Spagna, in galera per i link pirata

Condannati ad un anno gli admin di FenixP2P.com e MP3-es.com, siti specializzati nella distribuzione di link a contenuti ospitati su siti terzi. L'indexing costituirebbe una forma di comunicazione pubblica delle violazioni

Roma – Una più che significativa decisione , in un paese spesso accusato dall’industria dei contenuti di trattare con i guanti i vari siti che in qualche modo agevolino la violazione del copyright. Gli amministratori di FenixP2P.com e MP3-es.com sono stati recentemente condannati ad un anno di prigione, rei di aver permesso la “pubblica comunicazione” di svariati contenuti illeciti .

FenixP2P.com e MP3-es.com non ospitavano direttamente film e musica in violazione del diritto d’autore: per “pubblica comunicazione” si intende la proliferazione di link a contenuti ospitati su siti terzi , attività generalmente appannaggio dei cosiddetti siti di indexing.

La corte provinciale di Vizcaya ha così ribaltato la visione già offerta da numerosi tribunali spagnoli, che avevano assolto piattaforme come Rojadirecta . La stessa giurisprudenza iberica aveva spesso sottolineato come le attività di linking a siti terzi non costituisse un reato.

Il giudice di Vizcayha ha ora condannato gli admin dei due siti al pagamento di una multa non meglio specificata, condita da un anno di reclusione. Aver diffuso online i link rappresenterebbe una forma illecita di comunicazione al pubblico condotta senza autorizzazione del detentore dei diritti, dunque punibile a norma di legge.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Gio scrive:
    Settore industriale...
    Dall'articolo: "una struttura che nelle intenzioni di Sir Branson dovrebbe "gettare le basi per la creazione di una dei più importanti settori industriali del 21esimo secolo"."Ecco secondo me non deve essere visto solo come un nuovo "giocattolo per ricchi" (sicuramente è anche quello), ma anche come un nuovo settore industriale, di avanguardia tra l'altro e multidisciplinare.Discipline come la chimica, la fisica, l'ingengeria meccanica ed elettronica e l'informatica sono alla base di questo settore (http://www.spacex.com/careers.php - http://www.virgingalactic.com/careers/).Ovviamente questo porterà a crescita e ricchezza in USA :-)
    • OldDog scrive:
      Re: Settore industriale...
      - Scritto da: Gio
      Ecco secondo me non deve essere visto solo come
      un nuovo "giocattolo per ricchi" (sicuramente è
      anche quello), ma anche come un nuovo settore
      industriale, di avanguardia tra l'altro e
      multidisciplinare.
      Discipline come la chimica, la fisica,
      l'ingegneria meccanica ed elettronica e
      l'informatica sono alla base di questo settore
      Ovviamente questo porterà a crescita e ricchezza
      in USA :-)E' uno sforzo tecnico interessante, anche perché percorre con convinzione, dopo gli esperimenti con l'aerorazzo X15 degli anni 60, la strada del lancio in quota da aereo vettore.Poter ospitare un ragionevole carico per piccoli esperimenti in condizioni di minima gravità con sperimentatori a bordo ha suscitato l'interesse di diversi enti ed università.Che al giorno d'oggi questi benefici generino crescita e ricchezza (solo) negli USA non ci giurerei. Certo che in Italia sembriamo sempre capaci di investire solo in vecchi settori, comodi per distribuire fette di torta ad aziende amiche.Chi fa il calcolo di quanto beneficio otterrebbe il paese, usando in migliori investimenti i soldi di opere come il Ponte sullo Stretto di Messina? Certo che bisogna avere idee coraggiose da finanziare, e non è facile avere talenti in Italia per esprimerle. :-(
      • Gio scrive:
        Re: Settore industriale...
        Purtroppo in Italia non potranno mai nascere queste "esperienze", siamo destinati al fallimento, in tutti i sensi :-(
Chiudi i commenti