SQL Server 2008 R2 pronto al via

Microsoft ha rilasciato la versione RTM di SQL Server 2008 R2, un importante aggiornamento al suo database di classe enterprise. Tra le principali novità, le nuovi funzioni per la business intelligence fai-da-te

Roma – C’è grande fermento in quel di Redmond. Subito dopo il rilascio delle versioni Release to Manufacturing (RTM) di Office 2010, Visio 2010, Project 2010 (client e server) e Sharepoint 2010, Microsoft ha annunciato ieri il completamento di uno degli ultimi tasselli della sua rinnovata piattaforma business: SQL Server 2008 R2 .

SQL Server 2008 R2 L’arrivo della RTM del famoso database per Windows segna la conclusione della fase di testing e la sua imminente commercializzazione. Gli iscritti a TechNet e MSDN potranno scaricare una copia del software a partire dal 3 maggio, mentre la disponibilità del prodotto sul mercato è stata fissata per il 13 maggio.

Come spiegato dalla stessa Microsoft, SQL Server 2008 R2 è più di un service pack e meno di una major release : le novità della R2 sono tante, e migliorano aree quali la business intelligence, la reportistica e la scalabilità, ciononostante questa release conserva la piena compatibilità con le preesistenti applicazioni, e può ancora essere utilizzata per aggiornare le versioni meno recenti di SQL Server, a partire dalla 2000.

Come spiegato in questo post di TechNet, il fatto che SQL Server 2008 R2 sia stato rilasciato proprio in concomitanza della chiusura lavori di Office 2010 non è un caso. “Questo piano dei rilasci è stato pensato per allineare SQL Server a Office e alla strategia cloud di Microsoft. Uno dei punti di forza della piattaforma SQL Server è la sua capacità di lavorare bene con gli altri nostri prodotti, e in Office 2010 e nell’ultima release di SharePoint abbiamo incluso una vasta gamma di funzionalità per la business intelligence dedicate ai meno tecnici”.

Le nuove funzionalità per la business intelligence integrate in SQL Server 2010, originariamente chiamate Project Gemini , sono condensate nella soluzione PowerPivot , e rappresentano una delle maggiori novità di questa nuova versione del database di BigM. Attraverso di esse gli utenti business possono analizzare i dati, creare i propri report personalizzati e condividerli con gli altri colleghi di lavoro: tutto ciò senza possedere particolari skill tecnici e senza necessariamente rivolgersi a un esperto. Si tratta, per dirla con le parole di Microsoft, della “business intelligence fai-da-te”.

Ma per godere dei nuovi strumenti offerti da PowerPivot le aziende dovranno necessariamente acquistare Office 2010, l’unica versione della suite per l’ufficio di Microsoft in grado di interfacciarsi alle nuove funzionalità di SQL Server 2008 R2. Per la parte web PowerPivot si appoggia invece a SharePoint 2010.

Altri due importanti componenti del nuovo database made in Redmond sono Master Data Services , un insieme di tool che promettono di migliorare la gestione di alcuni tipi di informazioni mission-critical e garantirne la consistenza su tutti i sistemi aziendali, e StreamInsight , che permette alle aziende di monitorare e analizzare in tempo reale flussi di dati provenienti, ad esempio, da sensori RFID o server log. La R2 include poi SQL Server Management Studio , una console che semplifica l’amministrazione di istanze multiple del server.

Per quanto riguarda la scalabilità , vale la pena citare il fatto che SQL Server 2008 R2 è ora in grado di supportare fino a 256 processori logici (contro i 64 della precedente versione) e di avvalersi della funzione live migration , che permette di spostare versioni virtualizzate del database da un server fisico ad un altro senza interruzioni del servizio.

Sebbene per il momento SQL Azure , la versione di SQL Server inclusa nella piattaforma cloud di Microsoft, comprenda solo un sottoinsieme delle funzionalità integrate in R2, il big di Redmond sembra intenzionato ad allineare progressivamente le principali caratteristiche dei due prodotti.

Una sintesi delle principali novità funzionali di SQL Server 2008 R2 viene fornita in questo post insieme ai relativi link di approfondimento. Per ulteriori informazioni si rimanda alle seguenti risorse:
Digital Tour ;
Virtual Press Room ;
Reviewers Guide (documento Word);
case studies ;
free hosted demo environment .

Versioni dimostrative di SQL Server 2008 R2 possono essere scaricate da qui nella sola lingua inglese (le principali localizzazioni saranno disponibili a partire da maggio).

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nome e cognome scrive:
    quale privacy?
    E' come se io fossi un poliziotto e utilizzassi la radio per conversazioni private, se è uno strumento di lavoro non vedo che privacy si possa pretendere.
    • Guybrush scrive:
      Re: quale privacy?
      - Scritto da: nome e cognome
      E' come se io fossi un poliziotto e utilizzassi
      la radio per conversazioni private, se è uno
      strumento di lavoro non vedo che privacy si possa
      pretendere.Nel momento in cui rendi pubbliche le informazioni scambiate, violi la privacy.Se questo e' quel che e' sucXXXXX, allora ha ragione.Viceversa... se la va a prendere la' dove non batte il sole.
Chiudi i commenti