Su iPad ci sarà anche Amazon?

Presenta l'app Kindle anche per iPad. Entro il fine settimana c'è poi da attendersi il rush finale degli sviluppatori che intendano arrivare primi sull'app store
Presenta l'app Kindle anche per iPad. Entro il fine settimana c'è poi da attendersi il rush finale degli sviluppatori che intendano arrivare primi sull'app store

Come atteso , Amazon ha sviluppato un’ applicazione Kindle anche per iPad , porgendo su un vassoio d’argento tutti i suoi contenuti anche all’ultimo atteso dispositivo Apple.

L’App Kindle sarà compatibile con il nuovo prodotto Apple e con altri tablet (non meglio specificati) e renderà sincronizzabili iPad e l’eReader di Amazon. Visivamente mostra una schermata con le copertine dei volumi e sullo sfondo la sagoma di una persona intenta a leggere un libro sotto un albero, con i colori del cielo che cambiano a seconda dell’ora seguendo idealmente la posizione del sole.

A parte i colori e le immagini dello sfondo personalizzabili, la possibilità di cambiare luminosità e carattere, e un’animazione che riproduce il naturale voltare di una pagina (tutte caratteristiche che tentano di sfruttare l’ampiezza dello schermo e i colori di iPad) l’applicazione permette di sincronizzare perfettamente i contenuti a cui si accede su iPad e su Kindle, così da permettere – per esempio – di interrompere la lettura e riprenderla esattamente allo stesso punto sull’altro dispositivo.

Così come la corrispettiva versione per iPod Touch, iPhone e Mac, l’applicazione permette di sincronizzare anche i segnalibri, le note, gli appunti e le sottolineature prese con il Kindle. Avrà inoltre integrato Kindle bookstore , anche se non si sa se Apple permetterà l’acquisto di contenuti tramite l’applicazione, o se sarà possibile acquistare in tutte le nazioni dove iTunes Store sia già presente.

Gli osservatori attendono la mossa di Apple, che può a questo punto scegliere la strategia da adottare: rifiutare un’applicazione che (come l’omologa di Barne&Nobles) sembra riprodurre le funzionalità già offerte dal suo iBookStore, oppure assecondare una mossa che sembra favorire lo sviluppo degli eReader, offrendo maggiori garanzie di compatibilità tra i diversi supporti e contenuti protetti.

Apple, inoltre, dovrà decidere se adottare un’atteggiamento speculare garantendo l’interscambiabilità dei contenuti sui dispositivi o se rendere lo scambio a senso unico: Kindle rischierebbe in questo caso di assisterà alla migrazione indolore dei suoi utenti verso il prodotto con la Mela, ma potrebbe guadagnarsi un’ampia fetta del mercato degli eBook.

Amazon, ad ogni modo, è riuscita a rientrare nella scadenza imposta da Cupertino agli sviluppatori interessati a lavorare su iPad: secondo quanto riportato, sarebbe sabato 27 il termine ultimo per non perdere la possibilità di partecipare all’esordio della nuova piattaforma, attesa per il 3 aprile, che ospita già le 150 mila applicazione attualmente in App Store. Una corsa, questa, che ha come traguardo i possibili vantaggi del first mover .

In pochi (tra i quali New York Times , Major League di Baseball , e Wall Street Journal ), tuttavia, hanno potuto concepire le loro applicazioni con in mano il dispositivo vero e proprio per cui stanno lavorando. Nonostante questo, gli sviluppatori hanno valutato favorevolmente le innumerevoli possibilità offerte dal nuovo ecosistema, memori anche del successo di coloro che sono arrivati primi nella corsa alle applicazioni iPhone.

La SGN, una casa produttrice di giochi per il mobile, ha per esempio sfruttato ogni momento di disponibilità di iPad che poteva ritagliarsi nel corso dell’esposizione pubblica a San Francisco a gennaio, almeno per avere un’idea dell’apparecchio su cui avrebbe dovuto lavorare: ha così ritenuto l’ampio schermo del tablet utile per accogliere un gioco stile monopoli a cui può partecipare l’intera famiglia, una sorta di evoluzione del gioco in scatola, e valutato positivamente la possibilità di sfruttare la compatibilità con iPhone e iPod Touch per costruire una rete wireless in cui utilizzare tali apparecchi più piccoli come game controller, in una rivisitazione on the rode della Wii (opzione, questa, ancora in fase di sviluppo).

Claudio Tamburrino </EM

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti