Ricercatore paga per usare un proprio articolo CC

Dopo i video, le pubblicazioni scientifiche: la Sindrome da Copyright Impazzito dilaga negli ambienti universitari britannici, con effetti perversi e abusi a catena

Roma – La Rete ha prodotto l’ennesima dimostrazione del fatto che l’equilibrio del copyright, che dovrebbe garantire la diffusione dei prodotti culturali di interesse pubblico, è stato letteralmente stracciato da leggi tirate come corde di violino da chi si fa scudo del diritto d’autore per ogni genere di mercimonio. Peter Murray Rust , chimico dell’Università di Cambridge, dice di aver “perso le parole” quando ha scoperto che un suo studio, distribuito sotto licenza Creative Commons , veniva riproposto da un giornale accademico al modico prezzo di 48 dollari .

L’articolo è stato pubblicato online da Oxford Journals : il professore spiega che seguendo il link dell’opzione “Request Permission”, per ottenere il beneplacito di riutilizzare lo studio in altre pubblicazioni, si è trovato davanti alla richiesta di pagamento della cifra indicata. In sostanza, riassume Rust, la pubblicazione del prestigioso ateneo vuole usare un suo articolo, su cui il professore detiene tutti i dirtti e che è stato distribuito per usi esplicitamente non commerciali, per vendere la sua stessa proprietà intellettuale senza autorizzazione o permesso , contro i termini di licenza con cui essa è apparsa in rete e per tirar su un profitto che ha ben poco di lecito.

Come nel caso del video su YouTube su cui Viacom pretende di far valere i suoi propri diritti scavalcando in toto quelli dell’autore originario, il nuovo “esproprio” di una licenza esplicita in ambito Creative Commons, che nega categoricamente l’utilizzo commerciale delle opere distribuite, getta l’ennesima ombra scura sull’attuale significato dei “diritti” in rete così come vengono interpretati da certi editori .

“Se si tratta, come io spero senza troppo convincimento, di un semplice errore allora le mie critiche possono apparire dure” scrive il professor Rust. Ma anche se si rivelasse incredibilmente come tale, la vicenda rappresenta comunque “parte di un fallimento sistemico dell’industria” nel promuovere l’ Accesso Aperto ai contenuti sul web.

La pubblicazione di Oxford è ad accesso completamente libero, con tutte le conseguenze che la licenza CC comporta, lamenta l’accademico, e pertanto non esistono giustificazioni che tengano nell’includere un link che chiede soldi in cambio di un diritto di riutilizzo già garantito di per sé alla (e dalla) fonte.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Greenu64 scrive:
    Russian Business Network
    E Putin che fa? Sta a guardare senza prendere provvedimenti?
  • barbaz scrive:
    Terza guerra mondiale - mah ...
    Visto che tutta l'IT mondiale si rifornisce in Cina penso che chiunque voglia iniziare una guerra debba iniziare a farsi scorta di RAM, hard disk e penne USB.Circa il commento sull'uso delle armi negli ultimi 60 anni, prendo per buono quello sproloquio da troll; se pensi veramente quello che hai scritto forse se avessi guardato un po' meno cartoni animati e letto invece i giornali ti saresti accorto di quello che è successo dall'altra parte dell'Adriatico, in Medio Oriente, Asia, Africa.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 settembre 2007 14.04-----------------------------------------------------------
    • ve lo dico io scrive:
      Re: Terza guerra mondiale - mah ...
      be se sai leggere gli articoli come sai rispondere ad un TOPIC... beh... allora ti credo....se leggessi meno giornali e più internet capiresti molte altre cose che nè i tg nè tantomeno i tuoi giornali dicono...OK continua così
  • Ve lo dico io scrive:
    La III Guerra mondiale si avvicina...
    Oramai i presupposti per una nuova guerra mondiale aumentano sempre più... 60 anni sono un arco temporale troppo grande per non provare tutte quelle armi inventate dalla II guerra mondiale ad oggi, passate sempre come UFO o cerchi nel grano.IL grande evento sta arrivando... e nessuno se ne accorge o, peggio, fa finta di niente.... tant'è che l'assenza di commenti a questa notizia ne è una chiara dimostrazione dell'inosservanza della gente comune a questi eventi che seppur piccoli (escludendo l'11/9, evento fulcro molto grande), messi insieme creano un buon pretesto per la tanto attesa (non per l'Italia, questo è ovvio) III GUERRA MONDIALE: Oriente (escludendo il neutro Giappone) Vs Occidente.Qualche "arma chimica" bisogna pur provarla o no? eh.. sono 60 anni....meditate, meditate....
Chiudi i commenti