Le app costano care ad Apple

Cupertino si sarebbe lasciata sfuggire oltre 450 milioni di dollari. Guadagni mancati a causa della pirateria, dicono gli esperti

Roma – Dopo l’apertura ufficiale avvenuta nel 2008, dopo più di tre miliardi di download complessivi, l’App Store di Apple avrebbe mancato circa 450 milioni di dollari di guadagni. La colpa, secondo gli esperti, sarebbe da attribuire alla pirateria che ha coinvolto il settore. A spiegarlo è l’analista di Bernstein Toni Sacconaghi, che in un rapporto apparso su 24/7 Wall St quantifica tra 60 e 110 milioni per trimestre il guadagno netto del marketplace di Cupertino.

Secondo Sacconaghi Apple avrebbe potuto guadagnare di più in questi due anni se il suo store fosse rimasto immune ai problemi che hanno coinvolto musica, cinema e ogni tipo di industria che si fondi sulla proprietà intellettuale: la pirateria non ha risparmiato le applicazioni. Per ogni download a pagamento ne sarebbero stati effettuati tre in maniera illegale.

Dopo essersi scontrati più volte con Apple per via dei nebulosi criteri di approvazione dei loro lavori , alcuni sviluppatori hanno denunciato l’eccessiva semplicità con cui è possibile procacciare applicazioni a pagamento senza sborsare un soldo. Tale pratica è resa possibile su iPhone e iPod Touch sui quali è stato eseguito il jailbreak , ossia la rimozione dei paletti imposti da Apple per l’utilizzo del melafonino e del player.

Sacconaghi fa notare che il processo di unlock non è più una pratica riservata agli utenti più esperti , i quali al contrario preferirebbero non scontentare Apple, che a sua volta poterebbe decidere di inserire i contravventori in un “elenco dei cattivi” a cui impedire l’accesso ad App Store. Difficile che una soluzione del genere basti per arginare il problema.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    i Francesi hanno ragione!
    I Francesi hanno ragione.Lasciare in mano and un privato, per lo piu' straniero, il monopolio di tale attivita' sarebbe da folli.Bravi i mangialimoni!
  • angros scrive:
    Quaero, il ritorno
    Vi ricordate il progetto per il motore di ricerca Quaero? Non erano andati molto lontano, mi pare... (anche se qualcosa erano riusciti a fare)Qui mi sembra che stiano facendo la stessa cosa.
Chiudi i commenti