Ricattano MySpace, finiscono in manette

Due giovani cracker hanno tentato d'estorcere dobloni ai gestori di MySpace. Minacciavano di diffondere dettagli su un metodo di attacco utile a bucare i sistemi di sicurezza del celebre sito

New York (USA) – Due giovani informatici residenti nei pressi di Long Island sono stati arrestati dalle forze dell’ordine statunitensi per aver tentato di estorcere denaro al portale MySpace , la comunità virtuale acquistata da NewsCorp .

Shaun Harrison e Saverio Mondelli, appena maggiorenni, avrebbero minacciato di diffondere “dettagli tecnici su una falla di sicurezza dei server di MySpace” e cercato d’ottenere il pagamento di 150mila dollari da parte di NewsCorp affinché ciò non avvenisse.

Arrestati nel giro di pochissimi giorni dal momento del ricatto, i due cracker non hanno opposto resistenza alle autorità ma si dichiarano innocenti. Adesso rischiano un massimo di quattro anni di reclusione presso un carcere federale. Le accuse a carico dei due ragazzi sono pesantissime: tentata estorsione e violazione di sistema informatico.

Le fonti ufficiali non hanno rivelato ulteriori dettagli sulla natura della minaccia, limitandosi però a fornire i presupposti fattuali per capire che MySpace è stato violato . Questa notizia è passata praticamente in sordina, sia negli Stati Uniti che all’estero.

I dati personali degli oltre 80 milioni d’utenti MySpace in tutto il pianeta sono a rischio? Punto Informatico ha scoperto che l’ exploit con il quale i due ragazzi volevano estorcere denaro si trova al sito web SpyFuse , un sistema online che permette di “spiare” esattamente chi ha visitato la pagina personale di un utente MySpace. Una descrizione dettagliata di SpyFuse suggerisce che si tratta di una sorta di tracker per ottenere dettagli sensibili sui visitatori dei blog ospitati su MySpace.

Il piano di Harrison e Mondelli prevedeva di fornire accesso gratuito all’insolito servizio offerto da SpyFuse, per poi trasformarlo in un servizio a pagamento: una strana avventura imprenditoriale che avrebbe offerto guadagni, praticamente, lucrando sulla privacy degli utenti di MySpace. La ricostruzione di PI è stata confermata al quotidiano telematico italiano dai portavoce della polizia di Los Angeles, che hanno spiegato di aver bloccato i cracker mentre volavano verso la California per riscuotere il denaro che credevano NewsCorp. fosse pronta a sborsare.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Gettano la maschera.
    A questi vampiri la legge va bene solo finché permette loro di ficcare le mani nelle tasche altrui, ma in ogni caso si ritengono al di sopra di essa.Sono solo dei luridi estorsori.
  • Anonimo scrive:
    Uffici MPAA
    Sapete se si trovano sulla costa est degli stati uniti?......(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Trovato l'hosting provider della MPAA
    Eccolo!http://www.vinculo.cl:-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Trovato l'hosting provider della MPAA
      - Scritto da:
      Eccolo!

      http://www.vinculo.cl

      :-)Onomatopeico ( agg. [pl. m. -ci] di onomatopea, che è formato per onomatopea: parola onomatopeica; voce di origine onomatopeica | verso onomatopeico, frase onomatopeica, che attraverso i suoni evoca ciò che esprime in parole-n.d.r.) 8)
      • Anonimo scrive:
        Re: Trovato l'hosting provider della MPA
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Eccolo!



        http://www.vinculo.cl



        :-)


        Onomatopeico ( agg. [pl. m. -ci] di onomatopea,
        che è formato per onomatopea: parola
        onomatopeica; voce di origine onomatopeica |
        verso onomatopeico, frase onomatopeica, che
        attraverso i suoni evoca ciò che esprime in
        parole-n.d.r.)
        8)No, guarda questa e' un caso particolare di onomatopea che si chiama anomatopea.(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    godo come un tritone di marte
    ahahahah :Dvedremo.ricordo che comunque loro hanno il dinero... che non è cosa da poco ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: godo come un tritone di marte
      - Scritto da:
      ahahahah :D

      vedremo.

      ricordo che comunque loro hanno il dinero... che
      non è cosa da poco
      ;-)Da quando in qua i tritoni di marte godono?No, giusto per curiosita'.....
  • Anonimo scrive:
    Il codice da vinci
    Ora punto informatico ha messo un link ad una fonte dov'e' possibile reperire direttamente un film protetto da diritto d'autore.. probabilmente domattina alle 7 si ritrovera' la postale sotto casa.. e' stupido? si. come lo e' del resto dare in minima parte la colpa a chi crea motori di indicizzazioni per l'uso che se ne fa, che sarebbe come dare la colpa ad einstein e fermi per hiroshima e nagasaki.. ma purtroppo la gente dorme..
    • Anonimo scrive:
      Re: Il codice da vinci
      Bhe Fermi ha contribuito parecchio alla costruzione della bomba atomica e non credo se ne sia mai pentito, Einstein era più riluttante, questo è vero
  • Anonimo scrive:
    Ma guarda!
    Per la prima volta PI parla di "cracker".Che strano....
    • smemobox scrive:
      Re: Ma guarda!
      - Scritto da:
      Per la prima volta PI parla di "cracker".
      Che strano....volevi OroSaiwa?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma guarda!
      - Scritto da:
      Per la prima volta PI parla di "cracker".
      Che strano....Risultato della ricerca di crackerTrovati 865 documenti. Pagina 1 di 87.http://punto-informatico.it/cerca.asp?s=cracker&B=CERCA&t=4troll
  • Anonimo scrive:
    GUERRA !
    ...come disse Wild Bill Kelso (il folle pilota interpretato da John Belushi in "1941: Allarme a Hollywood" di Steven Spielberg) quando venne colpito da fuoco amico durante la missione.E GUERRA SIA ! (aggiungo io)BrUtE AiD
  • Anonimo scrive:
    Re: MPAA denunciata per cracking
    vi ricordo che la sony che ha infilato rootkit in centinaia di migliaia di pc se l'e' cavata con la sostituzione dei cd...se lo facesse il john doe di turno si prenderebbe 10 anni...
    • Anonimo scrive:
      Re: MPAA denunciata per cracking
      - Scritto da:
      vi ricordo che la sony che ha infilato rootkit in
      centinaia di migliaia di pc se l'e' cavata con la
      sostituzione dei cd...se lo facesse il john doe
      di turno si prenderebbe 10
      anni...... in cella "matrimoniale":'(
  • Anonimo scrive:
    Re: MPAA denunciata per cracking
    Aaaahh spero glielo spingano più in fondo possibileOmissis (apple)
  • Ics-pi scrive:
    Re: MPAA denunciata per cracking
    Non mi meraviglio, usano denunciare la gente salvo poi essere denunciati quasi per gli stessi motivi (o peggiori). Fortunatamente i processi negli USA (e getta) durano meno che da noi, percui tra qualche mesetto sapremo come è andata a finire.Speriamo che la MPAA se ne vada con le braghe calate...ci godrei come un verro in amore @^
    • Anonimo scrive:
      Re: MPAA denunciata per cracking
      durano di meno perche' il NOVANTA% dei processi finiscono col patteggiamento.Ah, il grande modello americano -.-
      • Ics-pi scrive:
        Re: MPAA denunciata per cracking
        Beh ma almeno durano di meno ;)Cmq in Italia di solito il colpevole viene liberato per scadenza dei termini nel caso dei colpevoli, e muore in galera per vecchiaia/malattia nel caso sia innocente (vedi caso Tortora).
        • Anonimo scrive:
          Re: MPAA denunciata per cracking
          - Scritto da: Ics-pi
          Beh ma almeno durano di meno ;)

          Cmq in Italia di solito il colpevole viene
          liberato per scadenza dei termini nel caso dei
          colpevoli, e muore in galera per
          vecchiaia/malattia nel caso sia innocente (vedi
          caso
          Tortora).C'è la terza ipotesi: grazie alla lentezza del processo, il reo giunge ai 70 anni e, pur condannato, continua la sua regolare vita quotidiana fuori dal carcere.
        • Anonimo scrive:
          Re: MPAA denunciata per cracking
          - Scritto da: Ics-pi
          Beh ma almeno durano di meno ;)

          Cmq in Italia di solito il colpevole viene
          liberato per scadenza dei termini nel caso dei
          colpevoli, e muore in galera per
          vecchiaia/malattia nel caso sia innocente (vedi
          caso Tortora).Solo per la cronaca, il povero Tortora non morì in galera. Fu liberato qualche mese prima tant'è che tornò anche a condurre per un po' il suo Portobello, ma ormai era fisicamente e soprattutto moralmente distrutto da un tumore.Vedi: http://it.wikipedia.org/wiki/Enzo_Tortora
Chiudi i commenti