Immagini WMF ancora fonte di guai

Un hacker ha scoperto due nuove vulnerabilità legate all'ormai famigerato formato grafico WMF di Windows. Questa volta il problema sembra di scarso rischio, ma gli esperti invitano a non abbassare la guardia


Roma – A pochi giorni di distanza dalla correzione della ben nota vulnerabilità nel formato WMF (Windows Metafile), un hacker ha segnalato la scoperta di due nuove debolezze di Windows legate allo stesso formato di file grafici.

Secondo questo advisory , apparso sulla mailing-list di sicurezza BugTraq a firma di cocoruder , le nuove vulnerabilità possono causare il crash delle applicazioni che supportano i file WMF: tra quelle integrate in Windows vi sono Internet Explorer, Esplora risorse (explorer.exe), Paint e Visualizzatore di immagini e fax. Questa volta, per fortuna, il problema appare decisamente meno grave del precedente: come spiegato da cocoruder, e sottolineato da Microsoft , le due vulnerabilità possono essere sfruttate esclusivamente per creare file WMF malformati che, una volta aperti, bloccano l’applicazione.

“Questi problemi non consentono ad un aggressore di eseguire del codice o mandare in crash il sistema operativo”, ha affermato Lennart Wistrand nel blog del Security Response Center di Microsoft. “Ciò che si può verificare è il crash dell’applicazione con cui si è aperto il file WMF: in questo caso l’utente può riavviare l’applicazione e riprendere il proprio lavoro”.

Wistrand ha anche detto che Microsoft era già a conoscenza di queste vulnerabilità , tuttavia ha preferito dare la priorità alla correzione della ben più critica falla descritta nel recente bollettino MS06-001. Il big di Redmond starebbe valutando la possibilità di integrare la patch nei prossimi service pack o update rollup.

Fra la comunità di esperti di sicurezza c’è chi invita a non abbassare la guardia . Secondo William Salusky, dell’ Internet Storm Center , “l’esperienza insegna che dove c’è una vulnerabilità di tipo denial-of-service è molto probabile che vi sia anche una vulnerabilità che consente l’esecuzione di codice”. Ciò significa che le due falle scoperte da cocoruder potrebbero rivelarsi meno innocue di quanto appaiono : se questo è il caso, lo si verrà a sapere molto presto.

Com’è successo in passato con altri componenti di Windows, tra i quali l’RPC (Remote Procedure Call), gli occhi dei cracker sono puntati sul Graphics Rendering Engine di Microsoft e sul relativo codice che gestisce le immagini WMF: gli esperti temono che nei prossimi mesi emergano altre vulnerabilità legate al formato grafico vettoriale di Windows. Del resto non va dimenticato come la falla corretta dalla patch MS06-001 sia stata preceduta, a novembre, dalla correzione di altre tre vulnerabilità nei formati WMF e EMF (Enhanced Metafile).

Mikko Hypponen, CEO di F-Secure , ha fatto notare come il formato WMF sia stato sviluppato da Microsoft verso la fine degli anni ’80 , e incluso per la prima volta in Windows 3.0 (nel 1990). “All’epoca nessuno progettava le applicazioni non mission-critical tenendo conto del fattore sicurezza”, ha detto Hypponen. Debby Fry Wilson, director del Security Response Center di Microsoft, ha aggiunto che la recente vulnerabilità critica di WMF non è causata da un classico buffer overflow , ma da una legittima funzionalità del software che i cracker sono riusciti a sfruttare in modo non previsto.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • paomag2000 scrive:
    perdere i dati con i cd formattati.
    secondo me un pericolo veramente grave ma che non è troppo pubblicizzato e la masterizzazione a pacchetti (UDF) e cioè il trasporto dei dati su cd-dvd pre-formattati come se fossero dei floppy.Altro che aspettare anni per vedere se tengono....è un suicidio e basta.Io ho una ventina di cd che non si aprono più.Tutto in solo tre anni di computer.
  • Anonimo scrive:
    Sarà vero o si esagera?
    Ho una cinquantina di CD Rom di varie marche (famose e non) masterizzati dal lontano 1995 con un glorioso masterizzatore 2x all'epoca pagato circa un milioncino di vecchie lire, devo ritenermi quindi fortunato che siano ancora leggibili !Altra osservazione mi ricordo la pubblicita dei Verbatim e del Kodak di qualche anno fa che garantivano i loro supporti addirittura per 100 anni !
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarà vero o si esagera?
      - Scritto da: Anonimo
      Ho una cinquantina di CD Rom di varie marche
      (famose e non) masterizzati dal lontano 1995 con
      un glorioso masterizzatore 2x all'epoca pagato
      circa un milioncino di vecchie lire, devo
      ritenermi quindi fortunato che siano ancora
      leggibili !
      Altra osservazione mi ricordo la pubblicita dei
      Verbatim e del Kodak di qualche anno fa che
      garantivano i loro supporti addirittura per 100
      anni !si.e sai cosa vuol dire?che se tra 30 anni non vanno e una delle due esiste ancora (o la loro divisione che tratta l'argomento) , ti ridanno 50 cent; ah si. Garantito, sull'unghia; nessun problema. Però tutto qui. I dati son persi; c'è scritto chiaramente sui Verbatim.magari la foto di tua bisnonna che hai visto solo pochi mesi prima che morisse.o di tuo fratello prima che partisse per il guatemalao tua, di quando avevi ancora i capelli ed eri magro... e tua moglie era guardabileflash! e via, tutto perso :)oppure il tuo glorioso "Mai dire mai a Rocco siffredi, parte seconda" ... introvabile! E - plif! - perso nel mondo dello sfaldamento molecolare! :'(Le foto più importanti... salvale :)GLi mp3 più fichi... dalli a quante più persone conosci... ci sono più possibilità che non muoiano!Ovvio, nell'ambito della legalità...
  • Anonimo scrive:
    Verbatim garantisce a vita...
    è vero che garantisce a vita solo il supporto (quindi ti rifonde solo il supporto) però avranno pensato che se tra 6 anni devono restituire TUTTI i soldi che hanno preso, forse non gli conviene.... no?i test di invecchiamento li fanno , e TDK e Tayo-Yuden garantiscono un bel po' di anni o sbaglio?
  • Anonimo scrive:
    non fate come me!!
    avevo dei divx (conan!!) da 800 mb così provai con i famigerati dischi da 800 e anche 900: il masterizzatore sembrava averli scritti senza problemi e i file era leggibile (e godibile) passano 2 anni e voglio fare vedere al pargolo le imprese del ragazzo del futuro (sigh!) ma ohimé nessun lettore è più in grado di leggere sti maledetti supporti, nemmeno lo storico che li scrisse... non resta che cercare... e dire che si trova un certo "conan il detective", ma che 'zzo è??
    • Anonimo scrive:
      Re: non fate come me!!
      - Scritto da: Anonimo
      avevo dei divx (conan!!) da 800 mb così provai
      con i famigerati dischi da 800 e anche 900: il
      masterizzatore sembrava averli scritti senza
      problemi e i file era leggibile (e godibile)
      passano 2 anni e voglio fare vedere al pargolo le
      imprese del ragazzo del futuro (sigh!) ma ohimé
      nessun lettore è più in grado di leggere sti
      maledetti supporti, nemmeno lo storico che li
      scrisse... non resta che cercare... e dire che si
      trova un certo "conan il detective", ma che 'zzo
      è??e comprarlo?
  • Anonimo scrive:
    E i MagnetoOttici?
    C'e' qualcuno che puo' dirci qualcosa riguardo l'affidabilità dei magneto-ottici?
  • Anonimo scrive:
    Piccolo accorgimento
    basterebbe abbassare la velocità di scrittura al minimo per quanto riguarda CD-R/RW questo consente un imprinting maggiore anche se dipende sempre dalal qualità del supportoad ogni modo per i backup di dati sempre meglio usare DVD che garantiscono una vita maggiore
  • martinmystere scrive:
    Sara'...ma i miei cd del 97-98..
    masterizzati con un teac a 4x scsi e un masterizzatore ricoh anch'esso a 4x sono ancora tutti ...ma prorpio tutti (e sono qualche centinaio) ancora funzionanti perfettamente....le marche usate sono verbatim traxdata kodak-gold tdk e skc. Gli unici problemi che ho riscontrato sono su una 40ina di cd masterizzati nel 99 (dati) su dischi Sony cdq-74n1 che ricordo in alcuni benchmark dell'epoca su riviste quali pcworld e roba simile venivano classificati come pessimi. I problemi li ho con gli ultimi 50-100 mb del disco che sono illeggibili...il resto e' tutto ampiamente funzionante.........Penso sia un fatto di velocita' di scrittura la maggior parte dei problemi dei supporti registrabili.
  • pippo75 scrive:
    che masterizzatori usate?
    ogni tanto mi viene la tentazione di un plextor, avete esperienze?
    • Anonimo scrive:
      Re: che masterizzatori usate?
      Mi deve arrivare in questi giorni un Plextor 716SA sata... se vuoi ti faccio sapere una volta che ho fatto dei test... ho giusto un paio di iso che aspettano di essere registrate....Ciaomadcat
    • Anonimo scrive:
      Re: che masterizzatori usate?
      - Scritto da: pippo75
      ogni tanto mi viene la tentazione di un plextor,
      avete esperienze?Plextor per tutta la vita :)costano $$$ pero' sono i migliori (secondo me !!!)Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: che masterizzatori usate?
      waitec, non so se li fanno ancora, da + di 6 anni mai un errore...dischi Nashuatec (come i 5 pollici del vecchio apple IIc)
  • Anonimo scrive:
    i DVD possono avere lo stesso problema ?
    Mi interessa sapere se lo stesso potenziale problema puo' interessare anche i DVD -/+ R. Ultimamente faccio il backup esclusivamente su DVD e non vorrei trovarmi tra un anno con dei supporti illeggibili. Comunque uso in prevalenza supporti di marche note (verbatim soprattutto). GIggi
    • pippo75 scrive:
      Re: i DVD possono avere lo stesso proble
      - Scritto da: Anonimo
      Mi interessa sapere se lo stesso potenziale
      problema puo' interessare anche i DVD -/+ R.
      Ultimamente faccio il backup esclusivamente su
      DVD e non vorrei trovarmi tra un anno con dei
      supporti illeggibili.
      Comunque uso in prevalenza supporti di marche
      note (verbatim soprattutto). I DVD sono peggio dei CD, ho dei CD del 2000 che si leggono, nero scandisk mi segnala 0 errori, con i DVD.........ciao


      GIggi
      • Anonimo scrive:
        Re: i DVD possono avere lo stesso proble
        confermo con i cd non ho particolari problemi, anzi certe volte mi stupisco che funzionino nonostate le loro pessime condizionicon i dvd invece è una vera e propria tragedia, i primi backup che ho fatto su dvd solo in rari casi funzionano, in molti casi provarlo su vari lettori/masterizzatori aiutada un anno metto tutto su hd in cui ho copiato anche tutti i vecchi dvd leggibilitanto se devo spendere 5 euro per un dual layer decente prendo un hd da 80gb a 50 euro(tanto una volta riempito di backup viene sigillato nella sua bustina e catalogato)e se in futuro cestineranno l'ide almeno ho l'usb con cui potrò sempre utilizzarli
        • Den scrive:
          Re: i DVD possono avere lo stesso proble
          I DVD sono composti da un maggiore composto di materiale organico rispetto ai CD.. e a causa di questo il loro degrado è infinitamente più veloce. Quindi se si deve scegliere tra CD o DVD.. meglio fare backup sui primi :
        • Anonimo scrive:
          Re: i DVD possono avere lo stesso proble
          - Scritto da: Anonimo
          da un anno metto tutto su hd in cui ho copiato
          anche tutti i vecchi dvd leggibili
          tanto se devo spendere 5 euro per un dual layer
          decente prendo un hd da 80gb a 50 euro(tanto una
          volta riempito di backup viene sigillato nella
          sua bustina e catalogato)Ecco, e io dove li metto i miei 450 GB di roba ?Costa un po' troppo comprare 5 hd da 100 Gb.
          • Anonimo scrive:
            Re: i DVD possono avere lo stesso proble
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            da un anno metto tutto su hd in cui ho copiato

            anche tutti i vecchi dvd leggibili

            tanto se devo spendere 5 euro per un dual layer

            decente prendo un hd da 80gb a 50 euro(tanto una

            volta riempito di backup viene sigillato nella

            sua bustina e catalogato)

            Ecco, e io dove li metto i miei 450 GB di roba ?

            Costa un po' troppo comprare 5 hd da 100 Gb.fai due conti e vedrai che costa meno , a parità di giga, comprare hard disk che buoni dvd (tayo-yuden, tdk e via dicendo)
        • Anonimo scrive:
          Re: i DVD possono avere lo stesso proble

          da un anno metto tutto su hd in cui ho copiato
          anche tutti i vecchi dvd leggibili
          tanto se devo spendere 5 euro per un dual layer
          decente prendo un hd da 80gb a 50 euro(tanto una
          volta riempito di backup viene sigillato nella
          sua bustina e catalogato)

          e se in futuro cestineranno l'ide almeno ho l'usb
          con cui potrò sempre utilizzarlie io ti capisco; ma il tipo dice che pure gli HD se ne vanno...e quindi sarebbe davvero meglio il nastro.... cavolo, ma costano eh... :((
    • Anonimo scrive:
      Re: i DVD possono avere lo stesso proble
      - Scritto da: Anonimo
      Mi interessa sapere se lo stesso potenziale
      problema puo' interessare anche i DVD -/+ R.
      Ultimamente faccio il backup esclusivamente su
      DVD e non vorrei trovarmi tra un anno con dei
      supporti illeggibili.
      Comunque uso in prevalenza supporti di marche
      note (verbatim soprattutto).


      GIggivabbé, un anno che vuoi che sia?l'articolo parla di 5 annicomunque vedi su google "cd" "invecchiamento"
  • Anonimo scrive:
    è da tempo che compro HD al posto dei cd
    il prezzo ormai è basso, parliamo di 0.45centesimi a gigabyte circa, ma almeno sono sicuro che ciò che scrivo rimane immacolato.Un hard disk insomma costa circa il triplo di un buon DVDR comprato a buon prezzo, ma volete mettere !
    • pippo75 scrive:
      Re: è da tempo che compro HD al posto de

      il prezzo ormai è basso, parliamo di
      0.45centesimi a gigabyte circa, ma almeno sono
      sicuro che ciò che scrivo rimane immacolato.

      Un hard disk insomma costa circa il triplo di un
      buon DVDR comprato a buon prezzo, ma volete
      mettere !DVD e Hard Disk e sono piu' sicuro,sofrtuna vuole che l'HD abbia un problema (tipo ti cade, tocchiamo ferro).........
      • Anonimo scrive:
        Re: è da tempo che compro HD al posto de
        Mh, credo che l'articolo si riferisca anche ai DVD...Cmq tocchiamo ferro, si !
      • Anonimo scrive:
        Re: è da tempo che compro HD al posto de
        - Scritto da: pippo75

        il prezzo ormai è basso, parliamo di

        0.45centesimi a gigabyte circa, ma almeno sono

        sicuro che ciò che scrivo rimane immacolato.



        Un hard disk insomma costa circa il triplo di un

        buon DVDR comprato a buon prezzo, ma volete

        mettere !

        DVD e Hard Disk e sono piu' sicuro,sofrtuna vuole
        che l'HD abbia un problema (tipo ti cade,
        tocchiamo ferro).........

        mi fai sudare freddo
    • Anonimo scrive:
      Re: è da tempo che compro HD al posto de
      - Scritto da: Anonimo
      il prezzo ormai è basso, parliamo di
      0.45centesimi a gigabyte circa, ma almeno sono
      sicuro che ciò che scrivo rimane immacolato.

      Un hard disk insomma costa circa il triplo di un
      buon DVDR comprato a buon prezzo, ma volete
      mettere !io non mi trovo d'accordo... un dvd-r in questo ambito, nel discorso dell'affidabilità, non può essere valutato sul prezzo e basta.e quindi _a parità di affidabilità_ costa meno una quantità X di giga su hard disk che la corrispondente quantità in giga su dvd di buon livello
  • Alessandrox scrive:
    Quali marche e modelli?
    Verbatim, TDK ....Quali marche e modelli per andare il piu' possibile sul sicuro?Inoltre da quello che e' stato detto circa la maggior durata dei vecchi modelli di CD: guardacaso sono stati tutti masterizzati molti anni fa', con masterizzatori molto piu' lenti.... non sara' che attualmente piu' che diminuire la qualita' dei CD sia la velocita' media superiore alla quale la normalmente gente masterizza la causa della maggior instabilita' dei supporti registrati?Inoltre: che differenza c'e' in termini di supporto tra i CD masterizzati industrialmente e quelli fatti da se?==================================Modificato dall'autore il 11/01/2006 11.23.12
    • Anonimo scrive:
      Re: Quali marche e modelli?

      Inoltre: che differenza c'e' in termini di
      supporto tra i CD masterizzati industrialmente e
      quelli fatti da se?Quelli *masterizzati* sono fatti tutti nello stesso modo: variando la percentuale di riflessione di ciascun pit tramite variazioni termiche(per i CD-R) o tramite variazioni termiche + campo magnetico (per i CD-RW). Gli "originali" invece sono stampati da una matrice. C'è uno "stampo" vero e proprio, che contiene già i pit, che viene usato per ottenere tutte le copie. Lo strato riflettente ottenuto per stampaggio è inalterabile, rispetto a quello ottenuto per masterizzazione.Inoltre la variazione nella percentuale di riflessione tra "1" e "0" nei dischi stampati è 0-100% mentre invece in un disco masterizzato è molto meno netta per i supporti CD-R, e scende ancora nel caso dei supporti RW)
      • Anonimo scrive:
        Re: Quali marche e modelli?
        - Scritto da: Anonimo

        Inoltre: che differenza c'e' in termini di

        supporto tra i CD masterizzati industrialmente e

        quelli fatti da se?

        Quelli *masterizzati* sono fatti tutti nello
        stesso modo: variando la percentuale di
        riflessione di ciascun pit tramite variazioni
        termiche(per i CD-R) o tramite variazioni
        termiche + campo magnetico (per i CD-RW). cazzata!!!!i CD-RW non utilizzano la tecnologia magneto-ottica!utilizzano la proprietà di alcuni materiali di variare il loro stato da amorfo a cristallino (e viceversa) in base alla temperatura alla quale sono portati durante il processo di scrittura.In questo modo la lettura avviene su qualunque lettore CD che abbia un circuito AGC per aumentare il guadagno del segnale del laser (i cd-rw riflettono in maniera inferiore il laser a 650nm).http://www.pcopen.it/01NET/HP/0,1254,4s5009_ART_64675,00.htmlnon raccontiamo cazzate come gli ingegneri neolaureati in informatica. GRAZIE.
        • Anonimo scrive:
          Re: Quali marche e modelli?

          non raccontiamo cazzate come gli ingegneri
          neolaureati in informatica. GRAZIE.Ma soprattutto chissenefrega.
        • Anonimo scrive:
          Re: Quali marche e modelli?

          non raccontiamo cazzate come gli ingegneri neolaureati
          in informatica. GRAZIE.cosa c'entra?Si evince la tua scarsa intelligenza.
        • Anonimo scrive:
          Re: Quali marche e modelli?


          non raccontiamo cazzate come gli ingegneri
          neolaureati in informatica. GRAZIE.per caso un ingegnere neolaureato in informatica ti ha (giustamente) inculato il posto di lavoro?
        • Anonimo scrive:
          Re: Quali marche e modelli?

          non raccontiamo cazzate come gli ingegneri
          neolaureati in informatica. GRAZIE.invidioso è?? dai è finita la pausa, torna a vuotare i cestini....
    • otacu scrive:
      Re: Quali marche e modelli?
      - Scritto da: Alessandrox
      Verbatim, TDK ....
      Quali marche e modelli per andare il piu'
      possibile sul sicuro?
      Inoltre da quello che e' stato detto circa la
      maggior durata dei vecchi modelli di CD:
      guardacaso sono stati tutti masterizzati molti
      anni fa', con masterizzatori molto piu' lenti....
      non sara' che attualmente piu' che diminuire la
      qualita' dei CD sia la velocita' media superiore
      alla quale la normalmente gente masterizza la
      causa della maggior instabilita' dei supporti
      registrati?
      Inoltre: che differenza c'e' in termini di
      supporto tra i CD masterizzati industrialmente e
      quelli fatti da se?Basandomi solo sulla mia esperienza e sull'osservazione di chi mi sta intorno... verbatim innanzitutto.Potranno sembrare convenienti i Princo e simili che costano la metà ma mettici che parecchi li bruci e che perdono dati... alla fine non risparmi ma ci perdi pure oltre a prenderti attacchi di cuore quando scopri che i tuoi dati sono andati.... e non ritornano più!E masterizzo sempre a bassissime velocità tipo 2x.. al max 4XOra che i dvd li vendono a 16x e già gli 8x si avviano alla scomparsa son sempre lì che sbraito...
      • Anonimo scrive:
        Re: Quali marche e modelli?
        - Scritto da: otacu

        Basandomi solo sulla mia esperienza e
        sull'osservazione di chi mi sta intorno...
        verbatim innanzitutto. [...]Confermo.Tra l'altro ogni tanto utilizzo CD-R e RW masterizzati, da quello che ricordo, nel '98: nessun problema. Credo che una stima corretta della durata di tali supporti sia intorno ai 20 anni, se conservati in modo decente (ie. non lasciati in macchina ad Agosto). Ovviamente ho trovato anche dischi che non sono durati così tanto, più che altro quelli di marche a basso costo.Discorso diverso sono i DVD-R e RW, in questo caso credo che davvero sia difficile che la loro durata superi un decennio. Ad esempio ho avuto la sfortuna di imbattermi in alcuni LG, che, dopo una corretta verifica della masterizzazione, sono risultati totalmente illeggibili in meno di un anno. Non credo comunque che marche migliori (Verbatim e Sony, tanto per non fare nomi) riescano ad ottenere un life-time in media superiore ai 5 anni, visto che tali supporti vengono masterizzati con una quantità di errori molto elevata (rispetto ai CD), errori che vengono nascosti dalla logica di correzione contenuta nei drive. Un'alternativa ai più sicuri nastri IBM? IMHO un archivio WinRAR con attiva la funzionalità "informazioni per il recupero".Saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quali marche e modelli?
      Ti dirò, visti i problemi che ho avuto io (limitatissimi per fortuna) posso dire che per me molto dipende dalle condizioni di conservazione e non di meno dalle singole masterizzazioni, magari alcune delle quali uscite peggio di altre per errori hardware in fase di registrazione e non rilevati.Infatti ho avuto problemi su dischi singoli provenienti da partite diverse e di marche molto diverse a distanze di tempo assolutemente non correlate.Resta il fatto che oltre i 10 anni non sono affidabili.Penso che qui dicendo 4 o 5 abbiano esagerato.
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: MITSUI

      Quali marche e modelli per andare il piu'
      possibile sul sicuro?Sul Web si legge che i Mitsui MAM-A (MAM-E in Europa) hanno una vita di 100 anni per i silver e 200 per i gold. Sono abbastanza introvabili - i siti che li vendono spediscono solo in America - e costano parecchio più degli altri.Incontrollabili leggende urbane sussurrano che vengano forgiati a mano uno per uno.Non essendo io che li fabbrico, mi limito a riferire quanto ho letto senza garantire che sia vero.==================================Modificato dall'autore il 12/01/2006 20.46.02
  • Anonimo scrive:
    Paolo Attivissimo
    ha gia' da tempo scritto un articolo molto interessante:http://www.attivissimo.net/int_conf/2003_12_04_futurnet/futurnet_testo.pdf
  • Anonimo scrive:
    Basta usare velocità ridotte
    E' vero che la durata dei CD-R è scarsina per questo i dati che contano li ho masterizzati tutti a 2 o 4x, andare a velocità alte af aumentare enormemente il failure rate
  • Anonimo scrive:
    Doppia copia...
    A me è già capitato due volte di perdere dati memorizzati su hd per cui ho deciso di investire in sicurezza (senza nemmeno spendere molto). In pratica tutti i dati sensibili li tengo in doppia copia, hd e dvd. In questo modo sono abbastanza sicuro (la sicurezza totale nn esiste) che uno dei due supporti possa sempre venire in soccorso alla morte dell'altro. La spesa da sostenere non è poi molta... :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Doppia copia...
      Scusa se mi permetto,tu li puoi tenere anche in quintupla copia, ma hai scelto gli strumenti sbagliati.L'HD è certamente più sicuro dei CD/DVD, tanto che secondo ma fare copie di sicurezza sui CD/DVD è un'emerita idiozia.L'aggeggio + sicuro è certamente il DAT, es dds4 che può contenere fino a 40Gb.E' ovvio che è opportuno fare una copia di lavoro su CD/DVD, conservare i nastri in luogo sicuro e amagnetico, fare un refresh ogni x anni (facciamo 10).Questo se volete farvi un archivio duraturo.Se ci volete solo giocare tutte le schifezza che vendono (per interesse del produttore/venditore e non dell'acquirente) vanno benone.
      • Anonimo scrive:
        Re: Doppia copia...
        Per piacere, cosa intendi per amagnetico?Negli uffici e' pieno di armadi e cassetti di metallo, ma ci sono anche molte scatole di plastica ...In che tipo di contenitori e di armadi e' meglio conservare dischetti e CD?Grazie
        • Anonimo scrive:
          Re: Doppia copia...
          - Scritto da: Anonimo
          Per piacere, cosa intendi per amagnetico?
          Negli uffici e' pieno di armadi e cassetti di
          metallo, ma ci sono anche molte scatole di
          plastica ...
          In che tipo di contenitori e di armadi e' meglio
          conservare dischetti e CD?
          Graziealluminioè amagnetico
        • Anonimo scrive:
          Re: Doppia copia...
          - Scritto da: Anonimo
          Per piacere, cosa intendi per amagnetico?
          Negli uffici e' pieno di armadi e cassetti di
          metallo, ma ci sono anche molte scatole di
          plastica ...
          In che tipo di contenitori e di armadi e' meglio
          conservare dischetti e CD?i rolling backup prevedono che la copia dei dati del giorno prima venga portata FUORI dall'azienda, normalmente.e i backup che ci restano, invece, andrebbero tenuti in qualcosa di simile ad una cassaforte, che non rischi l'incendio e varie altre cause fisiche (magari non si incendia, ma la cassaforte si scalda e ti fonde il nastro... e allora vaff....) i cd non rischiano il magnetismogli RW non soio comunque faccio backup su HD + su CD + su nastro :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Doppia copia...
        - Scritto da: Anonimo
        Scusa se mi permetto,
        tu li puoi tenere anche in quintupla copia, ma
        hai scelto gli strumenti sbagliati.Ma no, l'importante è che non si danneggino tutti e due contemporaneamente, il che è abbastanza improbabile.
    • Anonimo scrive:
      Re: Doppia copia...
      - Scritto da: Anonimo
      A me è già capitato due volte di perdere dati
      memorizzati su hd per cui ho deciso di investire
      in sicurezza (senza nemmeno spendere molto). In
      pratica tutti i dati sensibili li tengo in doppia
      copia, hd e dvd. In questo modo sono abbastanza
      sicuro (la sicurezza totale nn esiste) che uno
      dei due supporti possa sempre venire in soccorso
      alla morte dell'altro. La spesa da sostenere non
      è poi molta... :)dipende da quanta roba haialla fine è davvero meglio fare il backup su nastro come dice l'articoloil recover con i nastri nuovi ha tempi accettabilissimi
  • RunningTruck scrive:
    Controllare subito la masterizzazione
    Occhio che alcune volte la masterizzazione sembra andare a buon fine e invece il disco non e' completamente leggibile. Verificato con software EasyCD e Nero e con masterizzatori LG, sia su CD che su DVD.Io dopo aver masterizzato qualcosa provo subito a rileggere completamente il disco.Ho usato anche DVD-R Princo, che sono reputati un po' scadenti; ne ho dovuti scartare circa uno su 20 a causa di errori durante la masterizzazione, pero' quelli "riusciti" sono ancora ok (almeno fino ad oggi, dopo 1 anno e mezzo).Ad ogni modo ora uso marche piu' note, Verbatim e TDK e non ne devo scartare quasi nessuno (forse 1 ogni 200).Poi dipende anche dal lettore. Ci sono lettori molto schizzinosi (ad es. quello del mio notebook Acer TM 3200) che non leggono dischi che invece sui masterizzatori LG si leggono tranquillamente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Controllare subito la masterizzazion
      ti quoto assolutamente. Dopo una disavventura con dvd in apparenza masterizzati correttamente e poi rivelatisi fallati, faccio sempre una prova di letture riscaricando il contenuto del dvd su disco. Giggi
    • otacu scrive:
      Re: Controllare subito la masterizzazion
      - Scritto da: RunningTruck
      Occhio che alcune volte la masterizzazione sembra
      andare a buon fine e invece il disco non e'
      completamente leggibile.
      Verificato con software EasyCD e Nero e con
      masterizzatori LG, sia su CD che su DVD.

      Io dopo aver masterizzato qualcosa provo subito a
      rileggere completamente il disco.

      Ho usato anche DVD-R Princo, che sono reputati un
      po' scadenti; ne ho dovuti scartare circa uno su
      20 a causa di errori durante la masterizzazione,
      pero' quelli "riusciti" sono ancora ok (almeno
      fino ad oggi, dopo 1 anno e mezzo).

      Ad ogni modo ora uso marche piu' note, Verbatim e
      TDK e non ne devo scartare quasi nessuno (forse 1
      ogni 200).

      Poi dipende anche dal lettore. Ci sono lettori
      molto schizzinosi (ad es. quello del mio notebook
      Acer TM 3200) che non leggono dischi che invece
      sui masterizzatori LG si leggono tranquillamente.Giustissimo anche io controllo sempre dopo la masterizzazione.... e i princo spesso e volentieri erano andati male. Ora non li uso più.Il masterizzatore del mio vecchio portatile invece è straordinario... dopo aver masterizzato da più di 5 anni centinaia e centinai di cd... legge e lavora ancora che è una meraviglia senza mai un problema. Tutti i miei amici sono strabiliati (e pure io).
      • Anonimo scrive:
        Re: Controllare subito la masterizzazion

        Il masterizzatore del mio vecchio portatile
        invece è straordinario... dopo aver masterizzato
        da più di 5 anni centinaia e centinai di cd...
        legge e lavora ancora che è una meraviglia senza
        mai un problema. Tutti i miei amici sono
        strabiliati (e pure io).Non sei il solo: il mio fidato Plextor PXW161240A non perde un colpo da circa 6 anni. Very professional 8) 8)
        • Anonimo scrive:
          Re: Controllare subito la masterizzazion
          - Scritto da: Anonimo

          Il masterizzatore del mio vecchio portatile

          invece è straordinario... dopo aver masterizzato

          da più di 5 anni centinaia e centinai di cd...

          legge e lavora ancora che è una meraviglia senza

          mai un problema. Tutti i miei amici sono

          strabiliati (e pure io).

          Non sei il solo: il mio fidato Plextor PXW161240A
          non perde un colpo da circa 6 anni. Very
          professional 8) 8)Il mio mitttico Plextor PXW2410TA pagato la bellezza di circa 500.000 lire più di 5 anni or sono va ancora alla grande, mi masterizza anche i sassi 8) Che dire, soldi ben spesi....!! Grande Plextor :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Controllare subito la masterizzazion
            -

            Non sei il solo: il mio fidato Plextor
            PXW161240A

            non perde un colpo da circa 6 anni. Very

            professional 8) 8)

            Il mio mitttico Plextor PXW2410TA pagato la
            bellezza di circa 500.000 lire più di 5 anni or
            sono va ancora alla grande, mi masterizza anche i
            sassi 8)
            Che dire, soldi ben spesi....!! Grande Plextor :)Mi aggiungo anch'io. Ho mandato in pensione il mitico PX-8432 solo per prenderne uno più veloce, sempre Plextor, e adesso che ho comprato un masterizzatore DVD ho speso il doppio rispetto alle altre marche ma ho voluto dare fiducia alla stessa marca, che continua a non deludermi.E poi, a parte lo scrivere bene, i Plextor leggono anche le pietre! ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Controllare subito la masterizzazion
      - Scritto da: RunningTruck
      Occhio che alcune volte la masterizzazione sembra
      andare a buon fine e invece il disco non e'
      completamente leggibile.
      Verificato con software EasyCD e Nero e con
      masterizzatori LG, sia su CD che su DVD.Perfettamente daccordo. Aggiungerei che anche la verifica di Nero a volte sbaglia, mi capitò con dei DVD economici apparentemente scritti alla perfezione, ma che già non funzionavano alla prima lettura. Dopo la scrittura e la verifica e consigliabile passarli anche sotto CDcheck per verificare che siano leggibili. Una curiosità.. sto trovando buoni dei DVD economici "Datawrite", il "cdinfo" di CDcheck li vede come TDK, non credo che si tratti di contraffazione nei dati.. ho il sospetto che siano degli scarti di produzione TDK
      • Anonimo scrive:
        Re: Controllare subito la masterizzazion
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: RunningTruck

        Occhio che alcune volte la masterizzazione
        sembra

        andare a buon fine e invece il disco non e'

        completamente leggibile.

        Verificato con software EasyCD e Nero e con

        masterizzatori LG, sia su CD che su DVD.

        Perfettamente daccordo. Aggiungerei che anche la
        verifica di Nero a volte sbaglia, mi capitò con
        dei DVD economici apparentemente scritti alla
        perfezione, ma che già non funzionavano alla
        prima lettura. Dopo la scrittura e la verifica e
        consigliabile passarli anche sotto CDcheck per
        verificare che siano leggibili.

        Una curiosità.. sto trovando buoni dei DVD
        economici "Datawrite", il "cdinfo" di CDcheck li
        vede come TDK, non credo che si tratti di
        contraffazione nei dati.. ho il sospetto che
        siano degli scarti di produzione TDKun altro poster qui sul forum diceva che gli scarti di produzione non è il caso di usarli... e dunque? :-/
    • Anonimo scrive:
      Re: Controllare subito la masterizzazion
      - Scritto da: RunningTruck
      Ho usato anche DVD-R Princo, che sono reputati un
      po' scadenti; ne ho dovuti scartare circa uno su
      20 a causa di errori durante la masterizzazione,
      pero' quelli "riusciti" sono ancora ok (almeno
      fino ad oggi, dopo 1 anno e mezzo).e chessaràmmai un anno e mezzo? :-Obeh, si è vero che con i Princo non si sa mai...io effettivamente ho perso 6 cd in blocco, tutti fatti un anno prima... si parla del '99comunque il problema è mettere via oggi 1 tera di foto (metti che sei hai una bella reflex digitale) e scopri che 8 anni dopo sei messo peggio di un fotografo di 50 anni fa... i suoi negativi sono a posto e il tuo cdrom è andato da 15 anni.E ti restano - se le hai fatte - solo le stampe.:(
      Ad ogni modo ora uso marche piu' note, Verbatim e
      TDK e non ne devo scartare quasi nessuno (forse 1
      ogni 200).minchia ma per farne "1 OGNI 200" ... quanti cavolo ne fai?checc'hai 'nastamperia?
      Poi dipende anche dal lettore. Ci sono lettori
      molto schizzinosi (ad es. quello del mio notebook
      Acer TM 3200) che non leggono dischi che invece
      sui masterizzatori LG si leggono tranquillamente.io i lettori (masterizzatori non so) LG li trovo pessimi
  • Anonimo scrive:
    soluzione?
    io sinceramente, per i miei dati, uso un hd esterno tenuto in codizioni ottimali con NTFS e per quanto ne sappia se nn usi spesso il drive, i dati si conservano almeno per una decina di anni senza aver problemi...ho fatto tutto questo dopo aver verificato che i cd masterizzati dopo alcuni anni nn si leggevano più, o cmq si leggevano parzialmente (marca verbatim super eizo)questa dovrebbe essere una soluzione più veloce e più economica rispetto agli apparati per nastri...fatemi sapere se qualcuno ha avuto qualche esperienza negativa di dati persi su un hd usato solo come storage ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: soluzione?
      - Scritto da: Anonimo
      io sinceramente, per i miei dati, uso un hd
      esterno tenuto in codizioni ottimali con NTFS e
      per quanto ne sappia se nn usi spesso il drive, i
      dati si conservano almeno per una decina di anni
      senza aver problemi...

      ho fatto tutto questo dopo aver verificato che i
      cd masterizzati dopo alcuni anni nn si leggevano
      più, o cmq si leggevano parzialmente (marca
      verbatim super eizo)quanti anni?mi interessa molto; scrivo sempre la data di masterizzazione e potrei velocemente dare un'occhiata a molta robetta per controllarla... mi interessa molto, mi sai dire?
      • Anonimo scrive:
        Re: soluzione?
        Bisogna assolutamente scrivere sui supporti (DVD, ecc.) e non lasciare sull'hard disk visto che sugli hd basta un nulla per perdere TUTTO!!! E io sono esperto nelle perdite degli hard disk (ben 8 hard disk rotti in poco tempo), invece MAI un CD/DVD e ho iniziato nel 1997. Basta che va via l'energia elettrica e se la testina legge/scrive si sputtana tutto l'hard disk, non succede ovviamente con i DVD. Inoltre se mai dovesse capitare qualcosa a un DVD uno perde solo un gioco... qualora dovesse capitare qualcosa all'hard disk uno perde 200 e più giochi in un colpo solo!!! Ma vogliamo scherzare?!? Comunque utilizzo gli hard disk come "storage" provvisorio ma i dati non sono al sicuro finchè non finiscono nei supporti.
  • Anonimo scrive:
    CD masterizzati nel 1997
    che funzionano perfettamente !naturalmente buoni supporti e buonaconservazione.
    • bit01 scrive:
      Re: CD masterizzati nel 1997
      - Scritto da: Anonimo
      che funzionano perfettamente !
      naturalmente buoni supporti e buona
      conservazione.

      Verbatim del 1998 ancora funzionanti.In più aggiungo:[cut]..."Anche se i nastri magnetici sono soggetti a degradazione - spiega - rappresentano ancora il miglior mezzo di conservazione dei dati".[cut]Provate voi ad andare a comprarvi un tape e farvi i backup su nastro. A parte i costi, a mio avviso, sono una delle tecnologie più instabili che abbia mai visto. Saltano le schedulazioni, si rovinano le cassette dopo poco tempo, improvvisamente si bloccano al 90% del salvataggio e un buon software di backup (tipo Veritas) costa un occhio della testa. Nel 80% dei casi in cui ho avuto a che fare con clienti con salvataggio su cassetta, ho trovato sempre guai. Da 6 anni a questa parte. Rimane per alcuni però la sola unica scelta per un qualcosa di automatizzato anche se sul fronte CD/DVD si stanno facendo ormai grossi passi avanti (Nero ne è la riprova).Che questo articolo sia la solita trovata pubblicitaria di chi bene o male le cassette deve ancora venderle??
      • Anonimo scrive:
        Re: CD masterizzati nel 1997
        - Scritto da: bit01

        - Scritto da: Anonimo

        che funzionano perfettamente !

        naturalmente buoni supporti e buona

        conservazione.





        Verbatim del 1998 ancora funzionanti.questo mi rincuora , per casa mia :)comunque ci sono dei princo del 98 che nel 99 non si leggevano piùe anche degli star-qualcosa crystal ... che fatti nel 99 oggi non si leggono più
        In più aggiungo:
        [cut]..."Anche se i nastri magnetici sono
        soggetti a degradazione - spiega - rappresentano
        ancora il miglior mezzo di conservazione dei
        dati".[cut]

        Provate voi ad andare a comprarvi un tape e farvi
        i backup su nastro. noi lo facciamo da 15 anni; oggi è ancora più veloce e pratico.
        A parte i costi, a mio
        avviso, sono una delle tecnologie più instabili
        che abbia mai visto. Saltano le schedulazionimai successo
        , si
        rovinano le cassette dopo poco tempo,quelle rolling, forse, ma quelle fisse, come dice anche l'articolo, dai 30 ai 100 anni; confermo che i backup "da non toccare" sono leggibili da sempre e sempre li continuo a verificare; una volta all'anno. Perfetti.
        improvvisamente si bloccano al 90% del
        salvataggio mai successo a meno che non abbia tarato male la quantità di roba
        e un buon software di backup (tipo
        Veritas) costa un occhio della testa. su certi sistemi non prescindi dal sistema di backup; fa parte del pacchetto di per sé costoso; e IBM lo sa bene.e io lo so bene, dato che uso quello :)parliamo di milioni.comunque l'articolo non è solo per l'utente medio, ma anche per le aziende. Metti che lo legge un manager ignorante che pensa che basti avere un cd * E BASTA * per essere al sicuro... beh, non è così. Ed è meglio che lo sappia.
        Nel 80% dei
        casi in cui ho avuto a che fare con clienti con
        salvataggio su cassetta, ho trovato sempre guai.non per offenderti, ma hai mai considerato di non essere sufficientemente esperto e magari che ti stavi affidando a sistemi non buoni?
        Da 6 anni a questa parte. Rimane per alcuni però
        la sola unica scelta per un qualcosa di
        automatizzato anche se sul fronte CD/DVD si
        stanno facendo ormai grossi passi avanti (Nero ne
        è la riprova).non c'è male, si. ma se il dvd dura ancora meno del cd... va bene per i backup settimanali al massimo
        Che questo articolo sia la solita trovata
        pubblicitaria di chi bene o male le cassette deve
        ancora venderle??io in verità preferisco sapere.se hai degli altri riferimenti di TEST COMPARATIVI io sono prontissimo a seguirti
        • bit01 scrive:
          Re: CD masterizzati nel 1997
          [cut]

          Nel 80% dei

          casi in cui ho avuto a che fare con clienti con

          salvataggio su cassetta, ho trovato sempre guai.

          non per offenderti, ma hai mai considerato di non
          essere sufficientemente esperto e magari che ti
          stavi affidando a sistemi non buoni?[cut]I problemi sono nati su SO Microsoft (anche Windows 2003 - il software di backup è una ciofeca ma in pochi lo usano). Su sistemi AS400 invece zero problemi come dici tu. Sull'installazione di un tape e sulla configurazione di un Veritas, (o Tivoli o Tapeware) non ci sono *enormi* conoscenze da avere per mettere in piedi un sistema di backup.[cut]

          Che questo articolo sia la solita trovata

          pubblicitaria di chi bene o male le cassette
          deve

          ancora venderle??

          io in verità preferisco sapere.
          se hai degli altri riferimenti di TEST
          COMPARATIVI io sono prontissimo a seguirti[cut]I CD/DVD sono nati per sistemi home e non possiamo pretendere che siano da comparare alle necessità di una azienda. Il nastro per un utente domestico non vale la spesa anche per quei problemi di cui ti parlavo prima. Quindi i supporti migliori per prezzo e semplicità d'uso rimangono i primi anche se hanno dalla loro una durata più breve. Per una società che necessità di alta affidabilità CD e DVD sono ridicoli e un sano backup su nastro è l'inevitabile soluzione. Ripeto però che in molti casi si sono riscontrati problemi nel lungo periodo. A me questo è capitato di vedere se a te va tutto a meraviglia, meglio così!
          • Anonimo scrive:
            Re: CD masterizzati nel 1997
            - Scritto da: bit01
            I CD/DVD sono nati per sistemi home non saprei, sinceramente.anni fa, quando il termine "masterizzatore" aveva senso perchè serviva per fare IL MASTER e non le copie, io informandomi CON FATICA trovai solo roba da studio, della marantz.roba da 12.000.000 LIT :)i supporti costavano 45.000 LIT ...quindi la "nascita" di questi sistemi non era proprio "consumer".tant'è vero che quel tipo di macchinario si usa ancora oggi per fare i cosiddetti glassmaster però non so che cd (supporti) si usino in quegli ambiti.non mi interessa più :)il dat ha seguito un percorso diverso, ma i presupposti erano identici.il dat non è mai andato sotto quello che oggi sono 600 euronon so se oggi il dat AUDIO si usi ancora.7 anni fa in studio di registrazione il tecnico diceva che "il vero musicista registra su dat i suoi giochi e le sue prove"mah!!io ero già contento con un registratore irradio da 20.000 lire :)naturalmente faceva solo da promemoria ^__^[cd]
            e non
            possiamo pretendere che siano da comparare alle
            necessità di una azienda. Io ci penso seriamente, invece.IL backup centralizzato su nastro è ok, ma non sempre puoi trasferire centralmente quantità di dati che abbiano senso ... spesso riesci a limitarti a 700 mega a postazione... e allora ti conviene fare backup a postazione ... se hai 80 postazioni puoi schedulare finché vuoi ma ti si intaserà la rete al momento dei trasferimenti... e se lo devi fare OGNI GIORNO? :-|e il resto delle schedulazioni? Antivirus, calcoli (oh, mica si fa solo manutenzione... si lavora ^____^ ) defrag, compressioni , conversioni in batch, render notturni & diurni ... in alcuni casi compilazioni... in altre svalangate di stampe...
            Il nastro per un utente
            domestico non vale la spesa anche per quei
            problemi di cui ti parlavo prima. infatti io concordo con chi suggerisce di usare direttamente hard disk
            Quindi i
            supporti migliori per prezzo e semplicità d'uso
            rimangono i primi i cd e i dvd?io ad un certo punto, tra tassa sulla fava e aumento della rava penso che a parità di mega/giga costano meno gli hard diskun buon maxtor da 80 o da 160 giga lo puoi tenere in un cassettino oppure lo metti in una unità esterna USB 2.0 ; lo accendi solo quando devi metter via o fare i backup, e via.E poi lo metti dove non si fa male :)
            anche se hanno dalla loro una
            durata più breve. Per una società che necessità
            di alta affidabilità CD e DVD sono ridicoli e un
            sano backup su nastro è l'inevitabile soluzione.a volte è una impraticabile soluzionedipende dalla massa dei dati, dalla frequenza, dal budgetspesso ti arrangi con accrocchi e soluzioni "home made" anche nelle aziende, specie nelle PMI... e ti assicuro , senza perdere nulla e salvando settimanalmente il sederino di parecchie persone
            Ripeto però che in molti casi si sono riscontrati
            problemi nel lungo periodo. A me questo è
            capitato di vedere se a te va tutto a meraviglia,
            meglio così!Magari. Una parte si, ma il sistema nasce centralizzato... tutto sommato è proprio come fare un backup a casa.invece un sistema che è completamente distribuito, con decine (o centinaia, ma non è il mio caso) di macchine, credo si serva di altri sistemi...io agli altri sistemi non posso accedere per questioni di budget ^______^
  • accipiter scrive:
    vero ma...
    Per i dati mai avuto problemi(giusto con un riscrivibile),solo per la musica.Canzoni di 5 anni fa cominciano ad essere illeggibili,ma con il lettore da stereo tutto bene,visto che è un apperecchio con un laser superiore alle classe1.I lettori da pc sono poco più delle baracchette.
    • Anonimo scrive:
      Re: vero ma...
      - Scritto da: accipiter
      Per i dati mai avuto problemi(giusto con un
      riscrivibile),solo per la musica.Canzoni di 5
      anni fa cominciano ad essere illeggibili,ma con
      il lettore da stereo tutto bene,visto che è un
      apperecchio con un laser superiore alle classe1.I
      lettori da pc sono poco più delle baracchette.fai così: apri il tuo superstereofico, e poi guarda come è fatto... vedrai che quasi di sicuro c'è un volgarissimo lettore come quelli del pc :)
  • Anonimo scrive:
    Software di recupero dati
    Il problema sono i supporti ok, ma i tanto famigerati software in grado di recuperare i dati dai cd corrotti cosa ci stanno a fare? :D Bad Copy Pro tanto per dirne uno...
    • Anonimo scrive:
      Re: Software di recupero dati
      - Scritto da: Anonimo
      Il problema sono i supporti ok, ma i tanto
      famigerati software in grado di recuperare i dati
      dai cd corrotti cosa ci stanno a fare? :D

      Bad Copy Pro tanto per dirne uno...Prova ad usarlo per il recupero di qualche centinaio di cd e poi facci sapere.
  • seranto scrive:
    ok kodak buoni ma ora....
    forza vediamo di quotare le proprie esperienze (sicure) di durata....
  • Anonimo scrive:
    La velocità influisce?
    Secondo la mia (piccola) esperienza, oltre il supporto conta anche la velocià di registrazione: copie eseguite sulla stessa marca, a diversa velocità (p.e. 2x e 12x) nel tempo hanno avuto effetti diversi. Ho sempre un cd-rw masterizzato nel 1996 (mitsubishi) che va come un fulmine, nonostante è rovinato da far paura!
  • Anonimo scrive:
    Che strano però...
    ... tutti i CD-R scritti 10 anni fa, col mio primo mitico masterizzatore Ricoh rimarchiato Mitsubishi (1x!) sono ancora funzionanti (E non parlo di tre o quattro, ma di qualche migliaio).Invece quelli scritti 2 o 3 anni fa, coi masterizzatori veloci, già cominciano a fare le bizze. Vuoi vedere che è una scelta "strategica" ?? PS: Il masterizzatore Mitsubishi in questione ce l'ho TUTTORA, regolarmente funzionante, e ha masterizzato un disco al giorno praticamente per 365 giorni l'anno. Quanti dei Plextor o dei Sony attuali funzioneranno ancora tra 10 anni? Scommesse aperte...
    • Anonimo scrive:
      Re: Che strano però...
      - Scritto da: Anonimo
      ... tutti i CD-R scritti 10 anni fa, col mio
      primo mitico masterizzatore Ricoh rimarchiato
      Mitsubishi (1x!) sono ancora funzionanti (E non
      parlo di tre o quattro, ma di qualche migliaio).
      Invece quelli scritti 2 o 3 anni fa, coi
      masterizzatori veloci, già cominciano a fare le
      bizze.
      Vuoi vedere che è una scelta "strategica" ??
      PS: Il masterizzatore Mitsubishi in questione ce
      l'ho TUTTORA, regolarmente funzionante, e ha
      masterizzato un disco al giorno praticamente per
      365 giorni l'anno. Quanti dei Plextor o dei Sony
      attuali funzioneranno ancora tra 10 anni?
      Scommesse aperte...Ho un Plextor da 8 anni, spero di raggiungere il tuo record :D Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Che strano però...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ... tutti i CD-R scritti 10 anni fa, col mio

        primo mitico masterizzatore Ricoh rimarchiato

        Mitsubishi (1x!) sono ancora funzionanti (E non

        parlo di tre o quattro, ma di qualche migliaio).

        Invece quelli scritti 2 o 3 anni fa, coi

        masterizzatori veloci, già cominciano a fare le

        bizze.

        Vuoi vedere che è una scelta "strategica" ??

        PS: Il masterizzatore Mitsubishi in questione ce

        l'ho TUTTORA, regolarmente funzionante, e ha

        masterizzato un disco al giorno praticamente per

        365 giorni l'anno. Quanti dei Plextor o dei Sony

        attuali funzioneranno ancora tra 10 anni?

        Scommesse aperte...

        Ho un Plextor da 8 anni, spero di raggiungere il
        tuo record :D

        SalutiAhimè io avevo il plextor 6 anni fa ed è durato 13 mesi e mezzo. Si è rotto giusto a garanzia scaduta. E aveva masterizzato solo 54 dischi in tutta la sua vita. Mi sono girati a stramille. Concordo che plextor sia il non-plus-ultra, ma dopo quell'avventura ho comprato un lite-on che ho ancora oggi e tutti i dischi che ha prodotto sono ancora perfetti.Tante volte è un mistero l'elettronica di consumo.
  • beka scrive:
    Praticamente....
    ...ognuno di noi dovrebbe avere almeno almeno uno streamer per mettere via i dati?oppure riversare ogni due-tre anni la collezione di foto-mp3-divx-dvd che ha?ma io capisco dire: "i princo, quelli che hai fatto due anni fa, li puoi salutare" ma ho dei verbatim, del periodo (mi pare due o tre anni fa) in cui hanno cambiato il dye e tutti dicevano "stanno abbassando la qualità, faranno schifo, ecc ecc"Secondo me funzionano bene, secondo tutti i lettori di casa mia anche, e secondo dvdinfo pro (http://www.dvdinfopro.com/) e CdCheck (http://www.elpros.si/CDCheck/) anche.Poi ho dei kodak che non so come facciano, avranno le molecole che si tengono abbracciate, non fanno una piega da circa dieci anni...quelli sono cd per cui pagherei anche il doppio, ma adesso chi è che li produce fatti così?
    • Anonimo scrive:
      Re: Praticamente....
      - Scritto da: beka
      Poi ho dei kodak che non so come facciano,
      avranno le molecole che si tengono abbracciate,
      non fanno una piega da circa dieci anni...quelli
      sono cd per cui pagherei anche il doppio, ma
      adesso chi è che li produce fatti così?Li ho anch'io i backup incorruttibili (le copie dell'hd dell'amiga 4000, fino al 1999 :D ), fatti su cd gold kodak digital science... La domanda è: chi pagherebbe OGGI dei cd che, se ricordo bene, all'epoca costavano sulle 8000 lire (anche se le valevano tutte) l'uno?Non li producono perché pochi li comprerebbero, mi sa...
    • Paperolibero scrive:
      Re: Dettagli mancanti
      :| E i dischi magneto -ottici hanno lo stesso problema visto che anch'essi usano il calore del laser per cambiare lo stato dello strato che poi catturerà i dati tanto preziosi ????Non è che come al solito (visto che il ricercatore è dell'IBM) ci tirano una sola per svuotare i magazzini da i nastroni che non hanno venduto ????
      • Anonimo scrive:
        Re: Dettagli mancanti
        - Scritto da: Paperolibero
        :|
        E i dischi magneto -ottici hanno lo stesso
        problema visto che anch'essi usano il calore del
        laser per cambiare lo stato dello strato che poi
        catturerà i dati tanto preziosi ????
        Non è che come al solito (visto che il
        ricercatore è dell'IBM) ci tirano una sola per
        svuotare i magazzini da i nastroni che non hanno
        venduto ????Dietrologia, lo sport preferito dagli italiani e dai paperi liberi.
  • Anonimo scrive:
    Aita!
    I miei pornazzi sono in grave periglio!
    • Anonimo scrive:
      Re: Aita!
      - Scritto da: Anonimo
      I miei pornazzi sono in grave periglio!Riguardali e riusali subito prima che sia troppo tardi!
  • Anonimo scrive:
    I famigerati Princo
    Ho una serie di cd della princo (6-7 )che sono tutti diventati illeggibili. La cosa interessante è che lo sono diventati con tempi piu' o meno paragonabili.All'inzio credevo che fosse il lettore ad avere problemi ma poi ho capito.Comunque ho dei cd di marche sconosciute che sono molto piu' vecchi di quelli che non mi danno il minimo problema per adesso.
    • Anonimo scrive:
      Re: I famigerati Princo
      - Scritto da: Anonimo
      Ho una serie di cd della princo (6-7 )che sono
      tutti diventati illeggibili. La cosa interessante
      è che lo sono diventati con tempi piu' o meno
      paragonabili.ARGH!Princo, un disastro, dopo un paio di mesi che li ho usati, tutti i dati sono scomparsi e ho ottenuto un bel gruppo di sottobicchieri.Ora di Princo a casa mia c'e' solo il nulla assoluto e cosi' sara' per sempre.
      • Anonimo scrive:
        Re: I famigerati Princo
        buono a sapersi, sono sempre stato diffidente nell' acquistare dei Princo o sottomerdate simili.
        • Anonimo scrive:
          Re: I famigerati Princo
          - Scritto da: Anonimo
          buono a sapersi, sono sempre stato diffidente
          nell' acquistare dei Princo o sottomerdate
          simili.Occhio che diversi produttori-distributori usano princo rimarchiati o peggio ancora i grade B (scarti) di produttori affidabili sempre rimarchiati.Indi per cui Princo se li conosci li eviti, ma per evitarli veramente sarebbe opportuno acquistare solo da chi fornisce gli id dei dischi a scatola chiusa. C'è chi lo fa.
          • Anonimo scrive:
            Re: I famigerati Princo
            - Scritto da: Anonimo
            per evitarli veramente sarebbe opportuno
            acquistare solo da chi fornisce gli id dei dischi
            a scatola chiusa. C'è chi lo fa.su su, siete in topic a dire chi , dai.quindi?chi?
    • Anonimo scrive:
      Re: I famigerati Princo
      - Scritto da: Anonimo
      Ho una serie di cd della princo (6-7 )che sono
      tutti diventati illeggibili. La cosa interessante
      è che lo sono diventati con tempi piu' o meno
      paragonabili.
      All'inzio credevo che fosse il lettore ad avere
      problemi ma poi ho capito.
      Comunque ho dei cd di marche sconosciute che sono
      molto piu' vecchi di quelli che non mi danno il
      minimo problema per adesso.
      io infatti ho un piccolo archivio delle masterizzazioni in cui segno marca, data masterizzazione, velocità, masterizzatore, programma di masterizzazione... appena ne parte uno, generalizzo e controllo tutti gli altri.ma devo dire che i risultati non sono così costanti come mi aspettavoi princo sono andati quasi tutti in malora in 1-2 anni, ma ho anche altri princo fatti nello stesso periodo che sono ancora perfetti... mistero!!!per sicurezza li ho refreshati tutti; non mi fido proprio dei malefici
  • Ekleptical scrive:
    Stra-vero!
    Ho tutta una serie di CD-R di 3-4 o più anni fa che sono ormai illegibili.Se dovete backupparci le foto della vostra giovinezza per i vostri figli, non è sicuramente il mezzo più adatto!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Stra-vero!
      infatti i cd coi propri dati vanno controllati annualmente con cdcheck o similari, e travasati via via su supporti nuovi (meglio se su backup doppi in luoghi fisicamente separati).Il bello del digitale è che le copie sono perfette :) e che le foto venute male si possono cestinare subito senza pietà tenendo solo quelle (poche) buone, riducendo così spazio e tagliando costi inutili
      • Anonimo scrive:
        Re: Stra-vero!

        Il bello del digitale è che le copie sono
        perfette :) E chi te lo dice??!?Forse, se usi Exact Audio Copy... ;) Per il resto, ci sono sempre in agguato errori di lettura e/o scrittura...
        • Anonimo scrive:
          Re: Stra-vero!
          - Scritto da: Anonimo


          Il bello del digitale è che le copie sono

          perfette :)


          E chi te lo dice??!?un bel file compareun md5 check
          Forse, se usi Exact Audio Copy... ;) ^___^fai dell'umorismo? :)speriamo...
          Per il resto, ci sono sempre in agguato errori di
          lettura e/o scrittura...per questo fai le copie doppie :)
    • mr_setter scrive:
      Re: Stra-vero!
      - Scritto da: Ekleptical
      Ho tutta una serie di CD-R di 3-4 o più anni fa
      che sono ormai illegibili.
      Se dovete backupparci le foto della vostra
      giovinezza per i vostri figli, non è sicuramente
      il mezzo più adatto!!Non lo so se statisticamente risponda al vero. Io ne ho ancora di una decina d'anni fa (1996-1997) della Kodak e li leggo ancora perfettamente sial sul PC desktop di casa che sul notebook.........e perche' proprio quelli della Kodak serie Gold sul retro della confezione era scritto: Life Warranty?Mah! LV&P==================================Modificato dall'autore il 11/01/2006 2.12.59
      • Anonimo scrive:
        Re: Stra-vero!

        ....e perche' proprio quelli della Kodak serie
        Gold sul retro della confezione era scritto: Life
        Warranty?

        Mah!
        LV&P
        Pure i Verbatim DataLife o Crystal, hanno il Life Warranty scritto dietro e non mi pare diano problemi. Non posso dire lo stesso per l'ultimo stock dei Memorex DVD, i quali, se masterizzati anche a basse velocità, con masterizzatore Plextor (percui non una fregnaccia), davano moltissimi errori, durante la fase di analisi dell'integrità dei dati scritti nel supporto.Inizialmente pensai fosse colpa del masterizzatore, ma poi, messo su un Verbatim, tutto è tornato apposto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Stra-vero!
        - Scritto da: mr_setter
        - Scritto da: Ekleptical

        Ho tutta una serie di CD-R di 3-4 o più anni fa

        che sono ormai illegibili.

        Se dovete backupparci le foto della vostra

        giovinezza per i vostri figli, non è sicuramente

        il mezzo più adatto!!

        Non lo so se statisticamente risponda al vero.
        Io ne ho ancora di una decina d'anni fa
        (1996-1997) della Kodak e li leggo ancora
        perfettamente sial sul PC desktop di casa che sul
        notebook.....

        ....e perche' proprio quelli della Kodak serie
        Gold sul retro della confezione era scritto: Life
        Warranty?perchè, come in caso della Verbatim, casomai ti rifondono il costo DEL CD ...ma per te è perso un dato inestimabileper questo è meglio fare ancora le stampe
        • Anonimo scrive:
          Re: Stra-vero!
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: mr_setter

          - Scritto da: Ekleptical


          Ho tutta una serie di CD-R di 3-4 o più anni
          fa


          che sono ormai illegibili.


          Se dovete backupparci le foto della vostra


          giovinezza per i vostri figli, non è
          sicuramente


          il mezzo più adatto!!



          Non lo so se statisticamente risponda al vero.

          Io ne ho ancora di una decina d'anni fa

          (1996-1997) della Kodak e li leggo ancora

          perfettamente sial sul PC desktop di casa che
          sul

          notebook.....



          ....e perche' proprio quelli della Kodak serie

          Gold sul retro della confezione era scritto:
          Life

          Warranty?

          perchè, come in caso della Verbatim, casomai ti
          rifondono il costo DEL CD ...
          ma per te è perso un dato inestimabile

          per questo è meglio fare ancora le stampenaaaaaaaè mejo scolpirle su granito, uè possono durare anche milioni di anni
          • Anonimo scrive:
            Re: Stra-vero!


            perchè, come in caso della Verbatim, casomai ti

            rifondono il costo DEL CD ...

            ma per te è perso un dato inestimabile



            per questo è meglio fare ancora le stampe

            naaaaaaa
            è mejo scolpirle su granito, uè possono durare
            anche milioni di anni^_____^he he... era proprio qui su PI che anni fa parlarono del dischetto microscopico creato per durare molto... ero molto interessato :)in fondo... tutto bellissimo... ma talmetne volatile...
    • pippo75 scrive:
      Re: Stra-vero!
      - Scritto da: Ekleptical
      Ho tutta una serie di CD-R di 3-4 o più anni fa
      che sono ormai illegibili.
      Se dovete backupparci le foto della vostra
      giovinezza per i vostri figli, non è sicuramente
      il mezzo più adatto!!che marche di suporti usi? io uso solo Verbatim.Io faccio cosi:Una copia su HD Esterno (lo accendo solo per aggiornare il contenuto, cosa che succede ogni tanto)Ogni anno controllo le copie e le piu' vecchie le rifaccio.Per ogni cd/dvd cerco di tenere piu' di una copia, il primo anno ne ho una, il secondo lo copio e tengo la precedente di scorta.ciao
    • soulista scrive:
      Re: Stra-vero!
      - Scritto da: Ekleptical
      Ho tutta una serie di CD-R di 3-4 o più anni fa
      che sono ormai illegibili.
      Se dovete backupparci le foto della vostra
      giovinezza per i vostri figli, non è sicuramente
      il mezzo più adatto!!io sostengo che la carta sia il modo migliore per archiviare: consiglio quindi di ricopiare ogni bit di un file che si vuole archiviare in un quadernetto.Pratico ed economico direi
  • Anonimo scrive:
    Un aiuto..
    Non è da molto che ho scoperto questo programma, per cui non so quanto può essere affidabile, comunque è una sicurezza in più per non rischiare di perdere dati importanti :) http://www.ice-graphics.com/ICEECC/IndexE.html
    • Anonimo scrive:
      Re: Un aiuto..
      - Scritto da: Anonimo
      Non è da molto che ho scoperto questo programma,
      per cui non so quanto può essere affidabile,
      comunque è una sicurezza in più per non rischiare
      di perdere dati importanti :)

      http://www.ice-graphics.com/ICEECC/IndexE.htmlInteressante, uso già un programma del genere, cSFV, per verificare l'integrità dei file masterizzati, però senza possibilità di recupero dei dati in caso di corruzione. ICE ECC sembra avere questa possibilità. Lo proverò senz'altro :)
  • chartitalia scrive:
    E la legge sulla conservazione...
    In Italia c'è una legge che obbliga, per chi vuole conservare i bit e non la carta, ad utilizzare pressochè obbligatoriamente l'archiviazione ottica a fini legali.E' una annosa idiozia commessa dal legislatore che si preoccupa di definire il tipo di supporto su cui memorizzare quando è arcinoto che il requisito dell'immodificabilità viene assicurato dalla firma digitale e non dal tipo di supporto.Spero che gli idioti artefici di tale norma tengano in conto di tali allarmi e decidano finalmente di ovviare ad un simile obbrobrio.Ah, se Stanca ne capisse un po' di tecnologia, o se avesse dei consulenti meno raffazzonati...---http://chartitalia.blogspot.com
    • SardinianBoy scrive:
      Re: E la legge sulla conservazione...


      Ah, se Stanca ne capisse un po' di tecnologia, o
      se avesse dei consulenti meno raffazzonati.......il guaio è che sono lì solo per coprire..ooopss...pardon , per sedersi sulla poltrona!
    • Anonimo scrive:
      Re: E la legge sulla conservazione...
      Credo che per l'archiviazione ottica si possano considerare i piu' affidabili dischi magneto-ottici
      • Anonimo scrive:
        Re: E la legge sulla conservazione...
        - Scritto da: Anonimo
        Credo che per l'archiviazione ottica si possano
        considerare i piu' affidabili dischi
        magneto-otticisi ma a basso momento d'inerzia
    • fabioch scrive:
      Re: E la legge sulla conservazione...
      Non per difendere Stanca, ma l'ultima norma sull'archiviazione sostitutiva usa la firma digitale e la marca temporale per avere la certezza di non alterabilità. I dati possono essere memorizzati su qualsiasi tipo di supporto, ed anche duplicati su media diversi. A questo punto, sta al gestore dell'archivio scegliere i media opportuni ed attivare una procedura sicura tramite opportune ridondanze degli archivi.
  • Anonimo scrive:
    Sai che novità
    E' sempre stata risaputa questa cosa...
    • Anonimo scrive:
      Re: Sai che novità
      - Scritto da: Anonimo
      E' sempre stata risaputa questa cosa...Mah, veramente si parlava però di un periodo più lungo di conservazione dei dati usando Verbatim, TDK e altre marche decenti. Qui invece paventano la perdita dei dati dopo poche decine di mesi :(
      • Anonimo scrive:
        Re: Sai che novità
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E' sempre stata risaputa questa cosa...

        Mah, veramente si parlava però di un periodo più
        lungo di conservazione dei dati usando Verbatim,
        TDK e altre marche decenti. Qui invece paventano
        la perdita dei dati dopo poche decine di mesi
        :(Premesso che anche i dischi stampati non sono del tutto immuni a questo problema, solo che con tempi tali che non sono significativi. Ciò è dovuto al fatto che c'è comunque un degrado fisico dei componenti del disco.Purtroppo nei cd-r oltre al degrado fisico c'è un degrado strutturale, tale per cui i pit-lane si alterano piuttosto che degradare semplicemente. Quindi il sistema di correzione automatico entra più facilmente in crisi. Anche perchè la sua funzione principale è correggere gli errori accidentali, non quelli da usura.Già, perchè anche il cd più perfetto contiene centinaia di errori...però trascurabili.
    • Anonimo scrive:
      repetita juvant
      - Scritto da: Anonimo
      E' sempre stata risaputa questa cosa...meglio rinfrescarci la memoria, non credi?come è sempre meglio sapere una notizia in ritardo che non saperla affatto
  • Anonimo scrive:
    Mah.......
    Io ho cd vecchi di 7 anni che funzionano ancora benissimo.Ma è sicuro sto tizio??? Che razza di cd ha provato???
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah.......
      7 anni fa i cd erano di qualità "leggermente" migliore... e costavano pure di più (i tdk erano tayo yuden mica mcc, c'erano i kodak digital science dorati etc... insomma ora assomigliano più ai sottobicchieri... i primi dvd-r poi non ne parliamo, fanno le bolle e si screpolano sulle tracce sterne...)
      • Anonimo scrive:
        Re: Mah.......
        - Scritto da: Anonimo
        7 anni fa i cd erano di qualità "leggermente"
        migliore... e costavano pure di più (i tdk erano
        tayo yuden mica mcc,ok.oggi come li trovo quelli giusti?
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah.......
      sei sicuro ?hai fatto uno scandisk o una copia su hd con verifica dati ?non vorrei darti una cattiva notizia, ma ...
    • mr_setter scrive:
      Re: Mah.......
      - Scritto da: Anonimo
      Io ho cd vecchi di 7 anni che funzionano ancora
      benissimo.Ma è sicuro sto tizio??? Che razza di
      cd ha provato???Quoto! CD Kodak anni 1996-1997 lettura e copia senza problemi.....Boh?LV&P
      • Alessandrox scrive:
        Re: Mah.......
        - Scritto da: mr_setter

        - Scritto da: Anonimo

        Io ho cd vecchi di 7 anni che funzionano ancora

        benissimo.Ma è sicuro sto tizio??? Che razza di

        cd ha provato???

        Quoto! CD Kodak anni 1996-1997 lettura e copia
        senza problemi.....

        Boh?
        LV&PNon dipendera' principalmnte dalla velocita' alla qual sono stati masterizzati?All' epoca i masterizzatori non erano dei fulmini....
  • Anonimo scrive:
    Sinceramente
    Sinceramente questa mi sembra proprio una butade.Mi pare che sia il soltio allarmismo sensazionalista.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sinceramente
      - Scritto da: Anonimo
      Sinceramente questa mi sembra proprio una butade.
      Mi pare che sia il soltio allarmismo
      sensazionalista.Ne riparliamo fra qualche anno, quando dopo un crash dell'hard disk cercherai di recuperare le tue foto digitali da un cd ormai illeggibile... :)Scherzi a parte, non te lo auguro, ma è così. Ho cd che sono diventati illeggibili in un paio d'anni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sinceramente
      - Scritto da: Anonimo
      Sinceramente questa mi sembra proprio una butade.
      Mi pare che sia il soltio allarmismo
      sensazionalista.Esatto! serve solo per scoraggiare i CD-ROM e per promuovere l'acquisto di nuove tecnologie quali HD-DVD e BLU-RAY. Sono solo strategie di mercato!!Io ho parecchi CD-ROM più vecchi di 10 ANNI e vanno che è una meraviglia (però li ho tenuti al fresco e al buio). Io cmq sapevo che i CD-ROM erano garantiti per una 30 anni. Comunque appena escono nuovi supporti ad alta capacità trasferisco tutti i cd-rom.Ciao. ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Sinceramente
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Sinceramente questa mi sembra proprio una
        butade.

        Mi pare che sia il soltio allarmismo

        sensazionalista.

        Esatto! serve solo per scoraggiare i CD-ROM e per
        promuovere l'acquisto di nuove tecnologie quali
        HD-DVD e BLU-RAY. Sono solo strategie di
        mercato!!
        Io ho parecchi CD-ROM più vecchi di 10 ANNI e
        vanno che è una meraviglia (però li ho tenuti al
        fresco e al buio). Io cmq sapevo che i CD-ROM
        erano garantiti per una 30 anni. Comunque appena
        escono nuovi supporti ad alta capacità
        trasferisco tutti i cd-rom.ma non ti conviene andare ad hard disk?

        Ciao. ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Sinceramente
      - Scritto da: Anonimo
      Sinceramente questa mi sembra proprio una butade.
      Mi pare che sia il soltio allarmismo
      sensazionalista.la solita frase fatta.io preferisco pensare "sfigato"così se succede qualcosa sarò preparato e avrò tutti i miei dati
  • ElfQrin scrive:
    Ora vado in soffitta...
    ...e ripristino il datassette del Commodore 64...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ora vado in soffitta...
      Ma una cassetta audio normale se fosse utilizzata per i backup quanti dati in MB potrebbe tenere ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ora vado in soffitta...
        pochi pochi, c'era un adattatove per fare il video backup su vcr, per amiga, e mi pare tenesse meno di 1 giga su una videocassetta da 180 (non massacratemi). Certo potrebbero migliorarl oe adattarlo, oggi tutte le sk. video hanno l'uscita tv :)PS: io ho ancora in funzione uno streamer hexabyte scsi rimarchiato ibm, lo sapevo che ho fatto bene a tenerlo ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Ora vado in soffitta...
          - Scritto da: Anonimo
          pochi pochi, c'era un adattatove per fare il
          video backup su vcr, per amiga, e mi pare tenesse
          meno di 1 giga su una videocassetta da 180 (nonnon ricordo neanchio quanti mega potesse tenere.. 1gb mi pare tanto... e cmq le vhs sono un supporto assai povero.. non ultimo il meccanismo di trascinamento del nastro... meglio i cd, chiaramente..naturalmente quando si parla di 'nastri' nell'articolo si parla di cose come i DDS... non certo le audiocassette :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ora vado in soffitta...
            cdr o cdrw, alias 650 mb, alias 70minda cuicassetta da 60 min --
            550 Mb circada 90 min ---
            830 Mb circa70:650=60:x70:650=90:x
          • Anonimo scrive:
            Re: Ora vado in soffitta...
            oddio... stai scherzando vero??? il canale di archiviazione delle cassette era, se non ricordo male, a soli 4 bit... ovvero in ogni istante potevi memorizzare pochissime informazioni...altrimenti esce fuori che per caricare buggy boy (5 min circa) il mio c64 38,8 mb??? manco una cartuccia del gba... :|
          • Arkymede scrive:
            Re: Ora vado in soffitta...
            - Scritto da: Anonimo
            oddio... stai scherzando vero??? il canale di
            archiviazione delle cassette era, se non ricordo
            male, a soli 4 bit... ovvero in ogni istante
            potevi memorizzare pochissime informazioni...
            altrimenti esce fuori che per caricare buggy boy
            (5 min circa) il mio c64 38,8 mb??? manco una
            cartuccia del gba... :|Questo non c'entra: dipende dalla modulazione del segnale. Faccio un esempio: Pac-Land per C-64 aveva un caricamento di 11 minuti (lo so perchè facevo a tempo a farmi caffellatte e biscotti mentre caricava) su una normale cassetta audio ed occupava in memoria 40 KB circa! Ripeto: 40 Kb circa!!! Infatti era uno dei pochi giochi che sfruttava quasi tutta la memoria disponibile (gli altri 16 KB erano riservati alla mappatura video ed i restanti per audio e qualcos'altro) del C-64. Non c'è una regola fissa per definire la capacità di resa di un nastro magnetico. Dipende dalla qualità del nastro stesso e dalla resa audio nella banda di frequenze. Più è ampia e più ci sta roba. Più bit necessiti e più dev'essere ampia la banda di frequenze. Per quanto riguarda il DAT o simili dipende da quante particelle magnetiche riesci ad "incollarci" sopra quando lo costruisci e dalla larghezza stessa del nastro. (più superficie=più risoluzione).P.S. = Una volta con 40KB avevi un gioco divertente, ora con 2 GB hai solo, di diverso, un gioco graficamente bello.Mitico C-64!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ora vado in soffitta...
            sbagliato, la durata in minuti non c'entra...cassetta = dipende dalla larghezza e velocità del nastro, dalla testina che scrive e dalla densità dell'ossido.Una nastro *audio* non terrà mai 550 mega!E' una questione di bitrate, per così dire (anche il cd da 80 minuti è solo calcolato in mode 2 + compressione mpeg per il video o wav per l'audio. Lo so che dentro ci metti un divx da 2 ore ma quelli sono 700 mega. )Stai confrontanto mele con pere :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Ora vado in soffitta...
            - Scritto da: Anonimo
            cdr o cdrw, alias 650 mb, alias 70min
            da cui
            cassetta da 60 min --
            550 Mb circa
            da 90 min ---
            830 Mb circa

            70:650=60:x
            70:650=90:xBravo! Ora, usando questo ragionamento, fammi il calcolo di quanti bytes tiene il lato B di un vecchio 33 giri... ;-)(hint: analogico... digitale...)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ora vado in soffitta...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            pochi pochi, c'era un adattatove per fare il

            video backup su vcr, per amiga, e mi pare
            tenesse

            meno di 1 giga su una videocassetta da 180 (non
            non ricordo neanchio quanti mega potesse tenere..
            1gb mi pare tanto... e cmq le vhs sono un
            supporto assai povero.. non ultimo il meccanismo
            di trascinamento del nastro... meglio i cd,
            chiaramente..
            naturalmente quando si parla di 'nastri'
            nell'articolo si parla di cose come i DDS... non
            certo le audiocassette :)capirai dds che supertecnologia...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ora vado in soffitta...


            - Scritto da: Anonimo

            nell'articolo si parla di cose come i DDS... non

            certo le audiocassette :)
            capirai dds che supertecnologia...E che c' entra? Qui si parla di affidabilita' nel tempo.La pietra e' ancora meno moderna, ma tiene i dati per secoli, tra la pietra e un CDR, un bel DDS e' una soluzione ottima, per quanto vecchio sia.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ora vado in soffitta...

            1gb mi pare tanto... e cmq le vhs sono un
            supporto assai povero.. non ultimo il meccanismo
            di trascinamento del nastro... meglio i cd,
            chiaramente..
            naturalmente quando si parla di 'nastri'
            nell'articolo si parla di cose come i DDS... non
            certo le audiocassette :)Si infatti i DDS non hanno testina rotante e meccanismo di caricamento e trascinamento nastro pressochè identico a quello dei VHS, solo ANCORA PIU' PICCOLO!Avessi almeno detto LTO...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ora vado in soffitta...
            Veramente non è manco dds...il dds è obsoleto per i dati, appena appena resiste per le registrazioni audio (e comunque ho ugualmente qualche dubbuio)adesso i grossi data center utilizzano le tecnologie ULTRIUM, e un 5 anni fa si usava già il DLTultrium 3 tiene 400GB non compressi di dati e fino a 800GB compressi.DLT arrivava a 80 GB compressihttp://www.ultriumlto.com/A ognuno il suo lavoro....
    • Anonimo scrive:
      Re: Ora vado in soffitta...
      - Scritto da: ElfQrin
      ...e ripristino il datassette del Commodore 64...eheh ElfQrin..... tu potresti anche fare i backup sul tostapane!! ;) redrOweN p)
      • Luca69 scrive:
        Re: Ora vado in soffitta...
        I vecchi dischi del C64 funzionano ancora e hanno piú di vent'anni :|
      • Anonimo scrive:
        Re: Ora vado in soffitta...
        - Scritto da: Anonimo
        eheh ElfQrin..... tu potresti anche fare i backup
        sul tostapane!! ;)

        redrOweN p)Forse sì, ma il supporto si sbriciola facilmente!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ora vado in soffitta...
      ed i magneto-ottici ?
      • xdome scrive:
        Re: Ora vado in soffitta...
        una bella scheda preforata
      • Anonimo scrive:
        Re: Ora vado in soffitta...
        Se non mi sbaglio una cassetta audio può contenere da 20 a 80 MB di dati.Il resto dipende dal bit rate, campionatura, durata, ecc...Comunque per chi volesse provare su questo sito c'è una guida per collegare il vecchio datassette al pc :)http://sta.c64.org/cables.html
      • Anonimo scrive:
        Re: Ora vado in soffitta...
        - Scritto da: Anonimo
        ed i magneto-ottici ?Per ora i miei magneto-ottici da 1.2 Gb reggono... I più vecchi li ho scritti nel 1999. Speriamo che questi abbiano vita più lunga. Ho sentito che anche i dvd-ram sono meno soggetti all'usura del tempo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ora vado in soffitta...
      - Scritto da: ElfQrin
      ...e ripristino il datassette del Commodore 64...Hai ragione!Ti seguo a nastro... :-)
  • Anonimo scrive:
    Quindi...
    Quindi quei CD che ho li sullo scaffale fatti ormai quasi 10 anni fa, sono di origine aliena???
    • Anonimo scrive:
      Re: Quindi...
      - Scritto da: Anonimo
      Quindi quei CD che ho li sullo scaffale fatti
      ormai quasi 10 anni fa, sono di origine aliena???Funzionano e non hai avuto nessuna perdita di dati?
      • Anonimo scrive:
        Re: Quindi...
        Io ho un vecchio Philips "dorato", masterizzato nel '96 ... ad oggi è ancora perfetto. Però sto buttando diversi dischi di marche poco note masterizzati due o tre anni fa. Pieni di errori CRC !Saluti,Piwi
        • Anonimo scrive:
          Re: Quindi...
          - Scritto da: Anonimo
          Io ho un vecchio Philips "dorato", masterizzato
          nel '96 ... ad oggi è ancora perfetto. Però sto
          buttando diversi dischi di marche poco note
          masterizzati due o tre anni fa. Pieni di errori
          CRC !

          Saluti,
          Piwinon c'è niente da fare, la qualità si paga, con pochissime eccezioni (linux è un'eccezione, alta qualità a costo zero :D )se uno compra cd/dvd a quattro soldi è inutile che si lamenta.
    • mr_setter scrive:
      Re: Quindi...
      - Scritto da: Anonimo
      Quindi quei CD che ho li sullo scaffale fatti
      ormai quasi 10 anni fa, sono di origine aliena???LOL! Qua ormai dai post che leggo sembra che se per caso parla un *esperto della divisione storage IBM* tutto quello che dice e' verita' nient'altro che verita'! Il tecnoco, che probabilmente ha la sua bella quota azionaria presso una delle societa' di produzione di nastri magnetici (sto' a scherzaaaaaa'!), dovrebbe anche tener conto della modalita' di conservazione dei CD-R e della qualita' di alcune marche che - fino ad alcuni anni fa - vedi Kodak o simili, producevano CD-R davvero di alta qualita'.Comunque.....a prescindere.....LV&P
      • Anonimo scrive:
        Re: Quindi...
        - Scritto da: mr_setter

        - Scritto da: Anonimo

        Quindi quei CD che ho li sullo scaffale fatti

        ormai quasi 10 anni fa, sono di origine
        aliena???

        LOL!
        Qua ormai dai post che leggo sembra che se per
        caso parla un *esperto della divisione storage
        IBM* tutto quello che dice e' verita' nient'altro
        che verita'! Quello che dice e' vero, ma non vale per TUTTI i CD di qualsiasi fattura, ce ne sono alcuni che durano molti anni e altri pochi mesi.
        Il tecnoco, che probabilmente ha la sua bella
        quota azionaria presso una delle societa' di
        produzione di nastri magnetici (sto' a
        scherzaaaaaa'!), dovrebbe anche tener conto della
        modalita' di conservazione dei CD-R e della
        qualita' di alcune marche che - fino ad alcuni
        anni fa - vedi Kodak o simili, producevano CD-R
        davvero di alta qualita'.Appunto.
        • Anonimo scrive:
          Re: Quindi...
          - Scritto da: Anonimo


          - Scritto da: mr_setter



          - Scritto da: Anonimo


          Quindi quei CD che ho li sullo scaffale fatti


          ormai quasi 10 anni fa, sono di origine

          aliena???



          LOL!

          Qua ormai dai post che leggo sembra che se per

          caso parla un *esperto della divisione storage

          IBM* tutto quello che dice e' verita'
          nient'altro

          che verita'!

          Quello che dice e' vero, ma non vale per TUTTI i
          CD di qualsiasi fattura, ce ne sono alcuni che
          durano molti anni e altri pochi mesi.per favore cerchiamo di essere utili...quali sono quelli buoni secondo la tua esperienza?
    • Anonimo scrive:
      Re: Quindi...
      - Scritto da: Anonimo
      Quindi quei CD che ho li sullo scaffale fatti
      ormai quasi 10 anni fa, sono di origine aliena???No, sono di buona fattura, tutto qui.
      • Anonimo scrive:
        Re: Quindi...
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: Anonimo

        Quindi quei CD che ho li sullo scaffale fatti

        ormai quasi 10 anni fa, sono di origine
        aliena???

        No, sono di buona fattura, tutto qui.Inoltre li tieni sullo scaffale, immagino nelle custodie, quindi:1) temperatura costante nell'arco 20-30 gradi e senza sbalzi2) buio3) umidità scarsa4) presumo li maneggi con curaOvvio che se i cd vengono tenuti come vedo fare da alcune persone...1) poggiati senza custodia sul lato inferiore e di li trascinati e impolverati2) nel porta cd in auto sotto il sole estivo a 50 gradi3) eccovvio che soffrono, se arrivano ad un anno è miracolo!
    • Anonimo scrive:
      Re: Quindi...
      - Scritto da: Anonimo
      Quindi quei CD che ho li sullo scaffale fatti
      ormai quasi 10 anni fa, sono di origine aliena???li hai provati di recente?
Chiudi i commenti