Secondo avvertimento. Distinti saluti, tua HADOPI

Continuano a fioccare le minacciose missive francesi, giunte al secondo tipo di avviso. Sarkozy, intanto, vuole portare il tema della regolamentazione della Rete al G8

Roma – SECONDO AVVERTIMENTO: il vostro accesso Internet è stato di nuovo utilizzato per commettere fatti, constatati per processo verbale, che possono costituire un’infrazione penale.

Così esordisce la seconda missiva d’avvertimento inviata da HADOPI ai titolari delle connessioni incappate in comportamenti perseguibili. Stavolta, invece di arrivare per email come la prima, viene recapitata in posta ordinaria per raccomandata.

Il modello di lettera riporta la data di invio del primo avvertimento (la seconda giunge se nei sei mesi successivi al primo invio vi è stato un ulteriore comportamento illegale), l’indirizzo IP ritenuto responsabile della violazione perpetrata via Internet e il nome, l’indirizzo e l’email di colui che ne è ritenuto responsabile.

Inoltre sono date indicazioni su come chiedere delucidazioni sui contenuti protetti da diritti di proprietà intellettuale scaricati e viene ricordato che HADOPI non sanziona i comportamenti illegali ma si limita a trasmettere i casi arrivati alla terza violazione all’autorità competente : anche se non lo specifica , d’altronde, non può neanche provare che i reati ipotizzati siano imputabili a colui che è nominalmente responsabile dell’indirizzo, ma può solo indicare che un reato è stato commesso con l’utilizzo di quella connessione.

Nella conferenza stampa in cui è stata divulgata la missiva e di fatto dato il via all’invio del secondo avvertimento, HADOPI ha anche provveduto a dare i primi numeri sull’operazione: 70mila le email inviate nel 2010 , con l’obiettivo di farle diventare 10mila al giorno nel 2011 (numeri già evocati durante i dibattiti parlamentari e le previsioni di impatto della normativa).

Dato il via all’operazione HADOPI, d’altronde, l’Eliseo non sembra intenzionato a rallentare per quanto riguarda la regolamentazione di Internet: Nicolas Sakozy, come aveva già accennato a dicembre , starebbe addirittura pensando di portare l’argomento al G8 , facendo di fatto ricoprire alla Francia un ruolo chiave nel dibattito mondiale in materia.
L’idea sarebbe quella di creare un consiglio dell’informatica , che unisca i “rappresentanti di Internet, dalle aziende alle Ong ai netizen”, dei Paesi del G8 per elaborare un documento che si esprima sulla necessità o meno di una forma di regolamentazione per Internet e con possibili risposte ai problemi del terrorismo, della pedofilia e dei diritti online.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • cyber scrive:
    E allora?
    E allora? Internet fa vendere meno giornali? Lo si sapeva da tanto tempo. E con ciò? Che vogliono fare? Fermare questa evoluzione mondiale? Ma non si rendono conto che stiamo in un cambiamento epocale? Che età hanno di media questi? Sessanta?..Un'altra battaglia contro i mulinini a vento... :|
  • lucamenini scrive:
    Anche al tempo delle carrozze ...
    Anche al tempo delle carrozze i maniscalchi accusavano le automobili di concorrenza sleale ...
  • Antonio scrive:
    E poi fanno FAIL come questi...
    si si, certo veramente sleale, i video di youreporter sui telegiornali? e le notizie copiate dal web senza verificare le fonti (l'ambasciatore onu per gli alieni).E poi succedono le cose come la foto quihttp://www.e-minds.it/blog/121/il-web-fa-concorrenza-sleale-ai-giornali.aspxLOOOOLLLLLL
  • Funz scrive:
    Dinosauri
    L'asteroide è già caduto, loro stanno guardando la palla di fuoco e si lamentano perché la terra trema e s'è alzato un ventaccio. Ma le cose andranno solo peggiorando...
    • OldDog scrive:
      Re: Dinosauri
      - Scritto da: Funz
      L'asteroide è già caduto, loro stanno guardando
      la palla di fuoco e si lamentano perché la terra
      trema e s'è alzato un ventaccio.

      Ma le cose andranno solo peggiorando...Vero. I dinosauri sono campati molti milioni di anni più dei giornalisti... ;)
  • Andrea Pagani scrive:
    Riguadagnare consensi si può...
    E' come se i costruttori di carrozze a cavallo accusassero le automobili di concorrenza sleale.Io sono giornalista, scrivo per un mensile (cartaceo) tecnico e ho avvertito la tendenza al decremento delle inserzioni pubblicitarie. La parziale soluzione? Iniziative nuove, contenuti di valore, prodotti di qualità. I clienti, pur con budget ridimensionati, fanno carte false pur di partecipare perchè ne capiscono il valore. Certo, non sempre si riesce a dare un imile servizio, ma se non ci si prova nemmeno e si incolpa la tv o il web di "rubare" pubblicità significa che molti sono alla frutta.Ci sono innumerevoli modi per rientrare in corsa, ovviamente senza tagliare gli investimenti (che poi sono quelli che portano indietro i soldi): ovvio che se il business lo fai perchè includi al tuo periodico un film in DVD, un libro o altro allora significa che non riesci più a sostenerti con il tuo core business e allora forse è il caso di cambiare mestiere...
    • OldDog scrive:
      Re: Riguadagnare consensi si può...
      - Scritto da: Andrea Pagani
      Io sono giornalista, scrivo per un mensile
      (cartaceo) tecnico e ho avvertito la tendenza al
      decremento delle inserzioni pubblicitarie. La
      parziale soluzione? Iniziative nuove, contenuti
      di valore, prodotti di qualità.
      Ci sono innumerevoli modi per rientrare in corsa,
      ovviamente senza tagliare gli investimenti (che
      poi sono quelli che portano indietro i soldi):
      ovvio che se il business lo fai perché includi al
      tuo periodico un film in DVD, un libro o altro
      allora significa che non riesci più a sostenerti
      con il tuo core business e allora forse è il caso
      di cambiare mestiere...Giuste osservazioni, anche se penso che l'evoluzione del rapporto tra notizie stampate, notizie radio-televisive e notizie net-centriche sia più articolata di quanto riassunto dalla conferenza.Nella conferenza (non ero presente) il focus mi sembra: non raccogliamo più pubblicità come prima, quindi dobbiamo attaccare chi la raccoglie al posto nostro. 8-)Ci sono sul tavolo elementi importanti, tipo:- la pubblicità si sposta perché cerca lettori altrove oppure qualcuno la vuole altrove (su altri media, più adatti politicamente)?- la pubblicità cerca come potenziale acquirente sempre più un tipo di lettore differente dal lettore del giornale cartaceo? - che mercato è quello di oggi? una pubblicità che vende televisori, la fai in TV (mercato di sostituzione, ovviamente) oppure su altri media (mercato di lancio innovativo per chi non ha il prodotto)?- i pubbli-redazionali vengono meglio o peggio delle markette TV?- la qualità del prodotto giornalistico è rilevante al fine della vendita pubblicitaria?- la free-press è potenziale alleato, neutra o amico del nemico? anche lì il cliente non paga il supporto, eppure campano almeno tre testate a Milano.Insomma, tutti vogliono una spinta o aprono il cofano, ma qualcuno ha provato a guardare l'indicatore della benzina, se la macchina si è fermata?
      • Andrea Pagani scrive:
        Re: Riguadagnare consensi si può...
        Anche perchè il problema che segnalano non è semplicemente "non raccogliamo abbastanza pubblicità", ma "non raccogliamo abbastanza soldi". Forse è il caso di cambiare il modo di fare i soldi ;)
  • Luff scrive:
    WikiLeaks
    Ma a proposito di giornali morti e putrescenti come i vecchi viscidi che ci "lavorano"... che KaXXo di fine hanno fatto le notizie relative a quei quei cattivoni sleali di WikiLeaks??? Ma com'è che che nessuno ne parla?? Dobbiamo per forza farci censurare internet da un nano bavoso e morire tutti di cancro senza sapere niente??
    • pampa scrive:
      Re: WikiLeaks
      - Scritto da: Luff
      Ma a proposito di giornali morti e putrescenti
      come i vecchi viscidi che ci "lavorano"... che
      KaXXo di fine hanno fatto le notizie relative a
      quei quei cattivoni sleali di WikiLeaks???http://news.google.com/news/more?hl=it&q=wikileaks+camorra&um=1&ie=UTF-8&ncl=dPmQM3SBtiT6b6MxXzN2KLoyOpipM&ei=YiEwTdyPGJKW4Aanls3vCg&sa=X&oi=news_result&ct=more-results&resnum=1&sqi=2&ved=0CCUQqgIwAA
  • asd scrive:
    andate via e lasciate gli alberi in pace
    almeno una grande fetta di consumo di carta, se ne andra' via
  • pampa scrive:
    Hanno ragione!
    Però anche la stampa ha fatto concorrenza sleale a tutti quei poveri amanuensi che sono rimasti senza lavoro.C'est la vie.
    • krane scrive:
      Re: Hanno ragione!
      - Scritto da: pampa
      Però anche la stampa ha fatto concorrenza sleale
      a tutti quei poveri amanuensi che sono rimasti
      senza lavoro.E' vero, dovremmo riconoscere alla stampa gli stessi diritto e dignita' che ha riconosciuto lei agli amanuensi al tempo !
      C'est la vie.
    • Maestro Miyagi scrive:
      Re: Hanno ragione!
      Giusto! e nel frattempo converrebbe abolire l'ordine del giornalisti
      ;
  • attonito scrive:
    automob responsabile declino maniscalchi
    il web responsabile del declino dell'editoria?allora:- le autmobili sono responsabili del declino dei maniscalchi- le pentole in acciaio sono responsabili del declino degli stagnini- il riscaldamento a metano e' responsabile del declino degli spazzacamini- i fiammiferi sono responsabile del declino degli acciarinietc etc etcsi chiama evoluzione....PATETICI!
    • deactive scrive:
      Re: automob responsabile declino maniscalchi
      quoto!- Scritto da: attonito
      il web responsabile del declino dell'editoria?

      allora:
      - le autmobili sono responsabili del declino dei
      maniscalchi
      - le pentole in acciaio sono responsabili del
      declino degli
      stagnini
      - il riscaldamento a metano e' responsabile del
      declino degli
      spazzacamini
      - i fiammiferi sono responsabile del declino
      degli
      acciarini
      etc etc etc

      si chiama evoluzione....

      PATETICI!
  • Anonimo scrive:
    E allora ?
    Anche le automobili decretarono la fine dei cavalli, stallieri, maniscalchi e tutto l'indotto.I computers decretarono la fine di migliaia di contabili e dattilografe.Nessuno se ne scandalizzò.Perchè preoccuparsi adesso di giornali che nella quasi totalità, grazie ai finanziamenti pubblici, non sono nient'altro che propaganda di regime?
    • panda rossa scrive:
      Re: E allora ?
      - Scritto da: Anonimo
      Anche le automobili decretarono la fine dei
      cavalli, stallieri, maniscalchi e tutto
      l'indotto.
      I computers decretarono la fine di migliaia di
      contabili e
      dattilografe.
      Nessuno se ne scandalizzò.
      Perchè preoccuparsi adesso di giornali che nella
      quasi totalità, grazie ai finanziamenti pubblici,
      non sono nient'altro che propaganda di
      regime?I prossimi saranno i produttori di carte stradali, che mi stupisce non siano ancora venuti qui a piangere invocando la morte del Tom Tom.
      • sentinel scrive:
        Re: E allora ?
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Anonimo

        Anche le automobili decretarono la fine dei

        cavalli, stallieri, maniscalchi e tutto

        l'indotto.

        I computers decretarono la fine di migliaia di

        contabili e

        dattilografe.

        Nessuno se ne scandalizzò.

        I prossimi saranno i produttori di carte
        stradali, che mi stupisce non siano ancora venuti
        qui a piangere invocando la morte del Tom
        Tom.LOL! (rotfl)
      • Guybrush Fuorisede scrive:
        Re: E allora ?
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Anonimo[...]
        I prossimi saranno i produttori di carte
        stradali, che mi stupisce non siano ancora venuti
        qui a piangere invocando la morte del Tom
        Tom.Perché è sempre cosa buona e giusta avere una carta stradale in macchina.Fermarsi, guardare la carta e usare il cervello da risultati ancora inarrivabili per i navigatori satellitari.E non si consumano batterie.GTFS
        • panda rossa scrive:
          Re: E allora ?
          - Scritto da: Guybrush Fuorisede
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: Anonimo
          [...]

          I prossimi saranno i produttori di carte

          stradali, che mi stupisce non siano ancora
          venuti

          qui a piangere invocando la morte del Tom

          Tom.

          Perché è sempre cosa buona e giusta avere una
          carta stradale in
          macchina.
          Fermarsi, guardare la carta e usare il cervello
          da risultati ancora inarrivabili per i navigatori
          satellitari.

          E non si consumano batterie.Vero. Ma di quelli dotati di cervello siamo rimasti in pochi.

          GTFSMa ancora fuori sede?Mi sembrava di aver letto un tuo messaggio dalla sede.
  • Simone scrive:
    Anche i dinosauri si sono estinti
    Concorrenza sleale anche in quel caso?
    • Gasogen scrive:
      Re: Anche i dinosauri si sono estinti
      Desideriamo sporgere denuncia verso il sig. Rite Meteo, conosciuto come Meteo Rite, per palese abuso di posizione dominante :D
  • Anonym ous scrive:
    ma dai...
    il progresso è un concorrente sleale, ma la concorrenza fa bene al consumatore finale!
  • djechelon scrive:
    Ma andate a zappare la terra
    Visto che i blog vi stanno erodendo quote di mercato, EVIDENTEMENTE i tempi sono cambiati!!! I giornali di carta sono ormai roba vecchia, e o vi adeguate ai tempi o... appunto... cambiate mestiere.A Debbènedèèèè... un t'abbastano 750 milionazzi de sordi? :-P
  • banca scrive:
    Quando è gratis ungimi tutto
    "Quando è gratis (l'olio) ungimi tutto"perchè pagare per qualcosa che si trova comuqnue gratis?
    • Regur Mortis scrive:
      Re: Quando è gratis ungimi tutto
      non è cosi facile, non è solo una questione di gratis (è stato dimostrato che se vale la pena le persone comprano anche online) il problema è che sul web le notizie sono anche migliori, giornali che fanno vere e proprie inchieste ora mai non ce ne sono più, è più facile trovare articoli con inchieste su blog piuttosto che sulla carta, se poi ci aggiungi che è molto più comoda il web della carta stampata, perchè puoi verificare le fonti, approfondire, cliccare sulla pubblicità e in caso anche comprare immediatamente...Sui giornali fare una pubblicità significa sperare che chi la legge si ricordi di te nel momento opportuno non c'è la famosa call to action che trovi sul web e non puoi misurare il ROI in modo chiaro...
  • Lex Logic scrive:
    Capitalismo perfetto
    Non sai stare sul mercato?Intanto sganciati dai contributi pubblici e poi datti ad un altro settore se non sei in grado di fare il tuo lavoro
    • ca nisciuno e fess scrive:
      Re: Capitalismo perfetto
      - Scritto da: Lex Logic
      Non sai stare sul mercato?
      Intanto sganciati dai contributi pubblici e poi
      datti ad un altro settore se non sei in grado di
      fare il tuo lavoroil mercato conviene solo a chi lo controlla... per chiunque altro "stare sul mercato" equivale solo a lavorare per fare ricchi e potenti altri (quelli che controllano...)
    • Aldus scrive:
      Re: Capitalismo perfetto
      Agree.
    • sentinel scrive:
      Re: Capitalismo perfetto
      - Scritto da: Lex Logic
      Non sai stare sul mercato?
      Intanto sganciati dai contributi pubblici e poi
      datti ad un altro settore se non sei in grado di
      fare il tuo
      lavoroSuper-Quoto
    • il solito bene informato scrive:
      Re: Capitalismo perfetto
      - Scritto da: Lex Logic
      Non sai stare sul mercato?
      Intanto sganciati dai contributi pubblici e poi
      datti ad un altro settore se non sei in grado di
      fare il tuo
      lavoroormai è chiaro dal 1989 che il capitalismo è un fallimento epico :-)
  • bubba scrive:
    quello inquietante e' debenedetti
    altro che "internet, blog, e siti web"!Pur di sostenere le sue panzane ("gli aggregatori ci rubano le notizie"! "google fa i soldi sulle nostre spalle") e' andato PERFINO a far conferenze inciuciste assieme a Confalonieri (sino a ieri il nemico pubblico n.2 - l'1 e' berlusconi - per l'ovvia questione Mondadori). Roba da matti!
    • ca nisciuno e fess scrive:
      Re: quello inquietante e' debenedetti
      - Scritto da: bubba
      berlusconi ché tanto lui degli incassi pubblicitari per i suoi "giornali" (carta igienica sXXXXX) se ne frega...
      • bubba scrive:
        Re: quello inquietante e' debenedetti
        - Scritto da: ca nisciuno e fess
        - Scritto da: bubba

        berlusconi

        ché tanto lui degli incassi pubblicitari per i
        suoi "giornali" (carta igienica sXXXXX) se ne
        frega...si, se ne frega le mani :)
  • uno qualsiasi scrive:
    Salvate un albero!
    Chiudete un editore!(e mangiatevi un castoro!)
  • Eru scrive:
    Parassiti
    Il fatto quotidiano ha dimostrato che un giornale può vivere di copie vendute, senza contributi pubblici.
    • il solito bene informato scrive:
      Re: Parassiti
      - Scritto da: Eru
      Il fatto quotidiano ha dimostrato che un giornale
      può vivere di copie vendute, senza contributi
      pubblici.copie vendute e contributi pubblicitari. Bellissimo lo scambio di battute con l'ENEL :-PI contributi pubblici all'editoria andrebbero aboliti: non sono altro che il cappio con cui il governo tiene a bada l'informazione.
    • deactive scrive:
      Re: Parassiti
      invece di dare la colpa a blog e google farebbero bene a farsi un esamino di coscienza. Se non scrivessero tante razzate e i giornali fossero davvero attendibili ( e non composti al 90% di copy+paste non verificati) forse qualcuno oggi comprerebbe ancora quotidiani( o sottoscriverebbe un abbonamento online).E poi nel 2011 forse non conviene piu' disboscare per un quotidiano. Ok i libri, ma i giornali sono proprio carta sprecata ormai a mio avviso ( a parte il gusto di sfogliarlo, che per molti sara' insostituibile).
Chiudi i commenti