Spoofi una chiamata? Allora paghi

Negli Stati Uniti l'alterazione dell'identificazione di chiamata sta per diventare ufficialmente un reato: sanzioni a partire da 10 mila dollari fino ad un massimo di un milione di dollari

Washington – La celerità legislativa del Senato statunitense nel far fronte ai nuovi techno-pericoli è a dir poco commovente. A decenni dall’avvento del phreaking , mercoledì scorso il Senate Committee on Commerce, Science, and Transportation ha approvato una legge che ha trasformato in crimine l’alterazione del caller ID – ovvero l’identificativo del chiamante.

Il cosiddetto ” caller ID spoofing “, che da noi è conosciuto forse solo dagli addetti ai lavori, indica specificamente ogni azione volta celare la reale identificazione del chiamante, sia nei comuni servizi di telecomunicazioni che nel VoIP. La pena è di 10 mila dollari per violazione, per un massimo di un milione di dollari. La S. 704 , inserita nel pacchetto “Truth in Caller ID Act of 2007”, comunque non intaccherà in alcun modo il diritto di utilizzare il blocco del caller-ID, per le chiamate nelle quali non si vuole fornire il proprio numero.

“Il caller-ID fornisce informazioni importanti a quelli che vi si relazionano”, ha dichiarato il senatore Ted Stevens in un comunicato ufficiale. “Comunque, quando questa tecnologia è utilizzata per ingannare le persone può mettere a rischio la privacy e la sicurezza personale. Questa legge aiuterà a rafforzare la capacità d’azione della FCC e cercherà di far fronte a queste pratiche disoneste”.

La legge, come ricorda Ars Technica è stata proposta lo scorso febbraio dai senatori Bill Nelson e Senator Olympia Snowe. L’esigenza di far fronte proprio ora al problema è confermata anche dall’iter legislativo di una normativa simile, che poco tempo fa ha ricevuto l’ok della Camera.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MandarX scrive:
    dubbio:
    qualcuno mi spiega quali sono i ricavi con siti come youtube?non mi sembra che ci sia pubblicità...
  • Nilok scrive:
    Grazie per i dati.
    Ciao e grazie per aver fornito dati e non opinioni.Secondo me questa è informazione e non disinformazione.A presto.Nilokhttp://informati.blog.tiscali.it/
  • Masque scrive:
    buono a sapersi
    se youtube ti rifiuta un video, oppure lo fa rimuovere sotto pressione di qualcuno (viacom, tanto per dirne uno), ti puoi rivolgere a qualche portale molto meno in vista.ho trovato veoh molto buono: interfaccia comoda e nessun limite di tempo per i filmati.
  • chojin scrive:
    Si suicidano con il copyright folle....
    ... cancellano account, rimuovono video.. se continuano così non dureranno molto. E YouTube non ha alcun profitto reale in pratica. Solo un pò di pubblicità, il resto è pura speculazione finanziaria.
    • Pie scrive:
      Re: Si suicidano con il copyright folle....
      - Scritto da: chojin
      ... cancellano account, rimuovono video.. se
      continuano così non dureranno molto.Durerebbero di piu' affrontando le cause per il copyright?Figuriamoci...
    • Roberto scrive:
      Re: Si suicidano con il copyright folle....
      A si chojin, di minchiate ne hai scritte talmente tante che ormai io mi metto a ridere solo quando vedo il tuo nick...Proprietari di copyright?Ma se ormai sono loro i primi a mettere spezzoni e presentazioni di film e programmi.Ormai si sono resi conto che quello che fanno gli utenti è tutta pubblicità gratuita e osteggiano solo i casi estremi.Poi tu professi la morte di Youtube, ma noi perché siamo qui? A scrivere che Youtube morirà in una notizia che lo vede sovrano incontrastato con oltre il 60% non è solo da ignoranti, è proprio da scemi...E il tuo preferito MSN Video dove sta? Al 2,09%... (rotfl)Stavolta Micro$oft ha perso il treno.
      • chojin scrive:
        Re: Si suicidano con il copyright folle....
        - Scritto da: Roberto
        A si chojin, di minchiate ne hai scritte talmente
        tante che ormai io mi metto a ridere solo quando
        vedo il tuo
        nick...

        Proprietari di copyright?
        Ma se ormai sono loro i primi a mettere spezzoni
        e presentazioni di film e
        programmi.

        Ormai si sono resi conto che quello che fanno gli
        utenti è tutta pubblicità gratuita e osteggiano
        solo i casi
        estremi.

        Poi tu professi la morte di Youtube, ma noi
        perché siamo qui?

        A scrivere che Youtube morirà in una notizia che
        lo vede sovrano incontrastato con oltre il 60%
        non è solo da ignoranti, è proprio da
        scemi...YouTube e GoogleVideo osteggiano tutti i casi, ti rimuovono l'account anche per piccoli video. YouTube non genera introiti.. tutta pubblicità... ma pubblicità di cosa ? Il sito è tutto meno che pieno di pubblicità, non rientreranno mai degli 1.6miliardi di dollari che lo hanno pagato.
        E il tuo preferito MSN Video dove sta? Al
        2,09%...
        (rotfl)
        Stavolta Micro$oft ha perso il treno.Decidi tu cosa preferisco io ? Classica mentalità noglobal... E' gente come te che adora Microsoft quando santifica Apple o Google/YouTube e GNU/Linux che producono il nulla, solo speculazione finanziaria.
        • theusualidiot scrive:
          Re: Si suicidano con il copyright folle....

          Decidi tu cosa preferisco io ? Classica mentalità noglobal... E'
          gente come te che adora Microsoft quando santifica Apple o
          Google/YouTube e GNU/Linux che producono il nulla, solo speculazione
          finanziaria.questa chi te l'ha suggerita? la scimmietta col cappellino rosso e i piatti del circo? mi spiace dirtelo, ma microsoft sono anni che arriva sempre dopo nel campo dello sviluppo IT, limitandosi al tentativo, riuscito o meno, di emulare i rivali (o di inglobarli); purtroppo per lei sono tutti tentativi che lasciano il tempo che trovano (msnspaces vs myspace, msnvideo vs youtube, msn search vs google, hotmail vs yahoo etcc), l'unico campo in cui è riuscita in qualche modo a sopraffare la concorrenza è stato quello dell'IM dove è stata in grado portare un'alternativa VERAMENTE VALIDA a quella dei concorrenti, e il mercato le ha dato ragione. questo per dirti che non sarà di certo il copyright a for "morire" youtube, solo il mercato ormai è in grado di farlo. condivido inoltre il discorso sulla apple... quando si troverà un marchio più figo di apple/ipod/iphone e cazzi vari tutto cambierà per lei, per quanto riguarda GNU/Linux invece, dire che produce il nulla è una cazzata grande come una casa, sia perchè la concorrenza in generale produce sviluppo sia perchè GNU/Linux è direttamente portatore di sviluppo e di soldi intorno a RedHat, Novell/Suse e via dicendo ne girano e anche parecchi.p.s. la pubblicità che non c'è su youtube c'è su google... quando cerchi un video invece di andare su youtube conviene cercare direttamente da google (dato che hanno indicizzato anche i video di youtube dopo l'acquisizione) e lì la pubblicità c'è eccome.saluti
        • Barbarossa scrive:
          Re: Si suicidano con il copyright folle....
          produrrà una cippa, ma sono decisamente grato che esista. molte "vaccate" che ci sono li dentro sono davvero meritevoli :P.ben vengano altri prodotti che non "producono nulla" :P .
  • ottavione scrive:
    non è un caso.
    ... se si fanno 2 conti e si prende un blog medio nemmeno tanto aggiornato tipo http://daniele.resetmultimedia.com/ scopri che su 10 video 8 sono del network google/ytube---un caso?!?
Chiudi i commenti