SceneTap, nei migliori bar degli States

La startup di Chicago è pronta al grande salto con un'app gratuita che riconosce i visi degli avventori dei locali notturni. Prima di rivelare la loro età e genere sessuale. Con un circuito di telecamere e un flusso di dati in tempo reale

Roma – È la nuova frontiera del divertimento notturno, racchiusa in un’applicazione gratuita su dispositivi Android e iOS. SceneTap è una giovane startup di Chicago, produttrice di speciali videocamere per il riconoscimento facciale degli avventori di cocktail bar e altri locali notturni in terra statunitense .

Un totale di 25 bar di San Francisco ha da poco implementato il circuito ideato nel 2010 da Cole Harper, una fitta infrastruttura di telecamere affiancate da un algoritmo per il riconoscimento dei tratti somatici. Una volta entrati per un drink, gli inconsapevoli clienti vengono identificati prima di cadere nel flusso in tempo reale dell’app SceneTap .

Genere sessuale, età anagrafica. Sono queste le informazioni più preziose per le telecamere, in particolare per quegli utenti che vogliono avere una panoramica sul locale migliore dove bere. L’app provvede infatti a calcolare il rapporto numerico uomo-donna all’interno del bar, insieme all’età media e al grado d’affollamento .

Attivo da pochi anni in sette città degli Stati Uniti, il riconoscimento facciale di SceneTap ha già colto 8,5 milioni di avventori in 400 locali selezionati . I fondatori dell’omonima startup hanno assicurato che i dati vengono processati in maniera anonima, soprattutto non archiviati in un database.

C’è chi ha invece ricordato il caso Girls Around Me , l’inquietante applicazione che trova le ragazze vicine all’esatta posizione geografica di un dispositivo mobile . Pare che i bar statunitensi abbiano iniziato a sfruttare le videocamere di SceneTap per controllare il flusso di clienti alle porte del beveraggio notturno.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • a b scrive:
    finalmente
    ci voleva proprio il dns criptato son contento
  • Undertaker scrive:
    Opendns fa schifo
    Ho provato ad impostarlo ma fa veramente schifo, filtra i siti XXXXX, 4chan, apina ma vaff...È un servizio per aziende che vogliono controllare i dipendentiuso dnsadvantage e vedo tutto !
    • leo scrive:
      Re: Opendns fa schifo
      Io lo sto usando e non filtra niente di quello che hai scritto
    • iome scrive:
      Re: Opendns fa schifo
      - Scritto da: Undertaker
      È un servizio per aziende che vogliono
      controllare i dipendentiforse perche sono pagati per lavorare per la ditta e non farsi i XXXXX propri 6 ore al giorno in orario di ufficio?
    • Sgabbio scrive:
      Re: Opendns fa schifo
      - Scritto da: Undertaker
      Ho provato ad impostarlo ma fa veramente schifo,
      filtra i siti XXXXX, 4chan, apina ma
      vaff...

      È un servizio per aziende che vogliono
      controllare i
      dipendenti
      uso dnsadvantage e vedo tutto !Trolli alla grande, io uso OpenDNS e i siti XXXXX e il 4chan li vedo tranquillamente :D
      • oltrelamente scrive:
        Re: Opendns fa schifo
        Confermo, lo sto usando anche io e vedo tutto tranquillamente.Il tipo trolla causa prostata al cervello :D
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Opendns fa schifo
      contenuto non disponibile
      • PsychoBit scrive:
        Re: Opendns fa schifo
        - Scritto da: unaDuraLezione
        Se funziona ocme qualco anno fa, il filtro
        dipende da configurazioni
        volontarie.
        Solo che non esistendo cookie o autenticazione
        nel protocollo DNS, la configurazione resta
        attiva a livelo di IP del
        richiedente.
        Perciò se tu prendi l'IP che aveva qualche
        puritano che usava openDNS, ti ritrovi i suoi
        filtri.Esatto. Sperimentato personalmente.
        • Gino scrive:
          Re: Opendns fa schifo
          - Scritto da: PsychoBit
          - Scritto da: unaDuraLezione

          Se funziona ocme qualco anno fa, il filtro

          dipende da configurazioni

          volontarie.

          Solo che non esistendo cookie o
          autenticazione

          nel protocollo DNS, la configurazione resta

          attiva a livelo di IP del

          richiedente.

          Perciò se tu prendi l'IP che aveva qualche

          puritano che usava openDNS, ti ritrovi i suoi

          filtri.

          Esatto. Sperimentato personalmente.Quindi aspetta e spera che lo installo! :(
Chiudi i commenti