Summit mondiale, incontro pubblico

a Roma


Roma – Lunedì 6 ottobre alle 15, in via Via Sant Ambrogio 4 si terrà un “Incontro Pubblico sul Summit Mondiale sulla Società dell Informazione” dal titolo “Verso una società dell’Informazione: Nuovi Diritti della Comunicazione e i Media Comunitari”. Ad organizzarlo è l’associazione Geneva-O3 .

Come noto, il World Summit on Information Society (WSIS) che si terrà a dicembre 2003 a Ginevra, è un Summit è organizzato dalle Nazioni Unite con l’ITU, in due fasi, la prima in Svizzera, la seconda a Tunisi nel 2005.

“E´ un processo tripartito – si legge in una nota dell’associazione – vi partecipano i governi, il settore privato e la società civile, per la prima volta invitata al tavolo delle discussioni. Di fatto però la partecipazione è democratica solo sulla carta, e la società civile viene costantemente marginalizzata in favore degli interessi dei grandi gruppi industriali e delle grandi imprese dell’informazione. Proprio come Il Summit di Rio nel 1992 ha strutturato le politiche dello sviluppo sostenibile, il WSIS definirà framework e i parametri per le future politiche sulla comunicazione e sull’informazione”.

All’incontro si parlerà della natura del WSIS e di proposte con interventi di operatori, ricercatori, lavoratori della comunicazione, mediattivisti, studenti e altri.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Fastweb aderisce?
    Sarebbe la volta buona che metto la videostation :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Fastweb aderisce?
      Riparmiatela.... l'ho messa per prova (4 mesi, nei quali mi hanno dato 4mbit) 4 euro a film (vecchio)!Faccio prima a noleggiarmi un dvd, costa 1/4 e qualità molto superiore.....
  • Anonimo scrive:
    disney...
    bleah. riescono a fare un cartone decente solo se lo affidano ad altri (tipo monsters inc).... il resto fa vomitare grendi & piccini.al rogo.
  • Locke scrive:
    Uh uh, si certo... avanti un'altro.
    I DivX che si scaricano da Internet se non stanno su almeno 2 CD si vedono e/o sentono male (e a volte non è sufficente neanche questo).Quali prestazioni avrà questo sistema di trasferimento per un utente non in america? 50-60 Kb/sec? No perchè a me scazzerebbe un po' iniziare un download alle 2 di notte, metterci 7-8 ore a scaricarlo, tornare a casa dall'ufficio in ritardo di 3 ore per un'emergenza e scoprire che in casa è successo un macello, tipo che so la lavatrice che perde, un invasione di marziani ecc ecc e tutte belle cose che non potevo prevedere il giorno prima, che mi costringono a ripiegare a un "sistemiamo tutto ora, il film a dopo" e poi, quando alle 2 di notte finisco di sistemare tutto, il mio film sparisce... mentre i miei soldi sono già stati comodamente trasferiti. Se io voglio vedere un film che POSSO vedere, lo voglio fare subito, non dire "Faccio partire oggi il download così domani ce l'ho"Way to go, Disney!
  • Goul_duKat scrive:
    Si ricettivi solo ...
    solo i lobotomizzati e con il portafoglio gonfio ....ma per piacere ... io vedrei in 15 giorni quel setop-box in mano a della gente un po skillata gia' bello che aperto e craccato per permettere lo scaricamento a la visione del film per sempre ...senza dire che gia' ora lo si fa e con minor fatica con dvd ed altro ...ciaops: ma quando capiranno che non e' limitando le visioni ed alzando i prezzi che si attirano acquirenti ???
  • Anonimo scrive:
    Ma se si riposassero ogni tanto?
    "consente peraltro alla casa americana di proteggere i contenuti diffusi con i sistemi di protezione proprietari integrati in MovieBeam."Facile proteggerli visto che si cancellano e/o sono resi indisponibili dopo 24 ore...il tutto per la modica cifra di 4 dollari...*wow* domani vado a fare un bonifico di qualche dollarlo alla Disney, visto che se la passa così male da partorire questi mostri...keiske
  • Anonimo scrive:
    Disney e' per i cartoni animati...
    ...come Microsoft per il software... :(
  • Anonimo scrive:
    Come no?
    Già ci hanno rotto le scatolone con le storie del copyright esteso per altri 50 anni (sfruttando tra le altre anche favole italianissime ormai "open-source"), poi qualcuno dice che fanno lavorare i bambini indonesiani, vietnamiti e cinesi per produrre i loro gadgets (sarà vero?)...a me disney non interessa, mi scusassero...
    • Anonimo scrive:
      Re: Come no?
      - Scritto da: Anonimo
      Già ci hanno rotto le scatolone con le
      storie del copyright esteso per altri 50
      anni (sfruttando tra le altre anche favole
      italianissime ormai "open-source"), poi
      qualcuno dice che fanno lavorare i bambini
      indonesiani, vietnamiti e cinesi per
      produrre i loro gadgets (sarà vero?)...

      a me disney non interessa, mi scusassero...E quando anche interesasse voglio vedere come fanno a impedirmi di prelevare il segnale (quello analogico che va alla tv) e di ridigitalizzare... o se voglio semplicemente registrarlo ... (cosa che puntualmente succedera' se qualcuno lo compra) ma che vadano a quel paese!:D
      • Goul_duKat scrive:
        Re: Come no?
        - Scritto da: Anonimo
        E quando anche interesasse voglio vedere
        come fanno a impedirmi di prelevare il
        segnale (quello analogico che va alla tv) e
        di ridigitalizzare... o se voglio
        semplicemente registrarlo ... (cosa che
        puntualmente succedera' se qualcuno lo
        compra) ma che vadano a quel paese!:Ded il macrovision ??? (lo so che si puo' aggirare, ma non tutti sanno come e sanno che c'e' ...)
        • Anonimo scrive:
          Re: Come no?
          - Scritto da: Goul_duKat

          - Scritto da: Anonimo

          E quando anche interesasse voglio vedere

          come fanno a impedirmi di prelevare il

          segnale (quello analogico che va alla tv)
          e

          di ridigitalizzare... o se voglio

          semplicemente registrarlo ... (cosa che

          puntualmente succedera' se qualcuno lo

          compra) ma che vadano a quel paese!:D

          ed il macrovision ??? (lo so che si puo'
          aggirare, ma non tutti sanno come e sanno
          che c'e' ...)Si si un'altro formato per il "pollame" ... certo che bisogna riconoscerlo il loro marketing e' formato da inguaribili ottimisti!
Chiudi i commenti