RIAA scivola sulle contro-denunce e si fa male

Periodo difficile per le major del disco: per dimostrare gli abusi dei cittadini avrebbero violato qualche norma del codice civile e penale. E rischiano di pagarla anche sul piano dell'immagine

Roma – Tanya Andersen, la madre disabile che era stata denunciata dalla RIAA per file-sharing illegale, è stata ritenuta innocente dalla Corte dell’Oregon con la formula del ” Dismissal with prejudice “.

Si tratta di una sentenza molto interessante: quella formula consentirà alla signora non solo di richiedere il pagamento delle spese legali sostenute, ma anche di avvantaggiarsi nell’altro processo che vede le major accusate di frode, abusi, violazione della privacy e associazione criminale ( RICO ).

Secondo alcuni esperti, ripresi da ars technica , RIAA non è riuscita a dimostrare di avere prove tangibili delle violazioni contestate alla Andersen. Inoltre, per motivi forse legati alla particolare delicatezza di questo caso, aveva deciso di accettare la chiusura del caso “with prejudice”, una proposta che ha dato modo alla difesa della Andersen di dimostrare la sostanziale vacuità delle accuse delle major. In una mail spedita alla testata statunitense, la signora Andersen ha ribadito l’intenzione di andare avanti con l’altra causa.

Ed è interessante notare come in questi stessi giorni in Florida sia balzato all’onore delle cronache un altro caso di contro-denuncia , questa volta rivolta contro Universal.

In questo nuovo caso la signora Suzy Del Cid ha deciso di contrattaccare: denunciata dalla major per presunte attività di downloading illegale, ora chiede che Universal risponda per violazione di proprietà privata, frode informatica, pratiche commerciali sleali, estorsione e associazione a delinquere.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pejone scrive:
    Bitrate di emissione
    Sarebbe interessante conosere il bitrate di emissione dello streaming audio gratuito.Tanto per capire se è la solita trovata pubblicitaria o se si rivelerà un servizio utile.
    • pegasus2000 scrive:
      Re: Bitrate di emissione
      Sarà a 128 kbps presumo, lo stesso della maggior parte degli mp3, che è tanto gradito alla gente comune, ma che fa inorridire i veri appassionati di musica...Comunque per la cronaca, un sito dal quale si può ascoltare la musica in streaming gratuitamente già esiste (http://www.blogmusik.net/), anche se il catalogo è abbastanza limitato rispetto al milione e mezzo di canzoni (così dicono loro!!!) di msn-music (http://music.msn.it), dove però bisogna pagare (tanto per cambiare!!!) anche solo per ascoltare.Ciao.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 giugno 2007 21.06-----------------------------------------------------------
    • giovi85 scrive:
      Re: Bitrate di emissione
      Pegasus2000, il sito che hai linkato sulla musica in streaming gratuita su internet è fantastico!!! Ancora non lo conoscevo e appena l'ho visto mi è piaciuto molto. La cosa bella è che non offre solo musica da ascoltare in streaming, ma permettere anche di inviarla ad altri e cosa migliore, di inserirla all'interno del proprio blog!!! Lo cercavo un servizio simile.Ne sono rimasto talmente entusiasta che penso ne parlerò anche sul mio blog che se vuoi darci un'occhiata è http://ilparere.blogspot.com/Mi aveva molto incuriosito anche il sito suggerito da D'Elia ma noto proprio adesso che non funziona. Devo dire che c'ero entrato già una volta senza però registrarmi ma ora non mi è permesso. Forse ha avuto un così tanto successo che si sono intasati i server di LalaCiao
    • Emilio Carpani scrive:
      Re: Bitrate di emissione
      Il bitrate é 64, li trovi nei temporanei.
    • pegasus2000 scrive:
      Re: Bitrate di emissione
      64??? bleah...
    • pegasus2000 scrive:
      Re: Bitrate di emissione
      x Giovi85metti, metti pure i link al sito (sperando che RIAA e co. non lo facciano chiudere)!!! :(Su lala.com io riesco ad entrarci e (mi sembra) di aver visto che è permesso lo streaming gratuito soltanto per le canzoni o gli album "nuovi", quelli "vecchi" non li puoi ascoltare. Una bella limitazione quindi...Ho visitato il tuo blog, stai facendo un ottimo lavoro, eh eh! ;)Ma non ti viene il sangue amaro a scrivere contro quella emerita testa di c...o di cui non faccio il nome? Io ho imparato ad ignorarlo...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 giugno 2007 17.57-----------------------------------------------------------
    • giovi85 scrive:
      Re: Bitrate di emissione
      Grazie Pegasus2000 per i complimenti che mi hai fatto per il mio blog! Purtroppo si, a volte mi viene il sangue amaro a scrivere di tu sai chi ;)Comunque Lala.com è una delusione totale e appena posso ne parlerò male sul mio blog! Tanto clamore per un servizio che ancora non funziona bene (anzi direi che non funziona quasi per niente...) almeno in Italia.Per provarlo mi sono registrato e hanno fatto l'upload di tutta la mia libreria musicale! Se l'avessi saputo non ci sarei mai entrato in questo sito.Inoltre se provi ad ascoltare qualche canzone che tu non hai (sempre della Warner ovviamente...) una voce in inglese, spagnolo e francese dice: "benvenuto su Lala.com, la musica per i visitatori internazionali sarà disponibile a breve".Però c'è da dire che mi hanno detto che all'inizio lo streaming per i "visitatori internazionali" era permesso: si vede che hanno trovato qualche intoppo burocratico-legale causato dalle solite Major retrograde che temendo perdite di quote di mercato, non stanno al passo con i tempi che cambiano...Non capiscono proprio niente...Ciao
Chiudi i commenti