Sarà estradato il cracker NASA

Gary McKinnon ha perso anche l'ultima speranza di rimanere nel Regno Unito

Britannico, da anni combatte con tutte le proprie energie per evitare di essere estradato negli Stati Uniti. È Gary McKinnon, smanettone finito agli onori delle cronache per aver bucato una quantità di server governativi e istituzionali negli USA e finito in carcere perché accusato di aver causato danni ingenti ai sistemi informativi di NASA e Pentagono. Ora McKinnon, che più volte ha ribadito di aver solo cercato informazioni sugli UFO e che sostiene di venire preso di mira per questa ragione, ha perso anche l’ultima speranza di rimanere nel Regno Unito.

il cracker Il suo appello alla Camera dei Lord è stato respinto , le tesi con cui ha tentato di difendersi, la spiegazione di quanto più severamente potrebbe essere condannato negli USA piuttosto che in UK, non hanno convinto i Lords, che ritengono l’estradizione inevitabile.

Gli Stati Uniti la chiedono da lungo tempo, avrebbero voluto fare di McKinnon (nella foto qui sopra) un caso esemplare, sperando di far cascare sulla sua testa grazie alle proprie severissime leggi una condanna che potesse mandare un messaggio a chiunque si intrattiene violando server governativi insufficientemente protetti. Tra qualche tempo potranno sottoporlo a processo , ma gli anni delle sue scorribande telematiche sono ormai passati e non è detto che una sentenza anche severa possa sortire ancora oggi l’effetto sperato.

McKinnon viene accusato dal Governo statunitense di aver voluto operare ai danni delle istituzioni del paese. Gli avvocati del cracker 42enne hanno scritto che ci si è dimenticati del fatto che McKinnon “non è un terrorista né un simpatizzante di terroristi” e hanno sottolineato che “il suo caso avrebbe potuto essere gestito direttamnente dai procuratori britannici”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    Articolista
    Per Vincenzo Gentile,perché non lo provi anche tu sul tuo avatar? (rotfl)
  • Sbisolo scrive:
    Mi ricorda Philip K. Dick
    Leggere questo articolo mi ha fatto pensare alla tuta disindividuante inventato da Dick in in "Un oscuro scrutare"...
  • Pollastro scrive:
    mmmh
    Mi sa tanto che un barbuto biondo platinato con i capelli stirati e due boccie sul sottogola non inganna nessuno... :D
  • KDevis scrive:
    ops
    ......... .................. ............-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 luglio 2008 01.28-----------------------------------------------------------
  • KDevis scrive:
    ci siamo!
    finalmente potremo girare film con attori fasulli e piazzarvi le facce di attori famosi.oppure...potete picchiare la nonna, filmare il tutto, e mettervi la faccia della persona che volete denunciare :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 luglio 2008 01.27-----------------------------------------------------------
    • exMetallica scrive:
      Re: ci siamo!
      :) però non devi confondere una foto con un filmato : sono due cose molto diverse !Il filmato-demo sul sito fa vedere un po' di cose, alla fine il principio è semplice ed il software molto grezzo, però non lo fanne vedere lavorare in real-time.L'originalità sta tutta nell'applicare il "face-swapping" :) alla privacy, l'unica cosa non già vista è quella.
  • Batman scrive:
    Un po' come...
    la tuta di "A scanner darkly"
    • user2394724 scrive:
      Re: Un po' come...
      - Scritto da: Batman
      la tuta di "A scanner darkly"pensavo la stessa cosa :)per chi l'ha letto in italiano "un oscuro scrutare" di P K Dick
Chiudi i commenti