Si prepara la cyberguerra cinese

Lo affermano gli esperti dell'esercito americano, secondo cui un'armata di cracker cinesi si sta preparando ad ottenere una superiorità informatica militare


Washington (USA) – Nell’ambito della Guerra Fredda dell’informatica, quella che alcuni paesi combattono allestendo e finanziando “eserciti telematici”, gruppi di cracker cinesi sarebbero sul punto di acquisire una leadership che consentirebbe loro di lanciare un’offensiva contro i sistemi chiave del mondo occidentale.

C’è questo e niente di meno in un nuovo avvertimento sulla questione, tutt’altro che nuova, che giunge dall’Institute for Strategic Studies, un centro di studio finanziato e gestito dallo US Army War College . Stando ad un rapporto rilasciato dall’Institute al Dipartimento della Difesa americana (“Chinese Information Warfare: A Phantom or Emerging Threat?”), di cui si conoscono solo poche pillole, “hacker cinesi” si stanno preparando e i primi attacchi da parte di studenti cinesi devono attendersi per questa estate.

Secondo l’Istituto a rischio sono soprattutto le attività diplomatiche americane, il ministero della Difesa e più in generale le autorità di pubblica sicurezza. Un aspetto dell’attacco che ci si aspetta nei prossimi mesi sarà costituito dall’aggressione contro i siti web delle istituzioni aggredite e dalla diffusione di nuovi virus su quei sistemi.

Il rapporto afferma che gli studenti cinesi di informatica e scienze collegate vedono nella possibilità di incursioni telematiche ai danni degli americani una forma di “rivincita” sulla superiorità militare tradizionale di Washington.

Va detto anche che fino a questo momento gli attacchi telematici provenienti dalla Cina di cui gli americani hanno dato pubblicamente notizia si sono limitati a mettere fuori squadra siti importanti, come quello della Casa Bianca.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Evviva, ancora bufale!
    E sicuramente gireranno qualche migliaio di bufale!!! EVVAIIIIIIIIMr.Wolf
  • Anonimo scrive:
    sarà vero?
    Il pericolo maggiore, secondo gli esperti, proviene dagli uffici, un luogo dove spesso i dipendenti hanno una cultura sulla sicurezza modesta o nulla e tendono ad agire con meno responsabilità rispetto agli utenti domestici.
  • Anonimo scrive:
    errore?

    presidente della firma di sicurezza WatchGuardfirma di sicurezza? traduzione un po' troppo letterale? :)
    • Anonimo scrive:
      Re: errore?
      Ancora??? Ma allora sei proprio un Troll!!! Quante volte bisogna dirti che "firma" in italiano è anche sinonimo di "azienda"???- Scritto da: valhalla

      presidente della firma di sicurezza
      WatchGuard

      firma di sicurezza? traduzione un po' troppo
      letterale? :)
      • Anonimo scrive:
        Re: errore?
        - Scritto da: ScacciaTroll
        Ancora??? Ma allora sei proprio un Troll!!!ancora? non mi sembra di aver segnalato cose del genere, di sicuro non negli ultimi mesi.non e' che confondi con qualcun'altro?
        Quante volte bisogna dirti che "firma" in
        italiano è anche sinonimo di "azienda"???in inglese la parola firm significa azienda, ma in italiano non mi risulta proprio
Chiudi i commenti