Speciale/ KDE 4.1 si sente pronto

Con un altro importante passo verso il processo di maturazione di KDE 4, la comunità del draghetto verde Konqui ha rilasciato la nuova versione 4.1, un software che sembra finalmente pronto a prendere il posto del collaudatissimo KDE 3.5

Roma – “Don’t look back”, non guardate indietro. È questo il messaggio lanciato agli utenti dagli sviluppatori del celebre K Desktop Environment , che con il rilascio della nuova versione 4.1 affermano di aver finalmente reso KDE 4 un valido sostituto dell’ormai collaudatissimo KDE 3.5 .

Rispetto alla precedente versione 4.0 , KDE 4.1 ha beneficiato di tanti ritocchi e migliorie, ed è ora considerato dai suoi artefici un prodotto decisamente più completo, stabile e maturo . Nonostante ciò, il suo percorso verso la maturità non finisce certo qui: si potrebbe dire che la release 4.1 rappresenta solo un ulteriore assaggio di cosa sarà KDE 4 tra qualche mese, quando tutte le infrastrutture tecnologiche su cui poggia (Solid, Phonon, Akonadi ecc) saranno più stabili e completamente integrate.

Già dalle versioni beta di KDE 4.1 era evidente il grande lavoro effettuato dal team di KDE per colmare tutte le lacune di KDE 4.0. Quello che a primo impatto colpisce di più sono le novità estetiche del desktop manager Plasma e del windows manager KWin , che proseguono nella direzione tracciata dalla prima versione di KDE 4. Le altre novità chiave di KDE 4.1 sono date dal ritorno della suite di personal information management KDE-PIM e dalle innumerevoli migliorie apportate dal team di sviluppo alle applicazioni ed ai framework di KDE 4.

Le novità di Plasma e KWin
La novità più visibile di KDE 4.1 è data dal rinnovato e più maturo desktop Plasma, che fa ora piazza pulita del supporto alle icone : in altre parole, sul desktop non appaiono più le icone delle unità disco o delle applicazioni più utilizzate. Questa scelta va verso una nuova filosofia d’utilizzo del desktop, che si allontana dal vecchio sistema file-centrico per abbracciare modalità di accesso alle applicazioni e ai dati più moderne e flessibili.

La dipartita del supporto alle icone è stata in qualche modo bilanciata dall’introduzione di un nuovo widget, Folder View , che consente di visualizzare sul desktop, senza l’ingombrante interfaccia del file manager Dolphin, il contenuto di qualsiasi cartella, inclusa quella Desktop : massimizzando le dimensioni di tale finestra, e sfruttando il supporto alle trasparenze di Plasma, è possibile simulare il buon vecchio desktop a icone. Ma le funzionalità, secondo gli sviluppatori, sono ora ben maggiori: tra queste, la possibilità di filtrare i tipi di file, vedere cartelle remote, cancellare e copiare file, aprire contemporaneamente più viewer di cartelle.

Il rinnovato Plasma supporta molteplici pannelli configurabili che permettono di personalizzare il desktop in base ai propri gusti. Il menu delle applicazioni, Kickoff , è stato “ripulito” e migliorato, così come la finestra per l’esecuzione rapida dei programmi, KRunner, che permette agli utenti di cercare e lanciare rapidamente le applicazioni od aprire documenti e indirizzi di rete.

In Plasma sono stati aggiunti nuovi effetti grafici , alcuni dei quali migliorano l’usabilità dell’interfaccia utente: tra questi c’è il selettore di finestre Coverswitcher e l’immancabile Finestre Gommose . Il numero di effetti inclusi in Plasma cresce sempre di più e rende ormai quasi superfluo l’uso del compositing window manager Compiz .

Il motore di rendering delle pagine HTML, KHTML , è ora molto più veloce grazie al precaricamento delle risorse, ed il suo derivato WebKit è stato aggiunto a Plasma per dargli la capacità di caricare i widget di Mac OS X . L’uso della nuova funzionalità Widget on Canvas delle librerie Qt 4.4 ha donato a Plasma maggiore stabilità e leggerezza.

Restando in tema di widget, compare tra i nuovi moduli di KDE kdeplasma-addons , che contiene una ricca raccolta di plasmoidi (i widget di Plasma): ci si attende che, con le versioni a venire, tale collezione di mini applicazioni cresca sempre più. Tra i widget inclusi nel pacchetto vi sono il già citato Folder View, il viewer di foto Picture View, il classico K-menu (già presente nella versione 4.0) e il gestore di download Kget. Dolphin , il nuovo file manager di KDE 4, include ora un supporto migliorato ai tag di NEPOMUK (Networked Environment for Personalized, Ontology-based Management of Unified Knowledge), un desktop semantico sociale nato nell’ambito di un programma di ricerca europeo.

Oltre ad utilizzare le etichette per affinare le ricerche di file, è ora possibile creare delle cartelle virtuali all’interno delle quali Dolphin elencherà in automatico tutti i file contenenti una o più etichette specificate dall’utente: su tali cartelle sarà possibile compiere le stesse operazioni disponibili per quelle tradizionali, quali la copia e lo spostamento di file.

Gli sviluppatori hanno poi migliorato la modalità a singolo clic di Doplhin, che ora risulta molto più semplice da usare e previene aperture accidentali dei file.

KDE 4.1 introduce una funzionalità, condivisa tra Dolphin e Konqueror, che permette di selezionare più file contemporaneamente senza ricorrere alla tastiera : quando il puntatore del mouse viene posizionato su un file o una cartella, appare un segno “+” accanto all’icona che, se cliccato, seleziona l’oggetto. Fino a KDE 4.0, per operare in tal modo era necessario fare uso combinato di mouse e tasto CTRL.

A semplificare le operazioni di spostamento e copia dei file interviene anche la nuova vista ad albero di Dolphin, disponibile nella modalità di visualizzazione dettagliata dei file. Il file manager porta poi con sé il supporto ai tab (schede) e una visualizzazione migliorata della gerarchia delle cartelle.

Tra le novità di Konqueror c’è invece una funzionalità a lungo attesa: la capacità di salvare le sessioni di navigazione , che permette di ripristinare tutte le pagine e i tab aperti in precedenza. Scomparsa da KDE 4.0, la suite di strumenti per il personal information management (PIM) fa ora il suo ritorno con la release 4.1 del software. Pilastro della suite è Kontact , un programma con funzionalità di agenda, rubrica, blocco note, lista delle cose da fare e messaggistica, che nella nuova versione include un maggior numero di caratteristiche orientate agli utenti aziendali, un più gradevole aspetto grafico, il supporto a più calendari e fusi orari, una più robusta gestione delle email e l’aggiunta di nuovi componenti: tra questi si citano KtimeTracker, che tiene traccia del tempo speso dall’utente nelle sue varie attività, e KJots, un’applicazione per la gestione delle note.

Akonadi , il nuovo sistema centralizzato per la gestione dei dati delle applicazioni di PIM, è recentemente arrivato alla sua prima versione stabile, ma attualmente l’unica applicazione che ne fa uso è Mailody , un client email IMAP. La piena integrazione di Akonadi con le applicazioni di KDE PIM dovrebbe arrivare con KDE 4.2.

Nuove applicazioni
Tra le applicazioni riscritte per KDE 4 spunta, qui al suo primo debutto, Dragon Player , un nuovo e leggero lettore multimediale basato sull’API Phonon e in grado di integrarsi con Konqueror per la riproduzione degli stream audio/video. Nella sezione KDE Multimedia torna poi il classico lettore di CD audio KDCD .

In KDE 4.1 fanno poi capolino il nuovo editor esadecimale Okteta e i nuovi giochi Kdiamond (un clone di Bejeweld), Kollision, Kubrick (il famoso cubo), KsirK, KBreakout.

In KDE Graphics sono ora incluse le Libksane, delle nuove librerie per effettuare la scansione di documenti e immagini insieme ad altre librerie utilizzabili da applicazioni come Digikam. È stato creato anche un nuovo sistema di temi di icone condivise tra KDE PIM e Kopete.

In KDE Edu debutta infine Step , un simulatore di esperimenti di fisica, mentre il mappamondo virtuale Marble include ora mappe stradali del progetto OpenStreetMap .

KGet, il gestore di download, può ora essere gestito attraverso un’interfaccia web, e si arricchisce del supporto ai torrent, dell’integrazione con NEPOMUK e di impostazioni per limitare le velocità globali di scaricamento.

Kopete corregge il fastidioso bug che impediva agli account MSN di caricare correttamente gli avatar dei propri contatti.

L’interfaccia di stampa di KDE 4.1 sfoggia una nuova interfaccia e amplia le funzionalità delle versione precedente.

Il viewer di immagini Gwenview si dota di una modalità a schermo intero, di una barra per la navigazione fra le anteprime delle immagini, di una funzione undo “intelligente”, e della possibilità di assegnare un punteggio ad ogni singola foto. Gli strumenti per la rotazione e la vista a schermo pieno sono ora attivabili anche dal menu contestuale.

Zeroconf è stato aggiunto a molti giochi e programmi rendendo possibile configurare l’accesso alla rete in maniera assai più semplice che in precedenza.

Phonon , l’infrastruttura multimediale indipendente dalla piattaforma, ha ora il supporto ai sottotitoli e alle piattaforme multimediali GStreamer, DirectShow 9 e QuickTime. Nelle versioni a venire si attende anche l’uso, oltre che dell’attuale motore di Xine, anche di progetti come mplayer e VLC. La gestione della rete è stata ampliata per essere compatibile con più versioni di NetworkManager.

K3b, Amarok, Digikam, KTorrent, KOffice
Buona parte del successo di KDE lo si deve anche alle applicazioni non inglobate nel pacchetto ufficiale, quelle cioè che rispetto a KDE vengono sviluppate in modo autonomo e rilasciate a parte. Tra queste le più importanti sono il software di masterizzazione K3b, il noto riproduttore audio Amarok, lo strumento di gestione e manipolazione delle foto Digikam, il client BitTorrent KTorrent, e la suite per l’ufficio KOffice.

A che punto sono le versioni per KDE 4 di queste applicazioni? Per Amarok e Digikam è recentemente arrivata, rispettivamente, la seconda versione alpha e la prima versione beta, e tra non molto si potrà mettere le mani sulle rispettive versioni finali. La release finale di KTorrent è invece già disponibile da tempo.

Di KOffice 2.0 sono già state rilasciate ben 9 versioni alpha, e una decima è attesa in questi giorni. Il feature-freeze è avvenuto il il 15 luglio (alpha 9), pertanto da qui in avanti non dovrebbero essere aggiunte nuove funzionalità.

Questa suite di applicazioni è davvero molto attesa in quanto migliorerà diversi aspetti della versione 1.6, tra cui il supporto al formato OpenDocument e la resa grafica del testo. Oltre a ciò, sarà per la prima volta in grado di girare anche su Windows e Mac OS X.

Di K3b non è stata rilasciata ancora nessuna versione ufficiale per KDE 4, ma l’autore, che sta portando avanti anche lo sviluppo di NEPOMUK e di k3b 1.1 per KDE 3, ha promesso di rimediare quanto prima.

Nuove piattaforme
Va ricordato come, grazie alle nuove librerie Qt 4.4, quasi tutti i componenti di KDE 4, ad eccezione del desktop di base Plasma, possono essere eseguiti anche su Mac OS X (in modo nativo, senza X11) e su Windows: anche gli utenti dei sistemi operativi di Microsoft ed Apple hanno così l’opportunità di utilizzare molte delle applicazioni scritte per KDE 4.

Le versioni di KDE 4.1 per Windows e Mac sono decisamente più mature di quanto lo fossero le release 4.0.x, e sono ora pronte a far girare applicazioni come KOffice.

Il team di sviluppo di KDE sta inoltre sviluppando un porting per Solaris, che dovrebbe essere ultimato entro la fine dell’anno.

La roadmap di sviluppo di KDE 4.1 può essere consultata qui , mentre quella di KDE 4.2 qui .

a cura di Alessandro Del Rosso e Giovanni Venturi ( KDE Italia ) Nonostante KDE 4.1 sia la release di KDE 4 più stabile e matura rilasciata fino ad oggi, sono ancora molte le cose da limare. Tra queste c’è Plasma, un componente che rispetto alla versione 4.0.5 ha beneficiato di numerose e importanti modifiche. La velocità si è moltiplicata e nuovi plasmoidi e widget vari arrivano ogni giorno. Nonostante ciò, in KDE 4.1 RC1 il plasmoide che funge da pannello, che da pochi giorni ha guadagnato la possibilità di muovere le icone e le applet che contiene, presenta ancora qualche piccolo problema come il non ricordare la posizione delle icone: gli sviluppatori, in ogni caso, sostengono di aver risolto il problema con la release finale di KDE 4.1.

Tra gli altri problemi di Plasma si segnalano anche il gestore delle applicazioni che non è in grado di far allungare il pannello in caso lo stesso non occupi l’intera lunghezza dello schermo, e il plasmoide per il vassoio di sistema che non riesce ancora ad impostare correttamente lo sfondo delle icone.

Detto questo, va notato che molto lavoro è stato comunque fatto, come il nuovo ed innovativo strumento per la configurazione del pannello che risulta di una utilità e di una intuitività ammirevoli. Passando al desktop abbiamo ugualmente molte novità. Si è letto sopra del nuovo plasmoide Folder view. Questo è un plasmoide che nonostante la sua grande versatilità non è ancora riuscito, nella maggior parte degli utenti, a far passare la fobia del nuovo concetto di desktop senza icone introdotto da KDE 4. L’innovazione, come sempre, fa paura, ma gli sviluppatori hanno veramente pensato a tutto. Folder view può essere configurato in maniera da colmare la mancanza (che mano a mano che si familiarizza con i nuovi concetti scompare) delle icone sul desktop. Il problema è che non tutti lo sanno e, come al solito, non tutti hanno la voglia o il tempo di informarsi a fondo.

Manca però ancora qualcosa. Come promesso, KDE4 avrà la possibilità di utilizzare come widget, oltre ai plasmoidi, anche le mini applicazioni della Dashboard di Mac OS X e le vecchie applet di SuperKaramba, ma allo stato attuale nessuno dei due funziona correttamente.

Il Desktop KDE è cambiato radicalmente anche dal punto di vista degli effetti grafici, alcuni dei quali utili anche per il lavoro di tutti i giorni. Qui particolari novità non ce ne sono per chi già conosce compiz, ma è comunque stato un passo importante fornire nativamente a KDE effetti grafici del genere. Ma è anche d’obbligo dire che il lavoro non è certo finito. Oltre agli effetti grafici che dovranno ancora essere aggiunti (come il desktop cubico, tipico di compiz), le prestazioni devono essere migliorate e anche l’esecuzione del video (che fino a pochi giorni fa, con GPU Intel e AMD, non funzionava se gli effetti grafici erano attivi): quando riprodotti a schermo intero, infatti, spesso i video procedono a scatti. Un altro problema in questo settore lo sperimenteranno i possessori di schede grafiche Nvidia, i cui driver binari devono essere adattati in alcune loro parti dagli sviluppatori Nvidia per evitare dei rallentamenti durante il ridimensionamento delle finestre e il passaggio da una applicazione all’altra.

Il Desktop semantico
Molto è stato detto sul desktop search strigi e su NEPOMUK. La promessa di questa accoppiata è di elevare l’esperienza dell’utente a livelli mai visti. Assegnare commenti a file e cartelle, ritrovare contenuti ricevuti per email e salvati chissà dove digitando il nome del mittente o creare delle cartelle virtuali che contengano i risultati di una ricerca sia essa per nome, contenuto o tipo del file. Le premesse ci sono, ma praticamente tutto questo non è ancora utilizzabile. Nella maggior parte dei casi, quando con il pannello delle informazioni aperto in Dolphin viene selezionato un grosso file, l’attivazione di strigi e NEPOMUK porta la CPU al pieno carico di lavoro, attiva molti processi e rallenta l’utilizzo del gestore dei file Dolphin.

Ma se trovare quello che si vuole è importante, allo stesso modo è importante poter eseguire dei comandi nella maniera più rapida possibile, ed in questo ci viene in aiuto il nuovo Krunner, uno strumento per il lancio rapido di applicazioni. Ma Krunner fa molto più di questo, e purtroppo tale complessità lo rende ancora uno strumento poco stabile e maturo: talvolta infatti si blocca e scompare, e per farlo riapparire occorre riavviare l’interfaccia grafica.

I plasmoidi
Nuovi plasmoidi e widget si vedono ogni giorno. Il sito kde-look.org è sempre in costante aggiornamento, e nuove idee stanno nascendo: un plasmoide per unificare tutte le barre di progresso e gli eventi, come download e messaggi in arrivo, è già nei lavori in corso per KDE 4.2. Ma il problema, almeno nei pochi casi analizzati, è che
la famosa infrastruttura GetHotNewStuff , che permette di installare novità con pochi clic, non funziona con tutti i plasmoidi, ovvero per quelli scritti in C++, che sono la maggior parte di quelli in kde-look.org, mentre per quelli scritti in linguaggi interpretati come ruby, javascript ecc, non ci sono problemi. Nel caso dei plasmoidi in C++ si passa attraverso i canali di distribuzione software della propria distribuzione, oppure scaricandoli e compilandoli a mano da kde-look.org.

Il risultato
Abbiamo visto che non tutto quindi è rosa e fiori, non tutto funziona come dovrebbe, ed è ormai chiaro che i rilasci di KDE 4 – fino ad ora, ma le cose sono destinate a cambiare dalla 4.2 in poi – non possono ancora essere paragonati, per stabilità e completezza, ai rilasci di KDE 3.5.x. Ma c’è una ragione per tutto: le nuove infrastrutture introdotte con la sperimentale 4.0 stanno prendendo forma e tutti i pezzi stanno andando al loro posto.

Gli sviluppatori KDE sono stati impegnati moltissimo (a prova di questo c’è il fermento sempre vivo sul server SVN del progetto), e lo saranno ancora di più nello sviluppo (già iniziato) della versione 4.2, quella che definitivamente farà uso di tutte le nuove infrastrutture, i cosiddetti pillars (pilastri), già presenti ma non completamente utilizzati nella 4.1. Tutto ciò porterà ad una esperienza desktop che su altre piattaforme non sarà fruibile nell’immediato futuro e bisogna accettare il fatto di non avere, in questo momento, la stabilità e la completezza del “vecchio” KDE 3 (che è comunque vivo e vegeto, ne è prevista una revisione a breve: la 3.5.10).

Il mio invito è moderare le critiche rivolte al lavoro di persone che nella stragrande maggioranza dei casi lavorano su KDE per semplice passione. Moderare le critiche rivolte al risultato di un progetto innovativo e visionario solo perché non se ne comprendono immediatamente le motivazioni. Moderare soprattutto le critiche rivolte agli sviluppatori KDE, sempre aperti ai suggerimenti dell’utenza, alle critiche costruttive e ai contributi, siano essi anche la mera segnalazione di un bug. Troppe infatti sono state le critiche non costruttive mosse verso KDE 4 e soprattutto verso il più visibile dei progetti, Plasma, che hanno portato l’ideatore, nonché sviluppatore principale dello stesso, Aaron J. Seigo, a chiudere al pubblico il suo blog che veniva bersagliato da centinaia di commenti non certo costruttivi e amichevoli. Questo, a mio avviso, non dovrebbe succedere. Il team KDE si è sempre dimostrato all’altezza e, a mio avviso, merita un briciolo di fiducia in più.

Salvatore Brigaglia
( KDE Italia )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • laetitiafor mbor scrive:
    il microscopo
    cia a tutti sono io laetitia come state bene grazie di aver inviato a me tanti mesagi del microscopo sapete c'e un nuovo microscopo molto eficace e piu grande si vede molto di piu i germi da quel microscopo si vede il germe che e entrato nel germe e dove si trova la regina del germe non costa poco costa molto la somma e intuto 99,999$ lo so e molto ma e cosi la bvita comprtaelo e fico
  • laetitia formbor scrive:
    ciao
    [/img](linux) grazie molto
  • laetitia formbor scrive:
    ciao
    StampaSegnala via emailSharingCommenti (18)Roma - Nasce in California il prototipo del micro-microscopio. Progettato al Caltech Institute è già una vera e propria rivoluzione: dalle dimensioni ridottissime, funziona senza lenti ed è in grado di fornire immagini nitide grazie ad un sensore CCD identico a quello utilizzato nelle fotocamere digitali. I ricercatori gongolano: le prospettive di utilizzo sono ampie, soprattutto in ambito medico. Il device potrebbe essere un punto di svolta, con un costo di produzione che non supera i 10 dollari, anche se mancano ancora informazioni precise sulle reali capacità di ingrandimento di questo prototipo.Il dispositivo è frutto di un abile mix di tecnologia computer-chip e microfluidica digitale, scienza che studia gli effetti della canalizzazione dei fluidi in sezioni capillari. Non più grande di una moneta, permette di ottenere immagini con una risoluzione pressoché simile a quella ottenuta da un tradizionale microscopio con lenti.Ciò che spiazza è la facilità di realizzazione del device: uno strato di metallo è saldato su un comune sensore CCD, dove si crea una linea costituita da piccoli fori distanziati di cinque millesimi di millimetro e con diametro pari a meno di un milionesimo di metro. Ad ogni foro corrisponderà un pixel del sensore. Al di sopra di essa viene posto un canale in cui scorre il fluido da analizzare. Per l'illuminazione, basta quella naturale. Il fluido, scorrendo, ostruisce i fori e blocca il passaggio della luce. Ciò rende possibile ricostruire le immagini degli oggetti basate sulla variazione dell'intensità della luce nei fori. Ad ispirare il progetto sarebbero stati i cosiddetti floater, gli ammassi di cellule morte e altri detriti presenti nell'occhio, spesso visibili osservando il cielo limpido.Il nuovo dispositivo rischia seriamente di rimpiazzare altri costosi ed ingombranti macchinari: "La nostra ricerca è giustificata dal fatto che i microscopi sono in circolazione sin dal sedicesimo secolo, e hanno subito ben pochi restyling al design originario - ha dichiarato Changhuei Yang, assistente professore di Ingegneria Elettronica e Bioingegneria al Caltech - Il nostro nuovo prototipo lavora secondo un diverso principio e ci permette di lavorare senza lenti ed ingombranti elementi ottici". "Il dispositivo è estremamente compatto - prosegue il docente - potrebbe essere alloggiato in un telefono cellulare, utilizzando semplicemente l'energia solare per l'illuminazione, rendendolo economico e quindi molto appetibile per progetti dedicati ai paesi in via di sviluppo".Ed è proprio il prezzo il punto di forza del microscopio: ogni esemplare avrebbe costi di produzione non superiori ai 10 dollari. Gli usi possibili sono molteplici: permetterebbero, tra l'altro, di effettuare vari test clinici anche in paesi in via di sviluppo. "Potremmo installare centinaia di migliaia di microscopi su un singolo dispositivo, grande non più di un IPod, permettendo di analizzare diversi organismi alla volta" rilancia Changhuei Yang.Il nuovo arrivato segna una svolta tecnologica al limite della fantascienza. Per certi aspetti, richiama alla mente il tricoder visto sino ad ora solo sugli schermi televisivi, e potrebbe costituire l'elemento base per la realizzazione di sofisticati congegni. Una tecnologia che vede anche in altri prototipi, come gli scanner a raggi T, macchine innovative che, a fronte di un minor spreco di denaro ed energia, permettono di effettuare analisi sui pazienti senza favorire l'insorgere di particolari effetti collaterali. Macchine in grado di migliorare i sistemi adottati attualmente per effettuare lo screening delle condizioni fisiche del paziente.Vinc
  • Vincenzo scrive:
    Risoluzione raggiungibile
    Premetto che non ho visto l'articolo originale, comunque da quanto descritto qui la risoluzione risulta essere pari a 10 micron (fori distanziati di 5 micron), circa 100 volte inferiore a quella di un microscopio ottico, che arriva agli 0,2 micron (teorici). Senza dubbio utile in certe applicazioni, ma non sostituisce il microscopio ottico (anche se per come descritto sembra essere qualcosa di diverso da un microscopio).
    • www.aleksfalcone.org scrive:
      Re: Risoluzione raggiungibile
      - Scritto da: Vincenzo
      Premetto che non ho visto l'articolo originale,
      comunque da quanto descritto qui la risoluzione
      risulta essere pari a 10 micron (fori distanziati
      di 5 micron), circa 100 volte inferiore a quella
      di un microscopio ottico, che arriva agli 0,2
      micron (teorici).L'articolo originale indica una risoluzione reale approssimativa di 0,8-0,9 micron relativa al prototipo. Mi sembra sufficiente per gran parte delle operazioni di diagnostica comune, o mi sbaglio?Senza contare che dal prototipo alle realizzazioni pratiche ci potrebbe essere un'affinamento della tecnologia produttiva.
      • Vincenzo scrive:
        Re: Risoluzione raggiungibile
        Senza dubbio potrebbe esserci un affinamento, ma con pixel così distanziati posso immaginare solo delle tecniche a interpolazione, per arrivare a quella risoluzione, in questo momento. Sto ancora aspettando di vedere il microscopio a occhio di mosca della Dmetrix...
  • roberto scrive:
    fantastico
    temo che l'articolista abbia fatto un po di confusione a descriverlo, messa come la dice lui ci guarda al massimo la birra
  • hronir scrive:
    ma come funziona?
    io non ho capito come funziona: in ogni canale canale scende del liquido e questo viene "registrato" dal pixel corrispondente che ci sta sotto... ma l'immagine complessiva come si ottiene? mica il liquido che entra nel canale X e' correlato col liquido che entra nel canale Y, no? Conterranno la stessa proteina/cellula/virus/vattelappesca, ma da qui a riprodurre un'immagine coerente dall'insieme dei pixel?No, proprio non mi e' chiaro...
  • Antonio Montemurro scrive:
    Ottimo..ma..
    Ottima notizia, ovviamente spero che verrà creata e commercializzata senza "troppe" gonfiature commerciali tali da trasformarlo da un dispositivo economico a uno.. decisamente meno.Ah.. Anche se è sarò un po' ot, ho notato che ancora ci si ostina a fare pubblicità a un ben noto lettore mp3 che nulla centra con l'articolo. Quando la finiremo con queste subdole pubblicità? O siamo tutti stupidi che abbiamo bisogno di quella parolina per riuscire a capire e fare confronti? Era difficile dire "non più grande di una calcolatrice/cellulare/pda/lettore mp3/agendina"?/Me sempre più triste...Tornando in tema.. il tricoder mi sembra che fosse giusto qualcosina di più di un semplice microscopio.. vabbeh.. per un attimo ho sognato....
    • fox82i scrive:
      Re: Ottimo..ma..
      C'è sempre qualcuno che deve sempre mettere il punto su tutto..
    • Wolf01 scrive:
      Re: Ottimo..ma..
      che poi fori distanti un millesimo di millimetro e larghi un milionesimo di metro... ma usare la stessa unità di misura no eh? (tanto che viene fuori che sono entrambi 1 micrometro)
    • diddum scrive:
      Re: Ottimo..ma..

      Ah.. Anche se è sarò un po' ot, ho notato che
      ancora ci si ostina a fare pubblicità a un ben
      noto lettore mp3 che nulla centra con l'articolo.
      Quando la finiremo con queste subdole pubblicità?
      O siamo tutti stupidi che abbiamo bisogno di
      quella parolina per riuscire a capire e fare
      confronti? Il successo planetario dell'iPod (e dei suoi numerosi cloni)e' tale da poterlo prendere tranquillamente a pietradi paragone. Non e' solo un prodotto, ma una specie di"icona" dei nostri tempi. La stessa cosa vale per altri "prodotti"di fama mondiale, che non cito perche' altrimenti ti verrebbe uncoccolone.... Se dietro a questo ci vedi una "subdola pubblicita'", secondo mehai chiaramente dei problemi di percezione della realta'e il tuo odio per la Apple e' solo la punta dell'iceberg...Per la tua serenita' di posso dire di non possedere attualmentealcun dispositivo Apple...
      • Be&O scrive:
        Re: Ottimo..ma..
        Per parcondicio, potremo dire che sarà integrato nell'iPhone G3 e che verrà usato in qualche puntatadi Dr.House, tanto perchè l'iPhone G3 è una pietra miliare.Le pietre miliari sono tutte quelle cose che non appartengono ad un marchio o ad una ditta e che tuttipossono usufruire.
    • Be&O scrive:
      Re: Ottimo..ma..
      Pensa che dall'articolo pensavo che avessero dato il nomedi Tricorder all'invenzione che credevo inoltre non invasivamentre se vuoi guardare il sangue lo devi prelevare con unasiringa, e non a distanza come con il VERO Tricorder....Articolo non proprio corretto per il pubblico, almeno unimmagine di quello che si vede ?Magari alla fine l'immagine è un Interferenza, nemmenoparagonabile alla visione via lente !
    • mikeUS scrive:
      Re: Ottimo..ma..
      Non avevo fatto caso alla "subdola pubblicità".Certo che c'e' gente che se la prende per poco."indignamoci". E' lo sport nazionale.
  • uffi scrive:
    tradurre meglio pls
    Se vi andate a leggere l'articolo sul sito della Caltech, forse capirete un pochino di piu'.
  • Floaters scrive:
    Ne parlano su www.miodesopsie.it
    Per molte persone (me compreso) sono un serio problema.Se potete dateci un'occhiata (no pun intended).Grazie
    • Floaters scrive:
      Re: Ne parlano su www.miodesopsie.it
      Ovviamente mi riferisco ai 'floaters' e non al microscopio CCD...- Scritto da: Floaters
      Per molte persone (me compreso) sono un serio
      problema.

      Se potete dateci un'occhiata (no pun intended).

      Grazie
    • Antonio Montemurro scrive:
      Re: Ne parlano su www.miodesopsie.it
      ne vedo un sacco anche io.. anche in questo momento in contrasto col bianco dei lati della pagina web.. però è affascinante pensare che riesca a vedere a occhio nudo particelle piccolissime.. è come avere un microscopio incorporato.. peccato che veda solo quello .. :
    • Wolf01 scrive:
      Re: Ne parlano su www.miodesopsie.it
      Ne ho uno fisso pure io, lo chiamo il "pixel bruciato" :DIn un primo momento mi ero allarmato pensando a qualcosa sulla retina (tumore, grumo di sangue coagulato etc..) ma dopo una visita oculistica mi hanno detto che è normale, come per un display lcd :P
      • Be&O scrive:
        Re: Ne parlano su www.miodesopsie.it
        Beato te che ne hai uno solo, a me sembra di starecon una medusa dentro all'occhio con tutti i suoi tentacoli e le cure sono peggio del malanno !!!In pratica sono dei depositi calcifici che si vanno aformare nel Umor Vitreo, si formano spesso nelle fortimiopie.Per ora la cura è Sostituire l'Umor Vitreo con dellafisiologica che poi il fisico Sostituisce con l'Umor Liquido, che è pure più limpido del umor vitreo, ma halo sgradevole effetto collaterale di far poi venire lacataratta, con tutti i problemi associati.
    • mikeUS scrive:
      Re: Ne parlano su www.miodesopsie.it
      Grazie!23 anni di vita, e non sono mai riuscito a 'descrivere' adeguatamente la cosa a qualcuno che avesse lo stesso problema.(non è grave quindi non ho mai cercato un parere medico...)Tuttavia, ora che ci ho fatto caso mi sembrano tantissimi :S
Chiudi i commenti