Sony e la PSP di prossima generazione

Sony prepara un ritorno in grande stile nel settore del gaming mobile, presentando una console di nuova generazione. E nuovi ecosistemi videoludici capaci di inglobare anche Android e gli smartphone

Roma – Dopo tante indiscrezioni sul supposto futuro della console PSP, in queste ore Sony Computer Entertainment ha finalmente ufficializzato quello che molti da tempo prevedevano: entro la fine del 2011 la multinazionale nipponica commercializzerà una nuova macchina videoludica portatile dotata di specifiche tecniche da primato, nuove modalità di interazione tra gli utenti, una strizzatine d’occhio al casual gaming ma con il focus ben piantato sui videogiocatori “hardcore”.

NGP

Nota al momento con il nome in codice di “Next Generation Portable” (NGP), la PSP di seconda generazione è stata presentata nel corso dell’evento “PlayStation Meeting 2011” organizzato da Sony in madrepatria. Molti i punti di interesse per appassionati, industria e stampa specializzata, ma la caratteristica che forse ha attualmente il maggiore impatto è la volontà di Sony di mettere a confronto le capacità tecniche della nuova console con quelle dell’hardware della PlayStation 3.

La PSP2 sarà dotata di una potenza comparabile con quella della PS3, sostiene la corporation nipponica, il che vorrà dire godere della stessa grafica tridimensionale avanzata resa attualmente possibile dalla console domestica. Alla base di tanta potenza ci sarà un processore quad-core basato su design ARM Cortex A9 , e una GPU SGX543MP4 (anch’essa quad-core) realizzata da PowerVR .

Il resto delle specifiche tecniche include uno schermo OLED touchscreen da 5 pollici con risoluzione da 960×544 pixel (il doppio di quella della prima PSP), un nuovo tipo di mini memory card per i giochi, due stick analogici posizionati sotto il pad digitale (sinistra) e i pulsanti (destra), controlli SIXAXIS con funzionalità “tilt”, doppia fotocamera sul davanti e il retro, ricevitore GPS, speaker stereo incorporati con microfono, connettività Bluetooth, WiFi e 3G, touchpad sul retro dello chassis.

La PSP2 è dotata di un form factor maggiormente tondeggiante ai bordi, che Sony descrive come una forma “super ovale”. Prevista al lancio per il prossimo periodo natalizio , la console NGP avrà sin da subito il supporto di decine di software house note e meno note (a quanto pare già alacremente al lavoro per la produzione di contenuti per il nuovo dispositivo), con la line-up dei primi giochi che includerà sere di sicuro richiamo come Call of Duty, Uncharted, Killzone, Wipe Out, Monster Hunter, Yakuza e altri.

Due nuove funzionalità annunciate da Sony si incaricheranno di traghettare la PSP2 nel nuovo mondo iper-connesso dei dispositivi mobile: la prima, LiveArea , permetterà ai possessori della console di accedere a uno spazio telematico – specifico per ogni gioco – contenente informazioni aggiornate, nuovi contenuti, log di “Attività” e “achievement” di chi sta giocando allo stesso gioco e una vera e propria “comunicazione in tempo reale” tra i giocatori.

La seconda funzionalità interconnessa si chiama Near , ed è sostanzialmente il modo con cui i giocatori potranno identificare gli alti gamer presenti nelle vicinanze, conoscere i giochi nei quali sono impegnati e mettersi in contatto gli uni con gli altri . Accanto alle capacità di interconnessione in mobilità, un’altra caratteristica recentemente venuta alla ribalta che Sony intende inglobare nel suo ecosistema PlayStation è il casual gaming in salsa “social”.

A tal proposito la multinazionale giapponese ha presentato PlayStation Suite (PS), un framework cross-platform pensato per rendere disponibili contenuti PlayStation su sistemi operativi Android, che sarà in grado di interagire anche con la console NGP. Stando alle parole del presidente di SCE Kazuo Hirai, PS avrà il compito di fornire all’ecosistema Android quei “contenuti di qualità PlayStation” che sei anni fa i carrier di telefonia cellulare non avrebbero potuto fornire agli utenti.

La PSP “next-gen” non ha ancora una data di commercializzazione ufficiale né un prezzo, ma la presentazione ufficiale di Sony permette quantomeno di fissare alcuni paletti contro le speculazioni rampanti dei mesi e anni passati: il colosso nipponico non ha alcuna intenzione di abbandonare i supporti fisici – e quindi il mercato retail – per la commercializzazione di videogame e contenuti di intrattenimento, il gioco in mobilità continuerà ad avere una sua specificità al di là del supposto abbraccio ferale degli smartphone evoluti – campo in cui Sony intende comunque giocarsi la sua carta – e l’unica a credere fermamente nel successo delle tecnologie 3D resta al momento Nintendo con il suo discusso 3DS .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Findi scrive:
    ma siii.....
    finirà tutto a tarallucci e vino.....:-)
  • Nilok scrive:
    C.V.D.
    AUGH !Come Volevasi Dimostrare.....Ecco la predetta conclusione.....ma ke te lo diko a fare ke lo avevo previsto???Ho parlato8)
  • harvey scrive:
    10 anni?
    Sti XXXXX, 10 anni per una XXXXXXX del genere ...L'ho sempre detto, meglio drogarsi e stuprare le ragazzine in branco, rischi meno che fare queste cose ...
    • Valeren scrive:
      Re: 10 anni?
      La gravità della pena è direttamente proporzionale al loro terrore.Sanno di non poter controllare la rete e che l'informazione è la loro peggior nemica.Quindi ricorrono al più vecchio dei sistemi: acchiappa qualche manifestante e sbattilo in galera.Certo che se LOIC attuasse un minimo di offuscamento... Dal PDF nell'articolo risulta che invii l'IP in chiaro!
      • 404 scrive:
        Re: 10 anni?
        l'ip inviato è sempre in chiaro e modificare l'ip è spesso impossibile per via dell'infrastruttura di rete dell'isp.
      • collione scrive:
        Re: 10 anni?
        - Scritto da: Valeren
        La gravità della pena è direttamente
        proporzionale al loro
        terrore.
        Sanno di non poter controllare la rete e che
        l'informazione è la loro peggior
        nemica.vero, l'abbiamo visto anche ieri sera quando hanno cercato, per l'ennesima volta, di bloccare Santoroè una vergogna che a gente simile venga conXXXXX di governare, purtroppo il male del mondo è la generazione del baby booomegoisti fino al midollo, immorali e senza principi, ecco chi sono i baby boomer
  • infame scrive:
    una multa gli starebbe proprio bene...
    ...ma non per il DDOS, giusto perchè sono stati così stupidi da farsi beccare!;-)
  • Sky scrive:
    Ma che ferocia
    Gli stanno dando la caccia come a dei terroristi a questi ragazzini sprovveduti, neanche avessero piazzato qualche bomba in metropolitana.Va bene che avevano preso poche o nessuna precauzione, ma a memoria non mi ricordo così tanti arresti per un attacco DDoS tra l'altro anche poco riuscito.Il fastidio procurato da Assange è evidentemente enorme, vogliono proprio fargli terra bruciata attorno.
    • cognome scrive:
      Re: Ma che ferocia
      - Scritto da: Sky
      Gli stanno dando la caccia come a dei terroristi
      a questi ragazzini sprovveduti, neanche avessero
      piazzato qualche bomba in
      metropolitana.Meno male che esistono.Significa che anche le nuove generazioni si sono rotte le palle delle frottole e del cover-up governativo a 360 gradi.Il che è male, per i politicanti.La politica ha stancato, troppe bugie e faccie di XXXXX.Ne abbiamo parecchi esempi anche qui nella nostra penisola.
      Va bene che avevano preso poche o nessuna
      precauzione, ma a memoria non mi ricordo così
      tanti arresti per un attacco DDoS tra l'altro
      anche poco
      riuscito.
      Il fastidio procurato da Assange è evidentemente
      enorme, vogliono proprio fargli terra bruciata
      attorno.Questo è palese, ma la gente è piu interessata a "the big brother".Siamo pecore comandate da un branco di lupi che sorridono in televisione.In realtà, il loro, è solo mostrare i denti.E tutti a guardare il biscione...
      • aid85 scrive:
        Re: Ma che ferocia
        10 anni o 5mila sterle di multa per un 15enne che pinga un IP ???????????Raga ma non vi sembra di esagerare ??????????Quindi se un 12 dice "XXXXXXX" lo si fucila in piazza ???Se un 21 dice "che XXXXX!" gli si stermina la famiglia ?Dai se la notizia fosse vera sarebbe incredibile e ovviamente puro marketing governativo pro_fobia anti_attivismo ... 5 ragazzini su decine di migliaia di protestanti ?Chi non ha mai usato LOIC (o javaLOIC o ping o altro) alzi la mano...Non è nemmeno un reato !Se io accedo a un sito a cui posso accedere contemporaneamente ad altri e questo sito crasha XXXXX c'entro io ?E' una situazione ridicola ci si deve armare di brutto e tutti...Tanto milioni di persone non le arresteranno mai perchè non c'è sistema giudiziario che non crasherebbe e carceri che le possa contenere... e per le fosse comuni non penso si arriverà a tanto !!! ...spero almeno... per ora almeno...E PayPal Mastercard Visa che bloccano SENZA ALCUN MANDATO i fondi di e i trasferimenti per WIKILEAKS senza che vi sia (ancora o mai) una sentenza di STUPRO da parte di J. ASSANGE (che non è wikileaks)... ha lora la pula non la mandano ?E' palese raga.E' una XXXXXtabuffonatateatrale... puro perrorismo nel senso letterario della parola... Diffondere la paura che sembra l'unica arma rimasta ai pochi egoisti expotenti della terra... paura che in realtà anno loro.Non temete e diventate ancora più numerosi ...L'unione fa la forza...http://www.google.com/url?sa=t&source=web&cd=1&ved=0CB4QFjAA&url=http%3A%2F%2Fwww.torproject.org%2F&ei=vQxCTa_JJ4GVOvnZrM0B&usg=AFQjCNGET-6c7zizML415t7Y1B3G1fsYzw
    • Rete scrive:
      Re: Ma che ferocia
      Bho... Credo che per gli stati l' incolumità di questi "SERVIZI" sia più importante della vita di un essere umano, questo spiega l' enorme dispendio di energie per perseguire i personaggi e la pena inflitta. Neanche i responsabili di un disastro ecologico si beccano 10 anni di carcere e di danni ne fanno... e non durano di certo qualche ora...
  • iii scrive:
    wardriving
    Non basterebbe usare la rete wifi di qualcun altro per essere irrintracciabili?
    • mux scrive:
      Re: wardriving
      - Scritto da: iii
      Non basterebbe usare la rete wifi di qualcun
      altro per essere
      irrintracciabili?Si, ma come puoi facilmente intuire metti nei guai il povero utonto di turno.
      • Nurkast scrive:
        Re: wardriving
        - Scritto da: mux
        - Scritto da: iii

        Non basterebbe usare la rete wifi di qualcun

        altro per essere

        irrintracciabili?


        Si, ma come puoi facilmente intuire metti nei
        guai il povero utonto di turno.Si, ma come puoi facilmente intuireal tipo non gliene frega un caz zo di rovinare la vita a un altro
        • cognome scrive:
          Re: wardriving
          - Scritto da: Nurkast
          Si, ma come puoi facilmente intuire
          al tipo non gliene frega un caz zo di rovinare la
          vita a un
          altroCome facilmente NON puoi intuire, non hai capito un emerito c@zzo.Torna a rimbambirti su facebook, và.
        • Guybrush scrive:
          Re: wardriving
          - Scritto da: Nurkast
          - Scritto da: mux

          - Scritto da: iii


          Non basterebbe usare la rete wifi di qualcun


          altro per essere


          irrintracciabili?





          Si, ma come puoi facilmente intuire metti nei

          guai il povero utonto di turno.

          Si, ma come puoi facilmente intuire
          al tipo non gliene frega un caz zo di rovinare la
          vita a un
          altrobe'... se lasci la wifi aperta senza protezione che pretendi?GT
  • pippO scrive:
    anonimi?
    Questi giovani acari... (anonimo)
    • cognome scrive:
      Re: anonimi?
      Sono solo le gemme appena spuntate dai rami piu grossi.I bobby (che sono al servizio e agli "ordini" del governo...) hanno preso gli inesperti.La quercia è ancora là.
Chiudi i commenti