Sentenze: copia di backup? E' lecita

Importante decisione a L'Aquila: la copia di una videocassetta è lecita se è di backup. Come per il software
Importante decisione a L'Aquila: la copia di una videocassetta è lecita se è di backup. Come per il software


Roma – Non si hanno ancora tutti i dettagli della sentenza che sembra però avere decisamente un importante peso giurisprudenziale al di là della specifica fattispecie: la Corte d’Appello de L’Aquila, infatti, ha stabilito che è legittimo possedere una copia di riserva di una videocassetta.

Il caso riguardava il presidente di un circolo dell’ARCI che era stato accusato di ricettazione e duplicazione abusiva di videocassette. Un’accusa che l’imputato ha respinto spiegando che tutte le cassette individuate dagli investigatori altro non erano che i backup, cioè le “copie di riserva”, di VHS originali acquistati dai soci dell’associazione.

L’istruttoria ha dimostrato che le cassette erano appunto delle copie che erano state fatte solo per evitare il deterioramento derivante dall’uso degli originali, un uso che nel tempo avrebbe reso inutilizzabile i prodotti.

La ragione della sentenza di assoluzione è da ricercare nel fatto che quando si acquista una videocassetta o un software non se ne è “proprietari”, ma solo utilizzatori. Questo significa che, se viene meno il supporto, il diritto continua ad esistere e pertanto la copia di backup è pienamente lecita. Una motivazione che apre molte ipotesi anche in campo informatico, dove le attuali leggi anti-pirateria rischiano di scontrarsi in modo sempre più palese con i diritti dell’utilizzatore….

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

07 10 2001
Link copiato negli appunti