Scientology rettifica: è andata così

Riceviamo da un organismo legato alla Chiesa di Scientology una rettifica in relazione ai procedimenti che si sono svolti in Olanda sulla diffusione online di materiale legato alla Chiesa stessa


Roma – La Suprema Corte sostiene i diritti dei detentori di Copyright
Il Religious Technology Center (RTC), associazione religiosa senza scopo di lucro con sede in California, istituita con l’intento di proteggere l’integrità della religione di Scientology, ha richiesto il ritiro del suo appello nel procedimento legale e la Corte Suprema ha approvato la richiesta.

Nel gennaio 1996, il Religious Technology Center depositò una denuncia legale che coinvolgeva 20 Internet provider ed individui, tra cui alcuni cittadini olandesi, i quali agirono in violazione delle leggi olandesi rendendo disponibili lavori inediti di L. Ron Hubbard, protetti dai diritti d’autore, pur essendo stati avvisati del fatto che dette scritture erano protette dal copyright.

Principale aspetto della contestazione il fatto che un ISP potesse essere considerato responsabile o meno di quanto è conservato nei suoi computer, dopo che gli è stata notificata la violazione del copyright. Ne seguirono due appelli rispettivamente presso la Corte d’Appello e presso la Corte Suprema. Ma dalla data di deposito dell’appello presso la Corte Suprema, avvenuta nel 2003, l’Olanda adottò la legge EU E-commerce (maggio 2004), che libera gli ISP da ogni responsabilità nel caso eliminino le violazioni ai copyright dai loro sistemi, nel momento in cui ne divengono consapevoli. Dal momento che si tratta di una legge dell’Olanda, RTC non ha ritenuto opportuno portare avanti la battaglia legale.

RTC è stato uno dei baluardi nella battaglia per i diritti sulla proprietà intellettuale, sia negli Stati Uniti che in Europa. Nel 2001, dopo un caso di uso illegale di proprietà intellettuali di RTC, il Parlamento svedese ha votato all’unanimità per l’approvazione di una nuova legge che proteggesse i detentori di diritti sulla proprietà intellettuale e che valesse in tutto il mondo. E negli Stati Uniti, un procedimento promosso da RTC portò all’approvazione del Digital Millenium Copyright Act nel 1998; l’atto contiene garanzie simili alla legge EU E-commerce, che richiede ai provider la rimozione delle violazioni del copyright qualora ne sino informati e consapevoli.

Il presidente del Religious Technology Center, Warren McShane, ha detto:
“Con l’adozione della legge EU E-Commerce, l’Olanda ha sancito che i provider non possono chiudere gli occhi di fronte alle violazioni del copyright nei loro sistemi, delle quali siano a conoscenza. Ma ha stabilito anche che, dal momento che rimuovono le violazioni non appena queste vengono loro notificate, i provider ricevono la dovuta protezione legale. E’ questo il modo di risolvere la questione in oggetto; quindi abbiamo deciso di ritirarci dal procedimento”.

nota: la notizia di PI sulla questione è qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • soulista scrive:
    Esprimersi é sbagliato...
    "Internet e la facilità di utilizzo della comunicazione elettronica hanno solo incrementato le opportunità per i bambini di esprimere la loro negatività per ferire gli altri"questa frase é agghiacciante.Dovremmo essere tutti felici e sorridenti anche se abbiamo un demone che ci rode dentro... Salvo poi un giorno impazzire e ammazzare chiunque nel raggio di 10 metri.("come va' con la censura nel tuo paese?" "non ci possiamo lamentare!")
  • AnyFile scrive:
    E i giornali le pubblicano?
    Ma cme sono cosi' tanto scandalose ... che i giornali cosa fanno ... le pubblicano.Assurdo....
  • Anonimo scrive:
    perche' la marca ?
    non capisco al fine della notizia che rilevanza possa avere dire il nome del produttore del computer e la tipologia del computer ?
  • Anonimo scrive:
    Ma basta...
    ...ma che schifo.Le tre mail contenevano linguaggio "offensivo, razzista, omofobico e con riferimenti sessuali".E allora? Ma per piacere!Si vergognino quei 4 c**lioni, giudice senza cervello in primis, che se la prendono con dei ragazzini che vogliono solo giocare e divertirsi un po' e la fanno più grossa di quel che è. Servizi segreti... ecco dove vanno i soldi della gente: a pagare lo stipendio a gente che non ha un c**zo da fare tutto il giorno che stare a bacchettare e spaventare a morte dei ragazzini.Un calcio in culo a questo giudice glie lo darei volentieri, è ora di finirla di rovinare la vita ed impaurire la gente per delle *cazzate*. Ti entrano in casa e ti sequestrano tutto come se fosse la cosa più normale di questo mondo. Si fanno i fatti tuoi con una leggerezza esasperante degna della Ghestapo. Grrrrr che rabbia... scrivo un manuale sull'uso di Tor e compagnia bella e poi ce lo porto io di persona nelle scuole! Ragazzi, bisogna imparare a *difendersi* da questi soprusi di un governo malato e morente.Cristo santo, questa generazione si è bevuta il cervello!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma basta...

      Cristo santo, questa generazione si è bevuta il
      cervello!Si, e vedrai la prossima.....si berrà il mondo!!!O mala tempora.........
    • AnyFile scrive:
      Re: Ma basta...
      Non si e' trattato solo di aver spedito delle e-mail, ma presunmo anche di violazione di sistemi informatici.Comunque forse il caso che tu sappia che anche in Italia e' un reato usare parolaccie e linguaggio offensivo.Chissa' come mai a modificare le leggi per aumentare le tasse fanno sempre in fretta, per modificare le leggi assurde (come l'IRAP o il fatto che vi e' differenza tra la regione cattolica di Roma e le altre religioni, solo per fare alcuni esempio che diverse corti hanno dichiarato addirittuara illegittime) decenni non bastano.
    • ishitawa scrive:
      Re: Ma basta...
      è anche tipico degli americani prendere tutto maledettamente sul seriotempo fa ho visto un "reality tv", quei programmi che trasmettono filmati "autentici"facevano vedere l'irruzione della polizia (bardata come x-file) in un casolare con dentro una banda da ragazzini (ovviamente di colore) che stavano bevendo (orrore) delle lattine di birra (rinvenuto uno spaccio di alcolici per minorenni, diceva il commentatore)
  • Anonimo scrive:
    Hanno sequestrato due cavi?
    E io che la credevo una prerogativa italiana... siamo in buona compagnia...
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno sequestrato due cavi?
      - Scritto da: Anonimo
      E io che la credevo una prerogativa italiana...
      siamo in buona compagnia...Il 6 gennaio gli agenti del Servizio Segreto si sono recati nella casa di Miller e hanno sequestrato alcuni notebook Apple, un hard disk, due cavi e un iPod. ma che cosa se ne fanno dell'iPod?e dei due cavi?pazzesco!gli avrebbero sequestrato anche il fondo a micronde se solo sapessero come funziona.. :D
      • francescor82 scrive:
        Re: Hanno sequestrato due cavi?
        - Scritto da: Anonimo
        ma che cosa se ne fanno dell'iPod?L'iPod può essere usato come disco per contenere altri file oltre a quelli audio.
        e dei due cavi?Come ha detto Banana Joe più sotto: l'email avrebbe potuto essere contenuta in uno di quei cavi. 8)
        pazzesco!

        gli avrebbero sequestrato anche il fondo a
        micronde se solo sapessero come funziona.. :D(rotfl)==================================Modificato dall'autore il 23/01/2006 11.01.07
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno sequestrato due cavi?
      - Scritto da: Anonimo
      E io che la credevo una prerogativa italiana...
      siamo in buona compagnia...LOL
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno sequestrato due cavi?
      Sicuramente trattasi dell'idraulico dell'FBI, un qualcosa nel cavo c'è sicuramente rimasto... una traccia di DNA di un bit perso tra le fibre....
    • AnyFile scrive:
      Re: Hanno sequestrato due cavi?
      Secondo me e' dovuto al fatto che si fa prima a sequestrare tutto che decidere cosa sequestrare.
Chiudi i commenti