Se la Corte Suprema snobba i social network

Il grado più alto della giustizia statunitense non esaminerà due casi di sfruttamento diffamante di falsi profili MySpace. I vertici scolastici avevano sospeso tre studenti per cyber-bullismo e diffusione di informazioni oscene

Roma – C’è chi ha sottolineato come sia sfumata la possibilità di aggiornare una legge antica, sull’ormai delicato rapporto tra i vertici scolastici e gli alunni più avvezzi alle nuove condivisioni social. La Corte Suprema degli Stati Uniti non analizzerà due controversie legali legate all’utilizzo dei social network da parte di tre studenti a stelle e strisce.

Gli alunni erano stati puniti dai rispettivi istituti, accusati di aver diffuso online informazioni diffamanti nei confronti di alcuni docenti. Due ragazzi del Blue Mountain School District avevano infatti subito una lunga sospensione per la creazione di profili fasulli su MySpace , sfruttati per diffondere quelli che sono stati presentanti come dettagli scabrosi sulla vita privata dei loro insegnanti.

Pedofilia, uso smodato di droghe, omosessualità. Sono alcune delle “rivelazioni” postate dai due studenti sui falsi profili social. In West Virginia, una ragazza era stata sospesa ed espulsa dal gruppo delle cheerleaders per aver intrapreso attività di cyber-bullismo nei confronti di una sua collega di corso .

I giudici della Corte Suprema hanno ora lasciato intatte le precedenti decisioni sui due casi in esame. La studentessa era stata giudicata colpevole per maltrattamenti a mezzo social, mentre il Primo Emendamento della Costituzione statunitense era stato anteposto alle punizioni inflitte dai vertici scolastici.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    contrattisti, outsourcer, terzisti.
    Anche un impiegato da 35 anni puo' rubare il giorno prima di andare in pensione, ma le percentuali di rischio sono diverse rispetto ad un contrattista oggi qui e domani la'. Date i vostri XXXXXXXX informatici in mano al primo che passa e poi vi lamentare se quello stringe?Continuate a delocalizzare, subappaltare, ridurre i costi, consolitare, accentrare, ottimizzare: l'help desk in romania, i sistemisti in india/malesia/corea che non sanno neanche dove fisicamente sia la vostra ditta, anzi, non sanno nemmeno dove sta l'italia... si, da quache parte in europa mi pare, non sono quelli del film dei mafiosi con Brando e Pacino?
    • infame scrive:
      Re: contrattisti, outsourcer, terzisti.
      no, l'Italia è quella dei veri mafiosi, come i vari Cuffaro, Dell'Utri e compagnia bella (tra l'altro tutti regolarmente eletti dagli italioti beoti...)
      • Berluschino scrive:
        Re: contrattisti, outsourcer, terzisti.
        - Scritto da: infame
        no, l'Italia è quella dei veri mafiosi, come i
        vari Cuffaro, Dell'Utri e compagnia bella (tra
        l'altro tutti regolarmente eletti dagli italioti
        beoti...)Sbagli esempio, i vari cDell'Utri e cosentino sono esempi di grande clamore sollevato da pentiti creduti ciecamente dai PM, ma con scarsissime prove a supporto, mentre il record di casi veri di legami con la malavita, con prove provate e condanne, ma molto meno clamore mediatico, appartiene al PD. E stranamente in questi ultimi casi, non si cerca di legare i piddini malavitosi ai vertici del partito con arditi "teoremi". Già, chissà perché...
    • prova123 scrive:
      Re: contrattisti, outsourcer, terzisti.
      +1Anzichè rivolgersi a persone serie con contratti seri fanno la politica delle puttane che nella migliore delle ipotesi la devono prendono in quel posto con il sorriso sulle labbra o quando va male finiscono in una scarpata ... come si dice ognuno è artefice del proprio destino.
Chiudi i commenti