome e cognome del ragazzo.

Secondo i discografici, lo studente è colpevole di aver utilizzato il proprio personal computer nel campus universitario per mettere in condivisione su piattaforme di file sharing nove file musicali protetti da diritto d’autore. Per questo, RIAA ha inviato una richiesta formale all’Università affinché le venga rivelato il nome dello studente in modo da poter procedere con una denuncia ufficiale.

ACLU però, su richiesta dello studente, i cui dati rimangono al momento segreti, si è opposta alla richiesta RIAA affermando che questa non ha alcun diritto di violare il diritto all’anonimato e alla libertà di espressione del ragazzo che non è, non ancora almeno, riconosciuto da un tribunale come colpevole di un reato.

Va detto che la procedura standard dell’Università prevede che allo studente venga bloccato l’accesso ad internet dal proprio computer fino a quando questi non presenta alla segreteria una risposta dettagliata alle accuse provenienti da RIAA, una operazione che lo studente in questione si è rifiutato di compiere perché intende proteggere il proprio anonimato. Secondo ACLU qui non è questione di violazione di copyright ma di “diritti processuali” perché “il Primo Emendamento protegge il diritto di libera espressione anonima e questo include anche l’uso di internet”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    la questione è un'altra
    la questione è un'altra; c'è un asse trasversale di accordi passante da Hollywood attraverso Microsoft, alle software house a lei servili e via dicendo.DeCSS è nato principalmente per permettere ad un utente Linux di godersi sul proprio PC un DVD regolarmente acquistato; se Jon venisse condannato passerebbe la logica che tutto ciò che è al di fuori di questi accordi è illegale.
  • Anonimo scrive:
    e dopo?
    ammesso che venga condannato; il che è assolutamente ingiusto, cosa avranno risolto?volete copiare un DVD? ci sono milioni di modi e anche più comodi, DVD Shrink primo tra tutti.
  • Anonimo scrive:
    e' la legge che conta
    voi dimenticate una cosa.il giudice deve decidere sulla base della legge.la legge puo' essere sbagliata, stupida o illogica e siamo (quasi) tutti d'accordo che gran parte della legislazione sul copyright lo e'. e di leggi cosi' ce ne sono tantissime altre.DVD Jon e' innocente secondo logica (per il semplice fatto che non possono venderti un disco e impedirti di vederlo) ma quello che conta e' quello che dice la legge norvegese. e il giudice e' costretto ad applicarla anche se magari personalmente e' d'accordo con l'imputato.Io tifo per lui, ma non penso che la sua assoluzione sia scontata.
    • paulatz scrive:
      Re: e' la legge che conta
      Appunto.E per la legge norvegese Jon è già stato assolto in primo grado.Il problema è che le spese legali costano, e il povero ragazzo non è sicuramente in grado di competere contro le Major in quanto a disponibilità finanziaria.più che un processo mi sembra una vendetta, una persecuzione.
    • Anonimo scrive:
      Re: e' la legge che conta
      E' per questo che a volte mi dolgo di essere parte dello stato "italiano" di diritto, dove contano le carte e soloe le carte (dalla legge a tutto cio' che e' scritto)Perche' se c'e' una legge idiota, sono costretto anch'io ad essere idiota.in effetti, se riflettete, per il comune cittadno non c'e' scampo. Non c'e' scampo quando un gruppo di persone legifera piu' per interessi politici che per interessi di stato e quando, dietro a sollevazioni popolari, magari in sede europea, ci si deve sentir dire che e' meglio modificare una virgola qui o li' dal momento che l'intero progetto di legge ha un sacco di sostenitori, che muoversi per annullarlo tout court, data l'evidente stupidita'.Provate a leggere riguardo i brevetti del software, il copyright, e tutto quanto si sta delineando in favore delle grandi potenze economiche a discapito del consumatore.e poi, vi prego, spiegatemi perche' sono in torto. :)
  • Anonimo scrive:
    I diritti
    La proprietà privata è sacra. Solo il proprietario ha diritti. Il Padrone dice che quando compri un DVD tu puoi guardarlo solo coi lettori che piacciono a Lui e devi sorbirti la presentazione e la pubblicità tutte le volte. Tu devi obbedire. La disobbedienza è punita con la persecuzione, la confisca dei beni e la perdita di libertà. La legge è globale e non rispetta i confini degli Stati, poiché il Padrone rappresenta autorità superiore.
    • Anonimo scrive:
      Re: I diritti
      - Scritto da: Anonimo
      La proprietà privata è sacra. Solo il
      proprietario ha diritti. Il Padrone dice che
      quando compri un DVD tu puoi guardarlo solo
      coi lettori che piacciono a Lui e devi
      sorbirti la presentazione e la pubblicità
      tutte le volte. Tu devi obbedire. La
      disobbedienza è punita con la persecuzione,
      la confisca dei beni e la perdita di
      libertà. La legge è globale e non rispetta i
      confini degli Stati, poiché il Padrone
      rappresenta autorità superiore.Miiiii manco Dio ha tutto sto potere... :-)Per lo meno non lo ha in casa di chi non ci crede e non lo adora.
    • Anonimo scrive:
      Re: I diritti
      inafatti le modalità d'uso sono elencate sulla scatola e appena parte il DVD/CD/Software, non ti sta bene? non lo prendi...ma tu lo vuoi? cacchio e roba mia e fai come ti dico.Compri il DVD....facci quello che vuoi...chessò un portatazza, un soprammobile, uno strumento di piacere...ma l'opera interna non puoi toccarla senza autorizzazioni perchè non l'hai comprata...hai comprato il diritto di usarla.Ora bisogna vedere se "la protezione" è parte materiale del DVD o no.
      • Xmasitel scrive:
        Re: I diritti
        - Scritto da: Anonimo
        inafatti le modalità d'uso sono elencate
        sulla scatola e appena parte il
        DVD/CD/Software, non ti sta bene? non lo
        prendi...ma tu lo vuoi? cacchio e roba mia e
        fai come ti dico.Non mi sembra che sugli avvisi dei DVD stia scritto che non lo puoi vedere col lettore che piace a te o col SO che piace a te: se DVD Jon è stato in grado di costruirselo il lettore, alle major non deve importare, se usa il lettore per piratare il DVD è un'altra faccenda e se ne può discutere

        Compri il DVD....facci quello che
        vuoi...chessò un portatazza, un
        soprammobile, uno strumento di piacere...ma
        l'opera interna non puoi toccarla senza
        autorizzazioni perchè non l'hai
        comprata...hai comprato il diritto di
        usarla.E allora lo voglio usare questo diritto :-)

        Ora bisogna vedere se "la protezione" è
        parte materiale del DVD o no.
      • Anonimo scrive:
        Re: I diritti
        - Scritto da: Anonimo
        inafatti le modalità d'uso sono elencate
        sulla scatola e appena parte il
        DVD/CD/Software, non ti sta bene? non lo
        prendi...ma tu lo vuoi? cacchio e roba mia e
        fai come ti dico.

        Compri il DVD....facci quello che
        vuoi...chessò un portatazza, un
        soprammobile, uno strumento di piacere...ma
        l'opera interna non puoi toccarla senza
        autorizzazioni perchè non l'hai
        comprata...hai comprato il diritto di
        usarla.E allora brutto str###o, perche' la stessa opera mi costa il triplo su DVD rispetto al VHS ?
    • Anonimo scrive:
      Re: I diritti
      - Scritto da: Anonimo
      La proprietà privata è sacra.[...]
      il Padrone
      rappresenta autorità superiore.Sembra uno di quei discorsi di brunelli a tv imperiale sulla Magna Romagna che facevano vedere a mai dire tv.http://www.magnaromagna.com/impero/Ma chissa' se c'e' qualcuno cosi' vecchio da ricordarsi di tv imperiale in giro...
  • Anonimo scrive:
    Quanto è costato il DeCSS ?
    Il nocciolo della vicenda è tutto qui.I produttori di DVD avranno speso così tanti soldi in tale sistema di protezione che ora non sanno più cosa fareper non perdere la faccia.L' unico reato che si può ipotizzare è la distribuzione delprogramma, ovviamente se dimostrata.Ma studiare come è fatto un DVD non ritengo sia un reato.Se compro un' automobile e ne studio le parti (come realmente avviene per i produttori) non sono colpevole dialcun reato. Secondo me vi è la paura (giusta causa) da parte dellemajors di perdere profitti; ma vi è anche la consapevolezzadi aver speso soldi in qualcosa che non vale niente e diperdere la faccia dopo aver sbandierato ai quattro venti un innovativo sistema di protezione reso vano da qualcheriga di codice.E, infine, la speranza che qualcuno (magari ricco) rimborsi in un qualche modo le loro inutili spese.Un monito sembra anche arrivare dalle majors:NON PROVATE A SCREDITARCI. Altrimenti son guai.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quanto è costato il DeCSS ?

      Un monito sembra anche arrivare dalle majors:
      NON PROVATE A SCREDITARCI. Altrimenti son
      guai.Mi sembra che a screditarsi ce la facciano benissimo da sole...
    • Anonimo scrive:
      Re: Quanto è costato il DeCSS ?
      - Scritto da: Anonimo
      Ma studiare come è fatto un DVD non ritengo
      sia un reato.secondo il dmca il reverse engineering e' reato.
      • The FoX scrive:
        Re: Quanto è costato il DeCSS ?
        - Scritto da: Anonimo
        secondo il dmca il reverse engineering e'
        reato.Ma DVD Jon e' norvegese, mica americano e il suoprogramma l'ha sviluppato in Norvegia, mica in America...
        • Anonimo scrive:
          Re: Quanto è costato il DeCSS ?
          - Scritto da: The FoX
          - Scritto da: Anonimo
          Ma DVD Jon e' norvegese, mica americano e il
          suo
          programma l'ha sviluppato in Norvegia, mica
          in America...Ma questi signorotti hanno potere ovunque, come in un grande blocco sovietico mondiale. Loro sono i nuovi padroni dell'umanità.E i coglioni continuano a sostenerli comprando cd e dvd originali convinti di chissà quale realtà.
          • Anonimo scrive:
            Re: Quanto è costato il DeCSS ?
            vero, ormai la " pax americana" si sta estendendo a tutto il globo e noi possiamo solo scegliere se - essere fedeli alleati (ovvero fare quello che dicono volentieri) - essere alleati " semplici" (ovvero fare quello che dicono ma malvolentieri e mugugnando un po, vedi UE) - essere nemici del progresso e delle liberta' (ed essere costretti a fare quello che vogliono)Non mi contestate subito che tanto pax non lo e' perche' anche durante la pax romana le legioni non è che stavano tanto ferme...
          • Anonimo scrive:
            Re: Quanto è costato il DeCSS ?
            cacchio,allora devo anche comprare un auto tarocca....conosci un masterizzatore di automobili? No perchè vorrete mica che io compri un originale dettato chessò dalla Ford!
  • Anonimo scrive:
    Un giudice intelligente...
    ... dovrebbe assolverlo non già perchè "non costituisce reato" ma perchè la protezione è assolutamente banale da violare, e quindi se non ci fosse riuscito lui ci sarebbero riusciti altri diecimila. Non si può lasciare una cosa che dovrebbe essere protetta scritta quasi in chiaro e poi dire "ecco: lui mi ha violato un segreto industriale".
    • avvelenato scrive:
      Re: Un giudice intelligente...
      non condivido, perchè con lo stesso ragionamento si potrebbe dire "visto che è facilissimo non beccarsi un dialer, chi se lo becca è imbecille e paga."se rubi una macchina con la porta aperta e le chiavi dentro, beh, è sempre un furto. il proprietario è pirla, ma tu devi rendere conto a lui se vieni scoperto.cmq gioisco anche io per dvd jon. informazione libera.
      • Anonimo scrive:
        Re: Un giudice intelligente...
        - Scritto da: avvelenato
        se rubi una macchina con la porta aperta e
        le chiavi dentro, beh, è sempre un furto. il
        proprietario è pirla, ma tu devi rendere
        conto a lui se vieni scoperto.
        si ma l'assicurazione non so' se paga :) ,magari ci sono anche altri interessi
      • Anonimo scrive:
        Re: Un giudice intelligente...
        P.s. ricorda che se lasci la macchina aperta con le chiavi dentro.. il ladro (se lo beccano, se lo condannano, se se se se...) dopo due giorni e' di nuovo in giro, e la tua assicurazione non ti risarcisce un benemerito nulla, poiche' tu non hai fatto nulla per impedire che la macchina ti venisse rubata.Cya WarfoX
        • avvelenato scrive:
          Re: Un giudice intelligente...
          - Scritto da: Anonimo
          P.s. ricorda che se lasci la macchina aperta
          con le chiavi dentro.. il ladro (se lo
          beccano, se lo condannano, se se se se...)
          dopo due giorni e' di nuovo in giro, e la
          tua assicurazione non ti risarcisce un
          benemerito nulla, poiche' tu non hai fatto
          nulla per impedire che la macchina ti
          venisse rubata.

          Cya
          WarfoXmassì, però il ladro rimane sempre ladro.e se la macchia non la lascio aperta io, ma "gigietto", vedi che lo sbattono subito in galerra al ladro, e buttano via la chiave.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un giudice intelligente...
      Mah,il fatto che la protezione fosse ridicola e che altri ci sarebbero riusciti comunque è ridicolo...allora se uno ti entra in casa perchè hai la serratura facile da aprire (...tipo le FIat Punto;)) è leggittimo perchè se non l'avesse fatto lui lo avrebbero fatto altri 10000....., o il fatto che i cd audio si doppiano facilmente rende legittima la duplicazione...non esiste.Piuttosto concordo col giudice: lui ha comprato il DVD e quindi poteva farci quel che voleva....tranne alterarne/riprodurre i contenuti (quindi il film in sè), cosa che non ha fatto. Inoltre la MAjor non possono nemmeno dimostrare la malafede (ammesso che ci sia)Sulla distribuzione potrebbe invece avere qualche problema in +.....hanno fermato perfino la distribuzione di CloneCD...teoricamente non è colpevole dei reati per violazione di copyright ma sicuramente dovrà cessare la distribuzione del software...che ormai si trova ovunque.
      • Anonimo scrive:
        Re: Un giudice intelligente...
        - Scritto da: Anonimo

        Piuttosto concordo col giudice: lui ha
        comprato il DVD e quindi poteva farci quel
        che voleva....tranne alterarne/riprodurre i
        contenuti (quindi il film in sè), cosa che
        non ha fatto. Inoltre la MAjor non possononoooooooooscusa e' come dire che se compro Topolino, mia figlia di 2 anni non puo' disegnarci sopra con il pennarello..... ma stiamo pazziando??;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Un giudice intelligente...


          contenuti (quindi il film in sè), cosa che

          non ha fatto. Inoltre la MAjor non possono

          nooooooooo
          scusa e' come dire che se compro Topolino,
          mia figlia di 2 anni non puo' disegnarci
          sopra con il pennarello..... ma stiamo
          pazziando??;)basta che il topolino rimanga in casa e non venga fotocopiato e fatto vedere ai tuoi amici o peggio messo sul sito www.quantoe'bravamiafigliaacoloraretopolino.com :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Un giudice intelligente...
            esatto!
          • Anonimo scrive:
            Re: Un giudice intelligente...
            beh lui non ha messo in rete il topolino di sua figlia, ma i colori con cui dipingerlo.....puoi affermare il contrario???(linux)
Chiudi i commenti