Riconoscimento facciale per gli ePassports

In Australia sono stati presentati i nuovi passaporti elettronici con tecnologia biometrica integrata: il riconoscimento del volto - dicono le autorità - aiuterà a smascherare gli impostori


Adelaide (Australia) – Mentre la Commissione Europea continua ad essere scettica sull’utilizzo delle tecnologie biometriche per i nuovi passaporti elettronici, il Governo australiano oggi ha presentato il primo ePassport con tecnologia a riconoscimento facciale. Secondo Alexander Downer, Ministro degli Esteri in carica, si tratta della soluzione tecnologica più sicura mai realizzata.

Presentati ieri ad Adelaide, gli ePassports australiani integrano un microchip che contiene l’immagine digitalizzata e i dati personali del possessore. L’utilizzo di specifici dispositivi biometrici permette il riconoscimento e il confronto con i dati presenti nel database nazionale.

Il costo per i cittadini dell’ePassport sarà di 172 dollari – 19 dollari in più rispetto a quello normale. La scadenza è fissata a dieci anni, come accade normalmente per la versione cartacea. Lo sviluppo dei nuovi documenti di riconoscimento è stato portato avanti in collaborazione con Gerimani, Belgio e Thailandia, le uniche nazioni che già hanno iniziato a lavorare su questa soluzione.

“Se qualcuno tentasse di entrare in Australia con un ePassport rubato i reader alla dogana lo smaschererebbero immediatamente. I dispositivi di riconoscimento facciale sono collegati con una banca dati che non lascia spazio agli errori”, ha dichiarato Downer. “Le fotografie normali a volte non aiutano le forze di sicurezza nel loro lavoro; i dati biometrici, invece, sono una certezza”.

L’unico difetto, secondo i tecnici australiani, è che il riconoscimento facciale è accurato solo se si ha a che fare con persone che hanno superato l’età adolescenziale: in questo periodo, infatti, i tratti somatici possono cambiare vistosamente e rendere difficoltoso il riconoscimento.

“Le informazioni personali archiviate sul chip sono le stesse già presenti sulla versione cartacea, quindi nome, data di nascita, nazionalità, sesso, luogo di nascita, firma e fotografia”, ha aggiunto Downer. I nuovi reader elettronici saranno istallati in tutti gli uffici passaporti e negli aeroporti, in modo che, volendo, gli stessi possessori potranno controllare l’affidabilità dei dati contenuti nel chip.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Sicurezza Nazionale= Controllo Nazionale
    Un altro tassello per il NWO In realtà per "Sicurezza Nazionale" volevano dire "Controllo Nazionale"
  • Anonimo scrive:
    Strumenti di intercettazione...
    ...tempo fa l'FBI usa tool come questo:http://www.rhizome.org/carnivore/ora è migrata verso altro, che non possiamo neanche immaginare...
  • Anonimo scrive:
    "Dobbiamo evitare che i terroristi...
    ..possano utilizzare malevolmente qualsiasi tipo di accesso Internet a banda larga"Come?La risposta è semplice, è sufficiente migrare a Linux e vivere felice e contenti e liberi da Virus, trojan e quant altro.O forse Windows fa comodo all' FBI che grazie alle sue vulnerabilità infinite permette loro di prendere possesso delle macchine Winzozz e intercettare le attività degli ignari cittadini Americani e non?Meditate gente, meditate :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: "Dobbiamo evitare che i terroristi..
      - Scritto da: Anonimo
      La risposta è semplice, è sufficiente migrare a
      Linux e vivere felice e contenti e liberi da
      Virus, trojan e quant altro.
      O forse Windows fa comodo all' FBI che grazie
      alle sue vulnerabilità infinite permette loro di
      prendere possesso delle macchine Winzozz e
      intercettare le attività degli ignari cittadini
      Americani e non?Ehm... qui non si parla di blaster o sasser, ma di intercettazioni.Non c'entra nulla linux o windows, tu con la tua linux box anche configurata bene sei intercettabilissimo lo stesso.Mica devono entrare sulla tua macchina, a loro basta vedere il tuo traffico. Dove ti connetti, che cosa trasmetti, etc....
    • Anonimo scrive:
      Re: "Dobbiamo evitare che i terroristi..
      sei il solito lamer, cerca di capire il discorso, si parla di voip, intercettazione, dare il permesso o meno all'FBI di controllare i grossi network,Che centra linux o win???Cmq scherzi a parte, è sempre peggio. Spero che non riescano ad ottenere la licenza per spifferare :)Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: "Dobbiamo evitare che i terroristi..
      Sei il classico Linuzzaro! Prima di sparare lamerazzate a destra e a manca rileggi bene l'articolo, conta fino a 10 poi inizia a scrivere commenti che abbiano un senso !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: "Dobbiamo evitare che i terroristi..

      O forse Windows fa comodo all' FBI che grazie
      alle sue vulnerabilità infinite permette loro di
      prendere possesso delle macchine Winzozz e
      intercettare le attività degli ignari cittadini
      Americani e non?Certo, vedi la questione della NSA key.
    • Anonimo scrive:
      Re: "Dobbiamo evitare che i terroristi..
      e se invece tutti si crittografassero le email con 3DES, e cosi' tutte le comunicazioni?nah troppa fatica, mandiamo tutti ancora le mail in chiaro e chi se ne frega, no?
    • Anonimo scrive:
      Re: "Dobbiamo evitare che i terroristi..
      lamer
  • Anonimo scrive:
    dubitiamo pure
    Non vogliamo mettere in dubbio la bontà degli intenti del CALEA
    • Anonimo scrive:
      Re: dubitiamo pure
      grazie ora conosco un nuovo termine :)non sapevo nemmeno di cosa stessi parlandohttp://www.askcalea.net/calea.html
Chiudi i commenti