Sarkozy colto con le mani nel sacco

Le istituzioni francesi difendono i detentori dei diritti ma scivolano sulla richiesta delle licenze. Copie illegali di un documentario sarebbero affiorate dall'Eliseo

Roma – La tutela dei detentori dei diritti è uno dei temi maggiormente dibattuti in Francia, dove lo stesso presidente Nicolas Sarkozy ha caldeggiato la cosiddetta Loi Création et Internet , una legge che le autorità auspicano dissuada i cittadini dalla violazione della proprietà intellettuale.

Tuttavia, stando a quanto rivelato da un giornale satirico transalpino, proprio Sarkozy avrebbe infranto la legge che lui stesso difende ormai da mesi: il Service audiovisuel de la présidence de la République avrebbe prodotto 400 copie di un documentario dedicato al presidente francese senza aver però richiesto l’autorizzazione all’emittente France5 , che ne detiene i diritti.

Gli amministratori di France5 avevano ordinato la produzione di sole 50 copie del documentario A visage découvert , smentendo quindi ogni presunta approvazione per i DVD trovati nella residenza presidenziale, distribuiti durante una riunione con diplomatici stranieri.

A parere di molti appare decisamente ironico che lo stesso esecutivo che attualmente si adopera a favore dei detentori dei diritti si ritrovi poi in situazioni quantomeno imbarazzanti.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti