Rio, al via l'Internet Governance Forum

L'Italia porterà all'ordine del giorno la questione della Costituzione per Internet

Rio de Janeiro – La gestione delle infrastrutture di rete, le questioni dei domini e della transizione ad IPv6; il problema dell’accesso; la varietà di culture e linguaggi dei cittadini della rete; la libertà di espressione e il libero fluire della conoscenza; la sicurezza.

Di questo si parlerà da oggi e per tre giorni all’ Internet Governance Forum , appuntamento scaturito dagli incontri del World Summit on the Information Society ( WSIS ). Durante il meeting di Rio si discuteranno idee e questioni emerse dalle consultazioni indette a seguito del convegno inaugurale di IGF, svoltosi ad Atene nel 2006.

Il dibattito coinvolgerà oltre mille rappresentanti di governi, industria e società civile, provenienti da più di 70 paesi del mondo. Anche l’Italia parteciperà all’evento: la delegazione italiana, in rappresentanza del Comitato sulla governance di Internet nominato dal ministro per le Riforme Luigi Nicolais, organizzerà un dibattito coordinato da Stefano Rodotà e incentrato sulla proposta di una carta costituzionale dei diritti in Rete .

Quello proposto dall’Italia, spiega Laura Abba, a Rio insieme all’altro delegato italiano del CNR Stefano Trumpy, è un modello a partecipazione pubblica “nel quale chiunque sia direttamente toccato dai problemi della Rete ha diritto di avere voce in capitolo nei processi che ne determinano la soluzione”. Un modello che “intende tutelare proprio i diritti fondamentali della persona, dalla libertà di espressione al rispetto delle diversità, alla sicurezza. E, soprattutto, quello che oggi ne è l’elemento abilitante indispensabile: il diritto alla connettività.” ( G.B. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • anta scrive:
    IKEA italiano
    E' vero che stanno per aprire dei negozi italiani sulla stessa linea di IKEA?
    • DuDe scrive:
      Re: IKEA italiano
      - Scritto da: anta
      E' vero che stanno per aprire dei negozi italiani
      sulla stessa linea di
      IKEA?Non lo so, ma a parte il risparmio, t'assicuro che per me andare all'ikea e' un incubo, masse di pecoroni che non fanno minimamente attenzione a chi li segue, pargoli urlanti e genitori elettrici,insomma un incubo,infatti io non gioco a the sims cosi' come non amo andare all'ikea se non costretto dalla necessita di risparmiare
      • Paolo scrive:
        Re: IKEA italiano
        Quindi giochi a Doom. (cylon)
        • DuDe scrive:
          Re: IKEA italiano
          - Scritto da: Paolo
          Quindi giochi a Doom. (cylon)No, cod2/4 almeno c'e' un po di tattica ;-)
        • Bastard Inside scrive:
          Re: IKEA italiano
          - Scritto da: Paolo
          Quindi giochi a Doom. (cylon)Andrà all'IKEA con la motosega? :DMagari lasciando solo il Tamagotchi a morire di fame? (idea) O)(rotfl)
      • Ikea che va... scrive:
        Re: IKEA italiano
        - Scritto da: Matx
        Ovviamente una roba del genere possono farla solo
        in Svezia, se la fanno in Italia fallirebbero
        dopo due giorni
        :pE secondo te durerebbero cosi tanto?Tra rumeni e napoletani mezz'ora dopo l'apertura chiuderebbero!(rotfl)
Chiudi i commenti