Sicurezza, Windows ricade sui file EMF

I tre bollettini di sicurezza pubblicati ieri da Microsoft correggono diverse falle di Windows, tra le quali una legata alla gestione delle immagini in formato EMF/WMF. Nel frattempo torna a far parlare un recente bug di Acrobat Reader

Roma – Come anticipato da Microsoft la scorsa settimana, le vulnerabilità corrette ieri dai bollettini di marzo sono in tutto quattro, tra le quali una critica e tre importanti .

La falla più severa ( MS09-006 ) riguarda il kernel di tutte le versioni attualmente supportate di Windows, dalla 2000 alla 2008, ed in particolare il codice del Graphics Rendering Engine che sovrintende all’elaborazione delle immagini in formato Windows Meta File (WMF) e Enhanced Metafile (EMF). Come si può intuire dal livello di gravità assegnato al problema, tale debolezza potrebbe essere sfruttata da un malintenzionato per eseguire del codice a distanza e installare nel sistema malware o altri codici dannosi.

Tra i potenziali vettori di attacco vi sono tutti quei programmi capaci di aprire i file EMF/WMF: tra questi Internet Explorer, Paint e il visualizzatore di immagini integrato in Windows.

Il formato WMF, di cui EMF rappresenta il successore, è stato sviluppato da Microsoft verso la fine degli anni ’80, e incluso per la prima volta in Windows 3.0 (1990). “All’epoca nessuno progettava le applicazioni non mission-critical tenendo conto del fattore sicurezza”, spiegò Mikko Hypponen, CEO di F-Secure , in occasione di un’altra vulnerabilità legata a questo formato di file.

Le altre tre vulnerabilità, descritte nei bollettini MS09-007 e MS09-008 , possono essere utilizzate in attacchi di spoofing: in un caso la falla riguarda il componente SChannel di Windows, che fornisce supporto ai protocolli SSL e TLS; negli altri due casi riguarda il servizio DNS e WINS incluso nelle edizioni Server di Windows. Il rischio, nel caso della prima falla, è che un aggressore riesca ad impersonare un utente legittimo ottenendo il suo certificato digitale senza disporre della relativa chiave privata. Gli altri due bug, invece, potrebbero consentire ad un aggressore di dirottare il traffico di rete indirizzato ad un host verso un sistema a sua scelta.

Microsoft afferma che tutte le vulnerabilità corrette dai bollettini di ieri hanno un exploitability index di 2 o 3: ciò significa che la creazione di un exploit efficace e realmente pericoloso è alquanto improbabile, specie per l’esecuzione di codice da remoto.

Gli utenti di Windows dovrebbero guardarsi anche da un’altra vulnerabilità, questa volta non correlata a prodotti Microsoft. Si tratta di un problema di Adobe Acrobat e Adobe Reader già balzato alle cronache lo scorso febbraio ma dalla portata apparentemente più ampia di quanto inizialmente previsto dagli esperti. Secondo quanto riportato dal ricercatore Didier Stevens, la falla può essere innescata semplicemente aprendo, con l’Explorer di Windows, una cartella contenente un PDF maligno. A renderlo possibile è la shell extension per Explorer installata nel sistema dai prodotti di Adobe.

Ieri la società californiana ha rilasciato le versioni 9.1 di Reader e Acrobat che correggono la succitata vulnerabilità nonché diversi altri bug.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • salvatorevi trano scrive:
    cerco
    'MOSCHE BIANCHE' per educare istruire ricreare L'UOMO'QUANDO IL MOTIVO C'E' LA VOLONTA' CAMMINA'salvatorevitranowebsite
  • donato333 scrive:
    Allerta
    Credo che sia il momento di stare più che mai allerta. Internet in Italia si sta divulgando, stanno cominciando ad accedere persone che fino a poco tempo fa ne erano lontanissime. Non più solo giovinastri, smanettoni o elites intellettuali. Mi pare che tra dottrine Sarko varie, sequestri di forum e minacce ai provider, sia partito un'attacco deciso da parte di quelle istituzioni che si ritengono detentrici della "sola" verità. Ma si, Internet lasciamola solo per il business e per l'e-commerce. Per informarsi tanto c'è sempre la cara, vecchia, "rassicurante" televisione; c'è la stampa "libera" del nostro paese e ci sono i circoli parrocchiali, dove riscoprìre finalmente che ha ragione Giuliano Ferrara: non ci siamo evoluti, ma ci ha creato, così come siamo, un'entità superiore. E non è Berlusconi, eh! O si?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 marzo 2009 23.22-----------------------------------------------------------
  • Dio ce lo siamo creati noi scrive:
    Ma per quale motivo
    un Dio avrebbe bisogno dell'adorazione degli esseri umani? Sono gli esseri umani che cercano la gratitudine.Perchè mai un Dio dovrebbe condannare per l'eternità alcune persone quando queste di fronte a lui si pentono inevitabilmente e che quindi non farebbero mai più del male a nessuno? Sono gli esseri umani che cercano la vendetta.Questi sono schemi di pensiero prettamente umani.
    • Marco M. scrive:
      Re: Ma per quale motivo
      - Scritto da: Dio ce lo siamo creati noi
      un Dio avrebbe bisogno dell'adorazione degli
      esseri umani? Sono gli esseri umani che cercano
      la
      gratitudine.Leggi la Bibbia e troverai la risposta.
      Perchè mai un Dio dovrebbe condannare per
      l'eternità alcune persone quando queste di fronte
      a lui si pentono inevitabilmente e che quindi non
      farebbero mai più del male a nessuno? E chi ha detto che Dio condanna chi si pente? E' anzi vero il contrario.Sono gli
      esseri umani che cercano la
      vendetta.I non cristiani. Gesu' insegna esattamente il contrario.
      Questi sono schemi di pensiero prettamente umani.
  • All Your Base Are Belong To Us scrive:
    Mi sono stufato...
    ... di assistere alla progressiva restrizione dei diritti di tutti, per colpa di pochi. Il principio soggiacente ogni sistema normativo dovrebbe essere che "è tutto lecito, tranne ciò che è proibito", ma siamo arrivati al punto in cui "è tutto proibito, tranne ciò che è lecito". Una prassi piuttosto liberticida.Non posso più uscire a cena e accompagnare un arrosto con un bicchiere di "rosso" e poi mettermi al volante, anche se sono perfettamente sobrio, perché il tasso alcolico nel sangue è fuorilegge. Per colpa di pochi XXXXXXX che guidano ubriachi ci rimettiamo tutti.La nostra libertà di internauti è in pericolo anche se scarichiamo pochi file, magari pure legalmente, per colpa di pochi cretini che succhiano dai p2p più materiale di quello che possono vedere o ascoltare in tre generazioni. Solo un cretino può pensare di fare il backup di internet. Per colpa sua, rischiamo di rimetterci tutti.E ancora, per colpa di pochissimi XXXXXXXXX che riempiono i forum di parole e argomenti contrari all'educazione, al rispetto, al pudore e al senso civico, noi persone civili che escono, al più, con qualche innocente parolaccia, rischiamo azioni giudiziarie e sanzioni amministrative o addirittura penali se attiviamo i commenti nel nostro forum o nel nostro blog. Per colpa di pochi delinquenti che frequentano i parchi per i loro loschi affari, noi persone oneste non possiamo più sederci, di notte, sulla panchina del parco sotto casa perché è chiuso con una cancellata regolamentata da orari fissi.Se sposo un'extracomunitaria (p.e. una cittadina neozelandese) e la porto in Italia, devo fare la trottola e passare le giornate tra code, numerini, sportelli e funzionari spocchiosi, per dimostrare che io non sono un XXXXXXXXX e lei non fa la XXXXXXXX. Tutto per colpa di pochissimi delinquenti che "importano" donne per buttarle sulla strada a battere.In aeroporto mi contano anche i peli del XXXX, mi fanno avviare il computer, aprire i bagagli, svuotare le tasche e se ho visitato un paese islamico, mi portano nello sgabbiottino e mi tempestano i domande idiote. Per colpa di quattro terroristi e di qualche aereo dirottato, volare diventa una fatica erculea.E che dire della massima esposta in un bar che recita: "Per colpa di qualcuno, non si fa credito a nessuno"? Dieci parole sacrosante, che scattano una fotografia ad alta definizione dello status quo.Mi fermo qui, perché gli esempi sono praticamente infiniti. Il risultato? Un sistema normativo sempre più mastodontico, arzigogolato e, quel che è peggio, restrittivo delle libertà personali delle persone oneste.Chi vuole delinquere, lo fa lo stesso, ma l'esistenza dei probi si ingarbuglia ogni giorno di più. Quando il legislatore è incapace di affrontare la situazione, scatta il divieto. Non mi sembra il metodo giusto, né intuitivamente, né dopo attente riflessioni.Comincio seriamente a pensare che il diritto consuetudinario, in luogo dei codici, sia molto più gestibile, anche se sembra il contrario. Fai una XXXXXXX? Decide il giudice la pena da comminarti. Nessuna legge scritta, la giurisprudenza è fatta dalle sentenze. Ogni caso una sentenza. Al diavolo le leggi scritte. E i pochi XXXXXXX (la distribuzione degli eccessi è gaussiana: i veri XXXXXXX tutto sommato sono pochi), per colpa dei quali le nostre libertà sono sempre più circoscritte e ridotte all'osso, dovrebbero essere presi a bastonate e scaraventati in una roggia o, più civilmente, esposti al pubblico ludibrio. A furor di popolo. Vox populi, vox dei.Ogni anno in Italia muoiono circa 8mila persone per incidenti domestici... Dati ministeriali che, grazie al cielo, passano inosservati, altrimenti il legislatore vieterebbe subito la vendita di scale, asciugacapelli, vasche da bagno, affiderebbe la pulizia delle finestre di casa nostra unicamente a ditte specializzate e certificate, interromperebbe l'erogazione del gas nelle abitazioni e chissà che altro.E scusate lo sfogo.
  • Albert Einstein scrive:
    A proposito di stregonerie ecc.
    In fondo le religioni non sono che masse di idioti che si prendono a mazzate per primeggiare su chi ha il miglior amico immaginario.Quelli che mazzolano di più sono però quelli che non credono alle loro panzane, quelli che non vanno alle loro messe che poi non sono altro che una psicoterapia di gruppo per gente con molti problemi (di testa, soprattutto).E' triste vedere in giro questi tristi figuri ancora nel 2009. E' vero che il numero dei preti si è dimezzato negli ultimi 30 anni, che il numero di matrimoni civili ha superato di gran lunga quelli religiosi nel nord italia ecc. ecc. ma insomma vedere annichilita la libertà di espressione da questi residui fa' un po' impressione ....PS leggete Don Zauker : http://www.donzauker.it/
  • Albert Einstein scrive:
    Dovete tacere
    Fine della libertà di parola - chi se ne frega del giornalismo ufficiale dei megafoni delle banche ... qui vi hanno sottratto la libertà di espressione.Siete degli schiavi che ora non possono neanche cantare. Italiani, zimbelli del mondo....
  • ecco va.. scrive:
    chi la detto?
    lo ha detto "Il GIP del tribunale di Catania"...?Da quale puplito arriva questa sentenza...!!Aiutoooooooooooooooooo!
  • jobb scrive:
    preti e pretini
    mo pure i preti a rompere su internet...siete voi un vilipendio alla cultura e alla liberta' e inoltre nemmeno fare curare le persone malate con blocco delle staminali...ke skifo
    • ecco va.. scrive:
      Re: preti e pretini
      - Scritto da: jobb
      mo pure i preti a rompere su internet...siete voi
      un vilipendio alla cultura e alla liberta' e
      inoltre nemmeno fare curare le persone malate con
      blocco delle staminali...ke
      skifoquanto hai ragione...!
  • Unoqualunq e scrive:
    Così si uccidono i forum online
    Ma perché un forum non può essere semplicemente assimilato alle chiacchiere che si sentono al bar o in autobus?Che cavolo di responsabilità vanno cercando? Quante volte ciascuno di noi ha sentito un maleducato bestemmiare o offendere qualcuno e non succede niente? Il fatto si commenta da solo, squalifica chi ne è protagonista, sarà anche fastidioso ma non danneggia proprio nessuno. Vogliamo togliere la 'parola informatica' a chi non ha cultura o si esprime fuori dagli schemi? Che facciamo, condanniamo uno perché ha fatto un post offensivo? Maddai se è così dobbiamo mettere il moderatore in ogni bar, con il prete e il poliziotto per arrestare chi esce dai paletti. Mi sembra tutta una vicenda idiota.
    • ... scrive:
      Re: Così si uccidono i forum online
      - Scritto da: Unoqualunq e
      Ma perché un forum non può essere semplicemente
      assimilato alle chiacchiere che si sentono al bar
      o in
      autobus?
      Che cavolo di responsabilità vanno cercando?
      Quante volte ciascuno di noi ha sentito un
      maleducato bestemmiare o offendere qualcuno e non
      succede niente? Il fatto si commenta da solo,
      squalifica chi ne è protagonista, sarà anche
      fastidioso ma non danneggia proprio nessuno.
      Vogliamo togliere la 'parola informatica' a chi
      non ha cultura o si esprime fuori dagli schemi?
      Che facciamo, condanniamo uno perché ha fatto un
      post offensivo? Maddai se è così dobbiamo mettere
      il moderatore in ogni bar, con il prete e il
      poliziotto per arrestare chi esce dai paletti. Mi
      sembra tutta una vicenda
      idiota.E' già così.Ognuno è responsabile delle proprie azioni. Sei libero di chiacchierare e dire quello che ti pare, ma anche con le parole si può offendere e diffamare.Nei forum è la stessa identica cosa, solo che è come se continuassi a ripeterlo in ogni momento.
      • pippo75 scrive:
        Re: Così si uccidono i forum online

        Ognuno è responsabile delle proprie azioni. Sei
        libero di chiacchierare e dire quello che ti
        pare, ma anche con le parole si può offendere e
        diffamare.d'accordo, quindi it.politica ha i giorni contati :).Comunque la prossima sentenza dirà che i forum sono paragonabili alla carta, mentre la successiva ancora dirà l'opposto.Diciamo un vero flip-flop bistabile.
      • Unoqualunq e scrive:
        Re: Così si uccidono i forum online
        Offendere e diffamare sono cose che nell'età della rete devono avere significato diverso. E vero che una offesa su un post resta per sempre, ma il testo richiede una lettura intenzionale, chi legge può vedere la data di pubblicazione e valutare l'attendibilità del sito e della firma. Direi che il fatto di subire accuse e critiche è lo scotto naturale dei personaggi in vista, non vedo perché debbano spingere i provider a fare censure preventive: semmai facciano loro delle azioni legali, lasciando tracce e venendo allo scoperto. Ci hanno detto a catechismo che l'uomo aveva il libero arbitrio e mangiando la mela è poi stato condannato a vivere sulla terra. Se dio avesse messo intorno all'albero di mele uno steccato l'uomo sarebbe ancora lassù.
  • Alessandrox scrive:
    SENTENZA CONTRADDITTORIA
    se si stabilisce che la differenza tra una semplice bacheca e la STAMPA e' che quest' ultima ha un UNICO soggetto responsabile (per chiunque scriva sotto la sua responsabilita') mentre la prima NO, vuol dire allora che in una bacheca e' il SINGOLO scrivente o mittente (potendo questi essere individuato) del contenuto, il responsabile di cio' che egli stesso immette... e nessun altro.E invece viene condannato tutto il FORUM... che equivale a stabilire che chi offre il mezzo e' il responsbile... Ma allora e' stampa clandestinaNon ci siamo...Abbiamo PESSIMI giudici e PEssimi LEGISLATORI.QUINDI UNA pessima GIUSTIZIA..... ma questo lo si sapeva gia', nulla di nuovo, cosa risaputa.Italia patria della MANCANZA del Diritto.
    • pabloski scrive:
      Re: SENTENZA CONTRADDITTORIA
      non dimenticare che gli stessi soggetti affermarono tempo fa che stuprare una donna in jeans non è stupro, perchè i jeans non possono essere tolti senza l'aiuto della donna
      • All Your Base Are Belong To Us scrive:
        Re: SENTENZA CONTRADDITTORIA
        Forse ignorano che tutte ci stanno con un coltello alla gola!
      • HAL 9000 scrive:
        Re: SENTENZA CONTRADDITTORIA
        - Scritto da: pabloski
        non dimenticare che gli stessi soggetti
        affermarono tempo fa che stuprare una donna in
        jeans non è stupro, perchè i jeans non possono
        essere tolti senza l'aiuto della
        donnaVeramente nel caso in questione si affermava che non possono essere tolti senza l'aiuto della donna sul sedile posteriore di una utilitaria (era una 500 o un Panda, questo non lo ricordo).Naturalmente la seconda parte è stata subito cancellata dai mass media, altrimenti non ci sarebbe stato il dibattito infuocato che ne è seguito.
    • pippo75 scrive:
      Re: SENTENZA CONTRADDITTORIA

      Abbiamo PESSIMI giudici e PEssimi LEGISLATORI.sono anni che lo sto dicendo.
      Italia patria della MANCANZA del Diritto.No, si parte dal fatto che il diritto va interpretato, che è peggio.
      • egrep scrive:
        Re: SENTENZA CONTRADDITTORIA
        - Scritto da: pippo75
        No, si parte dal fatto che il diritto va
        interpretato, che è
        peggio.No si parte dal fatto che in Italia dopo l'entrata in vigore della Costituzione repubblicana, sono rimaste in vigore norme anteriori ad essa, come i reati di "Vilipendio" di cui si parla.Vilipendio della religione di stato, introdotto dal cosiddetto Codice Rocco in pieno regime fascista, che nient'altro è se non il nostro Codice penale attualmente in vigore.A nulla è valso modificare la frase "religione di stato" in "confessione religiosa". L'anacronismo di questa figura di reato e di quelli affini rimane tutta.
  • er meglio scrive:
    le conclusioni
    una cosa noto leggendo i commenti della gente riguardo questo tema.Le offese gratuite.ciò davvero mi disgusta, davvero mi fa rabbrividire una cosa del genere. Non credo ancora che adesso nel 2009 siamo davanti a gente, che oltre ad essere ignorante, offende gratuitamente.Io non ho intenzione di schierarmi pro o contro. Osservo solo che la presenza di commenti tesi a denigrare la religione sono davvero senza una base razionale, voi che di razionalità sembrate esserne i promotori. Voi definite questa democrazia. Ma a qualcuno sfugge il vero concetto di democrazia e di libertà di espressione.
    • Giambo scrive:
      Re: le conclusioni
      - Scritto da: er meglio
      Io non ho intenzione di schierarmi pro o contro.
      Osservo solo che la presenza di commenti tesi a
      denigrare la religione sono davvero senza una
      base razionale, voi che di razionalità sembrate
      esserne i promotori.Prendila come satira: Usare l'irrazionalita' contro qualcosa di totalmente irrazionale (Le religioni)
      Voi definite questa democrazia. Ma a qualcuno
      sfugge il vero concetto di democrazia e di
      libertà di
      espressione.Denigrare la religione e' antidemocratico ?
      • er meglio scrive:
        Re: le conclusioni
        Ma ecco, il punto è questo.La satira ha sempre un limite, un limite imposto dall'etica. Qui mi sembra che l'etica se ne vada da qualche altra parte.Qui sembra che ognuno può dire la sua senza alcun controllo.L'articolo 21 della Costituzione prevede si la libertà di espresione da parte di qualsiasi persona che si dichiari cittadino italiano, ma presuppone, a mio avviso, il rispetto di un'etica. Io posso denunciare la religione come qualcosa di assolutamente irrazionale. Ma non posso denigrarla. Non posso deridere chi crede in essa. Non posso deridere chi crede all'Inferno.
        • Gino Pilotino scrive:
          Re: le conclusioni
          Non mi pare che la satira abbia più un'etica :D
        • Giambo scrive:
          Re: le conclusioni
          - Scritto da: er meglio
          Ma ecco, il punto è questo.
          La satira ha sempre un limite, un limite imposto
          dall'etica. Qui mi sembra che l'etica se ne vada
          da qualche altra
          parte."Etica" ? Secondo te bestemmiare non e' etico ?
          L'articolo 21 della Costituzione prevede si la
          libertà di espresione da parte di qualsiasi
          persona che si dichiari cittadino italiano, ma
          presuppone, a mio avviso, il rispetto di
          un'etica. Io posso denunciare la religione come
          qualcosa di assolutamente irrazionale. Ma non
          posso denigrarla.Si, puoi denigrarla quanto vuoi.
          Non posso deridere chi crede in
          essa. Non posso deridere chi crede
          all'Inferno.Spiegami perche' non potresti farlo. Chiunque e' libero di professare qualsiasi cavolata gli passi per la testa e pretendere che non scoppi a ridergli in faccia ?
          • er meglio scrive:
            Re: le conclusioni
            è quello che non ti è chiaro. Non hai rispetto dell'opinione altrui, reagendo pertanto di conseguenza.Se esistesse ancora Voltaire, una lezione sulla tolleranza sarebbe stata gradita ascoltarla.
          • Giambo scrive:
            Re: le conclusioni
            - Scritto da: er meglio
            è quello che non ti è chiaro. Non hai rispetto
            dell'opinione altrui, reagendo pertanto di
            conseguenza.No. Io bestemmio per ragioni mie, non per fare un dispetto al credente. Delle sue opinioni posso solo abbozzare un sorriso :)
            Se esistesse ancora Voltaire, una lezione sulla
            tolleranza sarebbe stata gradita
            ascoltarla.Tolleranza significa anche permettere a chiunque di lanciare invettive contro una divinita' inesistente, non credi ?
          • er meglio scrive:
            Re: le conclusioni

            No. Io bestemmio per ragioni mie, non per fare un
            dispetto al credente. Delle sue opinioni posso
            solo abbozzare un sorriso
            :)tu bestemmi per ragioni tue. Questo era assodato. Ma il fatto, te lo ripeto, è che le opinioni non devono andare contro un'etica. Puoi dire quello che vuoi, ma entro certi limiti, e sopratutto senza mancare di rispetto a qualcuno che ne è fermamente convinto.Adesso ti faccio un esempio. Ti sia chiaro, è solo un ESEMPIO.Lancio delle invettive contro tua madre. stando al tuo ragionamento la mia è un opinione. Tu la rispetti. E giustamente ti difendi. Invettive che tra l'altro sono gratuite. Il ragionamento mi sembra fili, mi sembra non incontri nessuno ostacolo, e mi sembra sia perfetto. Adesso, sinceramente, mi dice se la cosa potrebbe darle fastidio, o semplicemente mi chiedesse di smetterla, e di almeno pensarci su prima di ripetere una cosa del genere.


            Tolleranza significa anche permettere a chiunque
            di lanciare invettive contro una divinita'
            inesistente, non credi
            ?Il fatto che non esista è sua opinione, quindi non necessariamente vera. Per un credente Dio esiste. Quindi, per tollerenza, dovrebbe evitare di lanciare invettive, proprio perchè, per come recitano a memoria alcuni, non c'è la prova fisica (perchè i logiche ce ne sono ben 4, e sono anche di Cartesio, uno dei più grandi razionalisit di tutti i tempi) che Dio non esista.Tollerare non significa solamente rispettare opinione altrui.Ma in maniera più sottile, rispettare un'opinione altrui che deriva da un'attenta critica. guardi, solo per curiosità, si vada a leggere "Che cosa è l'illuminismo" di Kant.
          • Giambo scrive:
            Re: le conclusioni
            - Scritto da: er meglio
            tu bestemmi per ragioni tue. Questo era assodato.
            Ma il fatto, te lo ripeto, è che le opinioni non
            devono andare contro un'etica.Non vedo niente di non-etico nella bestemmia. Vuoi forse dirmi che deridere qualsiasi credenza e' anti-etico ?
            Puoi dire quello
            che vuoi, ma entro certi limiti, e sopratutto
            senza mancare di rispetto a qualcuno che ne è
            fermamente
            convinto.Io non bestemmio il credente. Se l'oggetto della bestemmia si sente offeso, che me lo faccia sapere. Personalmente.
            Lancio delle invettive contro tua madre. Mia madre esiste. Esempio fallato. Next.

            Tolleranza significa anche permettere a chiunque

            di lanciare invettive contro una divinita'

            inesistente, non credi

            ?

            Il fatto che non esista è sua opinione, quindi
            non necessariamente vera.Non e' un'opinione, si puo' dire che sia certezza. Fino a prova contraria, ovviamente.Quando mi porterai prove tangibili dell'esistenza di una divinita', ritrattero' tutto e mi cospargero' il capo di cenere.
            Per un credente Dio esiste.Quindi secondo te basta questo per rendere la bestemmia qualcosa di "non etico".Bene, sappi che il tuo nick "er meglio", e' altamente offensivo per la mia religione. Come pure il tuo taglio di capelli, e' comparabile a una bestemmia verso il mio dio.
            Quindi, per tollerenza, dovrebbe evitare
            di lanciare invettive, proprio perchè, per come
            recitano a memoria alcuni, non c'è la prova
            fisica (perchè i logiche ce ne sono ben 4, e sono
            anche di Cartesio, uno dei più grandi
            razionalisit di tutti i tempi) che Dio non
            esista.La conosci la storia della Teiera di Russel ?Ecco, leggila, poi vergognati del fatto che tu porti l'argomentazione "Non c'e' prova che non esista" :)
            Ma in maniera più sottile, rispettare un'opinione
            altrui che deriva da un'attenta critica.Faccio fatica a rispettare l'opinione altrui quando si basa su astrusita' talmente grandi come quelle propugnate dalla religione.Ma ci provo, infatti le mie invettive non sono rivolte al credente.
            guardi, solo per curiosità, si vada a leggere
            "Che cosa è l'illuminismo" di
            Kant.Peche' ora mi dai del "Lei" :o ?
          • LeartS scrive:
            Re: le conclusioni
            - Scritto da: er meglio
            è quello che non ti è chiaro. Non hai rispetto
            dell'opinione altrui, reagendo pertanto di
            conseguenza.
            Se esistesse ancora Voltaire, una lezione sulla
            tolleranza sarebbe stata gradita
            ascoltarla.Questo Voltaire? O.o- La religione esiste da quando il primo ipocrita ha incontrato il primo XXXXXXXXX.- Non è il momento di farsi nuovi nemici. (Nel letto di morte, all'esortazione di un prete a rinunciare al diavolo e tornare a Dio).- Dichiariamolo apertamente noi che non siamo preti e che non li temiamo: la culla della Chiesa nascente è circondata solo da imposture. È una sequela ininterrotta di libri assurdi sotto nomi supposti.- Le verità della religione non sono mai capite così bene come da quelli che hanno perso la capacita di ragionare.
          • er meglio scrive:
            Re: le conclusioni
            si proprio quello.che non offende gratuitamente. Ti sarei grato se leggessi dall'inizio i commenti.
          • Aria scrive:
            Re: le conclusioni
            Mmm vediamo i cattolici però possono permettersi la diffamazione a mezzo stampa degli atei quotidianamente. Il bello è che hanno anche la faccia tosta di negare e di offendersi se qualcuno li critica.Provate ad ascoltare questo: http://www.youtube.com/watch?v=8KpjzrnGi60Vediamo noi atei amiamo il male, siamo criminali, scendiamo negli abissi, siamo frutto di filiaziona satanica, ecc..... però se si parla di fatti accertati (centinaia di condanne) come i preti pedofili i siti vanno oscurati.Se uno parla delle belle azioni del beato Stepinac cosa gli fanno?
      • un noncredent e scrive:
        Re: le conclusioni
        la satira è ben altro, qui il riferimento era agli insulti gratuiti.le religioni possono avere una certa non-razionalità, ma non mettiamole sullo stesso piano della violenza verbale degli ignoranti, perché sarebbe offensivo.misuriamo le parole.vivi e lascia vivere: è antidemocratico cercare di demolire le convinzioni degli altri con concetti vuoti e maschere violente.saluti.
        • er meglio scrive:
          Re: le conclusioni
          - Scritto da: un noncredent e
          la satira è ben altro, qui il riferimento era
          agli insulti
          gratuiti.
          le religioni possono avere una certa
          non-razionalità, ma non mettiamole sullo stesso
          piano della violenza verbale degli ignoranti,
          perché sarebbe
          offensivo.
          misuriamo le parole.

          vivi e lascia vivere: è antidemocratico cercare
          di demolire le convinzioni degli altri con
          concetti vuoti e maschere
          violente.

          saluti.complimenti per il discorso. DAVVERO.
        • Giambo scrive:
          Re: le conclusioni
          - Scritto da: un noncredent e
          vivi e lascia vivere: è antidemocratico cercare
          di demolire le convinzioni degli altri con
          concetti vuoti e maschere
          violente.Non cerco di demolire niente, io. Non faccio proselitismo, non cerco di imporre la mia idea di divinita' agli altri.Non cerco di vietare la bestemmia.Io voglio ribadire la mia liberta' di bestemmiare qualsiasi cosa, per quanto inesistente possa essere.
    • guast scrive:
      Re: le conclusioni
      Personalmente non avrei niente contro le religioni. Se non fosse che salta sempre fuori qualche persona religiosa che mi viene a dire come mi devo comportare come devo vivere e cosa devo dire. E' ovvio che reagisco.Io ho verso gli altri lo stesso rispetto che gli altri hanno verso di me. Non vedo nè la chiesa nè le altre persone religiose avere alcun rispetto verso chi religioso non è. Adesso che pretendete
      • er meglio scrive:
        Re: le conclusioni
        Un discorso troppo generico. Paragonare tutti coloro che credono a gente che fa propaganda per il suo credo, costringendo atei a convertirsi, minaccandoli pure, mi sembra un po esagerato. Ognuno esprime un suo intendimento per quanto riguarda la religione. Intendimento che a volte viene frainteso, e considerato come obbligo. Ognuno è libero di scegliere, fra una cosa ed un altra.
        • guast scrive:
          Re: le conclusioni
          Di colpo diventi tollerante. Per caso non eri tu quello che si è presentato nel forum dicendoci cosa avremmo dovuto scrivere ? Non eri tu quello disgustato dai nostri commenti ?
          • er meglio scrive:
            Re: le conclusioni
            vedo che il mio intervento non ti è apparso chiaro.Sono sempre stato tollerante, e non ho mai detto cosa uno avrebbe dovuto scrivere. ti prego caldamente di citarmi il passo in cui dico le cose che tu affermi.Nel forum mi sono presentato dicendo che non sopporto le offese gratuite, derivanti da una mancata critica razionale e obiettiva alla cosa.La tolleranza, di cui parlava tanto Voltaire, non è accettare tutto ciò che uno dice, ma "difendere sino alla morte il diritto di dirlo" dopo un'attenta critica razionale della cosa.Una cosa che non è a prescindere dall'etica, ma strettamente collegata con essa. Si parla tanto di tolleranza 0, ma di semplice tolleranza, nel senso illuministico del termine pochi ne parlano.E sa perchè? Perchè è un qualcosa che davvero si fa fatica ad accettare. La democrazia ha tanti pregi. Ma credo abbi un unico grande difetto: ognuno può esprimere la sua opinione, pur non preoccupandosi di un'etica, che vuoi o non vuoi, è impregnata proprio dalla religione cristiana.la prossima volta che leggi un commento, ti prego di prestare attenzione a ciò che uno scrive, non correndo a riflessioni affrettate.
  • filoberto scrive:
    mi si consenta (se posso esprimermi!)
    (premetto che quel che scrivo deriva dalle informazioni lette su diversi siti internet, non dalla lettura della sentenza)che un forum (ma si dice qulcosa dei blog?) non sia una testata giornalistica sembra una grande conquista (diciamo che si poteva arrivare prima)il problema è che l'autorità giudiziaria non deve bloccare intere sezioni di un sito, quali un forum, ma dovrebbe intervenire solo sui post (e al limite ma proprio al limite) sugli utenti "incriminati"e poi l'uso del blocco preventivo deve essere limitato a seri e gravi casi, FERMARE IL DIBATTITO PUBBLICO È DI PER SÈ PREGIUDIZIALE AD UNA DEMOCRAZIAma poi Aduc può chiedere i danni per il blocco del proprio forum? o un giudice può intervenire liberamente a proprio insindacabile giudizio a bloccare quel che gli pare, a seconda di come si svegli la mattina?
    • rik scrive:
      Re: mi si consenta (se posso esprimermi!)
      Per la faccenda dei Blog, la sentenza si riferisce ai soli forum di discussione. Quindi credo che estendere quanto deciso anche ai blog sia azzardato.Per i sequestri, credo che sia un problema di leggi piuttosto che di giudici. Leggi inadeguate a regolare realtà come internet e i suoi "spazi", compresi quelli di discussione. Non per altro: perché si tratta di norme scritte e pensate per altri tipi di "luoghi".Prendiamo ad esempio lo strumento del sequestro preventivo come previsto dal nostro codice di procedura penale.Nel caso in cui venga commesso un delitto all'interno di un'abitazione, si sequestra l'appartamento.Quando invece fatti simili vengono commessi in rete, questi a norma delle stesse leggi ti sequestrano l'equivalente di un intero condominio se non addirittura un'intera città.Bhò, vallo a spiegare a qualche parlamentare nostrano.
      • Alessandrox scrive:
        Re: mi si consenta (se posso esprimermi!)
        IL fatto grave e' che sequestrano l' intero forum PUR potendo identificare ed isolare i singoli contenuti incriminati e i loro autori!Cioe' pur mancando i presupposti e la necessita' per il sequestro preventivo di tutto il forum
    • Alessandrox scrive:
      Re: mi si consenta (se posso esprimermi!)
      Il PUNTO e' proprio questo: se si stabilisce che la differenza tra una semplice bacheca e la STAMPA e' che quest' ultima ha un UNICO soggetto responsabile (per chiunque scriva sotto la sua responsabilita') mentre la prima NO, vuol dire allora che in una bacheca e' il SINGOLO scrivente o mittente (potendo questi essere individuato) del contenuto, il responsabile di cio' che egli stesso immette... e nessun altro.
  • Alessandrox scrive:
    LE CONTRADDIZIONI DELLA COSTITUZIONE
    Il principio stabilito da questa sentenza e' condivisibile: Blog e Forum non sono stampa e quindi non sono soggetti alle leggi che la regolano...MA segue che:ERGO nemmeno alle tutele/garanzie... (guarentigie)Quali?Vediamo:Dall' Art21 :_______________________________________________ LA STAMPA non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l'indicazione dei responsabili.In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell'autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all'autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s'intende revocato e privo di ogni effetto.-------------------------------------------------ERGO: tutto cio' che non e' considerato stampa Può essere soggetta ad autorizzazioni o censure Pero' l' Art. 21 esordisce con: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione .Come si vede e' una contraddizione INSITA nella stessa formulazione della costituzione, fatta in tempi in cui non esistevano altre forme di diffusioen del pensiero diverse dalla stampa tradizionale, cvartacea ed emessa da una societa' editoriale con direttore responsabile...Prima si stabilisce che TUTTI e con qualsiasi mezzo hanno diritto ma poi si dice che un mezzo e' privilegiato rispetto ad un altro che uno non puo' essere censurato e l' altro si .e' OVVIO che non si puo' dire che un diritto e' garantito a tutti e poi stabilire delle specificazioni: o e' garantito a tutti o per nessuno e se qualcuno puo' essere censurato allora il diritto gli e' NEGATO in quanto la CENSURA e' la NEGAZIONE del diritto alla libera espressione.Apparentemente sembra un arbitrio ingiustificato perche' il MEZZO IN SE non garantisce nulla ...In realta' e' la forma STAMPA che essendo gia' sottoposta ad un organo di AUTOCONTROLLO, l' Ordine Dei Griornalisti con relativo albo, dovrebbe in TEORIA fornire gia' di per se (per come e' strutturata) delle garanzie, mentre altre forme piu' LIBERE non avendo nessun ente di autoregolamentazione possono essere sottposte direttamente all' autorita' giudiziaria.Il FATTO e' che nella realta' l' Organo di autoregolamentazione della Stampa NON GARANTISCE NULLA circa la serieta', l' imparzialita', la professionalita' e la correttezza dell' operato dei suoi controllati/iscritti.NOn ho problemi a riportarvi una lunga serie di BOIATE scritte sulla stampa senza che nemmeno si fossero minimamente sforzati di documentarsi anche quando era facilmente possibile.Questi possomno scrivere quello che gli pare e nessuno fa nulla... a meno di non avere degli ottimi avvocati ben pagati (cosa evidentememnte alal portata solo di una esigua minoranza delal popolazione).Inoltre questa sentenza stabilisce che chi ha piu' potere e responsabilita' ha anche meno doveri, meno controlli e piu' garanzie.Bella trovata... degna dell' epoca feudale medievale...
    • littlegauss scrive:
      Re: LE CONTRADDIZIONI DELLA COSTITUZIONE
      ma no, non cambia niente! Cioè, non è che non si può esprimere la propria idea, mettiamo il caso che io scriva frasi oscene verso qualcuno su dei foglietti e mi metta a distribuirli ai passanti, è normale e giusto che questo qualcuno denunciandomi mi possa far fermare dai carabinieri, ed è normale che il giudice mi chiami a rispondere del reato di diffamazione o di qualunque altra cosa.La differenza con un giornale, ed un forum NON lo è, è che il giudice può chiamare a rispondere delle frasi oscene anche il direttore, il vicedirettore e l'editore. In tale caso però, grazie a questo allargamento di responsabilità, si giova della garanzia che non più essere bloccata la distribuzione dei giornali.Se vuoi essere un giornale puoi aprire una testata giornalistica su internet, avrai le stesse garanzie!Riguardo al siciliano che si è beccato il reato di stampa clandestina,beh, quello è scandaloso!;)
  • nomenco scrive:
    eh si, è proprio vero:
    nulla può salvare l'uomo: la fede, forse, lo può aiutare
    • Giambo scrive:
      Re: eh si, è proprio vero:
      - Scritto da: nomenco
      nulla può salvare l'uomo: la fede, forse, lo può
      aiutareForse. Ma forse no. Anzi, e' molto piu' probabile di no. Infatti non ci sono prove a suffragio di questa ipotesi.
      • nomenco scrive:
        Re: eh si, è proprio vero:
        - Scritto da: Giambo
        Forse. Ma forse no. Anzi, e' molto piu' probabile
        di no. Infatti non ci sono prove a suffragio di
        questa
        ipotesi.ciò avviene nella misura in cui l'uomo crede di poter essere aiutato dalla fede. Non ci sono prove nemmeno del contrario.
        • Giambo scrive:
          Re: eh si, è proprio vero:
          - Scritto da: nomenco

          Forse. Ma forse no. Anzi, e' molto piu'
          probabile

          di no. Infatti non ci sono prove a suffragio di

          questa

          ipotesi.

          ciò avviene nella misura in cui l'uomo crede di
          poter essere aiutato dalla fede.Ripeto: Non c'e' nessuna prova a sostegno della tua tesi.
          Non ci sono
          prove nemmeno del
          contrario.Non ci sono prove contrarie neppure all'esistenza di una teiera piazzata tra l'orbita di marte e della terra:http://it.wikipedia.org/wiki/Teiera_di_RussellIl tuo ragionamento e' fallato in partenza.
    • silvan scrive:
      Re: eh si, è proprio vero:
      Più che salvarlo lo può illudere di avere la speranza di non dover morire definitivamente. Questo spiega il grande sucXXXXX delle religioni fin da quando l'uomo ha compreso con orrore che prima o poi arriva la morte.
  • tigre contro tigre scrive:
    bestemmiefreestyle.com
    dite che possono rompere anche per questo sito?bestemmiefreestyle.com rispondete please
  • speration scrive:
    server all'estero
    volendo spostare il sito web all'estero, rimanendo in Europa, tralasciando XXXXX e affini, parlando di siti seri con forum molto visitati da persone che hanno voglia di parlare in tranquillita' senza la paura del sequestro: che paese consigliate per l'hosting/housing ? dov'e' che ci sono meno problemi tipo questi ?
    • ambaraba ciccicocco scrive:
      Re: server all'estero
      dite che in america ci arrivano a rompere le palle?posso obbligare un provider americano a fornire i dati dei proprietari del sito?grazie
      • pabloski scrive:
        Re: server all'estero
        no, l'ISP americano darà loro i dati solo se il reato contestato è tale anche negli USA....inoltre bisogna chiedere una rogatoria, roba che costa e che viene chiesta solo quando ci sono reati gravi alla base
    • ... scrive:
      Re: server all'estero
      - Scritto da: speration
      volendo spostare il sito web all'estero,
      rimanendo in Europa, tralasciando XXXXX e affini,
      parlando di siti seri con forum molto visitati da
      persone che hanno voglia di parlare in
      tranquillita' senza la paura del sequestro:


      che paese consigliate per l'hosting/housing ?
      dov'e' che ci sono meno problemi tipo questi ?Visto che vivi in Italia sei comunque passibile di rotture.Dovresti avere un sito non riconducibile a te.
      • speration scrive:
        Re: server all'estero
        si ma un conto sono le rotture, gia avute e superate in passato, ma il sequestro e' una rovina. non sono certo ma forse avendo il server all'estero la polizia non puo' sequestrare senza passare per il proprietario.un'altra cosa poco chiara: prima di un eventuale sequestro e' conXXXXX un backup ? e una rimozione di dati sensibili ?
        • ... scrive:
          Re: server all'estero
          - Scritto da: speration
          si ma un conto sono le rotture, gia avute e
          superate in passato, ma il sequestro e' una
          rovina. non sono certo ma forse avendo il server
          all'estero la polizia non puo' sequestrare senza
          passare per il
          proprietario.Sicuramente sarebbe molto peggio :)Direi che dipende dal tipo di contenuto. Visto che comunque non è che vengono sequestrati i siti così per gioco, se quella data cosa è reato in quell'altro stato allora probabilmente lo fanno sequestrare a quegli altri.
          un'altra cosa poco chiara: prima di un eventuale
          sequestro e' conXXXXX un backup ? e una rimozione
          di dati sensibili
          ?Il backup non ne ho idea, l'eliminazione di dati credo proprio di no.
    • guast scrive:
      Re: server all'estero
      Sarebbero destinati ad utenti italiani ?In questo caso controlla come va la storia dei filtri anti XXXXX. Se veramente li mettessero in campo diventerebbe facile bloccare l'acXXXXX a siti del genere
    • Giambo scrive:
      Re: server all'estero
      - Scritto da: speration
      che paese consigliate per l'hosting/housing ? Sono cliente da diversi anni di hetzner.deUn buonissimo rapporto prezzo/prestazioni, e il servizio e' eccellente !L'unico "problema" e' che mi pare siano rivolti a una clientela di lingua prevalentemente tedesca :( ...
      • J3njy scrive:
        Re: server all'estero
        Hetzner.de è OTTIMO, io ci tengo 3 server li e sono ESTREMAMENTE SODDISFATTO!La velocità è ottima e i server sono super corazzati !Provate www.j3njy.it il mio blog per verificare i tempi di risposta !Anche OVH dicono non sia male comunque !
    • Amazing scrive:
      Re: server all'estero
      Megli un server negli USA, li si può sempre fare appello alla libertà di espressione
  • ambaraba ciccicocco scrive:
    bestemmie freestyle
    ma allora il sito bestemmie freestyle rischia di essere chiuso anche se è hostato in america?rispondete prima che censurino di nuovo il post perfavore!
  • unaDuraLezione scrive:
    Re: Lega dei senza dio
    contenuto non disponibile
    • Wolf01 scrive:
      Re: Lega dei senza dio
      Magari no, ma il T1000 glie la dà lo stesso :P
    • Marco M. scrive:
      Re: Lega dei senza dio
      - Scritto da: unaDuraLezione
      - Scritto da: Marco M.


      Chissà come commenteresti se io usassi gli
      stessi

      toni contro di te


      Al posto di preoccuparti di quello che penserebbe
      lui nel caso fosse oggetto di offese, lascia che
      l'oggetto delle sue, OVVERO DIO, si difenda da
      solo come meglio
      crede.
      O tu pensi che DIO abbia bisogno di una mano da
      te?Vedo che rispondi OT, che in generale è indice di mancanza di argomenti. Tantopiu' quando la risposta è una parafrasi del concetto "fatti i cxxi tuoi" come in questo caso!Non ti lascio senza risposta, tuttavia. Dio in se non ha bisogno di nessuno. Ma che tu ci creda o no a noi ci tiene, al punto da mandarci suo figlio (non pretendo che tu condivida la mia opinione ovviamente). E tiene a tutti, soprattutto a chi è + lontano da Lui.Poichè ci ama non è vendicativo e non credo senta la necessità di rispondere ad ogni bestemmia. Probabilmente pero' presto o tardi nella vita lo incontrerai e quel giorno sarai libero di dirgli di si o di no, visto che sei e sarai sempre libero di scegliere cio' che preferisci. E forse (ripeto forse) per allora ti sarai ricreduto. Nel frattempo ti sarei grato se ti trattenessi dall'offendere chi ha convinzioni diverse dalle tue. Che Dio, nel quale tu non credi ma io sì, ti benedica
      • pippo scrive:
        Re: Lega dei senza dio

        Dio in se non ha bisogno di nessuno.Quindi che lo difendi a fare? :D
        Nel frattempo ti sarei grato se ti trattenessi
        dall'offendere chi ha convinzioni diverse dalle
        tue.Offendere come? Dandoti dell'interista ;)
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Lega dei senza dio
        contenuto non disponibile
        • ermete scrive:
          Re: Lega dei senza dio
          Ma secondo me il punto mica è questo. Gli argomenti che porti sono inattaccabili da un punto di vista logico. La Bibbia è un insieme di scritti e dettati infinitamente rimaneggiati nei millenni, zeppi di contraddizioni e di superstizioni. Il problema è che la religione si fonda sulla fede e la fede è un sentimento: o lo provi o non lo provi. Se lo provi allora lo difendi proprio perché è un sentimento. Un sentimento di appartenenza come la Patria, la Squadra Del Cuore, la Famiglia, le Tradizioni, la Mamma... Non lo si mette volentieri in discussione, anzi si tende a diventare piuttosto aggressivi se non addirittura violenti. Questo vale per il popolo (ino), non certo per i dirigenti delle Religioni potenti che valutano solo i ritorni economici e di orientamento delle masse. Se invece questo sentimento non lo provi non te ne frega niente e nessuno ti può convincere a parole o con la forza a provarlo.I credenti cattolici credono di essere nel giusto come fai a dimostragli il contrario? Non pensano neppure che se appena nati fossero stati rapiti e portati in India ora sarebbero con ogni probabilità quanto meno "non cattolici"...
        • MArco M scrive:
          Re: Lega dei senza dio
          Modificato dall' autore il 11 marzo 2009 15.05
          --------------------------------------------------
      • LeartS scrive:
        Re: Lega dei senza dio
        - Scritto da: Marco M.
        sarai sempre
        libero di scegliere cio' che preferisci."O la borsa o la vita".Questa è libertà secondo te?(Per chi non arriva a capire cosa centri questo:"o scegli dio o vai all'inferno")
        • Marco M scrive:
          Re: Lega dei senza dio
          - Scritto da: LeartS
          - Scritto da: Marco M.

          sarai sempre

          libero di scegliere cio' che preferisci.

          "O la borsa o la vita".
          Questa è libertà secondo te?

          (Per chi non arriva a capire cosa centri questo:
          "o scegli dio o vai all'inferno")Hai ragione. La vita in effetti è fatta di ignobili ricatti che frustrano le libertà individuali: se non accendi il motore la macchina non parte.Se non mastichi quando mangi rischi di strangolarti...e così via. La religione cattolica indica una via verso la salvezza. Se non ci credi e non ti interessa il problema non si pone. Tanto è tutto falso, giusto?Se ci credi e scegli comunque di non percorrerla è ovvio che non ci arriverai, semprechè tu non ti ravveda sino all'ultimo.Forse per te libertà vuol dire non subire le conseguenze delle tue scelte?
          • krane scrive:
            Re: Lega dei senza dio
            - Scritto da: Marco M
            - Scritto da: LeartS

            - Scritto da: Marco M.


            sarai sempre


            libero di scegliere cio' che preferisci.

            "O la borsa o la vita".

            Questa è libertà secondo te?

            (Per chi non arriva a capire cosa centri questo:

            "o scegli dio o vai all'inferno")
            Hai ragione. La vita in effetti è fatta di
            ignobili ricatti che frustrano le libertà
            individuali:
            se non accendi il motore la macchina non parte.
            Se non mastichi quando mangi rischi di
            strangolarti... e così via.

            La religione cattolica indica una via verso la
            salvezza. Se non ci credi e non ti interessa il
            problema non si pone. Tanto è tutto falso,
            giusto?
            Se ci credi e scegli comunque di non percorrerla
            è ovvio che non ci arriverai, semprechè tu non ti
            ravveda sino all'ultimo.
            Forse per te libertà vuol dire non subire le
            conseguenze delle tue scelte?Si ma anche non trovarsi dei rompiglioni che ti tentanto di convincere di questo o di quello ogni 3x2; e per fortuna che si sono calmati negli ultimi 100 anni, con i milioni di morti che ah provocato la chiesa cattolica nella storia dovrebbe usare tutte le sue risorse per chiedere perdono al loro "buon (rotfl)" dio.
      • krane scrive:
        Re: Lega dei senza dio
        - Scritto da: Marco M.
        - Scritto da: unaDuraLezione

        - Scritto da: Marco M.


        Chissà come commenteresti se io usassi gli


        stessi toni contro di te

        Al posto di preoccuparti di quello che

        penserebbe lui nel caso fosse oggetto

        di offese, lascia che l'oggetto delle

        sue, OVVERO DIO, si difenda da solo

        come meglio crede.

        O tu pensi che DIO abbia bisogno di una

        mano da te?
        Vedo che rispondi OT, che in generale è indice di
        mancanza di argomenti. Tantopiu' quando la
        risposta è una parafrasi del concetto "fatti i
        cxxi tuoi" come in questo caso!
        Non ti lascio senza risposta, tuttavia.
        Dio in se non ha bisogno di nessuno. Ma che tu ci
        creda o no a noi ci tiene, al punto da mandarci
        suo figlio (non pretendo che tu condivida la mia
        opinione ovviamente). Sai che sforzo per una creature onnipotente: con uno schiocco di dita puo' far comparire / sparire / rigenerare / generare n copie / mandare avanti o dietro nello spaziotempo il figlio.
        E tiene a tutti, soprattutto a chi è + lontano
        da Lui.Ma non era onnipresente ? Adesso e' lontano ??
        Poichè ci ama non è vendicativo e non credo senta
        la necessità di rispondere ad ogni bestemmia.Allora siamo tranquilli, se la cosa non disturba lui tu che ti preoccupi ? Fai l'avvocato del diavolo a dio ?
        Probabilmente pero' presto o tardi nella vita lo
        incontrerai e quel giorno sarai libero di dirgli
        di si o di no, visto che sei e sarai sempre
        libero di scegliere cio' che preferisci. E forse
        (ripeto forse) per allora ti sarai ricreduto.E se non lo incontrasse ? E se non esistesse e fosse solo un'illusione umana ?
        Nel frattempo ti sarei grato se ti trattenessi
        dall'offendere chi ha convinzioni diverse dalle
        tue.E gia' che ci siamo chiudiamo anche le associazioni a difesa delle donne infibulate, poiche' offendono una religione anche loro, oppure la cosa vale solo per la tua religione ?
        Che Dio, nel quale tu non credi ma io sì, ti
        benedicaPussa via...
        • Marco M scrive:
          Re: Lega dei senza dio
          - Scritto da: krane
          - Scritto da: Marco M.

          - Scritto da: unaDuraLezione


          - Scritto da: Marco M.




          Chissà come commenteresti se io usassi gli



          stessi toni contro di te



          Al posto di preoccuparti di quello che


          penserebbe lui nel caso fosse oggetto


          di offese, lascia che l'oggetto delle


          sue, OVVERO DIO, si difenda da solo


          come meglio crede.


          O tu pensi che DIO abbia bisogno di una


          mano da te?


          Vedo che rispondi OT, che in generale è indice
          di

          mancanza di argomenti. Tantopiu' quando la

          risposta è una parafrasi del concetto "fatti i

          cxxi tuoi" come in questo caso!


          Non ti lascio senza risposta, tuttavia.


          Dio in se non ha bisogno di nessuno. Ma che tu
          ci

          creda o no a noi ci tiene, al punto da mandarci

          suo figlio (non pretendo che tu condivida la mia

          opinione ovviamente).

          Sai che sforzo per una creature onnipotente: con
          uno schiocco di dita puo' far comparire / sparire
          / rigenerare / generare n copie / mandare avanti
          o dietro nello spaziotempo il
          figlio.Cio' non cambia il fatto che poteva non farlo e l'ha fatto, e la passione Cristo l'ha vissuta.

          E tiene a tutti, soprattutto a chi è + lontano

          da Lui.

          Ma non era onnipresente ? Adesso e' lontano ??Non sei certamente uno stupido quindi non fingere di non capire. Lontano dalla religione cattolica quindi da lui. Lui c'è a prescindere da te e da me.

          Poichè ci ama non è vendicativo e non credo
          senta

          la necessità di rispondere ad ogni bestemmia.

          Allora siamo tranquilli, se la cosa non disturba
          lui tu che ti preoccupi ? Fai l'avvocato del
          diavolo a dio?Non credo tu abbia problemi di comprensione di Italiano. Non essere vendicativo non vuol dire non soffrire.

          Probabilmente pero' presto o tardi nella vita lo

          incontrerai e quel giorno sarai libero di dirgli

          di si o di no, visto che sei e sarai sempre

          libero di scegliere cio' che preferisci. E forse

          (ripeto forse) per allora ti sarai ricreduto.

          E se non lo incontrasse ? E se non esistesse e
          fosse solo un'illusione umana?Cristo è storicamente esistito. E chiunque lo cerchi puo' trovarlo.

          Nel frattempo ti sarei grato se ti trattenessi

          dall'offendere chi ha convinzioni diverse dalle

          tue.

          E gia' che ci siamo chiudiamo anche le
          associazioni a difesa delle donne infibulate,
          poiche' offendono una religione anche loro,
          oppure la cosa vale solo per la tua religione?L'infibulazione è una pratica tribale, cosa ben diversa da una religione. Cosa c'entra con il topic di questo thread!

          Che Dio, nel quale tu non credi ma io sì, ti

          benedica

          Pussa via...ripeto. Che Dio ti benedica e ti doni ogni bene
          • krane scrive:
            Re: Lega dei senza dio
            - Scritto da: Marco M
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Marco M.


            - Scritto da: unaDuraLezione



            - Scritto da: Marco M.

            Sai che sforzo per una creature onnipotente: con

            uno schiocco di dita puo' far comparire /

            sparire / rigenerare / generare n copie / mandare

            avanti o dietro nello spaziotempo il figlio.
            Cio' non cambia il fatto che poteva non farlo e
            l'ha fatto, e la passione Cristo l'ha
            vissuta.Per una creatura onnipotente sai che sforzo...


            Poichè ci ama non è vendicativo e non credo


            senta la necessità di rispondere ad ogni


            bestemmia.

            Allora siamo tranquilli, se la cosa non disturba

            lui tu che ti preoccupi ? Fai l'avvocato del

            diavolo a dio?
            Non credo tu abbia problemi di comprensione di
            Italiano. Non essere vendicativo non vuol dire
            non soffrire.Ma tu come osi presumere come si senta una creatura tanto superiore ?

            E se non lo incontrasse ? E se non esistesse e

            fosse solo un'illusione umana?
            Cristo è storicamente esistito. E chiunque lo
            cerchi puo' trovarlo.Hai qualche link a museo o istituto di storia in cui siano studi probanti a riguardo ?


            Nel frattempo ti sarei grato se ti trattenessi


            dall'offendere chi ha convinzioni diverse


            dalle tue.

            E gia' che ci siamo chiudiamo anche le

            associazioni a difesa delle donne infibulate,

            poiche' offendono una religione anche loro,

            oppure la cosa vale solo per la tua religione?
            L'infibulazione è una pratica tribale, cosa ben
            diversa da una religione. Cosa c'entra con il
            topic di questo thread!E' vero, ho avuto il dubbio a riguardo e ieri sera ho letto molto riguardo all'infibulazione, NON e' una pratica legata ad una religione.


            Che Dio, nel quale tu non credi ma io sì, ti


            benedica

            Pussa via...
            ripeto. Che Dio ti benedica e ti doni ogni bene
          • Marco M. scrive:
            Re: Lega dei senza dio
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Marco M

            - Scritto da: krane


            - Scritto da: Marco M.



            - Scritto da: unaDuraLezione




            - Scritto da: Marco M.



            Sai che sforzo per una creature onnipotente:
            con


            uno schiocco di dita puo' far comparire /


            sparire / rigenerare / generare n copie /
            mandare



            avanti o dietro nello spaziotempo il figlio.

            Cio' non cambia il fatto che poteva non farlo e

            l'ha fatto, e la passione Cristo l'ha

            vissuta.

            Per una creatura onnipotente sai che sforzo...Essere onnipotente non vuol dire non soffrire. Nel caso specifico l'onipotenza si è tradotta nell'incarnarsi e vivere la passione a redenzione nostra. A conferma dell'importanza dei valori cardini del cristianesimo, overo l'amore per Dio e per il prossimo sino al sacrificio,di entrambi i quali Cristo è esempio perfetto.





            Poichè ci ama non è vendicativo e non credo



            senta la necessità di rispondere ad ogni



            bestemmia.



            Allora siamo tranquilli, se la cosa non
            disturba


            lui tu che ti preoccupi ? Fai l'avvocato del


            diavolo a dio?


            Non credo tu abbia problemi di comprensione di

            Italiano. Non essere vendicativo non vuol dire

            non soffrire.

            Ma tu come osi presumere come si senta una
            creatura tanto superiore
            ?Non presumo. E' spiegato nei testi sacri sia anteCristo (Vecchio Testamento) che dopo Cristo (Nuovo Testamento). Inoltre ci sono c.a. 2000 anni di teologi che ci hanno lavorato sopra....




            E se non lo incontrasse ? E se non esistesse e


            fosse solo un'illusione umana?

            Cristo è storicamente esistito. E chiunque lo

            cerchi puo' trovarlo.

            Hai qualche link a museo o istituto di storia in
            cui siano studi probanti a riguardo
            ?Circa la storicità, il primo posto dove ho cercato è wikipedia. Cito dal link http://en.wikipedia.org/wiki/Historicity_of_Jesus"With few exceptions (such as Robert M. Price), virtually all scholars in the fields of biblical studies and history agree that Jesus was a Jewish teacher from Galilee who was regarded as a healer, was baptized by John the Baptist, was accused of sedition against the Roman Empire, and on the orders of Roman Governor Pontius Pilate was sentenced to death by crucifixion."Per quanto riguarda il fatto che se lo cerchi lo trovi, provaci sinceramente e lo constaterai da solo.



            Nel frattempo ti sarei grato se ti
            trattenessi



            dall'offendere chi ha convinzioni diverse



            dalle tue.



            E gia' che ci siamo chiudiamo anche le


            associazioni a difesa delle donne infibulate,


            poiche' offendono una religione anche loro,


            oppure la cosa vale solo per la tua religione?


            L'infibulazione è una pratica tribale, cosa ben

            diversa da una religione. Cosa c'entra con il

            topic di questo thread!

            E' vero, ho avuto il dubbio a riguardo e ieri
            sera ho letto molto riguardo all'infibulazione,
            NON e' una pratica legata ad una
            religione.




            Che Dio, nel quale tu non credi ma io sì, ti



            benedica


            Pussa via...

            ripeto. Che Dio ti benedica e ti doni ogni bene
      • Giambo scrive:
        Re: Lega dei senza dio
        - Scritto da: Marco M.
        Poichè ci ama non è vendicativo Stai scherzando, vero :| ?Leggi il vecchio testamento, e scoprirai che il dio degli ebrei/cristiani/musulmani e' crudele, vendicativo, geloso e molto, molto sanguinario !
        • Marco M scrive:
          Re: Lega dei senza dio
          - Scritto da: Giambo
          - Scritto da: Marco M.


          Poichè ci ama non è vendicativo

          Stai scherzando, vero :| ?

          Leggi il vecchio testamento, e scoprirai che il
          dio degli ebrei/cristiani/musulmani e' crudele,
          vendicativo, geloso e molto, molto sanguinario
          !Non leggere in parte. Leggi tutto. Dopo il Vecchio Testamento c'è stato Cristo e tutto il Nuovo Testamento. Non si puo' parlare dei Cristiani dimenticandosi di Cristo e dei suoi insegnamenti!
    • Budello scrive:
      Re: Lega dei senza dio
      ma sei stupido o mangi i sassi?- Scritto da: unaDuraLezione
      - Scritto da: Marco M.


      Chissà come commenteresti se io usassi gli
      stessi

      toni contro di te


      Al posto di preoccuparti di quello che penserebbe
      lui nel caso fosse oggetto di offese, lascia che
      l'oggetto delle sue, OVVERO DIO, si difenda da
      solo come meglio
      crede.
      O tu pensi che DIO abbia bisogno di una mano da
      te?
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Lega dei senza dio
        - Scritto da: Budello
        ma sei stupido o mangi i sassi?http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2571865&m=2572512#p2572512
  • Nilok scrive:
    DIFFERENZE......
    Augh!C'è DIFFERENZA tra esprimere una opinione e commettere il reato di"offese a una confessione religiosa mediante vilipendio di persone" Quindi sarebbe opportuno cercare di evitare di commettere reati pur mantenendo la libertà di esprimere la propria opinione, facendo così sapere agli altri che cosa pensi e vuoi dire.Ognuno è libero di pensare e dire quello che vuole....basta che lo dica senza offndere e vilipendere...Ho parlato.Nilok
  • Wolf01 scrive:
    Insulto alla religione o qualsiasi altro
    mi salvo questa risposta a Nicolaus che mi pare degna di nota, prima che passi il T1000 ad arare:Nicolaus ha detto
    Ma non ha senso quello che dici nessuno riconosce ne
    riconoscerà mai che l'inter è una religione, poichè di
    fatto non lo è, se tu ti offendi è affar tuo. L'inter, è
    una cosa a se, se un giorno offendono il tuo cantante
    preferito non è che tu puoi denunciare quello che ha
    offeso il tuo cantante preferito.E la stessa cosa deve valere per le religioni!Le credenze popolari quali sono le religioni sono state riconosciute solo perchè un tempo avevano molto potere, perchè la Chiesa le imponeva altrimenti ti scomunicava o ti uccidevano come eretico.Se nel 1300 fosse salito al potere il maestro dei maestri dei cantanti e avesse imposto l'obbligo di rendere grazia ai giullari di corte e espresso il divieto di insultare un cantante perchè fa musica del XXXXX allora adesso non potremmo insultare Tiziano Ferro, Carmen Consoli o Giusy Ferreri perchè fanno musica che fa XXXXXX, però in compenso magari potremmo tranquillamente parlare solo a bestemmie.Tu credi a quello che vuoi, io sono libero di insultare il mio inesistente dio che non è detto sia lo stesso tuo, e non è colpa nostra se la vostra religione ha deciso di chiamare il vostro dio Dio, poteva continuare a chiamarlo col suo vero nome, che poi ne ha tre ben conosciuti (in realtà dicono 72 nella cabala) e stranamente si chiama Yahovah-
    Geova, Elohim (che è comunque plurale e il singolare sarebbe Eloha-
    Allah) e Adonai.In pratica tre religioni si stanno scannando per decidere quale dei tre è il vero dio, tutti e tre lo stesso alla fine.Mi viene il mal di testa solo a pensare che ci sia gente tanto ignorante tra le fila di Dio, io che sono ateo e che proprio non me ne frega niente di crederci conosco molte più cose perfino dei preti che quando si vogliono far vedere bravi e buoni ogni volta ci rimangono di XXXXX quando gli snocciolo tutta la storiella.Sinceramente prenderei un prete, un rabbino e un testimone di Geova e gli batterei la testa assieme finchè non riescono a mettersi d'accordo.A quel punto, e solo a quel punto, potrò credere alla bontà del LORO nuovo dio che finalmente li ha fatti rinsavire (o risalire in cielo, dipende se si è rotta prima la scatola cranica) e magari non bestemmiarlo più
    • Nilok scrive:
      Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
      "...anche non credere in niente è una religione..."Ed ovviamente non lo dico io...chenon sono NESSUNO...ma ti lascio la libertà di sbomballazzarti su goggle e trovare CHI lo ha detto....e vediamo se anche così il tuo SMISURATO "ego" affermerà che ne sai più di quella persona...Buona navigata...Nilok
      • Nicolaus scrive:
        Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
        Cosa centra!! ahahaha bella questa :DDDDDadesso non è che se Cesare Pavese dice qualcosa sulla religione allora vuol dire che è vero! anche lui come te ha un opinione da "signornessuno".Se è per questo allora quando ad Einstein gli chiesero perchè si scervellasse tanto per venire a capo della sua Teoria del tutto, egli rispose: Dio non gioca a dadi. (ed era pure un fisico).Ora dico, non è che se cesare pavese dice che essere atei è una religione allora significa che io devo essere d'accordo perchè lui è stato un grande e io non sono nessuno. Oggi con i miei mezzi posso andare per esempio su wikipedia e leggere: "Una religione è un complesso di credenze, comportamenti, atti rituali e culturali, mediante cui un gruppo umano esprime un rapporto con il sacro. Tale relazione, tra uomo e sacro, è consentita per mezzo di qualche ordine soprannaturale, o naturale, che risponde ai significati ultimi dell'esistenza.".Ora, Cesare Pavese dice: "E' una religione anche non credere in niente.." bene.. " ma se quando guardo nel vocabolario leggo che la religione è un complesso di credenze allora mi rendo conto che c'è qualcosa che non va, se l'essere atei significa non credere in niente allora come posso accettare che l'ateismo è una religione visto che manca la cosa fondamentale? (la credenza).Tra l'altro aggiungo che se la religione risponde al significato ultimo della esistenza (sbagliato o no), il non credere in niente non risponde a questa domanda. Se per tutti i cristiani la vita e la morte e data da dio, per un ateo l'esistenza può essere data solo grazie al caso e all'evoluzione mentre per un altro ateo può essere dato dalla venuta di batteri da un asteroide che hanno generato la vita.Non è che se Cesare Pavese dice così allora ha ragione perchè è stato un grande poeta e scrittore italiano..PS: comunque condivido parecchie tue risposte ai topic Nilok-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 marzo 2009 15.31-----------------------------------------------------------
        • silvan scrive:
          Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
          Nicolaus, forse ti è sfuggito che Einstein ha detto esattamente il contrario: " Dio gioca ai dadi e talvolta bara". Per il resto sono daccordo che le religioni non dovrebbero invadere o interferire nel campo laico.
          • Nicolaus scrive:
            Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
            Sbagliato... Richard Faynman disse "Non solo Dio gioca a dadi, ma li lancia dove non possiamo vederli" dopo che Albert Einstain disse: "Non credo che Dio abbia scelto di giocare a dadi con l'universo".Vai a questo link:http://it.wikipedia.org/wiki/Principio_di_indeterminazione_di_Heisenbergvai giù a "Interpretazioni" sulla pagina, più o meno a metà paragrafo... ;)
          • Nicolaus scrive:
            Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
            tra l'altro dubito che uno mentre stà cercando una teoria sull'universo (stringhe) possa pensare che sia dettata dal caso...
          • Giambo scrive:
            Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
            - Scritto da: Nicolaus
            tra l'altro dubito che uno mentre stà cercando
            una teoria sull'universo (stringhe) possa pensare
            che sia dettata dal
            caso...Parli di Einstein :o ? Spero di no !
          • Nicolaus scrive:
            Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
            si Einstein, disse lui la frase: Dio non gioca a Dadi..-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 marzo 2009 20.20-----------------------------------------------------------
          • Giambo scrive:
            Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
            - Scritto da: Nicolaus
            si Einstein, disse lui la frase: Dio non gioca a
            Dadi..Mi risulta che Einstein non avesse nulla a che fare con la teoria delle stringe (E' morto molto prima), inoltre era piuttosto agnostico pure lui ;) ...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 marzo 2009 21.05-----------------------------------------------------------
          • Nicolaus scrive:
            Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
            ti risulta male, oggi si chiama "teoria delle stringhe" ma è più o meno è quello che cercava einstein con la teoria del tutto, tutte e 2 si basano sul principio di indeterminazione leggi sottohttp://it.wikipedia.org/wiki/Principio_di_indeterminazione_di_Heisenberg (vai indeterminazione e stringhe)cmq einstein non era ne ateo ne agnostico, aveva una concezione di dio diversa, che non si curava più di tanto dell'uomo ma che si curava invece di far quadrare l'universo, non riconosceva l'ebraismo strettamente religioso, anche se si riteneva ebreo culturalmente, credeva in Gesù e lo ammirava.Lo conferma appunto la frase: (vedi il link sopra sotto il paragrafo "interpretazioni"Atei secondo einstein: « Gli atei fanatici sono come schiavi che ancora sentono il peso delle catene dalle quali si sono liberati dopo una lunga lotta. Essi sono creature che - nel loro rancore contro le religioni tradizionali come 'oppio delle masse' - non possono sentire la musica delle sfere. » Citazione da Wikipedia (non ho voglia di cercare meglio) .. Einstein non era certamente ateo, e nemmeno deista (e non può essere nemmeno definito agnostico, in quanto credeva in una qualche concezione, sebbene per nulla comune, di Dio)
      • my name is luca scrive:
        Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
        Seguendo il tuo ragionamento, se l'ateismo è una religione.... la "salute" è una malattia. Bravo, non fa una piega. :|- Scritto da: Nilok
        "...anche non credere in niente è una
        religione..."

        Ed ovviamente non lo dico io...chenon sono
        NESSUNO...ma ti lascio la libertà di
        sbomballazzarti su goggle e trovare CHI lo ha
        detto....e vediamo se anche così il tuo SMISURATO
        "ego" affermerà che ne sai più di quella
        persona...

        Buona navigata...

        Nilok
    • Nicolaus scrive:
      Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
      Wikipedia:"Una religione è un complesso di credenze, comportamenti, atti rituali e culturali, mediante cui un gruppo umano esprime un rapporto con il sacro. Tale relazione, tra uomo e sacro, è consentita per mezzo di qualche ordine soprannaturale, o naturale, che risponde ai significati ultimi dell'esistenza."Non mi sembra che sia la stessa cosa... che un UOMO salga al potere e dica che non si può offendere lui e i suoi compari non è la stessa cosa mi sembra, tutti l'avrebbero visto come un imperatore o un re non come una religione o un credo, infatti il "Cristiano" non ha fede nella "chiesa" ma ha fede nel suo "Dio".. che poi ci sia una istituzione creata dagli UOMINI in terra che si propone o che si sia imposta nel bene o nel male è colpa dell'uomo non nella religione stessa. Nei testi biblici non mi sembra ci sia scritto abbiate fede nella chiesa. Posso essere Cristiano ma non cattolico..Tu parli di riconoscimento delle religioni, ma non vi è nessun riconoscimento, nessuno ha mai riconosciuto nessuna religione, una religione è soltanto ciò che corrisponde alla citazione che ti ho fatto prima da Wikipedia. Per esempio il Buddhismo non ha nessun dio eppure è una religione.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 marzo 2009 15.16-----------------------------------------------------------
      • Matteo scrive:
        Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
        Credere in NIENTE non è una religione.Non credere in un Dio, ma in qualcos'altro come tradizioni ecc. E' una religione.Essere ateo non significa non avere una religione.Un ateo, se offende un dio di un'altra religione è solo stupido è ignorante. Come fai ad insultare ad una cosa cui non credi? Sei stupido. Se non lo sei significa che tramite la credenza dell'altro vuoi insultare la persona, quindi meriti la denuncia (e quindi il sequestro del sito).Libertà di espressione non significa poter insultare chicchessia a piacimento per il puro gusto di farlo. La PROPRIA libertà finisce quando va a opprimere la libertà di un altro individuo.Poi il discorso della religione riconosciuta solo perché imposta dall'antico potere temporale dei Papi è una XXXXXXX.La "credenza" è un proXXXXX naturale della psiche umana.A questo punto tutte le civiltà pre-cristiane dovrebbero essere considerate atee?Perfino l'uomo preistorico associava un potere divino alle forze della natura che non poteva spiegare.Io sono agnostico, ma non per questo mi permetto di insultare Buddha, Allah, Dio o altri dei e da una persona educata ed intelligente mi aspetterei altrettanto...
        • Matteo scrive:
          Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
          E.C.[riga 7] è -
          e; secondo "ad" di troppo.
        • Giambo scrive:
          Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
          - Scritto da: Matteo
          Come fai ad insultare ad una cosa cui non credi? Tu quando esclami "XXXXXXXXXX !" o "dannazione !" o i piu' gettonati "XXXXX !" e "XXXXX !", quale significato dai alle tue parole ?Ecco, e' lo stesso che do' io quando bestemmio :)E' uno sfogo.
          Libertà di espressione non significa poter
          insultare chicchessia a piacimento per il puro
          gusto di farlo.La bestemmia non insulta proprio nessuno ... Nel senso che il diretto interessato non si e' mai lamentato ;)
          La PROPRIA libertà finisce quando
          va a opprimere la libertà di un altro
          individuo.La bestemmia opprime la liberta' di dio ? O forse quella dei credenti ?Se fosse vera la seconda, in nome dello stesso ragionamento posso proibire il consumo di carne suina perche' offendono la mia liberta' di ebreo / musulmano ?
          La "credenza" è un proXXXXX naturale della psiche
          umana.Come molte altre superstizioni e paure, dalle quali il nostro cammino ci sta' lentamente (Troppo lentamente) liberando.
          Perfino l'uomo preistorico associava un potere
          divino alle forze della natura che non poteva
          spiegare.Vedi sopra: E' come la paura dell'uomo nero sotto il letto, ma istituzionalizzata e "razionalizzata" per scopi molto piu' gretti.
          • Shu scrive:
            Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
            - Scritto da: Giambo
            Ecco, e' lo stesso che do' io quando bestemmio :)
            E' uno sfogo.Aggiungo solo una cosa che molti cristiani e cattolici ancora non hanno capito.Anche "Dio buono" o "Dio caro" sono bestemmie.Anche "Vai con Dio" o "Addio" (da "Ti affido a Dio" o "Affida il tuo viaggio a Dio") o "Oddio" (da "Oh, Dio") sono bestemmie.Si tratta sempre di nominare Dio in vano, terzo comandamento.A meno che quando dite "Addio" o "Oddio" non vi stiate veramente e consciamente affidando a Dio, nel qual caso diventano preghiere.Bye.
      • Shu scrive:
        Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
        - Scritto da: Wolf01
        Appunto col Buddhismo hai appena confermato come
        un uomo (Buddha è veramente esistito) può "salire
        al potere" di una religione,In realta` Siddharta Gautama e` stato solo uno dei vari Buddha, il primo. La religione buddhista dice che ogni essere vivente è permeato di buddhità, ed ognuno diventa buddha quando raggiunge l'illuminazione. Infatti "buddha" significa "risvegliato".Quindi se io sono buddhista, e magari ho anche raggiunto l'illuminazione, e tu mi dici "XXXXXXX", hai compiuto reato di vilipendio della religione, perche` hai offeso direttamente una "divinita`".Che poi mediamente la religione buddista sia piu` coerente e sensata di quella cattolica, e nessun buddhista (soprattutto se risvegliato) ti venga a denunciare per una cosa del genere, e` un altro discorso.
        a sto punto la
        religione Inter e la religione Carmen Consoli non
        sono da eliminare a
        priori.Pienamente d'accordo.Andrebbe eliminato il reato di vilipendio alla religione, e mantenuto solo quello di vilipendio alla persona (o di offesa calunniosa o come si chiama).Bye.
      • Nicolaus scrive:
        Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
        Certo invece.. Inter e Carmen Consoli sono da escludere.. te lo riscrivo perchè non hai (avete) ancora afferrato il concetto Secondo la lingua italiana: "Religione: è un complesso di credenze, comportamenti, atti rituali e culturali, mediante cui un gruppo umano esprime un rapporto con il sacro . Tale relazione, tra uomo e sacro , è consentita per mezzo di qualche ordine soprannatural e, o naturale , che risponde ai significati ultimi dell' esistenza ." Ok ora proviamo sostituire il nome religione con Cristianesimo e Buddhismo: "Cristianesimo: è un complesso di credenze, comportamenti, atti rituali e culturali, mediante cui un gruppo umano esprime un rapporto con il sacro. Tale relazione, tra uomo e sacro, è consentita per mezzo di qualche ordine soprannaturale, o naturale, che risponde ai significati ultimi dell'esistenza." "Buddhismo: è un complesso di credenze, comportamenti, atti rituali e culturali, mediante cui un gruppo umano esprime un rapporto con il sacro. Tale relazione, tra uomo e sacro, è consentita per mezzo di qualche ordine soprannaturale, o naturale, che risponde ai significati ultimi dell'esistenza." Umh mi sembra che il significato di religione, in un "carattere più generale" possa coincidere anche sostituendola con Cristianesimo e Buddhismo.Ora Prova a sostituire Religione con Inter o Carmen Conosoli: c'è qualcosa di sacro in essi? c'è qualcosa di naturale o soprannaturale nell'inter?, risponde forse ai significati dell'esistenza? mmh non mi pare... non vi è nessun insegnamento che posso trarre dall'inter o da carmen consoli, nemmeno uno stil di vita e nemmeno qualcosa che va al di la del materiale.
    • ca.zz.o imperio scrive:
      Re: Insulto alla religione o qualsiasi altro
      - Scritto da: Wolf01
      mi salvo questa risposta a Nicolaus che mi pare
      degna di nota, prima che passi il T1000 ad
      arare:
      Nicolaus ha detto

      Ma non ha senso quello che dici nessuno
      riconosce ne


      riconoscerà mai che l'inter è una religione,
      poichè di


      fatto non lo è, se tu ti offendi è affar tuo.
      L'inter, è


      una cosa a se, se un giorno offendono il tuo
      cantante


      preferito non è che tu puoi denunciare quello
      che ha


      offeso il tuo cantante preferito.

      E la stessa cosa deve valere per le religioni!
      Le credenze popolari quali sono le religioni sono
      state riconosciute solo perchè un tempo avevano
      molto potere, perchè la Chiesa le imponeva
      altrimenti ti scomunicava o ti uccidevano come
      eretico.
      Se nel 1300 fosse salito al potere il maestro dei
      maestri dei cantanti e avesse imposto l'obbligo
      di rendere grazia ai giullari di corte e espresso
      il divieto di insultare un cantante perchè fa
      musica del XXXXX allora adesso non potremmo
      insultare Tiziano Ferro, Carmen Consoli o Giusy
      Ferreri perchè fanno musica che fa XXXXXX, però
      in compenso magari potremmo tranquillamente
      parlare solo a
      bestemmie.
      Tu credi a quello che vuoi, io sono libero di
      insultare il mio inesistente dio che non è detto
      sia lo stesso tuo, e non è colpa nostra se la
      vostra religione ha deciso di chiamare il vostro
      dio Dio, poteva continuare a chiamarlo col suo
      vero nome, che poi ne ha tre ben conosciuti (in
      realtà dicono 72 nella cabala) e stranamente si
      chiama Yahovah-
      Geova, Elohim (che è comunque
      plurale e il singolare sarebbe Eloha-
      Allah) e
      Adonai.
      In pratica tre religioni si stanno scannando per
      decidere quale dei tre è il vero dio, tutti e tre
      lo stesso alla
      fine.
      Mi viene il mal di testa solo a pensare che ci
      sia gente tanto ignorante tra le fila di Dio, io
      che sono ateo e che proprio non me ne frega
      niente di crederci conosco molte più cose perfino
      dei preti che quando si vogliono far vedere bravi
      e buoni ogni volta ci rimangono di XXXXX quando
      gli snocciolo tutta la
      storiella.
      Sinceramente prenderei un prete, un rabbino e un
      testimone di Geova e gli batterei la testa
      assieme finchè non riescono a mettersi
      d'accordo.
      A quel punto, e solo a quel punto, potrò credere
      alla bontà del LORO nuovo dio che finalmente li
      ha fatti rinsavire (o risalire in cielo, dipende
      se si è rotta prima la scatola cranica) e magari
      non bestemmiarlo
      più
  • lufo88 scrive:
    fenomenale
    Quando comoda i blog e forum sono soggetti alle leggi sulla stampa, quando non comoda no! FENOMENALE!Congratulazioni a tutti!
  • porrco diddddio scrive:
    Bestemmie freestyle???
    Quindi secondo voi questo sito sarebbe passibile di sequestro anche se ospitato in america?www.bestemmiefreestyle.com
    • krane scrive:
      Re: Bestemmie freestyle???
      - Scritto da: porrco diddddio
      Quindi secondo voi questo sito sarebbe passibile
      di sequestro anche se ospitato in america?
      www.bestemmiefreestyle.comMa che fico ! Quasi quasi ripesco il generatore di bestemmie che avevo scritto anni fa, lo converto in un'applet java e glie lo mando ! :)
      • tizio incognito scrive:
        Re: Bestemmie freestyle???
        e' il bestemmiomatic??da anni fa parte delle mie utility indispensabili...
        • krane scrive:
          Re: Bestemmie freestyle???
          - Scritto da: tizio incognito
          e' il bestemmiomatic??
          da anni fa parte delle mie utility indispensabili...No, mai raggiunto tanta fama :(L'avevo fatto per scuola tanto tempo fa (bhe, l'esercizio per scuola conteneva un dizionario diverso (rotfl) )
  • Martufellat io scrive:
    Chissà se per offesa al comune senso
    del pudore e dell'intelligenza umana chiuderanno i blog e i siti sciachimisti e complottisti vari?Uno di questi dopo la meritata e colossale figura da pollo si è già autocensurato. Quando lo faranno gli altri?
    • Giambo scrive:
      Re: Chissà se per offesa al comune senso
      - Scritto da: Martufellat io
      del pudore e dell'intelligenza umana chiuderanno
      i blog e i siti sciachimisti e complottisti
      vari?Hei, non tutto il male viene per nuocere (geek) !
      Uno di questi dopo la meritata e colossale figura
      da pollo si è già autocensurato.Hmmm, fammi indovinare, stiamo parlando dell'acquirente del telemetro 8) ?
      • Martufellat io scrive:
        Re: Chissà se per offesa al comune senso
        - Scritto da: Giambo
        Hei, non tutto il male viene per nuocere (geek) !Certo, una persona con un minimo di cervello si fa grasse risate, ma basta leggere i commenti degli utenti di qualsiasi sito (compreso questo) per capire il livello d'intelligenza medio con cui abbiamo a che fare.Quindi quei siti diventano estremamente pericolosi!
        Hmmm, fammi indovinare, stiamo parlando
        dell'acquirente del telemetro 8)
        ?No! Del suo tirapiedi VV!O' comandante non accetterebbe mai un incontro.
        • Giambo scrive:
          Re: Chissà se per offesa al comune senso
          - Scritto da: Martufellat io

          Hmmm, fammi indovinare, stiamo parlando

          dell'acquirente del telemetro 8)

          ?

          No! Del suo tirapiedi VV!Devo assolutamente leggere la seconda parte dell'"attivissima" intervista :o !!
          O' comandante non accetterebbe mai un incontro.Piu' di una volta ha espresso timori per la sua vita ... Lui che "sa" e che ha il coraggio di parlare e' nel mirino della CIA/NSA/KGB/CICAP/SUGUS/... :)
  • motronic scrive:
    Correggere
    Azzittito? Correggere...
  • Rag. Bambocci scrive:
    di che parlavano sul forum?
    delle bollette del gas pazze che arrivano e se non paghi tagliano tutto? del fatto che le membrane dei contatori si usurano nnvanno?parlavano del fatto che ora i contatori enel ti contano pure la corrente reattiva alzando le tariffe di un 20 %??questi consumatori iniziano a essere fastidiosi..protestano quando si accorgono che glielo vogliono mettere in quel posto..boh. chissa percheche tempi
    • DanieleD scrive:
      Re: di che parlavano sul forum?
      - Scritto da: Rag. Bambocci
      parlavano del fatto che ora i contatori enel ti
      contano pure la corrente reattiva alzando le
      tariffe di un 20
      %??Eh? cioè?
      • Wolf01 scrive:
        Re: di che parlavano sul forum?
        Cioè prima o poi si risolverà collegandosi al palo della luce e non più all'enel, maledetti schifosi, pago per 3KWh e la maggiorazione scatta a 2.8 visto nel contatore
    • brown scrive:
      Re: di che parlavano sul forum?
      Com'è sta storia della corrente reattiva?
  • guast scrive:
    Quindi
    Se io voglio far chiudere PI tutto quello che devo fare è postare qualche commento sui preti pedofili.A questo punto chiunque da anonimo può azzittire una voce scomoda.
    • Nilok scrive:
      Re: Quindi
      FINALMENTE!...anche tu scopri i "doveri" dei moderatori....8)Nilok
    • ... scrive:
      Re: Quindi
      - Scritto da: guast
      Se io voglio far chiudere PI tutto quello che
      devo fare è postare qualche commento sui preti
      pedofili.
      A questo punto chiunque da anonimo può azzittire
      una voce
      scomoda.PI è una testata giornalistica e quindi il discorso sarebbe diverso, ma facciamo un esempio di un tuo forum.Un commento sui preti pedofili da parte di un tuo forum non è un motivo per cui un giudice autorizzerebbe il sequestro, e ne è piena la rete di questi commenti.Se un tuo utente scrive una diffamazione, o un post con dei contenuti pedofili, allora ti verrà richiesto l'IP di quell'utente e probabilmente l'eliminazione del post in questione.Se ti rifiuti sequestrano tutto e ottengono comunque lo stesso risultato. Semplice, e giusto (almeno in questo esempio).
  • Ricky scrive:
    Il problema e' serio...
    In Italia pare che si stia facendo di tutto per NEGARE la liberta' di espressione.In Cina sono avanti...e credo che qualche notro politico si sia persino sbilanciato nell'affermare che QUELLI hanno le idee chiare.Quindi ogni mossa atta a ledere i diritti dei cittadini DEVE essere perseguita.E' doveroso ricordare pero' che internet non vuol dire CAOS, non vuol dire che tutti possono dire tutto, anche menzogne o accuse infondate, in qualche modo e' necessario procedere per impedire l'ABUSO della liberta' espressiva.Se i blog o i forum non hanno i DOVERI delle testate giornalistiche, non possono averne i benefici.Normalizzare tutto questo,pensando alla LIBERTA' e non agli interessi di parte, permetterebbe di avere delle norme piu' chiare e ben fatte.Ovviamente pero' qui siamo alle solite, da una parte i cittadini che vorrebbero poter fare qualsiasi cosa,dall'altra lo stato e i poteri forti che vorrebbero eliminare qualsiasi forma di liberta' che NON LGI AGGRADA.E cosi' si ottiene solo caos...tanto per cambiare.
  • UOOO scrive:
    VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
    XXXXX DIO XXXXX XXXXXXX E TUTTI GLI ANGELI IN COLONNA CRISTO MAIALE SQUARTATO MAOMETTO FIGLIO DI XXXXX ALLAH XXXXXXXX BUDDAH CICCIONE PELATO DI XXXXX SHIVA GRANDE XXXXX CHE CON 4 MANI FA LE SEGHE AD APOLLO, DIO, ALLAH, e CRISTO.E ora venite a sequestrarmi.
    • achille95 scrive:
      Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
      http://punto-informatico.it/2349406/PI/News/italia-due-forum-dissequestrati-meta.aspx
      • UOOO scrive:
        Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
        - Scritto da: achille95
        http://punto-informatico.it/2349406/PI/News/italiahttp://www.mogulus.com/santorosario
    • ghivan scrive:
      Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
      E questa sarebbe la libertà di espressione che volete venga difesa? Imparate prima cosa sia il rispetto invece che venire a chiedere comprensione su certe schifezze detto soltanto perchè non trovate uno stralcio di argomentazione per controbattere.
      • fred scrive:
        Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
        bestemmiare non e' piu' reato in italia; sono curioso di vedere se il thread viene rimosso.intanto manca i commenti a questi notizia e questo fatto mi preoccupa assai:http://punto-informatico.it/2571878/PI/Lettere/carlucci-ddl-tutela-dei-minori.aspx
        • fred scrive:
          Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
          forse che in futuro mi convenga scrivere i commenti attaverso la rete di tor? La redazione di punto-informatico sara; costretta ad aprire un forum informale fuori dall'europa? ormai il passo e' breve.
        • Calimero scrive:
          Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
          Il fatto che non sia reato non significa che automaticamente diventi "educato" bestemmiare .... io, a casa mia, lo butterei fuori uno che ogni 4 bestemmie o parolacce forse ci mette una parola sensata ... l'educazione ed il rispetto degli altri non è necessario che sia stabilito per legge ....Ciao
          • Sgabbio scrive:
            Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
            - Scritto da: Calimero
            Il fatto che non sia reato non significa che
            automaticamente diventi "educato" bestemmiare
            .... io, a casa mia, lo butterei fuori uno che
            ogni 4 bestemmie o parolacce forse ci mette una
            parola sensata ... l'educazione ed il rispetto
            degli altri non è necessario che sia stabilito
            per legge
            ....

            CiaoMa non è che mi devi sequestrare un forum per un "XXXXX dio" però :/
          • guast scrive:
            Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
            Visto che si tratta di un post provocatorio legato ad un articolo su quale libertà di espressione si con questa legge che c'entra l'educazione ?
        • Nicolaus scrive:
          Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
          «Sono, invece, vilipendio, la contumelia, lo scherno, loffesa, per dir così, fine a sé stessa , che costituisce ad un tempo ingiuria al credente (e perciò lesione della sua personalità) e oltraggio ai valori etici di cui si sostanzia ed alimenta il fenomeno religioso, oggettivamente riguardato» (dalla sentenza della Corte Costituzionale numero 188/75).Loggetto della denuncia deve essere pubblico: il reato deve avvenire sulla stampa o tramite altro mezzo di propaganda, in luogo pubblico o aperto al pubblico, in presenza di più persone, in una riunione non privata.Forse no la bestemmia non è reato, me prova leggere i commenti in giro, nessuna personalità religiosa è stata offesa?, non ci sono ingiurie fine a se stesse?? ci sono bestemmie una dietro l'altra senza motivazione, è stato aperto un topic con sole bestemmie, PI non è di pubblico dominio?? non mi sembra un luogo privato... fate voi..
    • Giambo scrive:
      Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
      - Scritto da: UOOO
      E ora venite a sequestrarmi.Non vedo perche': Non hai offeso la Vera Divinita', e cioe' il Flying Spaghetti Monster ;) !
      • pippo scrive:
        Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI


        E ora venite a sequestrarmi.

        Non vedo perche': Non hai offeso la Vera
        Divinita', e cioe' il Flying Spaghetti Monster ;)
        !Lo omaNgio tutti i giorni ;)
        • Giambo scrive:
          Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
          - Scritto da: pippo

          Non vedo perche': Non hai offeso la Vera

          Divinita', e cioe' il Flying Spaghetti Monster
          ;)

          !
          Lo omaNgio tutti i giorni ;)Tu finirai in paradiso, e potrai godere del vulcano che erutta birra e le spogliarelliste ;) !
    • Punto scrive:
      Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
      - Scritto da: UOOO
      XXXXX DIO XXXXX XXXXXXX E TUTTI GLI ANGELI IN
      COLONNA CRISTO MAIALE SQUARTATO MAOMETTO FIGLIO
      DI XXXXX ALLAH XXXXXXXX BUDDAH CICCIONE PELATO DI
      XXXXX SHIVA GRANDE XXXXX CHE CON 4 MANI FA LE
      SEGHE AD APOLLO, DIO, ALLAH, e
      CRISTO.

      E ora venite a sequestrarmi.Infilaci Hallah e Mamometto poi posta sta roba dove sia ben visibile ai mussulmani più esagitati; mettici pure il tuo nome e cognome, vediamo quanto sei coraggioso a difendere il tuo ridicolo e personalissimo concetto di libertà d'espressione.
      • Taddeo scrive:
        Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
        - Scritto da: Punto
        Infilaci Hallah e Mamometto poi posta sta roba
        dove sia ben visibile ai mussulmani più
        esagitati; mettici pure il tuo nome e cognome,
        vediamo quanto sei coraggioso a difendere il tuo
        ridicolo e personalissimo concetto di libertà
        d'espressione.bohooooo, brutti cattivi musulmani,noi cattolici siamo molto meglio!!la libertà d'espressione va bene solo fino a quando non tocca le nostre superstizioni,in qual caso diventa 'ridicola' e 'personalissima' e merita l'intervento della santissima inquisizione!!!
        • Punto scrive:
          Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
          - Scritto da: Taddeo
          - Scritto da: Punto


          Infilaci Hallah e Mamometto poi posta sta roba

          dove sia ben visibile ai mussulmani più

          esagitati; mettici pure il tuo nome e cognome,

          vediamo quanto sei coraggioso a difendere il tuo

          ridicolo e personalissimo concetto di libertà

          d'espressione.

          bohooooo, brutti cattivi musulmani,noi cattolici
          siamo molto
          meglio!!
          la libertà d'espressione va bene solo fino a
          quando non tocca le nostre superstizioni,in qual
          caso diventa 'ridicola' e 'personalissima' e
          merita l'intervento della santissima
          inquisizione!!!No il ridicolo concetto che certi fessi hanno di libertà d'espressione (ossia il diritto ad insultare) sembra finire dove per loro inizia il cagotto di essere accoltellati da qualche invasato. Ad insultare i credenti cristiani in Italia non si rischia, per altre religioni invece scatta appunto il cagotto per i presunti difensori della libertà d'espressione.
          • krane scrive:
            Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
            - Scritto da: Punto
            - Scritto da: Taddeo

            - Scritto da: Punto

            la libertà d'espressione va bene solo fino a

            quando non tocca le nostre superstizioni,in qual

            caso diventa 'ridicola' e 'personalissima' e

            merita l'intervento della santissima

            inquisizione!!!
            No il ridicolo concetto che certi fessi hanno di
            libertà d'espressione (ossia il diritto ad
            insultare) sembra finire dove per loro inizia il
            cagotto di essere accoltellati da qualche
            invasato. Ad insultare i credenti cristiani in
            Italia non si rischia, per altre religioni invece
            scatta appunto il cagotto per i presunti
            difensori della libertà d'espressione.E secondo te e' giusto essere accoltellati per aver insultato un qualche tipo di flyng spaghetti monster ?
          • Giambo scrive:
            Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
            - Scritto da: Punto
            No il ridicolo concetto che certi fessi hanno di
            libertà d'espressione (ossia il diritto ad
            insultare)Insultare cosa ?
            Ad insultare i credenti cristiani in
            Italia non si rischia, per altre religioni invece
            scatta appunto il cagotto per i presunti
            difensori della libertà
            d'espressione.E quindi secondo te dovrebbero stare zitti ? Seguendo il tuo ragionamento bisognerebbe tacere -per esempio- sull'oppressione del popolo tibetano ?
          • Punto scrive:
            Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
            - Scritto da: Giambo
            - Scritto da: Punto


            No il ridicolo concetto che certi fessi hanno di

            libertà d'espressione (ossia il diritto ad

            insultare)

            Insultare cosa ?


            Ad insultare i credenti cristiani in

            Italia non si rischia, per altre religioni
            invece

            scatta appunto il cagotto per i presunti

            difensori della libertà

            d'espressione.

            E quindi secondo te dovrebbero stare zitti ?
            Seguendo il tuo ragionamento bisognerebbe tacere
            -per esempio- sull'oppressione del popolo
            tibetano
            ?Da quando "bestemmiare il dio di qualcuno" = "sostenere una qualche causa come la libertà per il popolo tibetano?"
    • guast scrive:
      Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
      Che gli importa se insulti Dio o Allah credi veramente che volessero difendere loro ? Prova ad includere i preti pedofili, poi vedi.
    • Calimero scrive:
      Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
      - Scritto da: UOOO
      XXXXX DIO XXXXX XXXXXXX E TUTTI GLI ANGELI IN
      COLONNA CRISTO MAIALE SQUARTATO MAOMETTO FIGLIO
      DI XXXXX ALLAH XXXXXXXX BUDDAH CICCIONE PELATO DI
      XXXXX SHIVA GRANDE XXXXX CHE CON 4 MANI FA LE
      SEGHE AD APOLLO, DIO, ALLAH, e
      CRISTO.

      E ora venite a sequestrarmi.Bravo, hai studiato dalle Orsoline ?L'ultima tua frase poi dimostra quanto "non hai capito" di quanto sancito dalla sentenza .... di fatto viene esclusa la responsabilità del gestore del forum e quindi si procede contro chi scrive il commento, in questo caso tu ! Auguri.
      • Avvocato del diavolo scrive:
        Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
        - Scritto da: Calimero
        - Scritto da: UOOO

        XXXXX DIO XXXXX XXXXXXX E TUTTI GLI ANGELI IN

        COLONNA CRISTO MAIALE SQUARTATO MAOMETTO FIGLIO

        DI XXXXX ALLAH XXXXXXXX BUDDAH CICCIONE PELATO
        DI

        XXXXX SHIVA GRANDE XXXXX CHE CON 4 MANI FA LE

        SEGHE AD APOLLO, DIO, ALLAH, e

        CRISTO.



        E ora venite a sequestrarmi.

        Bravo, hai studiato dalle Orsoline ?
        L'ultima tua frase poi dimostra quanto "non hai
        capito" di quanto sancito dalla sentenza .... di
        fatto viene esclusa la responsabilità del gestore
        del forum e quindi si procede contro chi scrive
        il commento, in questo caso tu !
        Auguri.Procedere per cosa ? bestemmiare non è reato...E ripeto... che differenza c'è tra il dire "MILAN XXXXX" e un milanista e dire "DIO XXXXX" a un cattolico ? perchè il primo è ammesso, si puo fare in tv in radio dove XXXXX ti pare, e il secondo no ?
    • Biggus Dikkus scrive:
      Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
      quoto
    • Marco M. scrive:
      Re: VILIPENDIO DELLE RELIGIONI
      - Scritto da: UOOO
      XXXXX DIO XXXXX XXXXXXX E TUTTI GLI ANGELI IN
      COLONNA CRISTO MAIALE SQUARTATO MAOMETTO FIGLIO
      DI XXXXX ALLAH XXXXXXXX BUDDAH CICCIONE PELATO DI
      XXXXX SHIVA GRANDE XXXXX CHE CON 4 MANI FA LE
      SEGHE AD APOLLO, DIO, ALLAH, e
      CRISTO.

      E ora venite a sequestrarmi.Se volevi dimostrare di avere dei prolemi con il mondo ci sei riuscitoSe volevi dimostrare di non aver capito la differenza tra libertà di espressione ed offesa gratuita pure ci sei riuscitoSe volevi dimostrare che sei capace di scrivere cretinate pure ci sei riuscito.In pratica, il tuo post è un sucXXXXX totale! Dimenticavo...hai anche finalmente capito come funziona il shift. Altro sucXXXXX!!!lolol
  • MeMEme scrive:
    libertà di esprimersi?
    "il forum, dunque, non sarebbe potuto essere azzittito se non violando la libertà di esprimersi e di informarsi che spetta ai cittadini della rete"---Su un forum "privato" ad esempio se uno apre una sua community.. come hw upgrade.. e in una sezione si dice di non parlare di religione o di politica.. non credo che si violi la libertà di esprimersi di nessuno se si cancellano dei messaggi.Allo stesso modo, visto quanto riportato nell'articolo, credo che chi ospiti un forum abbia il diritto di "pararsi il fondoschiena" limitando la "libertà di esprimersi" degli utenti.. che il più delle volte si sentono senza limiti grazie all'"anonimato" dato dal nickname ....se uno vuole esprimersi liberamente si può aprire un suo blog su wordpress o blogspot e scrivere tutto ciò che pensa / vuole .. ma se poi ci devono andare di mezzo gli altri perché il forum sequestrato è di altri.. mi pare che ci rimette di più chi ospita il forum che non chi lo visita e fa si che venga sequestrato.. :pciao
    • Sgabbio scrive:
      Re: libertà di esprimersi?

      Su un forum "privato" ad esempio se uno apre una
      sua community.. come hw upgrade.. e in una
      sezione si dice di non parlare di religione o di
      politica.. non credo che si violi la libertà di
      esprimersi di nessuno se si cancellano dei
      messaggi.

      Allo stesso modo, visto quanto riportato
      nell'articolo, credo che chi ospiti un forum
      abbia il diritto di "pararsi il fondoschiena"
      limitando la "libertà di esprimersi" degli
      utenti.. che il più delle volte si sentono senza
      limiti grazie all'"anonimato" dato dal nickname
      ..

      ..se uno vuole esprimersi liberamente si può
      aprire un suo blog su wordpress o blogspot e
      scrivere tutto ciò che pensa / vuole .. ma se poi
      ci devono andare di mezzo gli altri perché il
      forum sequestrato è di altri.. mi pare che ci
      rimette di più chi ospita il forum che non chi lo
      visita e fa si che venga sequestrato..
      :p

      ciaoSolitamente i grossi forum cone Hwupgrape, Eveyeye ect, sono gestiti da paurosi e frignoni, che limitanto la libertà d'espressione per pararsi il XXXX per paura di un eventuale proXXXXX (non importa se vincerebbero a mani basse).Se ti leggi il regolamento di Everyeye, ti metti a ridere dal cumolo d'idiozie scritte, arrivano a vietare pure il diritto di cronaca, per non parlare che danno il potere allo staff di fare quel che vogliono anche contro le stesse regole che hanno stilato!Poi Hwupgrape...un caso recente: Hanno deciso di vietare la compravendita delle r4 nonostante non ci sia nessuna sentenza che le vieta :DTanto per dire quando sono calabraghe.Insomma solo in italia si fanno tutte ste pippe mentali. Un luogo come il 4chan in italia sarebbe chiuso dopo 8 mesi di attività allora.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 marzo 2009 11.40-----------------------------------------------------------
      • MeMEme scrive:
        Re: libertà di esprimersi?
        - Scritto da: Sgabbio
        Solitamente i grossi forum cone Hwupgrape,
        Eveyeye ect, sono gestiti da paurosi e frignoni,
        che limitanto la libertà d'espressione per
        pararsi il XXXX per paura di un eventuale
        proXXXXX (non importa se vincerebbero a mani
        basse).bah ma a maggior ragione, perche' se forum come quelli di hwugrade che han risorse finanziare alle spalle, si vogliono parare il XXXX per evitare rogne.. un forum piu' piccolo di hwupgrade dovrebbe rischiare in prima persona?Non dico che sia giusto.. ma purtroppo penso che sia inevitabile che uno si comporti in quel modo piuttosto che da "paladino della liberta' d'espressione" .. cioe' se gia' fai una cosa come un forum per passione e non ci guadagni nulla.. ti pare che poi devi perder tempo tu dietro a storie legali causate da qualche testa calda che invece poteva andar a scriver quelle cose sul muro di casa sua? ....Poi anche all'estero mi pare ci sian regolamenti che non van tanto per il sottile.. nel senso .. argomenti tipo politica e religione vengono evitati non solo per eventuali diffamazioni ma anche per evitare flames etc.Certo nel caso specifico riportato nell'articolo, la denuncia fatta è un po' forzata.. e potevan fare a meno di farla. Ma l'han fatta e per primi ci han rimesso quelli che han ospitato il servizio ovvero l'aduc.p.s.qualcuno aveva provato a scrivere un commento qui che insultava i preti ed e' stato tolto mi pare.. :D ..ma penso che fosse piu' che altro perche' era na trollata..
    • Nilok scrive:
      Re: libertà di esprimersi?
      OTTIMA definizione di "moderatori" e di COME dovebbero comportarsi!Ma sappiamo che oramai...reclutano CHIUNQUE per fare da "moderatori"....ecome unico compito gli viene chiesto di aumentare le visite al Forum.......con le dovute conseguenze.8)Nilok
      • Giambo scrive:
        Re: libertà di esprimersi?
        - Scritto da: Nilok
        Ma sappiamo che oramai...reclutano CHIUNQUE per
        fare da "moderatori"....ecome unico compito gli
        viene chiesto di aumentare le visite al
        Forum....No, io non lo so.Tu, che mi pari informato, quanto vieni pagato da Scientology per postare qui ?
  • Uto Uti scrive:
    Lega dei senza dio
    Ma non serebbe ora che la fate finita con queste religioni del XXXXX? Il neolitico è finito da 7000 anni e ancora credete a quelle XXXXXXX da trogloditi?Un prete che denuncia "offese alla religione" poi è grottesco, e i ragazzini a cui rompe il XXXX non si devono offendere? Lega dei senza dio
    • Mr.God scrive:
      Re: Lega dei senza dio
      - Scritto da: Uto Uti
      Ma non serebbe ora che la fate finita con queste
      religioni del XXXXX? Il neolitico è finito da
      7000 anni e ancora credete a quelle XXXXXXX da
      trogloditi?
      Un prete che denuncia "offese alla religione" poi
      è grottesco, e i ragazzini a cui rompe il XXXX
      non si devono
      offendere?

      Lega dei senza dioHAHAHAHAHAHA, quotello!
    • MegaJock scrive:
      Re: Lega dei senza dio
      Guarda che di scuse per impedirti di parlare ne trovano quante ne vogliono. Se non é offesa alla religione tirano fuori l'incitamento all'odio, il reato d'opinione e chi più ne ha più ne metta. Non credere neanche per un istante che chi vuol farti tacere sia a corto di scuse.
      • krane scrive:
        Re: Lega dei senza dio
        - Scritto da: MegaJock
        Guarda che di scuse per impedirti di parlare ne
        trovano quante ne vogliono. Se non é offesa alla
        religione tirano fuori l'incitamento all'odio, il
        reato d'opinione e chi più ne ha più ne metta.
        Non credere neanche per un istante che chi vuol
        farti tacere sia a corto di scuse.Non si potrebbero denunciare i preti per incitamento all'odio ? In fondo almeno contro il diavolo incitano, e' razzismo verso un angelo caduto, quindi pure reietto e handicappato.
    • UOOO scrive:
      Re: Lega dei senza dio
      Ribadisco:XXXXX DIO XXXXX XXXXXXX E TUTTI GLI ANGELI IN COLONNA CRISTO MAIALE SQUARTATO MAOMETTO FIGLIO DI XXXXX ALLAH XXXXXXXX BUDDAH CICCIONE PELATO DI XXXXX SHIVA GRANDE XXXXX CHE CON 4 MANI FA LE SEGHE AD APOLLO, DIO, ALLAH, e CRISTO.E ora venite a sequestrarmi.
      • Nicolaus scrive:
        Re: Lega dei senza dio
        Sarebbe stupendo che ti arrivasse una denuncia, così per lo meno smetteresti di fare lo spavaldo e per lo meno la pagheresti cara! Non è in quanto alle bestemmie che tiri, in quanto offendi le credenze di qualcuno.
        • Avvocato del diavolo scrive:
          Re: Lega dei senza dio
          - Scritto da: Nicolaus
          Sarebbe stupendo che ti arrivasse una denuncia,
          così per lo meno smetteresti di fare lo spavaldo
          e per lo meno la pagheresti cara! Non è in quanto
          alle bestemmie che tiri, in quanto offendi le
          credenze di
          qualcuno.Ora dimmi che differenza c'è dal dire ad un Interista: "Inter XXXXX" al dire ad un cattolico "Dio di XXXXX" ??E' La stessa cosa !
          • Panini Alfredo scrive:
            Re: Lega dei senza dio
            Quoto!
          • Nicolaus scrive:
            Re: Lega dei senza dio
            dimmi che differenza c'è dire "Italia XXXXX" e bruciare la bandiera italiana in mezzo una piazza... prova a farlo poi dimmi tu... sostanzialmente non c'è una grande differenza, ma il gesto che compi con il secondo è un reato e in ogni caso ETICAMENTE risulta offensivo più che dire "Italia XXXXX o Italia Brucia".Non per dirti niente ma la libertà di credere ad una religione e di non offendere la tua e quella degli altri è un diritto e un dovere protetto dalla costituzione italiana e da quasi la totalità dei paesi democratici... offendere una religione qualsiasi in un forum equivale pressoché a farlo in mezzo la piazza, visto che Piazza può essere tradotta in latino proprio con la parola Forum.Poi che tu lo pensi o no è un altro conto, ma offendere Cristo, XXXXXXX etc, liberamente non mi sembra corrisponda a "libera espressione".. offendere non mi sembra libera espressione, alla fine la libertà di un individuo inizia quando comincia quella di un altro, su PI mi è stato censurato un post dopo aver scritto Pagliaccio a uno, non capisco come possano esserci scritte bestemmie ovunque ora e nessuno venga censurato... bho...PS: l'inter non è una religione, e nemmeno babbo natale (per quelli più sotto)..-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 marzo 2009 12.09-----------------------------------------------------------
          • Avvocato del diavolo scrive:
            Re: Lega dei senza dio
            Modificato dall' autore il 11 marzo 2009 12.09
            --------------------------------------------------E chi l'ha detto ? io posso credere cosi tanto nell'inter che per me sentire dire "Inter XXXXX" è molto piu offensivo che per uno che si dichiara cristiano sentirsi dire "Dio XXXXX"
          • Nicolaus scrive:
            Re: Lega dei senza dio
            Ma non ha senso quello che dici nessuno riconosce ne riconoscerà mai che l'inter è una religione, poichè di fatto non lo è, se tu ti offendi è affar tuo. L'inter, è una cosa a se, se un giorno offendono il tuo cantante preferito non è che tu puoi denunciare quello che ha offeso il tuo cantante preferito.
          • Wolf01 scrive:
            Re: Lega dei senza dio
            E la stessa cosa deve valere per le religioni!Le credenze popolari quali sono le religiorni sono state riconosciute solo perchè un tempo avevano molto potere, perchè la Chiesa le imponeva altrimenti ti scomunicava o ti uccidevano come eretico.Se nel 1300 fosse salito al potere il maestro dei maestri dei cantanti e avesse imposto l'obbligo di rendere grazia ai giullari di corte e espresso il divieto di insultare un cantante perchè fa musica del XXXXX allora adesso non potremmo insultare Tiziano Ferro, Carmen Consoli o Giusy Ferreri perchè fanno musica che fa XXXXXX, però in compenso magari potremmo tranquillamente parlare solo a bestemmie.Tu credi a quello che vuoi, io sono libero di insultare il mio inesistente dio che non è detto sia lo stesso tuo, e non è colpa nostra se la vostra religione ha deciso di chiamare il vostro dio Dio, poteva continuare a chiamarlo col suo vero nome, che poi ne ha tre ben conosciuti (in realtà dicono 72 nella cabala) e stranamente si chiama Yahovah-
            Geova, Elohim (che è comunque plurale e il singolare sarebbe Eloha-
            Allah) e Adonai.In pratica tre religioni si stanno scannando per decidere quale dei tre è il vero dio, tutti e tre lo stesso alla fine.Mi viene il mal di testa solo a pensare che ci sia gente tanto ignorante tra le fila di Dio, io che sono ateo e che proprio non me ne frega niente di crederci conosco molte più cose perfino dei preti che quando si vogliono far vedere bravi e buoni ogni volta ci rimangono di XXXXX quando gli snocciolo tutta la storiella.Sinceramente prenderei un prete, un rabbino e un testimone di Geova e gli batterei la testa assieme finchè non riescono a mettersi d'accordo.A quel punto, e solo a quel punto, potrò credere alla bontà del LORO nuovo dio che finalmente li ha fatti rinsavire (o risalire in cielo, dipende se si è rotta prima la scatola cranica) e magari non bestemmiarlo più
          • Elans scrive:
            Re: Lega dei senza dio
            Mi offende la scritta "dio c'e'" in quanto ateo. Ora denuncio e faccio chiudere tutti i blog religiosi.
          • Nicolaus scrive:
            Re: Lega dei senza dio
            l'ateismo non è una religione, il verbo "essere" non costituisce un'offesa
          • Elans scrive:
            Re: Lega dei senza dio
            Quindi sostenere che non c'e' solo un dio ma ce ne sono tanti (vedi induismo) non e' un'offesa neanche... visto che si tratta di "religione contro religione"? O farei meglio a dire che ci sono persone che si possono sentire offese perché sostenere l'esistenza di un essere superiore offende la loro razionalita'? Alla fine che l'ateismo sia o non sia una religione che differenza fa? Che tu (o chi per te) credete in una serie di valori morali dettati da un libro e noi crediamo in un'altra serie di valori morali frutto dello sforzo evolutivo e creativo di altri uomini? Perche' se dico che uccidere e' ingiusto e cito la bibbia sono Ok, se cito invece Voltaire, Cartesio o Spinoza il mio valore ha meno "valore"?Sia ben chiaro, NON CONDIVIDO la legge sul vilipendio alla religione. Il vilipendio e' per definizione l'offesa lesiva di valori riconosciuti: perche' i valori della scienza e dalla non devono essere riconosciuti allo stesso modo di quelli religiosi (che talvolta -dico talvolta- valori non sono, vedi infibulazione ed altre porcherie).Ma sono andato forse OT.
        • Mr.God scrive:
          Re: Lega dei senza dio
          - Scritto da: Nicolaus
          Sarebbe stupendo che ti arrivasse una denuncia,
          così per lo meno smetteresti di fare lo spavaldo
          e per lo meno la pagheresti cara! Non è in quanto
          alle bestemmie che tiri, in quanto offendi le
          credenze di
          qualcuno.Eppure l´avevamo inchiodato per bene!
        • Martufellat io scrive:
          Re: Lega dei senza dio
          Io credo in Babbo Natale!E guai a chi me lo tocca!
          • Wolf01 scrive:
            Re: Lega dei senza dio
            Babbo Natale non esiste, così come Dio, la fatina dei dentini, l'onestà in Italia e il cervello dei truzzi
          • Martufellat io scrive:
            Re: Lega dei senza dio
            NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!
      • BFidus scrive:
        Re: Lega dei senza dio
        - Scritto da: UOOO
        BUDDAH CICCIONE PELATO DI XXXXX Buddha (e non Buddah) non era ne ciccione ne pelato!Ma sopratutto non era neanche un dio!Gnurant!
    • Udippuy scrive:
      Re: Lega dei senza dio
      quoto tutto
    • Calimero scrive:
      Re: Lega dei senza dio
      Per gli stessi motivi che elenchi tu estendo il concetto: non sarebbe l'ora di iniziare a rispettare il prossimo e non a "fotterlo" appena volta le spalle ?PS La maggior parte delle violenze sui bambini avviene fra le mura domestiche da parte di parenti stretti o comunque persone molto vicine alla famiglia stessa.
    • Marco M. scrive:
      Re: Lega dei senza dio
      - Scritto da: Uto Uti
      Ma non serebbe ora che la fate finita con queste
      religioni del XXXXX? Il neolitico è finito da
      7000 anni e ancora credete a quelle XXXXXXX da
      trogloditi?
      Un prete che denuncia "offese alla religione" poi
      è grottesco, e i ragazzini a cui rompe il XXXX
      non si devono
      offendere?

      Lega dei senza dioChissà come commenteresti se io usassi gli stessi toni contro di te perchè non credi.....probabilmente ti stracceresti le vesti contro i "cattolici che pretendono di zittire e denigrano chi non è daccordo"...Rileggi il tuo post e ci troverai la stessa supponenza ed intolleranza tipica di molti integralisti....
      • Elans scrive:
        Re: Lega dei senza dio
        Infatti la questione e' che ognuno possa dire la sua. Le offese PERSONALI sono gia' regolate dalla legge (ti posso citare per danni morali), quello su cui non sono d'accordo e' che si possa criticare un'idea solo perche' e' "religione".Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu la possa esprimere.Voltaire
    • Nilok scrive:
      Re: Lega dei senza dio
      GIUTO!Facciamola finita con TUTTO........a cominciare da te....però!8)Nilok
  • Antonio Macchi scrive:
    PRETI PEDOFILI!
    al solito, questi schifosi di preti pedofili non vigliono che si dica in giro la verita'.preti pedofili codardi... vermi... puah!
    • gerry scrive:
      Re: PRETI PEDOFILI!
      - Scritto da: Antonio Macchi
      al solito, questi schifosi di preti pedofili non
      vigliono che si dica in giro la
      verita'.

      preti pedofili codardi... vermi... puah!Per cui adesso dovrebbero sequestrare PI.
      • MeMEme scrive:
        Re: PRETI PEDOFILI!
        - Scritto da: gerry
        Per cui adesso dovrebbero sequestrare PI.esatto.. dobbiam cliccare su "segnala abusi" ?:p
  • The_GEZ scrive:
    Sequestro preventivo ...
    Ciao a tutti !... censura istantanea !Meglio di così ?!Praticamente il TUO forum mi sta sugli zebedei quindi mi collego, faccio un bel post con scritto :"CANTA TU CHE CANTO IO ... CANTA ANCHE L' ORTO MIO"Poi mi scandalizzo per questo post e ...A, aulì, aulè ... tulilem, blem-blum ! e ZAC !Forum "preventivamente" sequestrato censura immediatamente perpetrata, una pensata degna del "dottor Clan" in persona.
    • MeMEme scrive:
      Re: Sequestro preventivo ...
      si' ma per quanto sbagliato sia, tutti sanno (aduc tra i primi) che funziona cosi'.. quindi da parte mia quelli dell'aduc dovrebbero prevedere che certe cose siano evitate "da regolamento" .. e quando vengon fuori certi argomenti dovrebbero eliminarli.. la libertà di espressione non la limitano quelli dell'aduc ma gli utenti stessi si auto-limitano accettando il regolamento e partecipando attivamente al forum.. d'altro canto, se ci son persone o enti offese da degli utenti che han postato su un forum, questi dovrebbero prima di sporgere denuncia, contattare i responsabili del forum e chiedergli di intervenire.le persone che poi vogliono usare internet per esprimersi liberamente lo possono fare aprendo un loro spazio a loro intestato in modo che se poi scrivono qualcosa gli vien sequestrato quello e non il forum messo in piedi da altri per far qualcosa di utile..Poi vabbe.. ora vorrebbero anche far in modo che chi mette su un forum possa identificare gli individui che ci partecipano.. gia' mi ci vedo a mandare i fax a quelli di punto informatico con copia della mia carta d'identita' per postare qui un commento..
    • Rag. Bambocci scrive:
      Re: Sequestro preventivo ...
      mi sa che da beppegrillo e altri forum scomodi appariranno tanti bestemmiatori sacrilegi
    • Nilok scrive:
      Re: Sequestro preventivo ...
      Giustissimo...se mi spappoli gli zebedei....ti ranzo via dalla faccia del WEB....ecosì sia!Nilok
  • Paolo Garbet scrive:
    OFFESE ALLA RELIGIONE
    Ovvero, offese ad una divinità soprannaturale onnipotente? Ma cribbio, che bisogno c'è dell'intervento della magistratura? Una divinità onnipotente può farsi giustizia da sola! Un bel fulmine che brucia l'hard disk blasfemo...Certo, bisogna dire che queste divinità non si fanno mai vedere di persona, e neppure per tramite di qualche prodigioso evento... insomma si comportano esattamente come se non esistessero affatto, ma via, sono dettagli...
    • lol scrive:
      Re: OFFESE ALLA RELIGIONE
      appunto, la divinita' in questione non ha mai dato mandato ad alcuno di difenderla, e ha detto di porgere l'altra guancia...
      • Mr. X scrive:
        Re: OFFESE ALLA RELIGIONE
        - Scritto da: lol
        appunto, la divinita' in questione non ha mai
        dato mandato ad alcuno di difenderla, e ha detto
        di porgere l'altra
        guancia...lol questa me la segno :-P
    • pippo scrive:
      Re: OFFESE ALLA RELIGIONE

      Ovvero, offese ad una divinità soprannaturale
      onnipotente? Ma cribbio, che bisogno c'è
      dell'intervento della magistratura? Una divinità
      onnipotente può farsi giustizia da sola! Un bel
      fulmine che brucia l'hard disk
      blasfemo...(rotfl)(rotfl)
      Certo, bisogna dire che queste divinità non si
      fanno mai vedere di persona, e neppure per
      tramite di qualche prodigioso evento... insomma
      si comportano esattamente come se non esistessero
      affatto, ma via, sono
      dettagli...Ma i suoi "autoelettisi" rappresentanti devono pure campare... :DP.S. bruceremo prima all'inferno o faremo la fine di Giordano Bruno? :@
      • Nome e cognome scrive:
        Re: OFFESE ALLA RELIGIONE

        P.S. bruceremo prima all'inferno non sai come funziona l'inferno ?chi ci crede ... ci va'
    • noss scrive:
      Re: OFFESE ALLA RELIGIONE
      Senza contare che non esiste neppure!
      • The_GEZ scrive:
        Re: OFFESE ALLA RELIGIONE
        Ciao noss !
        Senza contare che non esiste neppure!... e se esiste spero che abbia una buona scusa.;)
      • parker scrive:
        Re: OFFESE ALLA RELIGIONE
        - Scritto da: noss
        Senza contare che non esiste neppure!NON NO ESISTE e io ci voglio andare nel girone dei lussuriosi!LOL
        • doc allegato velenoso scrive:
          Re: OFFESE ALLA RELIGIONE
          se non esiste, non esiste nemmeno il girone dei lussuriosi.E' meglio che dai fondo a tutte le cartucce in questa vita :)
      • MegaJock scrive:
        Re: OFFESE ALLA RELIGIONE
        Anche se esistesse, pensi che gliene importerebbe qualcosa di cosa diciamo di lui/lei? Se credi che "Dio" esista, quel "Dio" è un'entità talmente oltre la natura umana che le nostre "offese" conterebbero quanto le contumelie dei parameci.
    • Nilok scrive:
      Re: OFFESE ALLA RELIGIONE
      ...tsk tsk tsk.....sono dei così potenti che, loro direttamente "non si sXXXXXno le mani"....lo fanno fare agli altri...e senza nemmeno dirglielo!PUTENZ!!!!....della PUTENZ!!!!...della SUPERPUTENZ!!!Nilok
      • Mr.God scrive:
        Re: OFFESE ALLA RELIGIONE
        - Scritto da: Nilok
        ...tsk tsk tsk.....sono dei così potenti che,
        loro direttamente "non si sXXXXXno le mani"....lo
        fanno fare agli altri...e senza nemmeno
        dirglielo!
        PUTENZ!!!!....della PUTENZ!!!!...della
        SUPERPUTENZ!!!

        NilokSta bono scientologo, il cristianesimo almeno é stato scritto bene al consiglio di Nicea! La tua da uno scrittore di fantascienza ma DAIIII!!
    • Sathack scrive:
      Re: OFFESE ALLA RELIGIONE
      le divinità sono come l'affidabilità di windows...devi proprio crederci!!!!
  • giyf scrive:
    differenza tra blog e forum
    Ma Fulvio Sarzana di S.Ippolito sa la differenza tra un blog e un forum?
    • Momento di inerzia scrive:
      Re: differenza tra blog e forum
      - Scritto da: giyf
      Ma Fulvio Sarzana di S.Ippolito sa la differenza
      tra un blog e un
      forum?Che sarebbe? il tipo di CMS usato e la struttura con cui vengono presentati i contenuti?Perché da un punto di vista giuridico e informatico sono la stessa cosa.
  • Marco scrive:
    Verità certa = aduc ha perso la causa
    Ecco la verità!
  • Den Lord Troll scrive:
    la soluzione unica è....
    [yt]77ZWoKBxWWc[/yt]siccome: cмерть решает все проблемы.Nota: ritorcere la cosa con chi è già perso - il sottoscritto - evince solo il vostro senso di inutilità, ah già chi è "inniorante" per scelta (non in come 'certi' paesi ricchi e all'avanguardia dove si adempie alla stessa cosa perché non v'è una reale necessità di acculturarsi al 100%) non può capire, gli animali della giungla profonda mi darebbero maggiori soddifazioni infinite volte :)
  • J3njy scrive:
    Situazione simile a CICAPMULTIMEDIA.IT
    La situazione è simile a WWW.CICAPMULTIMEDIA.IT in cui i signori del CICAP hanno forzato la mano chiedendo al tizio del video di rimuovere i contenuti che facevano riferimento a loro !Ma dove andremo a finire di questo passo dico io ?
  • Italia scrive:
    Articolo 21
    Dovrebbe intervenire la Corte Costituzionale, perché a quanto pare anche nei bagni della Cassazione hanno finito la carta igienica e hanno iniziato a usare il primo pezzo di carta che hanno trovato sottomano, che a quanto pare era la Costituzione.
    • ... scrive:
      Re: Articolo 21
      Perchè?
      • Italia scrive:
        Re: Articolo 21
        http://www.quirinale.it/costituzione/costituzione.htmArt. 21.Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.
        • ... scrive:
          Re: Articolo 21
          - Scritto da: Italia
          http://www.quirinale.it/costituzione/costituzione.

          Art. 21.

          Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il
          proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni
          altro mezzo di
          diffusione.

          La stampa non può essere soggetta ad
          autorizzazioni o
          censure.Si appunto conosco l'articolo, chiedevo un perchè riferito a questa notizia. Ti chiedevo di argomentare un po' di più.I forum non sono stampa, e per fortuna che almeno la cassazione lo sostiene.
          • Alessio R. scrive:
            Re: Articolo 21


            I forum non sono stampa, e per fortuna che almeno
            la cassazione lo
            sostiene.Io penso che la notizia sia invece inquietante, poiché seguendo il ragionamento della Cassazione, tutti i siti che non sono registrati (con direttore, editore, e tutti i vari orpelli) possono essere oscurati senza alcun problema.
          • ... scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: Alessio R.



            I forum non sono stampa, e per fortuna che
            almeno

            la cassazione lo

            sostiene.

            Io penso che la notizia sia invece inquietante,
            poiché seguendo il ragionamento della Cassazione,
            tutti i siti che non sono registrati (con
            direttore, editore, e tutti i vari orpelli)
            possono essere oscurati senza alcun
            problema.Non si tratta di essere oscurati. Si tratta di sequestro. Avviene ora ed è già avvenuto e non vedo come possa essere diversamente.La cosa importante è che si è riconosciuto che forum e blog non sono da considerarsi stampa. Quindi la responsabilità è personale dell'autore dei contenuti.E' giusto che sia così perchè la stampa gode di quei diritti proprio perchè ha un livello di responsabilità molto superiori che ai forum non sono applicabili.
          • Andrea Botteghelz scrive:
            Re: Articolo 21
            ... Povera Italia...
          • CoreDump scrive:
            Re: Articolo 21


            La cosa importante è che si è riconosciuto che
            forum e blog non sono da considerarsi stampa.
            Quindi la responsabilità è personale dell'autore
            dei
            contenuti.
            Infatti la stampa non sono i blog e i forum su internet, fondamentalmente perche l'informazione che danno i primi può essere manipolata più facilmente.ciao.
          • Alessandrox scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: ...
            La cosa importante è che si è riconosciuto che
            forum e blog non sono da considerarsi stampa.
            Quindi la responsabilità è personale dell'autore
            dei
            contenuti.
            E' giusto che sia così perchè la stampa gode di
            quei diritti proprio perchè ha un livello di
            responsabilità molto superiori che ai forum non
            sono
            applicabili.Quindi stai dicendo che chi ha maggiori responsabilita' e poteri e' soggetto a minori controlli e doveri?interessante... sarebbe piaciuta molto ai sognorotti medievali.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: Alessandrox
            Quindi stai dicendo che chi ha maggiori
            responsabilita' e poteri e' soggetto a minori
            controlli e
            doveri?No, sta dicendo che chi ha maggiori responsabilità ha più diritti .
          • Alessandrox scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: Momento di inerzia
            - Scritto da: Alessandrox

            Quindi stai dicendo che chi ha maggiori

            responsabilita' e poteri e' soggetto a minori

            controlli e

            doveri?

            No, sta dicendo che chi ha maggiori
            responsabilità ha più
            diritti .ergo meno doveri in rapporto ai diritticioe' piu' privilegi...la logica non e' mica un opinione...Comunque tutto si spiega alla luce di questo:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2571865&m=2572635#p2572635
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: Alessandrox

            No, sta dicendo che chi ha maggiori

            responsabilità ha più

            diritti .

            ergo meno doveri in rapporto ai diritti
            cioe' piu' privilegi...

            la logica non e' mica un opinione...Infatti.Tu invece ne applichi una tua, generalizzando l'ambito di applicazione a piacereDicendo che i diritti equivalgono ai privilegi insinui che il concetto espresso dal tuo interlocutore sia che chi ha molte responsabilità in un determinato campo, goda di privilegi a tutto campo.Invece i diritti che si godono in più riguardano esclusivamente l'ambito delle responsabilità a cui si riferiscono.Facciamo un esempio assurdo.Un funzionario pubblico è incaricato di controllare la qualità degli ingredienti usati dai panificatori e quella del prodotto finale.E' responsabile di quanto riporta in prima persona e per questo ha il diritto di intrufolarsi, anche di nascosto e contro la volontà dei fornai, nei panifici a qualunque ora per svolgere le sue indagini.Ma questo non significa che possa introdursi in qualunque abitazione a suo piacimento.Semplicemente, le sue responsabilità comportano quei diritti che sono sicuramente maggiori rispetto a un cittadino qualunque che non ha quelle responsabilità.Se poi vuoi chiamare privilegio il fatto che un giornale, per il fatto di essere responsabile penalmente di quello che scrive ha il diritto di non essere sequestrato, allora si, è un privilegio.
          • Alessandrox scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: Momento di inerzia
            - Scritto da: Alessandrox


            No, sta dicendo che chi ha maggiori


            responsabilità ha più


            diritti .



            ergo meno doveri in rapporto ai diritti

            cioe' piu' privilegi...



            la logica non e' mica un opinione...

            Infatti.
            Tu invece ne applichi una tua, generalizzando
            l'ambito di applicazione a
            piacere
            Dicendo che i diritti equivalgono ai privilegi
            insinui che il concetto espresso dal tuo
            interlocutore sia che chi ha molte responsabilità
            in un determinato campo, goda di privilegi a
            tutto
            campo.
            Invece i diritti che si godono in più riguardano
            esclusivamente l'ambito delle responsabilità a
            cui si
            riferiscono.

            Facciamo un esempio assurdo.
            Un funzionario pubblico è incaricato di
            controllare la qualità degli ingredienti usati
            dai panificatori e quella del prodotto
            finale.
            E' responsabile di quanto riporta in prima
            persona e per questo ha il diritto di
            intrufolarsi, anche di nascosto e contro la
            volontà dei fornai, nei panifici a qualunque ora
            per svolgere le sue
            indagini.
            Ma questo non significa che possa introdursi in
            qualunque abitazione a suo
            piacimento.
            Semplicemente, le sue responsabilità comportano
            quei diritti che sono sicuramente maggiori
            rispetto a un cittadino qualunque che non ha
            quelle
            responsabilità.

            Se poi vuoi chiamare privilegio il fatto che un
            giornale, per il fatto di essere responsabile
            penalmente di quello che scrive ha il diritto di
            non essere sequestrato, allora si, è un
            privilegio.SSSiamo TUTTI responsabili penalmente di quel che scriviamo, solo che per la stampa e' responsabile l' editore per tutti quelli che scrivono sotto la sua responsabilita'... altrimenti ... dovrebbe essere responsabile il singolo scrivente (logica vorrebbe) ma anche in questo NON c'e' chiarezza perche' spesso viene responsabilizzato chi offre il mezzo per scrivere e pubblicare.Quanto ai privilegi non ho detto che equivalgono ai diritti, ho solo detto ED E' UN DATO DI FATTO che piu' diritti a parita' di responsabilita'/doveri vuol dire essere privilegiati, ora visto che COMUNQUE checche' se ne dica siamo tutti perseguibili NON e' dimostrato che lo scrivente qualsiasi abbia MENO doveri e meno responsabilita' di un editore...Da cui la logica conseguenza.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: Alessandrox
            SSSiamo TUTTI responsabili penalmente di quel che
            scriviamo, solo che per la stampa e' responsabile
            l' editore per tutti quelli che scrivono sotto la
            sua responsabilita'... altrimenti ... dovrebbe
            essere responsabile il singolo scrivente (logica
            vorrebbe) ma anche in questo NON c'e' chiarezza
            perche' spesso viene responsabilizzato chi offre
            il mezzo per scrivere e
            pubblicare.Sono TUTTI responsabili in solido: il giornalista, il direttore responsabile e l'editoreRicordando che la responsabilità penale in Italia è SEMPRE personale.
            Quanto ai privilegi non ho detto che equivalgono
            ai diritti, ho solo detto ED E' UN DATO DI FATTO
            che piu' diritti a parita' di
            responsabilita'/doveri vuol dire essere
            privilegiati,Tu hai detto che più diritti con maggiori responsabilità equivale a essere privilegiati.(la frase era "Quindi stai dicendo che chi ha maggiori responsabilita' e poteri e' soggetto a minori controlli e doveri?")
            ora visto che COMUNQUE checche' se
            ne dica siamo tutti perseguibili NON e'
            dimostrato che lo scrivente qualsiasi abbia MENO
            doveri e meno responsabilita' di un
            editore...Art.595 C.P. Chiunque, fuori dei casi indicati nell'articolo precedente, comunicando con più persone, offende l'altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a euro 1032.Se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato, la pena è della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a euro 2065.Se l'offesa è recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico, la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore ad euro 516.Se l'offesa è recata a un Corpo politico, amministrativo o giudiziario, o ad una sua rappresentanza, o ad una Autorità costituita in collegio, le pene sono aumentate. Bisogna vedere cosa intende la giurisprudenza con "mezzo di pubblicità", ma se si può applicare ricorsivamente questa sentenza di Cassazione, un giornalista che diffama rischia almeno 516 euro di multa e da sei mesi a a tre anni di reclusione, mentre una persona qualunque rischia al massimo 1032 euro di multa e un anno di reclusione, quindi le responsabilità non sono uguali.C.D.D.
          • caviccun scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: Alessio R.



            I forum non sono stampa, e per fortuna che
            almeno

            la cassazione lo

            sostiene.

            Io penso che la notizia sia invece inquietante,
            poiché seguendo il ragionamento della Cassazione,
            tutti i siti che non sono registrati (con
            direttore, editore, e tutti i vari orpelli)
            possono essere oscurati senza alcun
            problema.Beh la carlucci cosa credi voglia fare?Finiremo a parlare solo del tempo che fa e dei dolci della nonnina, zucchero latte e fior di farina.
          • Punto scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: caviccun
            - Scritto da: Alessio R.





            I forum non sono stampa, e per fortuna che

            almeno


            la cassazione lo


            sostiene.



            Io penso che la notizia sia invece inquietante,

            poiché seguendo il ragionamento della
            Cassazione,

            tutti i siti che non sono registrati (con

            direttore, editore, e tutti i vari orpelli)

            possono essere oscurati senza alcun

            problema.


            Beh la carlucci cosa credi voglia fare?Finiremo a
            parlare solo del tempo che fa e dei dolci della
            nonnina, zucchero latte e fior di
            farina.Visto il livello infimo, tendente al becero come molti dei commenti qui letti, della maggior parte delle discussioni in internet, mica sarebbe una cattiva idea.
          • Taddeo scrive:
            Re: Articolo 21

            Visto il livello infimo, tendente al becero come
            molti dei commenti qui letti, della maggior parte
            delle discussioni in internet, mica sarebbe una
            cattiva
            idea.grazie per il tuo contributo (anonimo)
          • caviccun scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: Punto
            - Scritto da: caviccun

            - Scritto da: Alessio R.







            I forum non sono stampa, e per fortuna che


            almeno



            la cassazione lo



            sostiene.





            Io penso che la notizia sia invece
            inquietante,


            poiché seguendo il ragionamento della

            Cassazione,


            tutti i siti che non sono registrati (con


            direttore, editore, e tutti i vari orpelli)


            possono essere oscurati senza alcun


            problema.





            Beh la carlucci cosa credi voglia fare?Finiremo
            a

            parlare solo del tempo che fa e dei dolci della

            nonnina, zucchero latte e fior di

            farina.

            Visto il livello infimo, tendente al becero come
            molti dei commenti qui letti, della maggior parte
            delle discussioni in internet, mica sarebbe una
            cattiva
            idea.Provocazione arrivata, ehehe.Non hai tutti i torti, però volendo parlare seriamente, in italia, da un certo tempo.....in poi la costituzione viene calpestata ogni giorno.La rete è sempre stata, giustamente, anarchica, adesso ne vogliono fare "cosa nostra".E' inacettabile.Un DDl come quello di dalia e carlucci secondo me è degno di un paese didattoriale e di più.Il brutto è che, la cassazione ha condannato la ADUC perchè un forum non editoria o stampa, non ricordo bene, mentre il DDL carlucci/dalia lo è.Come descritto dall'avv. Minotti: "Internet non è stampa di per sé. Dieci e più anni fa lo diceva Vincenzo Zeno-Zencovich con argomentazioni che mi sembrano ancora attuali.Il che da un lato porta il vantaggio dellinapplicabilità delle regole della stampa (in primis, la responsabilità di un ipotetico direttore)."Comunque, che noi fruitori della rete si abbia ragione è ovvio, il problema è che i politici a cui non va bene che certe verità vengano divulgate, non gliene frega nulla dell'ovvietà, supportata anche da una completa ignoranza.Altro problema è insito negli ISP, alla telecom non gliene fregherà nulla di attenersi al DDL, per cui dovremmo disdire tutti l'abbonamento, ma non solo con la telecom, ma con i suoi vari concorrenti.Intanto per l'uso che potremmo farne se passasse il DDL è come non avere connessione.Muoia sansone.......
          • beebox scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: Punto
            Visto il livello infimo, tendente al becero come
            molti dei commenti qui letti, della maggior parte
            delle discussioni in internet, mica sarebbe una
            cattiva
            idea.Davvero sei riuscito a leggerti "la maggior parte delle discussioni in internet" ? complimenti, si vede che hai tempo a iosa e le tue giornate sono di 240 ore
          • Nick500 scrive:
            Re: Articolo 21
            Secondo me l'importante è che il sequestro lo faccia la magistratura e non il governo... come invece vorrebbe fare il PDL PD-L
          • Italia scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: ...
            I forum non sono stampa, e per fortuna che almeno
            la cassazione lo
            sostiene.Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione."ogni altro mezzo di diffusione" include Internet.
          • ... scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: Italia
            - Scritto da: ...

            I forum non sono stampa, e per fortuna che
            almeno

            la cassazione lo

            sostiene.

            Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il
            proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni
            altro mezzo di
            diffusione.

            "ogni altro mezzo di diffusione" include Internet.Giustissimo, e chi lo nega.Esistono però dei reati, diffamazione e molti altri che limitano la tua libertà di espressione. In questi casi il sequestro può essere utilizzato per individuare gli autori. Non ci vedo nulla di strano.Come dovrebbero funzionare le cose secondo te?Esistono anche i diritti dei diffamati, o no?Come più sotto hanno già scritto, questa sentenza è a favore della libertà di espressione in rete. Si è discusso mesi sulle responsabilità sei blogger equiparate a quelle della stampa. Ora che è stato riconosciuto ci si lamenta?E' logico che poi un blog o un forum può essere sequestrato. Ma deve essere motiviato da un giudice, non come gli gira al primo XXXXXXX.
          • Alessandrox scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: ...
            Esistono però dei reati, diffamazione e molti
            altri che limitano la tua libertà di espressione.


            In questi casi il sequestro può essere utilizzato
            per individuare gli autori. Non ci vedo nulla di
            strano.

            Come dovrebbero funzionare le cose secondo te?

            Esistono anche i diritti dei diffamati, o no?

            Come più sotto hanno già scritto, questa sentenza
            è a favore della libertà di espressione in rete.
            Si è discusso mesi sulle responsabilità sei
            blogger equiparate a quelle della stampa. Ora che
            è stato riconosciuto ci si
            lamenta?

            E' logico che poi un blog o un forum può essere
            sequestrato. Ma deve essere motiviato da un
            giudice, non come gli gira al primo
            XXXXXXX.Si ma questa sentenza afferma anche che se a diffamare e' un blog si sequestra d' ufficio, se e' una testata giornalisstica questa puo' pararsi meglio il XXXX.E anche che mentre per accusare una testata giornalistica occorre avere delle prove consistenti, per accusare un blog basta alzarsi male la mattina o aver mangiato pesnte la sera... Insomam chi ha piu' potere e responsabilita' ha meno controlli e meno doveri.
          • ... scrive:
            Re: Articolo 21


            Si ma questa sentenza afferma anche che se a
            diffamare e' un blog si sequestra d' ufficio, se
            e' una testata giornalisstica questa puo' pararsi
            meglio il
            XXXX.
            Dove sta scritto che si può sequestrare d'ufficio?C'è stato un sequestro per l'individuazione dei responsabili.
            E anche che mentre per accusare una testata
            giornalistica occorre avere delle prove
            consistenti, per accusare un blog basta alzarsi
            male la mattina o aver mangiato pesnte la
            sera...
            Si per accusare si, ma poi deve essere un giudice a sequestrare. Ci dovranno essere motivi seri o no per farlo?
            Insomam chi ha piu' potere e responsabilita' ha
            meno controlli e meno
            doveri.E come si fa? Togliamo responsabilità a loro o le diamo agli altri? Oppure diciamo che un blog in quanto tale non è sequestrabile in nessun caso?
          • beebox scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: ...
            Come dovrebbero funzionare le cose secondo te?

            Esistono anche i diritti dei diffamati, o no?Certo. Però mentre con i mezzi tradizionali il diffamato "non ammanicato" può non riuscire a controbattere perché non ha facile acXXXXX ai media, in rete è ben più tutelato perché può accedere allo stesso forum e dire la sua. Se è convincente troverà sicuramente chi si schiererà dalla sua parte, e la par-condicio è ristabilita. Cosa molto più difficile con la stampa e la TV, visti i costi e gli intrallazzi.Quindi alla rete non servono né tutele né diritto di replica, perché già li ha.
            Come più sotto hanno già scritto, questa sentenza
            è a favore della libertà di espressione in rete.Sembrerebbe di si. Vedremo. La schizofrenia di politici, legislatori e magistrati in tema di rete non ha pari.Su tutto "aleggia" la questione di fondo: internet smaschera i bugiardi, sarà per quello che ai politici da così fastidio ?
          • ... scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: beebox
            - Scritto da: ...


            Come dovrebbero funzionare le cose secondo te?



            Esistono anche i diritti dei diffamati, o no?

            Certo. Però mentre con i mezzi tradizionali il
            diffamato "non ammanicato" può non riuscire a
            controbattere perché non ha facile acXXXXX ai
            media, in rete è ben più tutelato perché può
            accedere allo stesso forum e dire la sua. Se è
            convincente troverà sicuramente chi si schiererà
            dalla sua parte, e la par-condicio è ristabilita.
            Cosa molto più difficile con la stampa e la TV,
            visti i costi e gli
            intrallazzi.

            Quindi alla rete non servono né tutele né diritto
            di replica, perché già li
            ha.
            Scusa se in un forum ad esempio mi prendessero in giro, postassero mie foto, il mio nome e cognome, e iniziassero a diffamarmi, io non perderei certo tempo a partecipare!Chiederei per primo la cancellazione di quei dati al gestore del forum. Se si rifiuta andrei da un avvocato e intimerei la rimozione. Se si rifiuta ancora denuncio l'autore del post (cosa che avrei potuto fare da subito) ed il gestore del forum.Il giudice poi decide, se ho ragione lo fa rimuovere o sequestra tutto.
          • dank scrive:
            Re: Articolo 21

            I forum non sono stampa, e per fortuna che almeno
            la cassazione lo
            sostiene.che hai lasciato per strada la prima parte..???
            Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il
            proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni
            altro mezzo di
            diffusione.ogni altro mezzo di diffusione che XXXXX vuol dire per te
          • pabloski scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: ...
            I forum non sono stampa, e per fortuna che almeno
            la cassazione lo
            sostiene.ma l'art.21 non parla esplicitamente di stampa, quanto piuttosto di diritto ad esprimere il proprio pensiero....che sia tramite repubblica, tramite il blog picchio-ripicchio o tramite un forum, dove sta la differenza?mi pare che invece la cassazione voglia affermare che siccome un forum non è stampa, allora non hai diritto ad esprimerti tramite un forum....la prossima quale sarà? non hai diritto ad esprimerti tramite un tema scolastico, quindi ti arrestiamo
        • giyf scrive:
          Re: Articolo 21
          Perché non riporti l'articolo per intero? Anche tu hai finito la carta igienica e usi la costituzione? All'articolo 21 c'è anche scritto che:Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l'indicazione dei responsabili.- Scritto da: Italia
          http://www.quirinale.it/costituzione/costituzione.

          Art. 21.

          Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il
          proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni
          altro mezzo di
          diffusione.

          La stampa non può essere soggetta ad
          autorizzazioni o
          censure.
          • Nome e cognome scrive:
            Re: Articolo 21
            - Scritto da: giyf
            Perché non riporti l'articolo per intero? Anche
            tu hai finito la carta igienica e usi la
            costituzione? All'articolo 21 c'è anche scritto
            che:


            Si può procedere a sequestro soltanto per atto
            motivato dell'autorità giudiziaria nel caso di
            delitti, per i quali la legge sulla stampa
            espressamente lo autorizzi, o nel caso di
            violazione delle norme che la legge stessa
            prescriva per l'indicazione dei
            responsabili.La seconda parte dell'Articolo 21 si riferisce alla stampa, non alla libertà di espressione dei cittadini.
          • fra Martino scrive:
            Re: Articolo 21
            urca. tutti azzeccagarbugli?
        • 46545 scrive:
          Re: Articolo 21
          - Scritto da: Italia
          http://www.quirinale.it/costituzione/costituzione.

          Art. 21.

          Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il
          proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni
          altro mezzo di
          diffusione.

          La stampa non può essere soggetta ad
          autorizzazioni o
          censure.i forum non sono stampa
          • Andrea scrive:
            Re: Articolo 21
            Secondo me qui il problema è che i più non hanno capito il senso di questa sentenza.Si tratta di una delle più grosse conquiste ***a favore*** della libertà di espressione in Rete che si ricordi a memoria d'uomo.Ripeto ***a favore*** della libertà espressione.
        • fra Martino scrive:
          Re: Articolo 21
          hai detto bene: la stampa. vuoi che un blog sia considerato tale? ma per favore.
      • pippo scrive:
        Re: Articolo 21

        Perchè?Suggerimento: per cosa la usi la carta in bagno? :D
    • Nilok scrive:
      Re: Articolo 21
      Un pezzo di carta che, prima o poi, dovresti leggere:sì è liberi di dire ciò che si vuole, nel rispetto degli altri....OVVIAMENTE......Se nonv uoi nemmeo provare a rispettare gli altri perchè "conti solo tu"...allora capisco il tuo "punto di vista".Nilok
  • ufo1 scrive:
    Humm
    Si va verso: due pesi e due misure?Quando fa comodo una versione e quando fa comodo l'altra?
Chiudi i commenti