Robot per farsi del male

Per convivere bisogna conoscere i rispettivi limiti: un team di ricercatori si sta scontrando con i robot, per evitare possibili incidenti futuri
Per convivere bisogna conoscere i rispettivi limiti: un team di ricercatori si sta scontrando con i robot, per evitare possibili incidenti futuri

La prima delle tre leggi della robotica di Asimov è chiara: un robot non può recar danno a un essere umano né può permettere che, a causa del proprio mancato intervento, un essere umano riceva danno. Eppure alcuni ricercatori stanno sperimentando fino a quanto forte un robot può colpire un umano senza procurargli danno : infrangono la legge per farla rispettare.

In considerazione del fatto che la convivenza umani-robot diventerà nel prossimo futuro sempre più frequente e necessaria, un team di ricercatori dell’Università slovena di Ljubljana, con in mente evidentemente le tre leggi di Asimov ma anche la semplice ipotesi che incidenti e altri tipi di interazione vi saranno, ha iniziato a testare l’interazione tra robot e umani. Per scoprire quanto si debbano muovere veloci e quanto i robot possono spingere, premere o tirare in caso di contatto con un essere vivente.

Per far questo gli scienziati stanno facendo colpire i volontari (sei colleghi) con diversa forza, velocità e oggetti da un robot da catena di montaggio prestato da Epson. A loro, poi, spetta catalogare il dolore provato in una scala soggettiva, che va da nessun dolore a insopportabile. E che statisticamente è rimasta in gran parte in moderato .

Lo studio spera così di definire i limiti di velocità e accelerazione dei robot futuri , nonché la misura ideale e la forma degli strumenti che saranno deputati a utilizzare, in modo da interagire in sicurezza con gli umani.

Borut Pov?e, il professore che conduce la ricerca, ha citato espressamente l’autore di fantascienza: “Anche i robot così come pensati da Asimov possono scontrarsi con gli umani. Noi stiamo cercando di fare in modo che quando succeda l’impatto non sia troppo forte”. Definendo quindi i limiti entro cui dovranno muoversi i robot in caso di vicinanza con un essere umano.

I prossimi passi della ricerca prevedono l’utilizzo di un prototipo che riproduce le fattezze (e la resistenza) del braccio umano per prove più ardite.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti