Shazam, ascoltare paga

Secondo il CEO della società britannica, il 13 per cento dei suoi utenti acquista un brano dopo aver scoperto chi lo canta. Tutto grazie alla sua applicazione

Roma – Più di 300mila brani acquistati ogni giorno dai suoi utenti. 750mila nuovi adepti mobile ogni settimana. 50 milioni di seguaci in tutto il mondo. E nessun competitor. Sono le più che incoraggianti cifre snocciolate da Andrew Fisher, CEO di Shazam Entertainment , la società britannica che ha sviluppato il software di riconoscimento audio in grado di indicare con esattezza i dettagli di una canzone che ad esempio sta passando in radio.

Come è noto, il servizio offerto da Shazam permette ai possessori di smartphone – come iPhone, BlackBerry e Android – di ottenere tutte le informazioni necessarie su una canzone ascoltata, che provenga da un altro dispositivo o da una radio. Successivamente, l’utente può procedere all’acquisto del brano, scaricandolo sul proprio terminale.

E sembra che questa pratica piaccia molto agli utenti di Shazam. Stando a quanto ha dichiarato Andrew Fisher, i dati di comScore avrebbero rivelato che il 13 per cento di chi utilizza l’applicazione alla fine acquista le canzoni ascoltate . Con i dati da lui stesso citati, si tratterebbe di una cifra non di poco conto, capace di generare dei profitti consistenti in favore dell’industria musicale.

“Abbiamo ottenuto profitti negli scorsi 18 mesi – ha spiegato il CEO di Shazam, intervenuto nel corso dell’ultimo MidemNet tenutosi a Cannes – e, dato il clima economico del 2009, non abbiamo fretta di vendere azioni al pubblico, non prima del 2011″. Fisher ha poi sottolineato come Shazam sia diventata l’applicazione per iPhone più popolare in Europa, tra le prime cinque nel mondo. Un mondo che il servizio londinese è deciso a conquistare, con 100 milioni di utenze da raggiungere entro la fine di questo anno.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • so sempre io scrive:
    Troppa fatascienza
    per tirare un drone da milioni di dollari basta un fucile da caccia e una cartuccia a piombini, oppure una rete da pescatore, tanto in caso di mancata visibilità devono volare basso e in caso di grande visibilità basta un satellite, solo fa figo dire che hanno dei droni nel loro esercito, poi arriva una tempesta di sabbia e va a putt@@ tutto, hahaha.Sono ridicoli come al solito, gli americani sono innovativi solo nel cinema, per il resto sono dei ca@@oni patentati.
  • MeX scrive:
    Re: Perchè non l'hanno fatto prima?
    forse perché hanno esigenze tattiche diverse.Prima gli bastava bombardare per mettere in ginocchio un paese e ricattarlo... adesso sono molto piú impegnati sul territorio con la guerriglia...
  • Lex Logic scrive:
    Speriamo si ricordino...
    Di crittografare decentemente le trasmissioni a terra adesso.. visto che continuano a trovare terroristi con laptop e skygrabber con ore e ore di video dei droni che dovevano servire a trovarli ^__^Guardatevi ArsTechnica se non ci credete :P
Chiudi i commenti