Robot, a milioni

Un censimento recente conta quasi 9 milioni di automi in circolazione nel mondo. E la popolazione cibernetica cresce a ritmi sostenuti, nel settore industriale ma soprattutto in quello dei servizi
Un censimento recente conta quasi 9 milioni di automi in circolazione nel mondo. E la popolazione cibernetica cresce a ritmi sostenuti, nel settore industriale ma soprattutto in quello dei servizi

Poliedrici, cibernetici, esteticamente umanoidi e belli da far paura , i robot sono tra noi e non fanno che aumentare. Mettendo insieme le cifre dell’ultimo rapporto Worldrobotics , il blog di IEEE Spectrum automaton è arrivato a contarne una popolazione di ben 8,6 milioni divisi in maniera poco proporzionata tra i due grandi macrosettori industriale e servizi.

Dei succitati 8,6 milioni di automi, 1,3 milioni verrebbero impiegati nelle catene di montaggio dell’industria come soluzioni efficienti e a buon mercato in alternativa alla costosa e problematica manodopera umana. Nei servizi, per contro, si conterebbero 7,3 milioni di macchine antropomorfe (e non) variamente impegnate nella cura della persona, nelle aziende e in ambienti domestici.

Alti i ritmi di crescita soprattutto nei servizi, dove gli automi attivati in ogni parte del mondo sono più che raddoppiati dal 2006 a oggi: se il trend rimane costante, entro il 2012 la popolazione robotica planetaria raggiungerà la cifra non indifferente di 13 milioni di individui-macchina .

Gli automi, lavoratori, addetti alla ricezione, nursery, bambole di piacere e compagni di giochi o di vecchiaia sono oramai una piccola nazione, e nella speranza che tale nazione non acquisti mai la piena consapevolezza di sé (come collettivo di non-individualità interconnesse) la popolazione robotica cresce ancora con ISAMARO , piccolo drone (40 cm) dotato di 19 giunture, programmabile via USB e controllabile da remoto con connessione Bluetooth.

Nel mentre, nel Regno Unito, i ricercatori della Brown University mettono a punto un robot-assistente con cui curare le vittime di ictus , seguendo un approccio che riduce i costi per la struttura sanitaria nazionale e contemporaneamente offre al paziente gli stessi effetti benefici di una riabilitazione condotta con personale umano.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 04 2010
Link copiato negli appunti