Samsung vuole i dettagli dell'accordo Apple-HTC

I legali potranno visionare le carte della pace tra la Mela e HTC. Nel frattempo nella diatriba tra Seoul e Cupertino entrano tutti i prodotti e i sistemi operativi più recenti: iPad Mini compreso

Roma – Nuove evoluzioni nella saga dei brevetti, la sfida legale tra i giganti Apple e Samsung per il predominio nel mercato mobile . Autorizzato da un giudice californiano, il produttore coreano potrà esaminare le carte relative alla pace tra Cupertino e HTC , un accordo di licensing per la distribuzione globale di smartphone e tablet.

Peter Chou, alla guida del gigante taiwanese, ha da poco smentito i numeri ipotizzati dagli analisti di mercato: l’obolo pagato da HTC alla Mela non si avvicinerebbe affatto ai 6-8 dollari per singolo device basato su Android . “Credo che abbiamo siglato un accordo molto conveniente, un buon esito per tutta questa vicenda”, ha commentato il CEO di HTC.

Ad esclusiva disposizione degli avvocati di Samsung, i documenti dell’armistizio saranno utili nel corso della guerra brevettuale in ben dieci nazioni del mondo. L’azienda di Cupertino aveva mostrato l’intenzione di consegnare le carte senza numeri, ovvero cassando la cifra pagata da HTC per ogni dispositivo immesso sul mercato . I legali di Samsung sono però stati autorizzati a visionare le carte complete, per capire meglio quali brevetti – e dispositivi – rientrino nell’accordo di licensing tra i due rivali . L’azienda coreana teme una qualche forma di accavallamento con le specifiche tecnologie (ad esempio, sullo scrolling) nella sua inarrestabile causa contro la Mela.

Un giudice californiano ha inoltre permesso a Samsung di includere iPhone 5, iPad 4a generazione, iPod Touch 5a generazione e iPad Mini tra i prodotti in violazione brevettuale , ma allo stesso tempo lasciato che Apple risponda con il sistema operativo Jelly Bean e nuovi gadget di Samsung come Galaxy Note 10.1 e la versione statunitense dello smartphone Galaxy S III.

Se la battaglia tra Apple e Samsung è destinata a continuare imperterrita, Motorola Mobility sarebbe entrata in una fase di negoziazione per giungere alla stessa pace firmata con HTC . Agli inizi di questo mese, un giudice del Wisconsin aveva respinto l’offensiva di Cupertino per ottenere royalty più basse sullo sfruttamento delle licenze FRAND controllate dalla controllata di Google.

In tutto questo vociare legale, Apple si è assicurata oltre un migliaio di brevetti dal Rockstar Consortium , il gruppo di società high-tech – tra cui Microsoft, RIM e la stessa Mela – che nel giugno 2011 si era aggiudicato all’asta l’intero portfolio tecnologico di Nortel Networks .

Con un investimento da 2,5 miliardi di dollari – il prezzo totale all’asta si era aggirato sui 4,5 miliardi – la Mela si è accaparrata numerosi brevetti sulle tecnologie standard negli ambiti del wireless, delle reti 4G e dei semiconduttori . Ulteriori scudi sul fronte brevettuale mobile .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nome e cognome scrive:
    ma dai...
    Un satellite costa 55 e ci vogliono 5 ingegneri per costruirlo. L'importante è che siano stealth altrimenti gli alieni li tirano giù.
    • krane scrive:
      Re: ma dai...
      - Scritto da: nome e cognome
      Un satellite costa 55 e ci vogliono 5 ingegneri
      per costruirlo. L'importante è che siano stealth
      altrimenti gli alieni li tirano giù.Che poi se riescono ad atterrare tocca mandare quei 4 o 6 down che manco riescono a passarsi gli oggetti tra loro, ne' a scambiarsi le armi. E si muovono come fossero in un gioco di carte che mango D&D 1' edizione aveva personaggi cosi' limitati ed incastrati nella propria classe. :@
  • vergognoso scrive:
    e noi paghiamo
    Non scordatevi con quali soldi pagano le "missioni spaziali". Dal 1969 non è cambiato nulla, tante "missioni" ed un'infinità di denaro pubblico speso, intanto le più grandi scoperte sono state fatte qua sulla terra, non durante una "missione spaziale".
    • stefano scrive:
      Re: e noi paghiamo
      prima di parlare.... http://esamultimedia.esa.int/multimedia/publications/BR-280/pageflip.html
    • ChickenBaluba scrive:
      Re: e noi paghiamo
      Visto il periodo di crisi globale mi pare intelligente infatti spendere soldi per missioni spaziali.Siamo proprio governati da deficienti.
      • TuttoaSaldo scrive:
        Re: e noi paghiamo
        - Scritto da: ChickenBaluba
        Visto il periodo di crisi globale mi pare
        intelligente infatti spendere soldi per missioni
        spaziali.
        Siamo proprio governati da deficienti.Siamo i più intelligenti del mondo, gli italiani hanno smesso di investire da tanto..
      • crisdego scrive:
        Re: e noi paghiamo
        Giusto! e visto che ci siamo.. a che serve studiare la fisica quantistica? che ci ha dato? chiudiamo il CERN che è pagato con soldi pubblici! e poi scusa? matematica teorica? daaai non serve a niente! e le università in generale? che ci danno? solo una marea di baroni che non fanno niente e spendono soldi pubblici per niente! abbasoo la ricerca! diamo tutti i soldi alle industrie che loro si producono qualcosa!....pregasi accendere il cervello prima di criticare! se non spendiamo in ricerca ora, proprio quando c'è crisi, come facciamo a tirarci su? abbassando gli stipendi per essere competitivi con i cinesi? non va bene nemmeno quello vero? su su dobbiamo investire in ricerca in tutti i campi se vogliamo venirne fuori!
        • shevathas scrive:
          Re: e noi paghiamo
          No, io credo sia giusto accontentarli. E' inutile spendere come dimostrano i tizi cui stai rispondendo, non sai che i loro post sono stati trasmessi telepaticamente mediante onde orgoniche al server di PI ? credevi usassero il famigerato protocollo http inventato al cern ? ignori anche che si teletrasportano muovendo il loro corpo astrale in dimensioni superiori mica usano quella cosa di lamiera e plastica chiamata automobile. E son sempre sanissimi o al più usano l'omeopatia...
    • Renato scrive:
      Re: e noi paghiamo
      Quanto sei ignorante.
  • Quelo scrive:
    Ottimo
    Adesso non gli resta che incominciare a credere nell'Europa e siamo a posto.
  • E.T. scrive:
    ...
    Spazio, l'Europa ci crede. Anch'io:[img]http://www.giochigratisenigmisticaperbambini.com/img/et.jpg[/img]
  • Meconiotech scrive:
    Non ci credo
    Ma XXXXX D..Siamo nella m...fino al collo e vanno a spendere una cifra del genere per andare a fare le seghe a E.T.Abbiamo infettato tutta l'europa con la nostra imbecillaggine e smania di sperpero.
  • vac scrive:
    2540 milioni di euro
    2540 milioni di euro!?Potevano regalarli a Spagna e Grecia.
  • Paolo T. scrive:
    Britannici
    I britannici stanno guadagnando molto con la costruzione dei satelliti Galilei. Che però ha accumulato enormi ritardi. Bene i guadagni, ma i risultati?
    • Luke1 scrive:
      Re: Britannici
      - Scritto da: Paolo T.
      I britannici stanno guadagnando molto con la
      costruzione dei satelliti Galilei. Che però ha
      accumulato enormi ritardi. Bene i guadagni, ma i
      risultati?I risultati sono che il 21 ottobre 2011 sono stati lanciati i primi due satelliti, e il 12 ottobre scorso sono ne sono stati messi in orbita altri due. Come sai ad un sistema di geolocalizzazione occorrono minimo 4 satelliti per fornire le coordinate, quindi ora può iniziare la fase test di Galileo. Ovviamente la costellazione è tutt'altro che terminata, ma almeno il progetto è avviato.
Chiudi i commenti