Silverlight 5 è un sopravvissuto

La prossima versione dell'ambiente anti-Flash voluto da Microsoft includerà oltre 40 nuove funzioni. Niente male per una piattaforma che le voci davano per spacciata

Roma – In barba a chi già lo spacciava per morto, lo strumento per le rich Internet application della Microsoft punta al futuro con una determinazione ancora maggiore. Silverlight 5 uscirà in beta nei primi mesi del 2011, per raggiungere la fase “gold” entro la fine dell’anno. L’importante aggiornamento della piattaforma includerà oltre 40 nuove funzionalità, pensate per supportare ancora meglio gli smartphone, i tablet e lo streaming video in HD.

Le nuove caratteristiche multimediali potranno contare sull’accelerazione hardware a carico della GPU, adottata anche da Internet Explorer 9 . La possibilità di lasciare il processore a riposo dovrebbe assicurare un notevole risparmio di energia e un netto miglioramento delle prestazioni, sopratutto con i device portatili meno performanti.

Tra le altre feature già inserite nella lista dei desideri, rivelate in un recente keynote , spiccano nuovi tool di sviluppo incentrati su Visual Studio, il supporto per i sistemi operativi che girano a 64bit, la riduzione della latenza di rete (utile alle elaborazioni in real-time) e l’arrivo del TrickPlay con tanto di pitch correction. Questa ultima funzione consentirà di velocizzare la riproduzione di un video Silverlight, senza necessariamente compromettere la naturalezza della traccia audio.

Con la versione 5.0 del runtime MS sarà poi possibile creare applicazioni certificate che consentiranno, ad esempio, di lavorare con istanze di documenti desktop appartenenti alla suite Office, senza mai uscire veramente dal browser. Ovviamente, anche le possibilità delle app Silverlight “esterne”, che non dipendono dal software di navigazione, verranno fortemente riviste.

Microsoft ha quindi messo la parola fine sulle voci che vedevano trascurato il suo storico anti-Flash. L’ambiente di sviluppo non verrà ridimensionato al solo Windows Phone ma continuerà ad offrire supporto multipiattaforma e multi-browser. Gli sviluppatori potranno continuare a puntare tranquillamente sui suoi “effetti speciali”.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Bramb scrive:
    italiano
    Cos'è esattamente una via "STRAgiudiziale" ?
  • ces scrive:
    Maligni
    " Intel, suggerisce qualcuno, ha bisogno della forza computazionale di Nvidia per fronteggiare AMD " :D
    • Alfonso Maruccia scrive:
      Re: Maligni
      Ma no, è un dato di fatto abbastanza assodato. Se Intel ha intenzione di fronteggiare le Radeon implementate nelle APU Fusion con quelle chiaviche di chip "IGP" rischia seriamente di perdere un bel pò di market share, imho....
      • ces scrive:
        Re: Maligni
        - Scritto da: Alfonso Maruccia
        Ma no, è un dato di fatto abbastanza assodato. Se
        Intel ha intenzione di fronteggiare le Radeon
        implementate nelle APU Fusion con quelle
        chiaviche di chip "IGP" rischia seriamente di
        perdere un bel pò di market share,
        imho....Lo so, la mia era ironia perché era quello che pensavo da un pò di tempo. Nella produzione di CPU/GPU (o API) è inutile metterci le CPU migliori del mondo se poi le GPU non sono all'altezza. AMD unisce CPU comunque buone alle migliori GPU in circolazione.A questo punto sono curioso di vedere cosa accadrà, probabilmente lasceranno le loro schede integrate sui notebook di fascia bassissima ovvero come ora ed prepareranno una soluzione rapida con nVidia, d'altronde anche Fusion non è proprio dietro l'angolo.
  • Pino scrive:
    "stragiudiziale"???
    Man non scriviamo XXXXXXX, si dice "extragiudiziale".
    • JChip scrive:
      Re: "stragiudiziale"???
      Ah se prima di scrivere si accendesse il cervello e si controllasse ... basta anche il dizionario online Hoepli a dire che esiste anche stragiudiziale come anche stragiudiciale.
Chiudi i commenti