Gli smartphone spiano le conversazioni per inviare pubblicità mirate

Gli smartphone spiano le conversazioni per inviare pubblicità mirate

Un’azienda pubblicitaria americana ha ammesso di usare l’AI per ascoltare le conversazioni sugli smartphone degli utenti e fare pubblicità mirata.
Gli smartphone spiano le conversazioni per inviare pubblicità mirate
Un’azienda pubblicitaria americana ha ammesso di usare l’AI per ascoltare le conversazioni sugli smartphone degli utenti e fare pubblicità mirata.

Alcune persone nutrono da tempo il sospetto che i loro dispositivi elettronici li spiano ascoltando le loro conversazioni private a fini diversi. Una recente rivelazione di un’azienda di Atlanta, la Cox Media Group (CMG), ha confermato questa preoccupazione. Infatti, CMG ha vantato la sua abilità di riconoscere “conversazioni pertinenti tramite smartphone, smart TV e altri dispositivi” usando l’intelligenza artificiale per permettere alle imprese locali di inviare annunci mirati.

Active Listening: la tecnologia di CMG per intercettare le conversazioni

Una pagina del sito web di CMG Local Solutions, ora cancellata, affermava: “È vero. I vostri dispositivi vi ascoltano”. Con Active Listening (ascolto attivo), CMG può ora usare i dati vocali per indirizzare la vostra pubblicità alle persone ESATTE che state cercando”.

In un post sul blog del 28 novembre (anch’esso rimosso), CMG Local Solutions sosteneva che la sua tecnologia “Active Listening” era capace di intercettare le conversazioni degli utenti. Lo scopo era quello di fornire agli inserzionisti locali una lista settimanale di consumatori che erano interessati a un certo prodotto o servizio. Secondo l’azienda, era possibile personalizzare una campagna “per ascoltare qualsiasi parola chiave/obiettivo pertinente per la vostra attività”. Il risultato, secondo l’azienda, era “l’efficienza e il tempismo della pubblicità portati a un nuovo livello”.

Il post sul blog e le pagine correlate sul sito web di CMG Local Solutions sono state eliminate, ma ne esiste una versione archiviata. Il programma di ascolto attivo dell’azienda era stato precedentemente segnalato da 404 Media.

La posizione di Cox Media Group e di Google

In una dichiarazione rilasciata venerdì, Cox Media Group ha dichiarato che le sue aziende “non ascoltano alcuna conversazione e non hanno accesso a nulla oltre a un insieme di dati aggregati, anonimizzati e completamente criptati di terze parti che possono essere usati per l’inserimento di annunci pubblicitari”.

Secondo l’azienda, l’accesso di CMG Local Solutions ai dati pubblicitari basati sulla voce e su altri dati veniva raccolto da piattaforme e dispositivi di terze parti “in base ai termini e alle condizioni forniti da tali applicazioni e accettati dai loro utenti”.

Nel post sul blog, poi cancellato, CMG Local Solutions si chiedeva se l’Active Listening fosse legale. “Sappiamo cosa state pensando. È legale? La risposta breve è: sì. È legale che telefoni e dispositivi vi ascoltino. Quando il download di una nuova applicazione o di un aggiornamento richiede ai consumatori un contratto di utilizzo di molte pagine, spesso l’ascolto attivo è incluso tra le clausole scritte in piccolo”, affermava l’azienda nel post.

Microfono e fotocamera sugli smartphone: le misure di sicurezza di Android e iOS

Un portavoce di Google ha dichiarato a Variety: “Per anni, Android ha impedito alle app di raccogliere l’audio quando non vengono utilizzate attivamente, e ogni volta che un’app attiva il microfono di un dispositivo, viene visualizzata un’icona ben visibile nella barra di stato“. Con Android 11 (rilasciato a settembre 2020) e successivi, le app non possono accedere al microfono o alla fotocamera quando sono in esecuzione in background, anche se gli utenti hanno concesso alle app l’autorizzazione esplicita a farlo.

Secondo Apple, nessuna app può accedere al microfono o alla fotocamera di un iPhone o iPad senza l’autorizzazione dell’utente. In iOS 14 e iPadOS 14 o versioni successive, quando un’app utilizza il microfono o la fotocamera, il dispositivo visualizza un indicatore per segnalare l’utilizzo. Inoltre, Apple afferma che i dati raccolti per l’assistente vocale Siri “non vengono utilizzati per creare un profilo di marketing e non vengono mai venduti a nessuno“.

La verità sugli smartphone che ascoltano

Naturalmente, diversi giornalisti hanno già smentito la teoria che gli smartphone ascoltino le conversazioni degli utenti per proporre pubblicità mirate. È molto probabile che si tratti di un errore di comunicazione da parte dell’azienda pubblicitaria. CMG, infatti, avrebbe esagerato le sue capacità, creando confusione e allarme tra gli utenti.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 18 dic 2023
Link copiato negli appunti