SSD, dischi a prova di privacy

Una ricerca evidenzia i gravi problemi di riservatezza sofferti dai dischi a stato solido basati su chip di memoria NAND Flash. I dati non spariscono mai del tutto, nemmeno dopo una cancellazione a prova di standard militari

Roma – Quanto è sicuro lo storage dei dati sui dischi a stato solido (SSD)? Molto poco, stando a una ricerca proveniente dalla University of California at San Diego , secondo la quale anche la più aggressiva delle tecniche di formattazione ed eliminazione delle informazioni digitali lascia dietro di sé un bel po’ di tracce .

Diversamente dai dati immagazzinati sui dischi magnetici degli HDD tradizionali, infatti, negli SSD l’elettronica di controllo deve gestire una complessa serie di operazioni affinché i dati vengano immagazzinati in maniera affidabile: ma quando si tratta di “eliminare tutte le tracce”, l’elettronica di controllo funge da ostacolo alla rimozione definitiva dei dati.

Nei test effettuati dal team di ricerca californiano, i comandi in standard ATA o SCSI necessari per la “distruzione” sicura dei dati sono risultati efficaci solo in quattro dei 12 driver testati, e anche in questo caso è risultato praticamente impossibile eliminare i singoli file – il metodo di cancellazione più efficace ha comunque lasciato dietro di sé il 4% delle informazioni originali .

Come fare per ovviare a questa grave mancanza dei dischi SSD? La security enterprise Sophos suggerisce di affidarsi a dischi a stato solito in grado di cifrare i dati mediante password e algoritmo AES: una volta cancellati i dati cifrati le informazioni risulteranno impossibili da recuperare.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • sameh ehap scrive:
    roma
    ever
  • Sex Doc Com scrive:
    Dominio
    no, ma serio? TREDICIMILIONIDIDOLLARI? :S
    • Torsolo scrive:
      Re: Dominio
      Internet is for porn
    • Jacopo Monegato scrive:
      Re: Dominio
      cita pure il dottor cox ma dillo che citi lui D:ps: non ho mai guardato un dvd XXXXX e l'unica cosa in cui credo di aver trovato il multiangolo era una XXXXXXX su un dvd di harry potter, che nemmeno mi andava -.-
    • il solito bene informato scrive:
      Re: Dominio
      - Scritto da: Sex Doc Com
      no, ma serio? TREDICIMILIONIDIDOLLARI? :Ssempre meno di italia.it, con la medesima utilità (rotfl)
      • Sex Doc Com scrive:
        Re: Dominio
        - Scritto da: il solito bene informato
        - Scritto da: Sex Doc Com

        no, ma serio? TREDICIMILIONIDIDOLLARI? :S

        sempre meno di italia.it, con la medesima utilità
        (rotfl)Beh, ma questo puoi rivendertelo...
    • il solito bene informato scrive:
      Re: Dominio
      - Scritto da: hp sucks
      casomai lo avessi dimenticato
      tutto gira attorno al XXXXX
      il vhs era inferiore al betamax ma sono uscite li
      per prime le cassette con i XXXXX, addio
      betamax
      avevamo i floppy ... ma i XXXXX non c'entravano e
      allora w i
      cd
      la prima feature pubblicizzata sui primi dvd era
      il multiangolo ... a che serviva? a vedere un
      ingroppata da + punti di
      vista!"ma che stavi parlando con me fino ad adesso? E che diavolo, fratello..."(Kirk Lazarus [a memoria])
    • ottomano scrive:
      Re: Dominio
      - Scritto da: hp sucks
      casomai lo avessi dimenticato
      tutto gira attorno al XXXXXed aggiungo che in tanti avevano pontificato "tra BluRay e HD-DVD vincerà quello scelto dall'industria del XXXXX" ed io che dicevo "Chiunque vincerà sarà una vittoria di Pirro, perchè il XXXXX ha scelto già internet e la trasmissione on-demand (youporn ed affini)".Infatti oggi l'industria dei contenuti si sta buttando su Netflix, Acetrax e le varie piattaforme Netcast, Internet@TV ecc...Anche gli operatori nostrani si stanno muovendo: Mediaset Premium On Demand, Sky On Demand, Telecom Italia Cubovision, MTV/La7 OnDemand ecc...
Chiudi i commenti