Spogliarsi di ogni diritto per volare negli USA?

Le nuove norme aeroportuali statunitensi prevedono non solo il libero accesso ai dati di posta elettronica e di transazioni economiche dei turisti europei ma anche il controllo e l'archiviazione di tutte le impronte

Roma – I turisti che domani decideranno di fare un viaggio negli Stati Uniti dovranno essere pronti a rinunciare a molti alcuni diritti di privacy. Secondo Daily Telegraph e The Observer l’orizzonte atlantico sta per trasformarsi in una cortina digitale oltre la quale si verrà controllati, schedati e… punzonati.

È già successo a milioni di cittadini britannici, le cui impronte digitali sono state archiviate alla frontiera. Per ora si registrano solo le impronte di due dita ma secondo The Observer molto presto, con le nuove normative in arrivo, verranno controllate e archiviate tutte le impronte digitali dei passeggeri in arrivo. Questo consentirà anche la una piena compatibilità dei dati raccolti con le procedure FBI.

“Inizieremo a testare il nuovo programma in alcuni aeroporti”, ha sottolineato il portavoce del Department of Homeland Security ( DHS ). “Credo che si partirà la prossima estate”. Le indiscrezioni confermano il coinvolgimento di almeno 10 infrastrutture aeroportuali , come quelle di New York, Washington e Miami.

Il “trattamento” sarà riservato sicuramente ai turisti europei, australiani, neozelandesi e giapponesi; per quanto riguarda le altre provenienze non si sa ancora molto. Le inchieste dei due popolari quotidiani, comunque, sono state sufficientemente approfondite per risvegliare le ire dell’organizzazione per le libertà civili Liberty . “Questa deve essere la chiave di volta del controllo frontaliero”, ha dichiarato Shami Chakrabarti, direttore di Liberty. “Accumulare milioni di impronte digitali di passeggeri innocenti certamente non frenerà gli uomini-bomba”.

“Questa follia trasformerà migliaia di viaggiatori in potenziali sospetti”, ha aggiunto Simon Davies, responsabile di Privacy International, il “cane da guardia” dei diritti civili. “La tecnologia aeroportuale sarà ben lontana dall’essere affidabile. Questo vuol dire che chiunque potrà essere vittima di errori, sprofondando in una sorta di incubo vacanziero. Il controllo delle impronte è una questione delicata da non sottovalutare”.

Statewatch ha intanto reso noti i risultati dell’ennesimo studio – questa volta giapponese – che confermerebbe l’inaffidabilità dei sistemi biometrici per l’impronte : 11 dispositivi su 15 non sono stati in grado di rilevare un guanto di latex con impronte false.

Il problema però – fanno notare le organizzazioni civili europee – è che la stessa UE ha già accettato supinamente tutte le richieste statunitensi. Il Daily Telegraph , accedendo al documento specifico, ha rilevato infatti una serie di sorprendenti norme regolatrici per l’ingresso dei passeggeri europei. Come già emerso nei giorni scorsi, i dati delle email e delle transazioni delle carte di credito potranno essere controllate dagli enti inquirenti statunitensi, che otterranno gli estremi dalle compagnie aeree utilizzate per giungere a destinazione.

“È la rinuncia ai diritti delle persone che viaggiano negli USA”, ha sentenziato Chakrabarti, direttore di Liberty. Già, perché gli enti federali statunitensi adesso sarebbero in grado di accedere ad almeno 34 tipi di informazioni sui passeggeri, senza bisogno dell’intervento di un giudice e senza la presenza di alcun reato .

“Questa iniziativa nasce per fronteggiare il crimine ed aumentare i livelli di sicurezza nazionale”, ha aggiunto il portavoce della DHS. “Dieci impronte digitali sono più sicure di due, e fondamentalmente il sistema correlato è destinato a diventare standard internazionale”. “Sono certo che questa strategia non allontanerà i turisti. Si diceva la stessa cosa del sistema a due impronte, ma poi non è successo nulla”. L’obiettivo del Department of Homeland Security è di rendere pienamente operativo il sistema entro la fine del 2008.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Kalel scrive:
    E solo per i vincenti
    second life e piu di un gioco e un mondo che ti permette di vivere la prima io per esempio sono uno sviluppatore ho imparato LSL "linden script leanguage" do vita a qualunqu cosa all'interno della grid e vengo pagato con soldi reali!! puoi aprire una partita iva e pagare le tasse e prendere la pensione.
  • gmacar scrive:
    Re: Ma l'avete provato?
    - Scritto da:
    Troppe volte sto sentendo dire di sto coso ma non
    ho mai approfondito. Essendo un vecchissimo
    giocatore di Ultima Online mi chiedevo se sto
    MMORPG è davvero gustoso oppure è una
    cavolata.Il gioco non ti dà nessun obiettivo esplicito: in pratica devi inventartelo tu, appunto creandoti una "seconda vita" da zero...
  • Anonimo scrive:
    Per gli italiani in Second Life
    un po' di documentazione in italiano:http://www.secondlifeitalia.com/wiki/Speciale:Allpagesforum:http://www.secondlifeitalia.com/communityblog:http://www.secondlifeitalia.com/bloghttp://www.secondlifeblog.ithttp://inizia-second-life.blogspot.comhttp://insecondlife.wordpress.comhttp://www.rescogitans.it/main.php?issueid=10§ionid=20
  • Anonimo scrive:
    Second Life è brutto e pesanterrimo
    ..Mi crasha in continuazione, non vale un'H a mio avviso.Ora che diventa GPL magari riscrivono qualche pezzo di codice puzzolente in modo ortodosso e lo fanno diventare un po' più usabile..
    • Anonimo scrive:
      Re: Second Life è brutto e pesanterrimo
      se per caso vuoi riprovare, ti consiglio di scaricare la nuova versione che uscira' tra oggi e domani.assicurati anche di avere scaricato la versione piu' recente dei driver per la tua scheda grafica.eventualmente puoi provare a rivolgerti al forum italiano:http://www.secondlifeitalia.com/communityciaoSignore Iredellhttp://signore.wordpress.com/
    • Anonimo scrive:
      Re: Second Life è brutto e pesanterrimo
      - Scritto da:
      ..Mi crasha in continuazione, non vale un'H a mio
      avviso.forse il tuo sistema operativo non e' stabile, o il tuo computer non soddisfa i requisiti hardware.prima di fare la forte affermazione contenuta nel titolo del tuo messaggio hai provato Second Life anche su altri computer?
      • Anonimo scrive:
        Re: Second Life è brutto e pesanterrimo
        aggiungo: se ti crasha in continuazione, come hai potuto esplorarlo abbastanza da poter dire che e' brutto?forse e' stare davanti al tuo computer che e' brutto...hihihihihi
  • Anonimo scrive:
    sl e' un gioco da fallito
    come da titolo
    • Anonimo scrive:
      Re: sl e' un gioco da fallito
      - Scritto da:
      come da titoloBene, cosi' te ne stai lontano.
      • Anonimo scrive:
        Re: sl e' un gioco da fallito
        - Scritto da:


        - Scritto da:

        come da titolo


        Bene, cosi' te ne stai lontano.ahahahahaha GRANDE ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: sl e' un gioco da fallito
      - Scritto da:
      come da titoloNe hai paura?
    • Anonimo scrive:
      Re: sl e' un gioco da fallito
      Tutta internet é un posto di falliti, direi che è nella media.Forum, blog, chat... Tutta roba per poveri sfigati che devono riprendersi da tutte le botte prese a scuola.
      • Anonimo scrive:
        Re: sl e' un gioco da fallito
        - Scritto da:
        Tutta internet é un posto di falliti, direi che è
        nella
        media.

        Forum, blog, chat... Tutta roba per poveri
        sfigati che devono riprendersi da tutte le botte
        prese a
        scuola.hay! che ci fai qui?non t'avevo detto di portarmi la merendina? :@ :@ :@ @^
      • Anonimo scrive:
        Re: sl e' un gioco da fallito
        - Scritto da:
        Forum, blog, chat... Tutta roba per poveri
        sfigati che devono riprendersi da tutte le botte
        prese a
        scuola.Vuoi botte? :'(
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma l'avete provato?
    la prima differenza fondamentale e' che non c'e' un fine, un obiettivo da conseguire - quindi dipende un po' dalla tua curiosita' e/o creativita'.Signore Iredellhttp://signore.wordpress.com/
  • Anonimo scrive:
    Io continuo a non capire:
    A che razza di leggi economiche risponde Second Life: Se la proprietà può essere creata indefinitamente (non sono che pochi kbyte, ai prezzi attuali degli hard disk non sono che pochi milionesimi di euro), il suo valore è praticamente zero. Pagare con soldi veri (perché, correggetemi se sbaglio, second life si paga, e i soldi del gioco sono una conversione dei soldi veri - un po' come le fiches dei casinò) oggetti NON veri è, secondo me, stupido: capisco se si trattasse semplicemente di pagare per giocare (come si paga per entrare al cinema o per l'adsl), ma qui stiamo parlando di proprietà creata dal nulla, pagata milioni di volte il suo vero valore...
    • longinous scrive:
      Re: Io continuo a non capire:
      Esattamente come l'ADSL.Voglio dire: i doppini già c'erano, le DSLAM sono già state pagate due volte per tutta Italia col canone dei tuoi nonni, i tuoi genitori stanno già pagando la fibra di vetro quantico che impianteranno tra 30 anni e tu pagherai (o già paghi) i viaggi interplanetari per avere fresche fresche le ultime informazioni da Betelgeuse.E' semplicemente avere già pagato qualcosa... per cui ci si fa pagare di nuovo: chiamali scemi!
    • Anonimo scrive:
      Re: Io continuo a non capire:
      - Scritto da:
      A che razza di leggi economiche risponde Second
      Life: Se la proprietà può essere creata
      indefinitamente (non sono che pochi kbyte, ai
      prezzi attuali degli hard disk non sono che pochi
      milionesimi di euro), il suo valore è
      praticamente zero.

      Pagare con soldi veri (perché, correggetemi se
      sbaglio, second life si paga, e i soldi del gioco
      sono una conversione dei soldi veri - un po' come
      le fiches dei casinò) oggetti NON veri è, secondo
      me, stupido: capisco se si trattasse
      semplicemente di pagare per giocare (come si paga
      per entrare al cinema o per l'adsl), ma qui
      stiamo parlando di proprietà creata dal nulla,
      pagata milioni di volte il suo vero
      valore...Anche il software è un oggetto immateriale.
    • Alfonso Maruccia scrive:
      Re: Io continuo a non capire:
      Bolla speculativa. Esploderà ancora, basta solo aspettare :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Io continuo a non capire:
      - Scritto da:
      A che razza di leggi economiche risponde Second
      Life: Se la proprietà può essere creata
      indefinitamente (non sono che pochi kbyte, ai
      prezzi attuali degli hard disk non sono che pochi
      milionesimi di euro), il suo valore è
      praticamente zero.in maniera simile a quanto avviene nel mondo reale, il valore sta non tanto nel supporto (le materie prime o gli hard disk), ma nell'utilita' che le persone trovano negli oggetti. in Second Life ad esempio potresti voler "comperare e possedere un oggetto" perche' aggiunge una funzionalita' all'interfaccia e riteni che questo sia utile.gran parte dell'economia di Second Life si basa sulla compravendita di terreni. l'azienda di Second Life, Linden Labs, affitta ai giocatori server o porzioni di server, che corrispondono a determinate superfici di terreno. quei giocatori possono a loro volta suddividere e rivendere i terreni, o utilizzarli come meglio credono.
      Pagare con soldi veri (perché, correggetemi se
      sbaglio, second life si paga,non e' necessario. molti hanno un account free, per il quale e' sufficiente fornire nominativo e indirizzo e-mail. vedi anchehttp://www.secondlifeitalia.com/wiki/Quale_abbonamentociaoSignore Iredellhttp://signore.wordpress.com/
    • Anonimo scrive:
      Re: Io continuo a non capire:
      - Scritto da:
      Pagare con soldi veri (perché, correggetemi se
      sbaglio, second life si paga, e i soldi del gioco
      sono una conversione dei soldi veri - un po' come
      le fiches dei casinò) oggetti NON veri è, secondo
      me, stupido: capisco se si trattasse
      ...Come nella realtà, la moneta sostituisce uno scambio di beni fra una persona e un altra, i beni possono essere materiali (una vettura per esempio) o immateriali (opere di ingegno).Non vedo cosa ci sia di diverso in second life.E' un po' come acquistare monete di altri paesi.
  • Anonimo scrive:
    L'UNICO MONDO
    dove linux potra' avere diffusione superiore al 3%
    • longinous scrive:
      Re: L'UNICO MONDO
      Bene, e dopo che hai detto la boiata di mezzanotte totalmente off topic torna pure a reinstallare i driver che windows si è dimenticato "trovando nuovo Hardware".Tornano nella notizia, trovo interessante il fato che rilascino il codice sotto GPL, ma mi chiedo che versione della GPL?Resteranno ancorati alla 2 come la My-SQL lab. finchè la v3 non sarà accettata universalmente o utilizzeranno la dicitura classica "v2 e successive"?
      • Anonimo scrive:
        Re: L'UNICO MONDO
        - Scritto da: longinous
        Bene, e dopo che hai detto la boiata di
        mezzanotte totalmente off topic torna pure a
        reinstallare i driver che windows si è
        dimenticato "trovando nuovo
        Hardware".

        Tornano nella notizia, trovo interessante il fato
        che rilascino il codice sotto GPL, ma mi chiedo
        che versione della
        GPL?per ora e' la versione 2.il rilascio sotto GPL per ora riguarda solo il client, non sono ancora stati dettagli sulle modalita' del rilascio del codice per i server.questo potrebbe interessare:https://wiki.secondlife.com/wiki/Open_Source_Portalieri su Ubuntu Edgy sono riuscito a compilare il client, farlo girare, ed entrare in Second Life:http://signore.wordpress.com/2007/01/08/compiling-the-second-life-viewer-source-code-on-ubuntu-edgy/"
        compilare ciaoSignore Iredell
    • Anonimo scrive:
      Re: L'UNICO MONDO
      - Scritto da:
      dove linux potra' avere diffusione superiore al 3%Vai a aggiornare l'antivirus che c'hai il computer impestato dimmmer*a... (rotfl)(rotfl)(rotfl)
Chiudi i commenti