Scozia, prima condanna per camcording

I giudici di Glasgow hanno condannato un giovane a scontare 160 ore di servizi sociali per aver filmato e caricato su un sito a pagamento alcune pellicole cinematografiche

Roma – Sarà ricordato per essere il primo uomo di Scozia a essere stato condannato per camcording. Gli investigatori hanno scoperto che Christopher Clarke, 25 anni, oltre a filmare con uno smartphone le pellicole, procedeva al caricamento dei file su Internet per trarne profitto.

La decisione dei giudici scozzesi arriva dopo la condanna esemplare a tre anni di Anne Muir, l’infermiera gaelica scoperta a scaricare illegalmente a mezzo P2P oltre 30mila canzoni.

Ma se il caso Muir è nato grazie alle indagini della British Phonographic Industry (BPI) e IFPI , la scoperta del camcorder scozzese rappresenta il frutto del lavoro condotto dalla federazione antipirateria ( FACT ) attraverso il monitoraggio condotto online. I tecnici della FACT sono stati in grado di risalire alle copie di alcune pellicole filmate con una telecamera in Scozia, tra cui Big Bang , Four Lions , Iron Man 2 , Kick Ass e Nanny McPhee .

Il watermark delle registrazioni ha condotto gli investigatori direttamente nel Cineworld di Renfrew Street a Glasgow e, dopo l’analisi del database contenente i nomi degli abbonati, sono risaliti al giovane Clarke, il cui cellulare, sapientemente nascosto tra i vestiti, era ancora in fase di registrazione. Successivamente, un’ispezione del PC ha rivelato la presenza di altre pellicole catturate in sala.

Sebbene nel Regno Unito il camcording non sia necessariamente ritenuto reato, Clarke è stato condannato a scontare 160 ore presso i servizi sociali per aver caricato i film su un sito a pagamento , azione che i giudici hanno considerato una violazione delle regole imposte dal Copyright, Designs and Patents Act del 1988.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pinco Pallino scrive:
    La vera truffa e' il costo di delivery
    Il vero problema non e' tanto il roaming internazionale, e' il costo di delivery NAZIONALE per le chiamate ai cellulari.Di fatto dal mio ufficio pago di meno chiamando un cellulare australiano (!!!) che un cellulare H3G, questo perche' un operatore puo' addebitare cifre folli all'operatore del chiamante quando viene chiamato un "suo" numero.Operatori come H3G fanno tariffe per cui praticamente regalano il servizio al loro cliente e poi.... spolpano chi lo chiama con il costo di delivery.A questo dovrebbe essere posto un limite: se una telefonata da un tuo cliente a un altro tuo cliente costa in media X allora non puo' essere piu' di un terzo di X l'instradamento da un altro operatore al tuo cliente (un terzo per la gestione amministrativa del rapporto, un terzo per la rete da cui "esce" la chiamata e un terzo per quella in cui "entra").Regole simili esistono in altri paesi e danno un po' di trasparenza.Noi ci troviamo operatori che dicono "puoi chiamare a 1 centesimo al minuto", poi pero' non precisano che se ti chiama tua moglie da casa paga 80 centesimi al minuto.A.
  • POSTPC scrive:
    TIM YOUNG
    Intanto in Italia è nata Tim Young:1000 sms vs tutti 1 GB interneta 6 euro mensili.Può essere attivata da tutti quelli che non hanno ancora compiuto 31 anni. :DAll'estero esiste qualcosa di simile?
    • Difensore scrive:
      Re: TIM YOUNG
      All' estero con 25 euro al mese circa (alcune volt emeno circa 20 alcune volte piu' circa 40) ricevi cell gratis, 1GB di traffico (dopo di che la rete funziona ma piu' lenta), 250 min e non so quanti SMS
      • ottomano scrive:
        Re: TIM YOUNG
        - Scritto da: Difensore
        All' estero con 25 euro al mese circa (alcune
        volt emeno circa 20 alcune volte piu' circa 40)
        ricevi cell gratis, 1GB di traffico (dopo di che
        la rete funziona ma piu' lenta), 250 min e non so
        quanti
        SMSBeh, una tariffa simile a quella che fa la Tre.
  • JokerAHAHAH scrive:
    Roaming Zero
    lo faranno facilmente... XD alzeranno i prezzi di tutte le tariffe nazionali
  • pippo scrive:
    mvno Unione Europea
    Se tutti gli operatori mobili operassero come mvno autorizzati nell'intera Unione Europea avremmo una concorrenza maggioreCi vuole anche la possibilità di trasferire il numero verso ogni operatore europeo e un solo prefisso internazionale in modo da eliminare discriminazioni di prezzo in base al paese chiamato o alla posizione dove si genera o si riceve la chiamata.2015 non lontano ma preferirei avere queste cose al più presto.
    • bla blah scrive:
      Re: mvno Unione Europea
      883 inum
      • pippo scrive:
        Re: mvno Unione Europea
        - Scritto da: bla blah
        883 inum883 è il prefisso non legato a area geografica utilizzato per i numeri voip che se si parlano via internet non hanno costo ma se vengono chiamati da numeri legati a area geografica vengono tariffati alla tariffa più alta come se fossero chiamate tra paesi molto distanti.Per lo spazio geografico dell'Unione Europea esiste il 388 ma per non avere discriminazioni tariffarie occorrerebbe che la Commissione Europea imponesse che le chiamate verso questo prefisso non possono avere prezzi diversi dalle chiamate nazionali.Quindi sostituire tutti i prefissi nazionali con un solo prefisso della Unione Europea entro una data stabilita o alla data stabilita contribuisce ad abbassare i prezzi.Oltre che per il mobile anche per i numeri fissi si dovrebbe avere libertà di spostarli in ogni area, si potrebbe cominciare in Italia con la riduzione ad aree regionali, se il problema è sostituire le centrali degli operatori in modo che le zone pronte possano offrire questo servizio ma l'obiettivo è eliminare i prefissi che indicano aree ma avere un solo grande mercato.
  • nick sack scrive:
    ma il traffico dati?
    ma il traffico dati?
    • Teo_ scrive:
      Re: ma il traffico dati?
      - Scritto da: nick sack
      ma il traffico dati?"Una riduzione ancora più corposa è stata poi prevista per lo scambio di dati, che appunto in roaming non potrà superare i 50 centesimi per MB, contro gli 80 attualmente previsti."Quello che non mi torna è che attualmente con H3G mi costa 2 euro al MB.
      • POSTPC scrive:
        Re: ma il traffico dati?
        - Scritto da: Teo_
        - Scritto da: nick sack

        ma il traffico dati?

        "Una riduzione ancora più corposa è stata poi
        prevista per lo scambio di dati, che appunto in
        roaming non potrà superare i 50 centesimi per MB,
        contro gli 80 attualmente
        previsti."

        Quello che non mi torna è che attualmente con H3G
        mi costa 2 euro al
        MB.Tim costa 5 euro per 50 MB, oppure 2 euro per 10 MB (giornalieri o settimanali, a scelta).
Chiudi i commenti