Scoperto un covo per CD pirata

Dopo mesi di indagini la GdF ha trovato un bunker da 5mila CD al giorno


Roma – E’ stata scoperta ieri dal Nucleo di Polizia Tributaria Regione Campania della Guardia di Finanza una centrale di duplicazione di Compact Disc ad Ercolano.

L’operazione ha portato alla scoperta di un laboratorio di duplicazione attrezzato in un locale blindato sotterraneo, un vero e proprio caveau degno di una banca, al quale si accedeva solo attraverso porte corazzate. L’organizzazione che sfruttava questa specie di bunker era in grado di sfornare oltre 5mila CD pirata al giorno grazie ad un sistema che comprendeva oltre 100 masterizzatori in linea.

Sono stati sequestrati più di 10mila CD già masterizzati, 119 masterizzatori, decine di migliaia di locandine e 78mila CD vergini.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti