Russia: al bando Skype e Gmail?

I servizi segreti chiedono il blocco dei servizi di comunicazioni più comuni. Colpevoli di impiegare algoritmi di cifratura inviolabili. La svolta del Cremlino: Medvedev si scaglia contro gli attacchi DDoS a mezzo botnet

Roma – Una messa al bando di dimensioni importanti quello richiesto dal Federal’naja Slu?ba Bezopasnosti (FSB), l’agenzia di intelligence russa, discendente del KGB. Sembra , infatti, che le autorità polizia di Mosca siano sempre più preoccupate sull’uso di Gmail, Hotmail e Skype di cui avrebbero chiesto, per questo, il blocco totale .

Il motivo della richiesta censoria riguarderebbe l'”uso incontrollato” dei tre servizi di comunicazione online che, a detta dei servizi, metterebbe a rischio la sicurezza nazionale . Secondo il direttore del centro speciale di comunicazione e informazione FSB, Alexander Andreyechkin, il pericolo deriverebbe dall’ uso di tecnologie di cifratura provenienti dall’estero .

Intervenendo a un incontro organizzato dalla commissione governativa per la comunicazione e la tecnologia, Andreyechkin ha affermato che “l’uso incontrollato di questi servizi potrebbe generare una minaccia per la sicurezza della Russia”. Il dirigente del reparto tecnologie dei servizi segreti ha, quindi, sostenuto che i server di Gmail, Hotmail e Skype sono localizzati all’esterno dei confini nazionali e che, per questa ragione, sono utilizzati da estremisti.

Ilya Massukh, vice ministro delle comunicazioni, ha risposto che dal 1 ottobre 2011 il governo di Mosca adotterà delle direttive riguardanti le tecnologie di cifratura. Stando ai resoconti, l’esponente del governo avrebbe affermato che il motivo del ban richiesto dai servizi segreti risponderebbe all’impossibilità per le autorità di sicurezza di accedere e controllare le tecnologie sotto imputazione.

Sul fronte della guerra al cyber-terrorismo, il presidente Dmitry Medvedev non si è risparmiato nel condannare duramente gli attacchi DDoS che hanno colpito il suo blog personale .

“Ho ricevuto molte lamentele relative agli attacchi DDoS. Come utente attivo di LiveJournal, credo che queste azioni siano oltraggiose e illegali. Quello che è accaduto dovrebbe essere esaminato dall’amministrazione del sito e dalle forze dell’ordine”, ha dichiarato Medvedev.

Le ragioni dell’attacco rimangono sconosciute dal momento che, secondo Maria Garnaeva (ricercatore sulla sicurezza presso Kaspersky), azioni del genere hanno colpito una larga varietà di blog che coprono diversi temi. È altresì indefinita la quantità di botnet coinvolte, sebbene ci siano pochi dubbi sul sicuro coinvolgimento di Optima , popolare nel mondo del cybercrimine russo.

Da parte sua, Sup Media, proprietaria di LiveJournal, sostiene la battaglia del Presidente russo e afferma, tramite il proprio CEO Annelies Van Den Belt, che le indagini su quanto successo continuano.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • whitemagic scrive:
    Su Epoca poteva andare bene...
    su "Punto Informatico" qualche dettaglio tecnico su questa tecnologia e sui possibili effetti per apple, su come Google vorrebbe sviluppare la tecnologia e il mercato di iTunes... ci avrei contato
Chiudi i commenti