Smartphone, il blocco blocca i furti

Smartphone, il blocco blocca i furti

Le funzioni di disattivazione remota introdotte dai produttori e volute dalle autorità ottengono riscontri: rubare un dispositivo inservibile è inutile
Le funzioni di disattivazione remota introdotte dai produttori e volute dalle autorità ottengono riscontri: rubare un dispositivo inservibile è inutile

Secondo uno studio condotto nelle città di San Francisco, di New York e Londra, i furti di smartphone hanno registrato un calo sostanziale rispetto agli anni precedenti.

La parola giusta da utilizzare, in realtà, dovrebbe essere blocco : proprio i sistemi introdotti dai produttori per impedire l’accesso ai device ad utenti non autorizzati ed i sistemi di rintracciamento via GPS ad essi collegati sono i principali fattori che hanno contribuito a questo dato.

Per esempio , da quando nel settembre del 2013 Apple ha introdotto la funzione di kill switch denominata “Activation Lock”, a Londra il numero degli iPhone rubati è crollato del 50 per cento, a San Francisco del 40 per cento ed a New York del 25.

A seguire Apple è stata Samsung, che ha introdotto la funzione a partire dal suo Galaxy S5, poi è stato il turno di Google che ha reso standard il sistema a partire dalla versione Lollipop di Android

Anche Microsoft introdurrà prossimamente il kill switch sul suo nuovo sistema operativo per dispositivi mobile: d’altronde, sono state le forze dell’ordine a premere affinché i produttori rendessero l’installazione di tale tecnologie uno standard per il settore degli smartphone, altrimenti falcidiato.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 12 feb 2015
Link copiato negli appunti