ONU, tutti d'accordo in rete, non sulla rete

L'Organizzazione mondiale della Sanità ha avviato nuove indagini per comprendere il peso del marketing cross-border nel settore del tabacco, ovvero quello che gioca sulle sponsorizzazioni e sul Web. Che bello


Ginevra – L’Organizzazione mondiale della Sanità ( OMS ), quando si tratta di vietare, riesce a raccogliere consensi come nessun’altra organizzazione mondiale. Venerdì scorso i rappresentanti di più di 100 paesi si sono trovati concordi nella possibilità di estendere il divieto di pubblicizzare le sigarette e i loro marchi anche ai media – come il Web – che erano rimasti fuori dal Framework Convention on Tobacco Control , promulgato nel 2005.

Le crude statistiche riguardanti i danni provocati dal fumo – circolate durante il meeting – hanno convinto la maggioranza dei partecipanti a serrare ulteriormente i ranghi. Gli 1,3 miliardi di fumatori e i 10 milioni di morti all’anno, stimati fino al 2020, devono aver inciso nella presa di posizione. Per ora saranno avviati studi per comprendere il peso della pubblicità nei settori cosiddetti “cross border”, ovvero legati alle sponsorizzazioni o al Web , e il fenomeno dello smercio illegale. Fra due settimane vi sarà un nuovo briefing, ma i primi risultati non si avranno prima del 2007.

“E’ stato individuato un punto debole, e precisamente nelle forme pubblicitarie alternative. La sponsorizzazione sportiva e il Web sono decisamente sotto osservazione”, ha dichiarato Douglas Bettcher, coordinatore del Framework Tobacco Control Office del WHO. “Vi sono questioni tecniche complesse che dovranno essere controllate e regolate”. “Questo è l’inizio di un processo di analisi rispettoso del protocollo; nessuno, comunque, si è ancora sbilanciato in una presa di posizione estrema. Siamo nella prima fase”, ha dichiarato Dennis Aitken, capo del dell’ufficio direttivo generale del WHO.

“Sono sicuro che siamo sulla giusta strada per salvare milioni di vite grazie a questo impegno”, ha aggiunto Juan Martabit, ambasciatore del Cile. Un “impegno” che avrà un budget di 8 milioni di dollari per i primi due anni e che vedrà la nascita di una nuova struttura per il controllo internazionale del settore tabacco, situata proprio a Ginevra.

Gli attivisti delle organizzazioni per la salute, però, continuano ad accusare le industrie di voler contrastare l’azione del WHO soprattutto nei paesi in via di sviluppo, dove si nascondono i mercati potenzialmente più importanti. “Dall’Africa all’America Latina al Medio Oriente al Sud-est Asiatico ci sono giunti i segnali di tentativi di interferenza fra le più alte cariche governative. Il lavoro del WHO dovrà essere attento e capillare”, ha dichiarato Kathryn Mulvey, CEO di Corporate Accountability .

Delusione è stata invece espressa dai promotori delle battaglie sulla libertà della rete: appare infatti stridente la capacità internazionale di “mettersi d’accordo” su problemi come la diffusione del tabacco e la sostanziale inabilità di pronunciarsi in armonia su questioni assai più centrali, vedi le libertà digitali, come ha messo in evidenza il deludente Summit ONU sulla Società dell’Informazione ( WSIS ).

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Campagna elettorale?
    Ecco che già cominciano i lecchini :-)
  • Anonimo scrive:
    Forse si poteva fare meglio
    Forse il problema è che il PDF in questione non ha hyperlink interni. Si poteva fare di meglio inserendo link su capitoli, sottotitoli e sezioni d'interesse maggiore.Allora l'accessibilità forse sarebbe stata maggiore.Non so, sinceramente non ho capito bene il problema, la lettera è troppo diplomatica e poco chiara in proposito.
  • Anonimo scrive:
    Re: Informarsi prima di sparare no, eh?
    - Scritto da: Anonimo
    anche se non credo che trasformare un
    pdf in xhtml richieda molto sforzo.



    con adobe acrobat professional ci metto 2 minuti
    a convertirlo...si sn sforzati :D dovresti leggerti qualcosa sull'accessibilità, capiresti che l'argomento è complesso.
  • Anonimo scrive:
    Re: non dite sciocchezze
    - Scritto da: Anonimo

    appunto .......

    il che limita di molto la gestione di tali

    documenti con i software utilizzati dai
    portatori

    di handicap


    Le specifiche sono apertissime, tanto che è
    perfettamente legale scrivere lettori alternativi
    o software di elaborazione , conversione e
    simili.Tipo? Lo chiedo perche' ho un amico non vedente che ha un sacco di problemi con i pdf, magari tu conosci il programma giusto? Che magari costi meno di 2000 euro magari
  • gianninasutti scrive:
    Re: ma cosa vogliono questi handicappati
    Chiedo al moderatore di rimuovere il post a cui sto rispondendo. E' stupido, offensivo ed assolutamente OT.salutigianni
  • Anonimo scrive:
    Re: MA AVETE LETTO IL POST, ALMENO???
    purtroppo ti sei accorto ora della molta gente che usa il forum solo per fare propaganda...(ossia contro MS, contro destra, contro Bush, contro Israele! a favore di tutto ciò che in qualche modo sia in contrasto a quei 4 elementi di cui sopra!!) e tra poco noterai che ho ragione leggendo i commenti a questo post!
  • Anonimo scrive:
    Re: Informarsi prima di sparare no, eh?
    anche se non credo che trasformare unpdf in xhtml richieda molto sforzo.con adobe acrobat professional ci metto 2 minuti a convertirlo...si sn sforzati :D
  • Anonimo scrive:
    e l'utilità dov'è?
    Chi si leggerà il programma della sinistra?E chi quello della destra?Avete tanto tempo da perdere, ovviamente, per convertire anche in altri formati un pdf che è leggibile ovunque.Peccato che l'indice dei pdf è linkato ai paragrafi.
  • Anonimo scrive:
    MA AVETE LETTO IL POST, ALMENO???
    ma insomma, avete almeno letto il post?un tipo mi ha accusato di tutto e di più (giustamente bannato dal mod), ma non si riesce mai a fare un discorso intelligente che non sia win contro linux, ms contro apple e destra contro sinistra????? :| :| :|
  • grassman scrive:
    9 --
  • Anonimo scrive:
    Re: non dite sciocchezze

    appunto .......
    il che limita di molto la gestione di tali
    documenti con i software utilizzati dai portatori
    di handicapLe specifiche sono apertissime, tanto che è perfettamente legale scrivere lettori alternativi o software di elaborazione , conversione e simili.
  • Anonimo scrive:
    Re: michele ...
    Non conoscono Adobe.Quel PDF non è accessibile per chi è un non vedente, che però vota.Diamogli almeno la possibilità di leggerselo se vuole, poi deciderà lui chi e come votare.Marco.
  • Anonimo scrive:
    ma cosa vogliono questi handicappati???
    [modalità POLITICO in privato = On]ma perchè rompono le scatole? tanto non lavorano, non producono niente e soprattutto non sono CONSUMATORI, quindi che se ne stiano zitti e non rompano le scatole!!![modalità POLITICO in privato = Off][modalità POLITICO in pubblico= On]il nostro partito è sempre stato attento alle problematiche dell'acessibilità, ci adopereremo per rendre accessibili i documenti al più presto possibile![modalità POLITICO in pubblico = Off]che schifo... :s :s :s :s :s
  • cla scrive:
    Re: michele ...
    No ti sbagli, è il livello medio di discussione di questi forum ;) Bella community invece quella di DiodatiSalutiCla!
  • Anonimo scrive:
    Re: non dite sciocchezze

    5) è proprietario questo è il problema, perchè
    questo limita di molto l'accessibilità per altri
    programmi.appunto .......il che limita di molto la gestione di tali documenti con i software utilizzati dai portatori di handicap..........
  • mda scrive:
    non dite sciocchezze
    Non dite sciocchezze:" formato PDF, cioè in un formato orientato alla stampa, che richiede l'installazione del plug-in Adobe Reader e che, insomma, non brilla per accessibilità né per semplicità di consultazione, soprattutto se si naviga usando tecnologie assistive. "1) pdf non è solo per stampare2) è accessibilissimo3) è semplicissimo da consultare e altro4) è il miglior formato su web5) è proprietario questo è il problema, perchè questo limita di molto l'accessibilità per altri programmi. ;)."È inoltre facile immaginare che saranno ben pochi quelli che avranno la pazienza, il tempo e i mezzi per stampare in proprio le 281 pagine del documento in PDF, così da leggersi comodamente su carta il voluminoso programma dell'Unione."Come spiegato prima una sciocchezza. :o.==================================Modificato dall'autore il 20/02/2006 9.35.02
  • mda scrive:
    Re: michele ...
    - Scritto da: Anonimo
    ... qui il concetto di accessibilità non sanno
    dove sta di casa.Non conosci Adobe ! 8) .
  • Anonimo scrive:
    michele ...
    ... qui il concetto di accessibilità non sanno dove sta di casa.
  • leonardo() scrive:
    Re: Informarsi prima di sparare no, eh?
    - Scritto da: grex
    accessibilità si intende per i portatori di
    handicap o che??.. essenzialmente si parla di questo, si. Info dettagliate si trova sul sito del W3C all'indirizzo http://www.w3.org/WAI/
  • Anonimo scrive:
    Re: Informarsi prima di sparare no, eh?
    - Scritto da: Pisky
    Ma che senso ha pubblicare queste cose?

    Il PDF è ormai un formato standard e portabile
    (infatti PDF sta per "Portable Document Format"),
    pensato per fare in modo che il documento in
    questione appaia nello stesso modo su tutte le
    piattaforme.

    Sotto Linux di programmi per leggere e scrivere
    PDF ne ho a bizzeffe e installarli è facilissimo,
    sotto Windows la situazione non so com'è ma non è
    certo colpa del formato.bastano una versione di Ghostscript e Ghostview, ma ce ne sono altre!
  • Anonimo scrive:
    google
    ogni tanto permette di aprire i risulati di una ricerca trovati in un pdf sotto forma di pagina web.. girando un pò ho trovato questo linkhttp://www.adobe.com/products/acrobat/access_onlinetools.html
  • Anonimo scrive:
    Re: Informarsi prima di sparare no, eh?
    - Scritto da: leonardo()
    Nel caso di quest'articolo non si sta parlando di
    portabilita', ma di accessibilita'. Il
    discorso e' ben diverso.Ma hanno mandato una mail al sito e hanno chiesto un formato diverso e questi si sono riufiutati?In questo caso potrei anche capire che ci sia l'articolo, anche se non credo che trasformare un pdf in xhtml richieda molto sforzo.Però se neanche hanno mandato una semplice mail ai siti con i programmi elettorali allora non vedo perché sollevare un caso.
  • grex scrive:
    Re: Informarsi prima di sparare no, eh?
    accessibilità si intende per i portatori di handicap o che??.. perchè onestamente nn ho capito neanche io bene il problema del pdf.. (ed in più è leggibilissimo secondo me...)boh..
  • leonardo() scrive:
    Re: Informarsi prima di sparare no, eh?
    - Scritto da: Pisky
    Il PDF è ormai un formato standard e portabile
    (infatti PDF sta per "Portable Document Format"),
    pensato per fare in modo che il documento in
    questione appaia nello stesso modo su tutte le
    piattaforme.

    Sotto Linux di programmi per leggere e scrivere
    PDF ne ho a bizzeffe e installarli è facilissimo,
    sotto Windows la situazione non so com'è ma non è
    certo colpa del formato.Nel caso di quest'articolo non si sta parlando di portabilita', ma di accessibilita' . Il discorso e' ben diverso.
  • Pisky scrive:
    Informarsi prima di sparare no, eh?
    Ma che senso ha pubblicare queste cose?Il PDF è ormai un formato standard e portabile (infatti PDF sta per "Portable Document Format"), pensato per fare in modo che il documento in questione appaia nello stesso modo su tutte le piattaforme.Sotto Linux di programmi per leggere e scrivere PDF ne ho a bizzeffe e installarli è facilissimo, sotto Windows la situazione non so com'è ma non è certo colpa del formato.
  • Anonimo scrive:
    Re: be' insomma
    - Scritto da: Anonimo
    Non è che il pdf sia un formato così oscuro e
    così scomodo, nè è obbligatorio usare acrobat
    reader di adobe.Probabilmente vogliono che qualcuno vada a casa a leggerglielo.
  • Anonimo scrive:
    be' insomma
    Non è che il pdf sia un formato così oscuro e così scomodo, nè è obbligatorio usare acrobat reader di adobe.
Chiudi i commenti