Samsung: Jay Y Lee comparso oggi in tribunale

L'erede del gruppo Samsung in aula dopo il mandato d'arresto ufficializzato in Corea del Sud la scorsa settimana: in attesa della sentenza.
L'erede del gruppo Samsung in aula dopo il mandato d'arresto ufficializzato in Corea del Sud la scorsa settimana: in attesa della sentenza.

Nelle ore scorse Jay Y Lee ha fatto la propria comparsa in un’aula di tribunale a Seul per un’udienza, in attesa di sapere se in seguito al mandato d’arresto dei giorni scorsi dovrà tornare in carcere per via di nuove accuse legate ai reati di frode e aggiotaggio. Il numero uno de facto dell’impero Samsung è in libertà da oltre due anni, dal suo rilascio avvenuto nel febbraio 2018.

Jay Y Lee in tribunale per conoscere il proprio futuro

Uno degli eventi presi in esame dagli inquirenti è l’approdo in Samsung C&T Corporation (la holding che controlla l’universo Samsung) di Cheil Industries, fornitore di materiali per l’elettronica: si ritiene che il suo valore sia stato gonfiato in modo artificioso prima dell’operazione da Lee, al tempo azionista di maggioranza della società acquisita, così da assumere un controllo ancora maggiore sulla società sudcoreana. Gli è inoltre attribuita una manovra simile anche in relazione alla sussidiaria Samsung Biologics Co.

Il potenziale impatto della decisione non è trascurabile per il paese asiatico, considerando che Samsung è responsabile per il 12% del prodotto interno lordo sudcoreano. Oggi 51enne, Lee è ritenuto dalla classifica Forbes la 330esima persona più ricca al mondo. Nessuna dichiarazione è stata rilasciata dal diretto interessato alla stampa locale. Si presume che al termine dell’udienza l’imputato venga trasferito in un centro di detenzione in attesa della decisione finale del giudice che dovrebbe arrivare entro la giornata di domani.

Fonte: Reuters
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti