SpaceX, lancio rinviato

Le motivazioni rimangono riservate, ma NASA resta disponibile a usare il cargo privato per rifornire la Stazione Spaziale. E SpaceX guarda già anche oltre

Roma – Il lancio verso la Stazione Spaziale di Space Exploration Technologies ( SpaceX ) è stato rinviato per motivi rimasti riservati .

Il primo test del Falcon 9 con la navicella spaziale privata Dragon è stato effettuato a dicembre, dopo essere stato rinviato da novembre per permettere alla navicella privata di rispondere a tutti i canoni di sicurezza richiesti dalla NASA. Febbraio sarebbe dunque dovuto essere il mese del lancio di una navicella privata verso ISS: con essa doveva essere portata sulla stazione spaziale internazionale la capsula spaziale Dragon.

Tuttavia ora è stato tutto di nuovo rinviato a data da destinarsi: l’azienda privata sta collaborando con la NASA per stabilire il nuovo giorno “X”. Allora rinizieranno i voli spaziali di SpaceX, che punta non solo a rifornire ISS, ma anche a “fare viaggi più lungi, che siano verso la Stazione Spaziale o per future missioni su Marte”.

L’eventuale successo spaziale, peraltro, permetterà ad uno dei principali fornitori, Elon Musk di PayPal, di preparare l’esordio in borsa di SpaceX che punta a racimolare con un’IPO nuove risorse, oltre ai 396 milioni di dollari incassati per il completamento della missione condotta per conto della NASA.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti