SkyBender, il 5G di Google viene dal cielo

Mountain View viene colta a sperimentare un nuovo network aero-trasportato per le reti di telecomunicazione del prossimo futuro, una rete a base di droni in fase di test nel Nuovo Messico. Il 5G sotto forma di telefono pesa 150 Kg, ma è ormai prossimo
Mountain View viene colta a sperimentare un nuovo network aero-trasportato per le reti di telecomunicazione del prossimo futuro, una rete a base di droni in fase di test nel Nuovo Messico. Il 5G sotto forma di telefono pesa 150 Kg, ma è ormai prossimo

Il Guardian ha svelato i primi dettagli di SkyBender, nuovo progetto “segreto” di Google per le reti di comunicazione wireless, anzi, aeree di prossima generazione. Il network è basato sull’uso di droni alimentati a energia solare, e le soluzioni impiegate per connettere le stazioni riceventi a terra mirano a raggiungere performance di trasmissione degne della quinta generazione di reti cellulari in arrivo da qui a pochi anni.

Per lavorare su SkyBender, dice il Guardian , Mountain View ha affittato un enorme hangar nel Nuovo Messico (15.000 metri quadri) di proprietà di Virgin Galactic; il drone in volo si chiama Centaur, è equipaggiato con pannelli solari per autoalimentarsi ed è frutto dell’ acquisizione di Titan Aerospace conclusa nel 2014.

La comunicazione fra drone in volo e stazione base a terra avviene tramite onde radio millimetriche, una parte dello spettro elettromagnetico compresa fra i 30 e i 300 GHz con uno spettro di azione ridotto ma dotate della capacità di trasmettere a velocità 40 volte superiori a quella delle reti 4G/LTE di ultima generazione. Google avrebbe risolto – o comunque mitigato – il problema della scarsa portata delle onde millimetriche per le comunicazioni tramite UAV, e gli esperimenti di SkyBender mirerebbero ad anticipare mercato e concorrenza nell’implementazione di un servizio di comunicazione 5G.

Il progetto sarebbe in ogni caso separato da quello per le comunicazioni telematiche da garantire al mondo afflitto da digital divide tramite i palloni aerostatici di Project Loon , iniziativa par cui Google ha chiesto alla Federal Communications Commission l’autorizzazione a un test sull’intero territorio statunitense della durata di due anni. Le onde radio di Loon (comprese nella “banda E”) sono sicure, sostiene Mountain View.

La tecnologia IMT-2020/5G è prevista al debutto entro i prossimi quattro anni con la promessa di connessioni cellulari da 20 Gigabit al secondo, e oltre a Google anche la svedese Ericsson lavora all’implementazione del network next-gen sperimentando con un “cellulare” da 150 chilogrammi trasportato in giro per Stoccolma da un autobus. La miniaturizzazione dei componenti può aspettare, per il momento.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

01 02 2016
Link copiato negli appunti