Russiagate, Facebook avviserà le vittime

Entro fine anno il social network renderà disponibile un tool che consentirà agli utenti di verificare se il proprio account è entrato in contatto diretto con le pagine e i contenuti propagandistici di matrice russa. Ma la verifica non sarà così puntuale come ci si potrebbe auspicare

Roma – Dopo essersi resa complice involontaria nel caso Russiagate, permettendo l’apertura di falsi account e la sponsorizzazione di contenuti propagandistici pro-Trump più o meno velati, Facebook ha deciso, com’ è noto , di collaborare con il Congresso USA. La contestata condivisione di informazioni sugli account coinvolti, che poco è piaciuta ai sostenitori della Reform 702 (ovvero la “legge antisorveglianza”), è stata fatta seguire da diversi interventi volti ad azzerare il rischio di farsi invischiare in futuri in altri casi simili. Il processo di moderazione è stato rivisto, l’approvazione di contenuti politici resa più stringente, è stato rafforzato il team che segue le inserzioni politiche, così come si sono fatti più intensi i rapporti con le istituzioni che tutelano il corretto svolgimento delle elezioni. Per una totale opera di redenzione e trasparenza mancava all’appello ancora una mossa: informare gli utenti direttamente coinvolti nella vicenda .

Facebook

È la stessa Facebook a dichiarare che vuol farsi paladina della trasparenza con focus specifico sul suo sistema di advertising. Gli inserzionisti d’altronde hanno bisogno di rassicurazioni per continuare a investire massicciamente sul social network (che assieme a Google si spartisce gran parte del mercato pubblicitario sul Web). A tal proposito Facebook rilascerà entro fine anno un tool che in maniera automatizzata consentirà agli utenti di capire se il loro account è stato esposto ai contenuti pubblicati da Internet Research Agency , l’organizzazione vicina al Cremlino che si è resa responsabile della messa online del materiale propagandistico da gennaio 2015 ad agosto 2017.

Ad essere state coinvolte a loro insaputa vi sarebbero oltre 10 milioni di persone raggiunte da tali messaggi (Zuckerberg ha fatto riferimento a 100mila dollari di sponsorizzazioni). Numero che si innalza a 140 milioni se si considerano tutti gli utenti che hanno seguito o messo dei like a pagine compromesse in un periodo di oltre due anni.

Nonostante la presa di posizione di Facebook sia stata ben accolta, qualcuno evidenzia come il nuovo tool sia di fatto molto limitato rispetto alla risonanza del problema. Lo strumento permetterà infatti una verifica puntuale solo a quegli utenti che hanno seguito direttamente uno o più account o pagine create dai “russi” (anche su Instagram), ma non sarà in grado di conteggiare i contenuti sponsorizzati sottoposti all’utente perché magari un amico ha espresso un like, così come non sarà in grado di captare un’eventuale esposizione a messaggi pubblicitari acquistati in concomitanza delle elezioni.

Colin Stretch, consigliere di Facebook ha confermato che “identificare e informare individualmente in maniera affidabile le persone che sono state esposte ai contenuti è una sfida molto più impegnativa”. Il senato statunitense per voce di alcuni suoi membri (come Richard Blumenthal ) ha richiesto un intervento mirato non solo a Facebook, ma anche a Twitter e Google anch’esse coinvolte nel caso (si parla di 131mila tweet e 1.100 video su Youtube). Tutte queste aziende, pur trattando quotidianamente ingenti mole di dati degli utenti, hanno difficoltà a dimostrare quali utenti abbiano effettivamente prestato attenzione ai messaggi propagandistici ; il dato aggregato non può che avere un valore meramente indicativo.

Mirko Zago

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • e9c7bab35b2 scrive:
    spioni
    Swift un linguaggio che stando ai vari indici a partire da Tiobe ha perso rapidamente l'ondata di entusiasmo iniziale ed interessa poco.Fuchsia, il sistema operativo di una azienda ripetutamente sXXXXXXXta per la violazione della privacy degli utenti e risXXXXXXXta appena adesso:http://punto-informatico.it/4414955/PI/News/google-dispositivi-android-tracciati-gps-spento.aspxMi sa tanto che questo articolo è una mossa pubblicitaria dei due colossi spioni per puntellarsi l'un l'altro.
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: spioni
      In una scena di "Nemico Pubblico" (1988), Gene Hackman illustra a Will Smith le tecnologie usate per annientare totalmente la privacy di tutti i cittadini e poi gli dice: "e ti sto parlando di roba di 20 anni fa" ...Anche se si tratta di fiction, quel film fu realizzato perché già nel 1988 la privacy era ormai un ricordo del passato; figurati cosa possono fare oggi e cosa faranno in futuro.L'obiettivo è la profilazione totale di tutti gli utenti; e ancora ci sono dei fessi che continuano a scannarsi con Google vs Apple ...
      • ogekury scrive:
        Re: spioni
        - Scritto da: Alvaro Vitali
        In una scena di "Nemico Pubblico" (1988), Gene
        Hackman illustra a Will Smith le tecnologie usate
        per annientare totalmente la privacy di tutti i
        cittadini e poi gli dice: "e ti sto parlando di
        roba di 20 anni fa"
        ...

        Anche se si tratta di fiction, quel film fu
        realizzato perché già nel 1988 la privacy era
        ormai un ricordo del passato; figurati cosa
        possono fare oggi e cosa faranno in
        futuro.
        L'obiettivo è la profilazione totale di tutti gli
        utenti; e ancora ci sono dei fessi che continuano
        a scannarsi con Google vs Apple
        ...Il film è del 98' non dell'88, basta averlo visto per capire che la tecnologia usata nel film non è degli 80.
    • ogekury scrive:
      Re: spioni
      - Scritto da: e9c7bab35b2
      Swift un linguaggio che stando ai vari indici a
      partire da Tiobe ha perso rapidamente l'ondata di
      entusiasmo iniziale ed interessa
      poco.
      Fuchsia, il sistema operativo di una azienda
      ripetutamente sXXXXXXXta per la violazione della
      privacy degli utenti e risXXXXXXXta appena
      adesso:
      http://punto-informatico.it/4414955/PI/News/google

      Mi sa tanto che questo articolo è una mossa
      pubblicitaria dei due colossi spioni per
      puntellarsi l'un
      l'altro.Swift è moderno ed essenzialmente migliore di objective-c (che soffre i un po i suoi 33 anni) però si sa, la gente è pigra ed essenzialmente può fare le stesse cose con objective-c . A questo si sono aggiunti xamarin che dallo stesso codice è in grado di compilare per tutte le piattaforme e ReactNative, che è una soluzione perfetta se non si sta sviluppando un'app "complicata" che fa un forte uso del telefono (praticamente tutte le app che si appoggiano su API)
      • collione scrive:
        Re: spioni
        e ci sono Go, Kotlin, Rust, Haskell, Clojurela lista è lunga e Swift è solo uno dei tanticomunque i programmatori di macacolandia hanno fatto la corsa a spostarsi su Swift, per cui che altro volete?certo c'è moltissimo codice legacy in ObjC che va mantenuto e questo sta rallentando il takeover da parte di Swift, ma vedrete che appena arriva da Cupertino tutti i macacogrammers spegneranno ObjC per sempre
        • bcea9bc537c scrive:
          Re: spioni

          comunque i programmatori di macacolandia hanno
          fatto la corsa a spostarsi su Swift, Mica tanto. Sarà che i programmatori non sono utonti e i conti se li sono fatti. Ora usano altri linguaggi anche se lavorano su mac.
      • bcea9bc537c scrive:
        Re: spioni

        Swift è moderno ed essenzialmente migliore di
        objective-c (che soffre i un po i suoi 33 anni)
        però si sa, la gente è pigra Più che la pigrizia è che non ha molto senso imparare un linguaggio che gira su una sola piattaforma.
        A questo si sono aggiunti xamarin che dallo stesso
        codice è in grado di compilare per tutte le
        piattaforme e ReactNativeGiusto. La scelta è anche più ampia di quello che sembra.LibGDX e alternative open come compilatori multi piattaforma:https://alternativeto.net/software/libgdx/E anche alternative javascript a ReactNativehttps://alternativeto.net/software/react-native/
Chiudi i commenti