Se non apprezzi Facebook è perché non lo capisci

Sono gli utenti a non capire come funziona l'attività di Facebook o è il social network a non comprendere le esigenze e i timori dei suoi iscritti?

Il 2019 di Facebook sarà diverso. Una dichiarazione d’intenti che Mark Zuckerberg ha manifestato fin dai primi giorni del nuovo anno, con la volontà di giocarsi ogni carta possibile per lasciarsi finalmente e definitivamente alle spalle un 2018 che peggio non poteva andare. Prima l’esplosione del caso Cambridge Analytica, poi il social network finito al centro di accese discussioni legate a modalità di trattamento dei dati e tutela della privacy.

Zuckerberg in difesa di Facebook

Uno dei primi step di questa strategia è quello che ha visto ieri il numero uno del gruppo intervenire sulle pagine del Wall Street Journal con un papiro da 1.000 parole intitolato “The Facts About Facebook” che tocca alcuni dei punti più delicati dell’attività di FB. Tra questi la necessità di continuare a basare il proprio business sull’advertising per assicurare all’infrastruttura la sostenibilità economica e la disponibilità a collaborare con le istituzioni a livello globale per definire regole condivise sulla gestione delle informazioni.

Il co-fondatore e CEO della piattaforma sottolinea inoltre come il social si sia dotato nel tempo di strumenti utili a garantire trasparenza e controllo delle modalità di sfruttamento dei dati, conferendo all’utente finale la libertà di intervenire sulle dinamiche di profilazione che interessano l’account.

Potete conoscere perché state vedendo un’inserzione e cambiare le vostre preferenze al fine di ricevere i banner che più vi interessano.

Trasparenza e percezione

Una frase in particolare, però, catalizza l’attenzione: è quella in cui Zuckerberg fa riferimento alla percezione degli utenti delle modalità attuate da Facebook per quanto concerne pubblicità e privacy. Parte dal presupposto che la diffidenza andata via via crescendo nel tempo, in particolare nell’ultimo anno, sia frutto di una scarsa capacità di comprensione, arrivando quasi a considerare illegittime preoccupazioni che invece, alla luce di quanto fin qui emerso, ci sentiamo di definire più che giustificate.

Questo modello può sembrare poco chiaro, tutti siamo diffidenti nei confronti dei sistemi che non capiamo.

L’intervento prosegue con un passaggio in cui sostanzialmente si afferma che cedere le informazioni degli utenti a realtà di terze parti va contro gli interessi stessi dell’azienda.

Per questo a volte le persone pensano che facciamo cose che in realtà non facciamo. Ad esempio, non vendiamo le informazioni sugli utenti, anche se spesso viene riportato che è così. Infatti, vendere i dati degli iscritti agli inserzionisti andrebbe contro gli interessi del nostro business, poiché ridurrebbe il valore unico del nostro servizio offerto a chi acquista advertising. Per noi proteggere le informazioni delle persone dall’accesso da parte di altri è un forte incentivo.

Eppure, la vicenda che ha visto alcune tipologie di dati (compresi i messaggi privati) finire nelle mani di partner come Spotify, Microsoft o Netflix non è stata ancora del tutto chiarita. Si aggiungano i bug e le vulnerabilità che hanno esposto contenuti e dettagli privati per avere un quadro più completo.

Per il titolo del nostro articolo abbiamo preso in prestito quello pubblicato sul tema da Gizmodo poiché ne condividiamo il punto di vista e lo sviluppo. L’impero di Zuckerberg al momento non ci sembra poter essere insidiato da una concorrenza che anziché crescere e affermarsi getta la spugna, ma se da un lato due miliardi di utenti continuano a popolare le bacheche della piattaforma, dall’altra investitori e mercato azionario sembrano aver preso coscienza di una prospettiva tutt’altro che priva di incertezze. Il grafico di seguito mostra l’andamento del titolo nell’ultimo anno.

L'andamento delle azioni di Facebook nell'ultimo anno

È questione di fiducia

Non siamo certi che difendere a oltranza pratiche forse non illegittime, ma di certo discutibili, sia la strada giusta da percorrere per ripristinare quel rapporto di fiducia tra le parti più volte messo in crisi. Al tempo stesso, non pensiamo nemmeno che un semplice mea culpa possa cancellare tutto quanto successo in passato e ancora ben impresso nella memoria.

Sappiamo che Zuckerberg non è più quel ragazzo che mentre il progetto Facebook muoveva i suoi primi tra le aule di Harvard definiva le prime migliaia di iscritti come “dumb fucks” disposti a cedere dati personali. Oggi è l’uomo al comando di una realtà globale, che quotidianamente veicola informazioni in tutto il pianeta, muovendo enormi capitali e influenzando l’opinione pubblica, nel bene e nel male. Tra pochi giorni il social compirà 15 anni e i tempi ci sembrano maturi per un’assunzione di responsabilità, perché il suo numero uno provi a ribaltare il proprio punto di vista, arrivando a prendere in considerazione che forse è il suo prodotto a non comprendere esigenze e timori degli utenti, non il contrario.

Fonte: Gizmodo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • woddy68@gmail.com scrive:
    Forse sarebbe più opportuno che gli utenti siano più consapevoli, i bug ci sono e sempre ci saranno, perché il software è soggetto ai bug e tutto quello che si può fare è segnalarli e correggerli. Se le persone sono stupide a pubblicare la loro vita privata su Facebook è loro il problema. Ovviamente Facebook deve garantire standard accettabili, ma poi è sempre l'utente a decidere. La realtà è che alle persone che non ne sanno molto di tecnologia non frega molto della privacy, poi c'è una piccola parte che ne è ossessionata.
  • bubba scrive:
    " tra pochi gg saranno 15 anni" ! Urca! e dire che io lo sto usando realmente solo da 4 mesi :-D
  • PiegoAngela scrive:
    Facebook ha da morì e presto, anche se sono anni che ormai è troppo tardi. Fortunatamente lo provai 1 mese circa nel 2009, trovando insopportabile che non fosse customizabile come myspace (nel layout). Col tempo, facendo parte di team simil-FOSS, non c'è stata news about facebook che non abbia confermato quanto sia il "Satana" dei dis-social network. Di nuovo, Facebook, ma altri come Netflix, Twitter, Amazon (eccetera eccetera...) hanno da saltare per aria now now now! Sarà complottardo come commento, ma questi "servizi" sono specchietti per le allodole (2mld+) al servizio di un mondo totalmente oscuro ai più nel quale c'è una continua e mai vista prima d'ora "guerra d'informazioni", possibilmente cercando di ottenere il "full-pack" di questa o quell'alleato/nemico commerciale/militare/politico. Sinceramente, ciò che accade "dietro le quinte" ha davvero dell'assurdo e che supera ogni più fervida fantasia non complottarda ma di spionaggio-fantascientifica.
  • Franco Peci scrive:
    Facebook è un sistema idiota fatto per idioti, che ha saputo industrializzare e trarre profitto dalle vane chiacchiere da comari del paesino. Se avete qualcosa da mettere in Internet fatevi il vostro blog. Per socializzare, invece, uscite di casa e incontrate gli amici in carne ed ossa!
Chiudi i commenti