Sony fuori dal mercato delle batterie?

Lenovo si prepara a ritirare oltre mezzo milione di accumulatori difettosi prodotti dal gigante giapponese, il terzo richiamo di massa in poche settimane. Quale futuro per Sony nel settore batterie?

Roma – I guai di Sony nel settore delle batterie per notebook stanno raggiungendo proporzioni clamorose. Dopo Apple e Dell , dopo Toshiba , anche Lenovo e IBM hanno ieri annunciato il richiamo di 526.000 batterie prodotte dal colosso giapponese.

Nel complesso, gli accumulatori fabbricati da Sony che sono attualmente oggetto di richiamo sfiorano i 6,8 milioni di esemplari. Gli osservatori non hanno dubbi: nell’industria del settore non si è mai verificato nulla di paragonabile .

Lenovo, che ha acquisito la divisione notebook di IBM lo scorso maggio, ha spiegato che le batterie richiamate contengono un difetto che può portarle a surriscaldarsi . L’azienda non ha specificato se il problema sia correlato a quello delle batterie utilizzate da Apple, Dell e Toshiba.

Il programma di sostituzione arriva a meno di due settimane di distanza dall’incendio, presso l’aeroporto di Los Angeles, di un notebook di Lenovo contenente una batteria di Sony.

In un comunicato congiunto, IBM e Lenovo hanno sottolineato come “potenzialmente nessuna marca o modello di batteria è immune da surriscaldamento o malfunzionamento”, confermando tuttavia che “queste batterie possono essere soggette a surriscaldamento, con potenziale rischio di incendio “.

L’invito rivolto dalle due aziende ai propri clienti, pertanto, è quello di verificare appena possibile se la propria batteria sia tra quelle potenzialmente a rischio. Per farlo è possibile visitare questa pagina di IBM o questa di Lenovo.

Le batterie oggetto del richiamo sono state vendute tra febbraio 2005 e settembre 2006 separatamente o abbinate ad alcuni dei seguenti modelli di PC portatili ThinkPad: Serie T (T43, T43p, T60), Serie X (X60, X60s), Serie R (R51e, R52, R60, R60e).

Lenovo ritiene che il ritiro interesserà una percentuale compresa tra il 5 e il 10% dei notebook ThinkPad venduti nella succitata finestra temporale.

Come nel caso di Apple e Dell, Sony si è accordata con Lenovo per “supportare finanziariamente” il richiamo . Se un simile accordo sia stato preso anche con Toshiba nessuna delle due parti lo ha ancora rivelato. A fine agosto il colosso giapponese ha stimato che il richiamo di Apple e Dell potrebbe costarle una cifra compresa fra i 130 e i 200 milioni di euro .

A questo punto gli unici grossi produttori di notebook che utilizzano batterie Sony e che non hanno ancora annunciato programmi di sostituzione sono HP e la stessa Sony. A Tokyo c’è chi starà facendo i debiti scongiuri.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Kudos scrive:
    Hardware dedicato
    Ci vuole un Hw dedicato a vista, roba da matti, una volta era il programmatore a spaccarsi la testa per sfruttare bene il sistema, oggi i produttori di Hw sono costretti (e ben felici) di dover vendere hw dedicato ad un sistema operativo....... mah....
  • Anonimo scrive:
    Intel ha trovato la sua vocazione:
    l'uncinetto e la sceneggiata napoletana, grazie a Centrino e a Core Duo :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Intel ha trovato la sua vocazione:
      - Scritto da:
      l'uncinetto e la sceneggiata napoletana, grazie a
      Centrino e a Core Duo
      :DDa fanatico pro-AMD ti rode che Intel abbia un prodotto migliore,vero?
      • Anonimo scrive:
        Re: Intel ha trovato la sua vocazione:
        Quello che non tollero io di Intel non sono le sue tecnologie, ma le pratiche sporche e anticoncorrenziali con cui le impone, del tutto simili ai ricatti e gli accordi sottobanco di Micro$oft.
        • Anonimo scrive:
          Re: Intel ha trovato la sua vocazione:
          - Scritto da:
          Quello che non tollero io di Intel non sono le
          sue tecnologie, ma le pratiche sporche e
          anticoncorrenziali con cui le impone, del tutto
          simili ai ricatti e gli accordi sottobanco di
          Micro$oft.
          Occhio che arriva Crazy per dire la sua sul TC.....
          • Anonimo scrive:
            Re: Intel ha trovato la sua vocazione:
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Quello che non tollero io di Intel non sono le

            sue tecnologie, ma le pratiche sporche e

            anticoncorrenziali con cui le impone, del tutto

            simili ai ricatti e gli accordi sottobanco di

            Micro$oft.


            Occhio che arriva Crazy per dire la sua sul
            TC.....TC!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Intel ha trovato la sua vocazione:
          - Scritto da:
          Quello che non tollero io di Intel non sono le
          sue tecnologie, ma le pratiche sporche e
          anticoncorrenziali con cui le impone, del tutto
          simili ai ricatti e gli accordi sottobanco di
          Micro$oft.
          Concordo, il caso più eclatante fra quelli recenti, quelli passati non si contano, è come ha "tirato il freno a mano" sui 64bit inondando il segmento low-end di CPU a 32bit per vanificare il vantaggio accumulato da AMD negli ultimi due e passa anni: continuando a far crescere il parco macchine mondiale a 32bit ha fatto sì che le SW house passassero ai 64bit solo in ristrette nicchie e MS stessa appoggiasse poco e male la novità fino a Vista, che guarda caso uscirà praticamente in concomitanza con la definitiva e tardiva transizione di intel.Purtroppo anche stavolta, con la sola forza del potere economico e della maggiore capacità produttiva, intel è riuscita se non quasi a vanificare, a contenere molto più di quanto meritasse più di due anni di eccellenza tecnologica del suo avversario, il tutto ovviamente a svantaggio dell'utente.E anche MS, che era molto indietro rispetto al mondo Unix nel campo dei 64bit, si è fortemente avvantaggiata di questo ritardo imposto al settore.
      • Anonimo scrive:
        Re: Intel ha trovato la sua vocazione:
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        l'uncinetto e la sceneggiata napoletana, grazie
        a

        Centrino e a Core Duo

        :D

        Da fanatico pro-AMD ti rode che Intel abbia un
        prodotto
        migliore,vero?Assolutamente no, visto che per il momento AMD reagisce ribassando i listini e a breve accelererà il rilascio delle novità.La concorrenza fa bene all'utente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Intel ha trovato la sua vocazione:
        Clap clap! Tutti si sono accorti che la battuta era sui nomi strampalati scelti da intel. Tutti tranne te.
  • Anonimo scrive:
    1/2OT: Linari: Imparate !
    Così si comporta un gruppo serio "Intel ha avviato una collaborazione con diversi produttori di dispositivi wireless, tra cui D-Link, Linksys e Netgear, per garantire la massima interoperabilità con gli odierni e futuri prodotti Wi-Fi."Ora ve lo spiego meglio: Intel, consapevole che il suo futuro prodotto potrà rischiare di non essere compatibile e non essere compatibili in questo mondo vuol dire esser fatti fuori ha avviato delle collaborazioni proprio per evitare tale rischio.il mond linux invece si divide, fa i fork, ogni volta con una motivazione più futile della precedente e lacompatibilitò tra le distro va a farsi benedire.Nel mondo linux il concetto è: chi non vuol essere compatibile con me "si f_tta" peccato che il mondo linux fa parte di unmondo ben piùgrosso che la pensa uguale di chi non sa adattarsi.Imparate da chi ci sa fare
    • Anonimo scrive:
      Bel flame!
      - Scritto da:
      Così si comporta un gruppo serio

      "Intel ha avviato una collaborazione con diversi
      produttori di dispositivi wireless, tra cui
      D-Link, Linksys e Netgear, per garantire la
      massima interoperabilità con gli odierni e futuri
      prodotti
      Wi-Fi."

      Ora ve lo spiego meglio: Intel, consapevole che
      il suo futuro prodotto potrà rischiare di non
      essere compatibile e non essere compatibili in
      questo mondo vuol dire esser fatti fuori ha
      avviato delle collaborazioni proprio per evitare
      tale
      rischio.
      il mond linux invece si divide, fa i fork, ogni
      volta con una motivazione più futile della
      precedente e lacompatibilitò tra le distro va a
      farsi
      benedire.
      Nel mondo linux il concetto è: chi non vuol
      essere compatibile con me "si f_tta" peccato che
      il mondo linux fa parte di unmondo ben piùgrosso
      che la pensa uguale di chi non sa
      adattarsi.

      Imparate da chi ci sa fareE come si suol dire, tutto può essere pretesto per un desiderato flame.
    • Anonimo scrive:
      Re: 1/2OT: Linari: Imparate !
      Infatti, Intel e' un gruppo serio e finora nessuna delle schede Intel di rete, wifi o gigabit, con cui ho avuto a che fare sotto linux, non hanno mai dato problemi.Se poi sei il solito (troll) che vuole solo innescare una flame, ti consiglio una bella doccia fredda e di andare a dormire che a mezzanotte si ragiona male :)EB
    • giangiweb scrive:
      Re: 1/2OT: Linari: Imparate !
      Sai la cosa divertente? Tutti e tre i nomi citati utilizzano Linux nei loro access point tanto che quando compri un loro prodotto trovi allegata una copia della GPL.Non è tutto bianco o nero: il mondo linux e open source in generale è così variegato che è un po' difficile affettarlo con il coltello come fai tu.Esempio: io uso linux perché lo ritengo più stabile e non prendo virus, per quello per cui uso il pc mi basta a avanza. Di contro non sopporto tutti i supertecnici che ti guardano storto se mentre gli chiedi delucidazioni ti permetti di chiedere se esiste una modalità grafica per fare quelle che ti dicono (di solito c'è ma non te la dicono!).Love'n'peace fratello.Giangi
    • Anonimo scrive:
      Re: 1/2OT: Linari: Imparate !
      ah ma si spera che impareranno tutti, inclusa Intel e derivate.vedi, oggi il bello degli standards e` che ce ne sono cosi` tanti, ma COSI` TANTI, tra cui scegliere...[fai un po' te se questa e` standardizzazione VERA o una PRESA per i FONDELLI]
    • Anonimo scrive:
      Re: 1/2OT: Linari: Imparate !

      Imparate da chi ci sa fare :-o
Chiudi i commenti