Sun non balla più il Rock

Secondo il New York Times, la decisione di cancellare l'evoluzione della specie SPARC è cosa fatta. Una circostanza che pone alcuni interrogativi alla vigilia dell'acquisizione di Oracle

Roma – Lo scorso mese Oracle ha espresso l’intenzione di mantenere in vita, ed anzi rilanciare, gli storici processori SPARC che erediterà con l’ imminente acquisizione di Sun. Ad inizio settimana si è però appreso dal Bits Blog del New York Times che Sun avrebbe deciso di cancellare proprio il progetto che, secondo le sue intenzioni, avrebbe dovuto riportate i suoi chip per server ai massimi livelli di competitività.

Il progetto in questione è Rock , nome in codice di un’ambiziosa evoluzione dell’architettura UltraSPARC Niagara a cui Sun lavorava da quasi cinque anni. Il processore Rock, che avrebbe dovuto succedere all’attuale CPU UltraSPARC T2, prometteva il supporto a 16 core, ciascuno capace di elaborare fino a due thread simultaneamente.

L’idea di fondo era quella di massimizzare il parallelismo dell’architettura SPARC al fine di migliorare drasticamente il rapporto tra performance e consumi. Rock avrebbe dovuto competere testa a testa con i Power6 di IBM e le nuove generazioni di Intel Xeon, auspicabilmente fornendo un thermal design power inferiore alle soluzioni rivali.

La prima versione di test di Rock fu annunciata nell’aprile del 2007, ma da allora il lancio commerciale del processore è stato posticipato più volte: le ultime indiscrezioni suggerivano la fine del 2009.

Il blogger del New York Times che ha riportato la notizia della cancellazione di Rock ha citato come fonti due persone vicine al progetto di Sun. Nel momento in cui si scrive l’azienda non ha ancora rilasciato commenti ufficiali in merito.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AntiSfrutto scrive:
    Sono daccordo con lautore. Perche?...
    E' assolutamente reale il punto di vista dell'autore.Concordo in pieno.Un tale atteggiamente è pericoloso, nocivo a livello sociale ed economico.Fare ciò, significa mobilitare una gran forza lavoro per ottenere solo un qualcosa.Il prodotto finale può motivare uno sforzo simile?Senza neppure essere retribuito?A livello psicologico si può credere di essere in competizione per qualcosa per cui ne valga la pena, ma se questo non lo è, in seguito si rivela un qualcosa che si è fatto e che non ha prodotto niente. Uno sforzo inutile.I paesi crollano per questo principio. E' veramente deprimente.Psicologicamente a lungo andare, secondo me, può spingere un individuo a non ritenersi all'altezza di un qualcosa, quando poi le cose se commissionate e messe appunto con chi le vuole, funzionano sempre (salvo rari casi).I due generi di azione hanno risvolti differenti.Nel primo caso hai distrutto molto per ottenere poco;Nel secondo caso gli sforzi vengono ottimizzati per raggiungere una esigenza.Per fare un esempio:Se per debellare l'AIDS dovesse servire l'eliminazione fisica del 99% della razza umana, che diavolo di soluzione contro l'AIDS è?E' veramente una vile forma di sfruttamento.Mascherata.G. si sta facendo strada a suon di pestoni:Però, bello!! Mi sono fatto pestare da G!!E' Grande G!! Per me è un onore farmi pestarecosì.
  • Carlo scrive:
    E' veramente lavor gratis?
    Diventare visibili a milioni di utenti è il pagamento che google da. Potrebbe essere ritenuto poco o tanto... le icone di chrome sono gratis perchè chrome è gratis!!!Ma riuscire a farsi una pubblicità mondiale in poco tempo è un pubblicità molto costosa... simo sicuri che sarebbe lavorare gratis?L'open source genera lavoro nella misura in cui un'azienda che usa software non può permettersi fermi causati da problemi software... questo implica per forza di cose un "manutentore" del software interno o esterno all'azienda... lui non lavorerà gratis. Certo l'open source fa girare meno soldi... ma permette l'acXXXXX a strumenti potenti anche da parte di chi non potrebbe permetterselo... questo genera realtà nuove che danno lavoro....
    • kakkola scrive:
      Re: E' veramente lavor gratis?
      - Scritto da: Carlo
      Diventare visibili a milioni di utenti è il
      pagamento che google da. Potrebbe essere ritenuto
      poco o tanto... le icone di chrome sono gratis
      perchè chrome è
      gratis!!!

      Ma riuscire a farsi una pubblicità mondiale in
      poco tempo è un pubblicità molto costosa... simo
      sicuri che sarebbe lavorare
      gratis?

      L'open source genera lavoro nella misura in cui
      un'azienda che usa software non può permettersi
      fermi causati da problemi software... questo
      implica per forza di cose un "manutentore" del
      software interno o esterno all'azienda... lui non
      lavorerà gratis. Certo l'open source fa girare
      meno soldi... ma permette l'acXXXXX a strumenti
      potenti anche da parte di chi non potrebbe
      permetterselo... questo genera realtà nuove che
      danno
      lavoro....Quoto in pieno ed aggiungo: nessuno li obbliga. si tratta di professionisti della grafica che hanno l'opportunità di farsi pubblicità. Tra l'altro nel campo della grafica iniziative simili, sono abbastanza diffuse...
    • di passaggio scrive:
      Re: E' veramente lavor gratis?
      realtà nuove che danno lavoro?intendi realtà che non hanno l'informatica come core-business o parli di ditte informatiche?no xkè penso che l'open anzi porti esattamente all'opposto.
  • laer teg scrive:
    Tutto chiaro.
    Tutto chiaro.l'obiettivo finale è la creazione di un mondo migliore in cui il denaro reale o virtuale non esiste neppure e in cui chiunque fornisca un servizio, una consulenza, un lavoro, lo faccia volontariamente e con autentico entusiasmo.Resta il problema di capire chi pulirà il XXXXX della metropolitana.Gli esperti pensano ad una squadra di feticisti che google stesso individuerà tramite i dati incrociati di ricerca e navigazione e le cui attitudini sessuali sono state amplificate dai risultati delle loro ricerche artefattamente pilotati.Questo è il futuro, gente.Chi si lamenta, ha una mentalità 1.0 e, se non si aggiornerà, verrà presto disintallato dal pianeta.
  • di passaggio scrive:
    questi di Google
    si sentono Dio in terra mi sa... si critica tanto MS, ma quelli almeno fanno "il loro mestiere" di azienda che cerca profitto. Google invece si sente già salvatore del mondo e dio in terra.
  • pusso scrive:
    BigG
    Suona come big jim, che XXXXXio
  • Pruffolo scrive:
    Quante storie
    Certo che Google di gigadollaridolari ne ha abbastanza, e qualche spicciolo potrebbe anke darlo via. Ma d'altra parte se c'è gente "emergente" che è disposta a farlo gratis (e magari ne è contenta) che mink**a si lamentano a fare quelli che vogliono essere pagati, se non gli conviene non lo facciano. Poi anche "politicamente" capisco l'idea di non pagare chi lo fa. E' la mentalità open-free di alcuni fenomeni di Internet. Come uno che mette sul blog le istruzioni per fare un lancia patate. Non lo fa per i soldi, ma solo per farsi conoscere. E poi, visto che molti sono ossessionati da essere veline, tronisti o generici idioti televisivi, magari anche solo farsi vedere ha un valore quantificabile.
    • Gurzo2007 scrive:
      Re: Quante storie
      come spiegato se non volevano pagare...bastava non rivolgersi ai professionisti..ma creare un contest di giovani emergenti...fine della storia...google ha toppato semplicemente
    • pabloski scrive:
      Re: Quante storie
      infatti, Google non ha mica promesso di pagarli e poi non l'ha fattodel resto nel campo del design questo fenomeno c'è sempre...ci sono fior fiori di webdesigner che hanno gallerie di centinaia di design free e li creano per farsi un nomechi non ci sta semplicemente non lavori con google e punto
  • CSOE scrive:
    Boicottiamo l'Open source
    Ecco un esempio del danno che la filosofia open source sta provocando, tutti si aspettano prodotti gratis.Programmatori, svegliatevi ! Non contribuite a progetti open source, neppure se pagati. Boicottate i prodotti open source.
    • pabloski scrive:
      Re: Boicottiamo l'Open source
      ma se boicottiamo l'opensource, poi windows su cosa si baserà? :D
      • ezio scrive:
        Re: Boicottiamo l'Open source
        sicuramente rimarrà sempre uguale e lo spacceranno per nuovo con nomi diversi.. vedi win95, win98 e winME :)
    • Pruffolo scrive:
      Re: Boicottiamo l'Open source
      Ma è un flame questo? O forse non sai che molte delle robe di Internet sono open source: protocolli, software quali web server e linguaggi vari di scripting/sviluppo web, browser, e probebilmente anche alcuni appliance usano software open source. Poi se a te fa schifo e non vuoi usarlo fai pure, solo che il danno mi sembra più tuo che di chi stsa ordendo questa congiura ai danni del software a pagamento.
    • il signor rossi scrive:
      Re: Boicottiamo l'Open source
      - Scritto da: CSOE
      Ecco un esempio del danno che la filosofia open
      source sta provocando, tutti si aspettano
      prodotti
      gratis.infatti chrome è gratis, non mi sembra poi così scandaloso chiedere una collaborazione gratuita, se poi uno non la vuol fare, amici come prima...
  • belzebu scrive:
    Ma il contratto cosa prevedeva?
    Hanno firmato un contratto dove in cambio del loro lavoro di grafica sarebbero stati pagati? Ad ore? Ad icona?Non e' che si sono messi loro ad "aiutare" google salvo poi richiedere un adeguato pagamento?Io ho rilasciato alcune classi in java durante gli studi universitari... peccato sun sia quasi morta, altrimenti pretenderei di essere pagato per quelle classi.
    • Paloi scrive:
      Re: Ma il contratto cosa prevedeva?
      Dall'articolo mi sembra di capire che il contratto proposto da Google non prevedesse alcuna forma di retribuzione.Semplicemente, per questo motivo molti designer non l'hanno accettato (e ovviamente non hanno svolto il lavoro).Immagino che chi l'ha accettato e ha svolto il lavoro, non abbia alcuna base su cui chiedere un compenso.La polemica sollevata dai primi, è sul fatto che si voglia far diventare prassi lo svolgere gratuitamente un lavoro di alta qualità ad un professionista. Addirittura, su richiesta di un committente.Mi sembra un concetto un po' diverso dall'OpenSource.
  • nome e cognome scrive:
    ecco finalmente
    Si comincia a capire ... i programmatori a gratis ma tutti gli altri vogliono i $. Poi ci si chiede perché le aziende trattano i programmatori come dei perfetti XXXXXXXXX: lo sono.
    • Steve Austin scrive:
      Re: ecco finalmente
      - Scritto da: nome e cognome
      Si comincia a capire ... i programmatori a gratis
      ma tutti gli altri vogliono i $. Poi ci si chiede
      perché le aziende trattano i programmatori come
      dei perfetti XXXXXXXXX: lo
      sono.esatto... e a dimostrazione il prolificare dei contratti a progetto nel settore.
    • MAH scrive:
      Re: ecco finalmente
      QUOTO
    • pabloski scrive:
      Re: ecco finalmente
      ah ecco, quindi hai confessato che tu non lavori in questo settore :D
    • TheGynius scrive:
      Re: ecco finalmente
      Triste ma vero.I programmatori sono (siamo) un tassello fondamentale della catena produttiva dell'IT, sono gli operai del software eppure hanno un peso politico minimo, in italia praticamente nullo.Salendo nella piramide evolutiva dei "softwaristi" (analisti, project manager...) bisogna salire parecchio prima di contare davvero qualcosa.Certo dipende da azienda ad azienda, ma in generale è vero che chi produce software (aldilà di come sarà distribuito, closed, open, free, shareware, saas...) conta meno di quanto dovrebbe.Google qui ha fatto, secondo me, un passo falso.Non puoi dare per scontato che pagherai "in natura" (per google dare visibilità e pubblicità è pagare a costo zero). D'altra parte gli artisti contattati hanno presupposto che dialogando con un gigante dell'economia sarebbero stati pagati profumatamente.Ognuna delle due parti ha presupposto di utilizzare le proprie consuetudini in assenza (se ho capito bene) di un vero e proprio contratto di collaborazione.L'alternativa DeviantArt mi piace, ma non risolverà la questione con gli artisti "noti".
  • Giuseppe Rossi scrive:
    Pagati ?
    Ma come è un onore lavorare per Micro$oft,Appl, HT, vorreste anche essere pagati ?L'onore vi basti per mangiare !
    • Gianluca70 scrive:
      Re: Pagati ?
      M$ e Apple$ pagano i propri collaboratori, qui si si parla di BigGOOGLE che non sgancia un centesimo, quindi non capisco la necessità di tirarli in ballo...
      • pippuz scrive:
        Re: Pagati ?
        - Scritto da: Gianluca70
        M$ e Apple$ pagano i propri collaboratori, qui si
        si parla di BigGOOGLE che non sgancia un
        centesimo, quindi non capisco la necessità di
        tirarli in
        ballo...non capisci la necessità? senza M$ e Apple$ come si fa a scatenare un bel flammone? dai, siamo su PI, dovresti saperlo...
        • Giuseppe Rossi scrive:
          Re: Pagati ?
          SciocchiniEra una provocazione, siete capaci di capire che cosa sia una metafora ?Stavo usando un concetto per renderne ridicolo un'altro !Lo sappiamo che vengono pagati (microslaves per gente M$, perchè guadagno meno di un impiegato normale, lo sapevate ???)Bere più vino ragazzi per ora solo latte ?
          • nome e cognome scrive:
            Re: Pagati ?

            Lo sappiamo che vengono pagati (microslaves per
            gente M$, perchè guadagno meno di un impiegato
            normale, lo sapevate
            ???)Lol... te l'ha detto tuo cuggino?
          • Gianluca70 scrive:
            Re: Pagati ?
            - Scritto da: Giuseppe Rossi

            Bere più vino ragazzi per ora solo latte ?Sì, ma tu non esagerare, col vino intendo... :)
      • pabloski scrive:
        Re: Pagati ?
        vero, infatti MS e Apple sfruttano i brevetti altrui senza pagare le royalties :Dsalvo poi che i diretti interessati li trascinino in tribunale e pretendano un risarcimentoe comunque mi pare che le skin per windows siano al 90% opera di appassionati....sul sito MS ne trovi si e no 5-6per esempio http://en.softonic.com/s/windows-xp-skin
  • Paramount scrive:
    Ignoranti
    tipica mentalità degli uber ingenieri googliani.questi geni dimenticano che senza il contributo artistico saranno confinati al solo mercato infrastrutturale dietro le quinte,se poco poco tentano di fare qualcosa piu lato utentetipo quella ciofeca di telefonino android,i risultati saranno accettabili ma non sublimi.
    • Matty scrive:
      Re: Ignoranti
      Già, peccato che il loro motore di ricerca ha fatto anche sucXXXXX grazie alla concezione minimalistica, concentrandosi sul contenuto e non sulla presentazione.Mmmm... ciofeca o realtà?
      • nome e cognome scrive:
        Re: Ignoranti
        - Scritto da: Matty
        Già, peccato che il loro motore di ricerca ha
        fatto anche sucXXXXX grazie alla concezione
        minimalistica, concentrandosi sul contenuto e non
        sulla
        presentazione.
        Mmmm... ciofeca o realtà?E non è design quello?
        • pabloski scrive:
          Re: Ignoranti
          una pagina bianca, con un input box e 2 pulsanti è design? :De allora quello che fa Pininfarina cos'è?
        • pinco pallino scrive:
          Re: Ignoranti
          - Scritto da: nome e cognome
          - Scritto da: Matty

          Già, peccato che il loro motore di ricerca ha

          fatto anche sucXXXXX grazie alla concezione

          minimalistica, concentrandosi sul contenuto e
          non

          sulla

          presentazione.

          Mmmm... ciofeca o realtà?

          E non è design quello?no.
      • HAL scrive:
        Re: Ignoranti
        Mi sembra ovvio che non si tratti di una soluzione riutilizzabile in qualunque campo.
      • Paramount scrive:
        Re: Ignoranti
        - Scritto da: Matty
        Già, peccato che il loro motore di ricerca ha
        fatto anche sucXXXXX grazie alla concezione
        minimalistica, concentrandosi sul contenuto e non
        sulla
        presentazione.
        Mmmm... ciofeca o realtà?appunto solo un motore di ricerca potevano fare.
        • Matty scrive:
          Re: Ignoranti
          Questo significa che un motore di ricerca deve fare concentrare la persona sulla ricerca stessa e non sulla presentazione della pagina.Poi ricordo per chi si fosse perso qualche ountata che Google non è solo un motore di ricerca...
    • Andrea Giammarchi scrive:
      Re: Ignoranti
      uso Android da quasi un anno ... quale sarebbe questa parte ciofeca di cui parli?
  • attonito scrive:
    no money no honey
    se BigG non caccia soldi, se le faccia pure da sole, le icone.
    • sisko1701 scrive:
      Re: no money no honey
      - Scritto da: attonito
      se BigG non caccia soldi, se le faccia pure da
      sole, le
      icone.quoto.
    • exMetallica scrive:
      Re: no money no honey
      Bah, credo che i ragazzi di deviantART oltre a fare un ottimo lavoro sarebbero orgogliosi di disegnare gratis un po' di grafica per qualcosa con così ampia visibilità.Tuttavia capisco che i "nobili" del design vogliano essere pagati, beh se l'accordo non gli piace non facciano il lavoro in questa maniera Mr.Google inizierebbe a pagarli oppure darebbe il lavoro ai talentuosi di deviantART, soluzione che preferirei.
  • Anonimo scrive:
    ed il prosciutto come lo paghi?
    Con gli ideali....
  • xxx scrive:
    lavorate free...
    ...non vi piaceva così tanto?software free, docs free, consulenza free...benvenuti nel mondo che avete creato con le vostre stesse mani!!
    • nullbody scrive:
      Re: lavorate free...
      ah questi trolloni. Il free software o meglio il software opensource non è sempre gratis. se io faccio un programma per tizio e tizio mi paga e lo rilascio in GPL io ho i sodi tizio il suo programma e le persone un programma gratis che possono modificare o far modificare. Scenario 1) caio prende il prodotto creato da me lo fa modificare in alcuni aspetti da sempronio. Caio paga sempronio, Caio non ha pagato la prima parte che mi è stata pagata da tizio. metti che tizio voleva le stesse modifiche, ora se le trova al costo della prima parte. Io ho guadagnato sempronio ha guadagnato e tizio e caio hanno pagato un prodotto a prezzo ragionevole.
      • Anonimo scrive:
        Re: lavorate free...
        contento te, a me Sempronio nel tuo discorso mi pare un parassita che sfrutta il lavoro di Caio.Sempronio poi è famoso, ha un'azienda di 1000 persone, quindi tutte le aziende andranno dall'azienda di Sempronio a farsi fare l'assistenza e le installazioni mentre Caio dopo 1 anno di lavoro dovrà sperare che il suo primo ed unico cliente gli dia una cifra sufficiente a compensare l'anno di lavoro + il rischio di impresa.Sempronio senza rischio di impresa e senza dover ammortizzare l'anno di lavoro inizia subito a vedere i soldi.Open Source favorisce solo i parassiti.
        • carlo scrive:
          Re: lavorate free...
          - Scritto da: Anonimo
          contento te, a me Sempronio nel tuo discorso mi
          pare un parassita che sfrutta il lavoro di
          Caio.
          Sempronio poi è famoso, ha un'azienda di 1000
          persone, quindi tutte le aziende andranno
          dall'azienda di Sempronio a farsi fare
          l'assistenza e le installazioni mentre Caio dopo
          1 anno di lavoro dovrà sperare che il suo primo
          ed unico cliente gli dia una cifra sufficiente a
          compensare l'anno di lavoro + il rischio di
          impresa.
          Sempronio senza rischio di impresa e senza dover
          ammortizzare l'anno di lavoro inizia subito a
          vedere i
          soldi.
          Open Source favorisce solo i parassiti.Tizio ha un'azienda Gold Partner Microsoft. Tizio assume alcuni programmatori per un progetto relativo ad un gestionale: ci lavora un paio di anni investendo un sacco di soldi suoi. Il progetto è già molto avanzato, ma, improvvisamente, arriva Microsofte dice: "bello questo progetto, ma è una cosa che piacerebbe fare a noi."Tizio risponde: "Bene! Allora, visto che siamo Gold Partner, usiamo questo!".Risponde Microsoft: "no, veramente noi lo facciamo per i fatti nostri. Voi, anzi, smettete subito con questo progetto, altrimenti il Gold Partner ve lo scordate."Com'è finita?Il gruppo di programmatori si è ritrovato improvvisamente senza lavoro. Uno di loro, mio amico, dall'oggi al domani si è ritrovato dall'essere capo progetto a fare letteralmente le punte alle matite per i colleghi dell'amministrazione.Gli avevano tolto perfino il computer, per essere sicuri che non lavorasse più a quel progetto.Ovviamente, dopo un paio di mesi, si è licenziato.Da allora non ha più molta simpatia per mamma M$...
          • di passaggio scrive:
            Re: lavorate free...
            marò XXXXXXXte!
          • carlo scrive:
            Re: lavorate free...
            - Scritto da: di passaggio
            marò XXXXXXXte!Eh si, lavorare per Microsoft è proprio una XXXXXXXta. Soprattutto in Italia.
          • di passaggio scrive:
            Re: lavorate free...
            quello che hai descritto tu non è lavorare per MS... in particolare è marea di XXXXXXXte(e son 2 volte)
      • Gino scrive:
        Re: lavorate free...
        - Scritto da: nullbody
        ah questi trolloni. Il free software o meglio il
        software opensource non è sempre gratis. se io
        faccio un programma per tizio e tizio mi paga e
        lo rilascio in GPL io ho i sodi tizio il suo
        programma e le persone un programma gratis che
        possono modificare o far modificare. Scenario 1)
        caio prende il prodotto creato da me lo fa
        modificare in alcuni aspetti da sempronio. Caio
        paga sempronio, Caio non ha pagato la prima parte
        che mi è stata pagata da tizio. metti che tizio
        voleva le stesse modifiche, ora se le trova al
        costo della prima parte. Io ho guadagnato
        sempronio ha guadagnato e tizio e caio hanno
        pagato un prodotto a prezzo
        ragionevole.Se il lavoro in ambito IT manca è GRAZIE ai software ratis che disintegrano qualunque tipo di attività uno voglia intraprendere. Ogni softare che è possibile eventualmente creare, migliore di altri, ne esiste una versione free che fa morire in partenza ogni iniziativa. Così potenziali dipendenti programmatori, restano morti di fame, e ne conosco tantissimi.Google poi, mette la ciliegina sulla torta infilandosi in qualunque mercato, fornendo servizi gratis utilizzando la suap posizioen dominante in ambito web & search e l'antitrust se la prende con Microsoft per il browserino.E i programmatori muoiono di fame.Quando esisterà un software free per ogni possibile richiesta sul mercato, con cosa lavoreremo? Per chi lavoreremo? Quale idiota pagherebbe per un qualcosa che esiste free?Un'azienda che conosco 4 anni fa sviluppava siti web personali e blog a prezzi bassi e ragionevoli, ora con wordpress tutto a puttane e 10 persone in mezzoa ad una strada.Non l'ho mai capito: perchè se sviluppo un software devo regalarlo a dei morti di fame che non vogliono spendere xx euro per comprare la mia fatica, il mio studio e il mio tempo?E perchè a causa di alcuni idioti IO ed altre migliaia dobbiamo avere possibilità pari a zero poichè le aziende chiudono e non ne nascono nuove?Pensala come vuoi, ma l'open source regala da un lato, e ti spezza le gambe dall'altro; e fortunato è chi può vantare un lavoro solido in un'azienda solida, deve però sperare che google o qualche idiota nerd "Opensourcista" non lanci un servizio professionale GRATIS (giusto perchè ha tempo da perdere) esattamente uguale al core business dell'azienda in cui lavora, o tutti in mezzo alla strada ! Evvai! :)
        • Matty scrive:
          Re: lavorate free...
          Probabilmente hai sbagliato lavoro.Il mercato dell'IT non è mai stabile, e questo lo sa anche una gallina. L'Open non centra nulla, centra solo la voglia e la creatività
          • lega la lega scrive:
            Re: lavorate free...
            - Scritto da: Matty
            Probabilmente hai sbagliato lavoro.
            Il mercato dell'IT non è mai stabile, e questo lo
            sa anche una gallina. il discorso e' piu' ampio, diciamo che la tecnologia in genere rende velocemente obsolete numerose tipologie di lavoro. L'IT provvede a creare disoccupazione nel settore terziario che ha assorbito il primario e secondario che e' stato sfoltito in passato. Questa e' una cosa risaputa dai governi che sembrano ignorare il problema, finche' non ci sara' uno stallo e diciamocelo .. io chedo che un padre di famiglia piuttosto che vedere morire i propri figli di fame e suicidarsi comincera' a pensare di fare gruppo e "suicidare" la classe politica (che comunque non ha tutte le colpe).
          • di passaggio scrive:
            Re: lavorate free...
            sei sicuro di quel che dici?
        • TuttoaSaldo scrive:
          Re: lavorate free...
          Wordpress ruba il lavoro qualcuno?!??!Esistono realtà professionali che usano WP senza personalizzazioni per il loro sito?Forse la squadra della parrocchia., ma non credo che pagherebbero qualcuno per lo sviluppo della piattaforma.
          • Brown scrive:
            Re: lavorate free...
            - Scritto da: TuttoaSaldo
            Wordpress ruba il lavoro qualcuno?!??!
            Esistono realtà professionali che usano WP senza
            personalizzazioni per il loro
            sito?

            Forse la squadra della parrocchia., ma non credo
            che pagherebbero qualcuno per lo sviluppo della
            piattaforma.Quoto in pieno. Anzi, aggiungo una cosa, più in generale: non solo realtà professionali non userebbero (per restare nell'esempio) wordpress per i motivi che hai detto. Vogliamo parlare del mettere in mano alcuni processi di un'azienda, magari anche di una certa dimensione a livello di dipendenti, ad un software gratuito per cui nessuno offrirà un servizio di supporto tecnico in caso di problemi? Se ti si ferma l'azienda per via del software free cosa fai, chiami il nerd a casa interrompendo la sua partita a guitar hero chiedendogli una patch? E magari ti aspetti anche di riceverla e gratis?Qui stiamo svalvolando...
          • Pruffolo scrive:
            Re: lavorate free...
            Giustissimo. Eheh guitar hero :) Cmq c'è gente che fa open source e poi vende la conuslenza sui prodotti che ha "regalato". Per esempio Penthao, che se vuoi usarlo un minimo seriamente te lo sogni di prendere il codice e usarlo. O ci perdi le settimane a capire come funziona, o paghi le customizzazioni.
          • di passaggio scrive:
            Re: lavorate free...
            O ci perdi
            le settimane a capire come funziona, o paghi le
            customizzazioni.ecco perchè spesso i paladini dell'open sono dei falsi che buttano fumo negli occhi e tante belle parole, ma in realtà sono più magnatari di quelli che criticano tanto!
          • attonito scrive:
            Re: lavorate free...

            Vogliamo parlare del
            mettere in mano alcuni processi di un'azienda,
            magari anche di una certa dimensione a livello di
            dipendenti, ad un software gratuito per cui
            nessuno offrirà un servizio di supporto tecnico
            in caso di problemi?
            Se ti si ferma l'azienda per
            via del software free cosa fai, chiami il nerd a
            casa interrompendo la sua partita a guitar hero
            chiedendogli una patch? E magari ti aspetti anche
            di riceverla e gratis?
            Qui stiamo svalvolando...beh, Sasser a suo tepmpo ci ha sventrato circa 180 PC e indovina un po'.... non siamo certo andati da M$ a chiedere i danni. il "mito" software_chiuso = assistenza e', appunto un mito. Tu hai il software X, l'assistenza relativa e' un caso a parte. LA vuoi? la paghi. Che tu la debba pagare al proprietario del software chiuso o allo scrittore del software opensource, che ti cambia?solo perche uno e' in giacca e cravatta e l'altro in jeans e scarpe da tennis allora quello con le scarpe da tennis e' uno sfigato?Tu immagino paghi Accenture per comprare aria fritta, eh?
          • nome cognome scrive:
            Re: lavorate free...
            l'informatico di accenture non sa nemmeno cosa sia il comando dd ahahahaè vero ci ho parlato!
        • Sdrammatico scrive:
          Re: lavorate free...
          Prendila così: se il software gratuito è migliore del tuo a pagamento, o è anche solo equivalente, devi fare di meglio. Io sono disposto a pagare un software a pagamento migliore di un altro gratuito, e così credo tante altre persone. Ma che sia davvero migliore, non con orpelli e fronzoli ma con funzionalità e comodità d'uso E con qualcuno che mi presti attenzione velocemente nel caso in cui il software dovesse presentare malfunzionamenti.
          • considerazi one scrive:
            Re: lavorate free...
            questo ragionamento però "sregola" la realtà...se tu hai bisogno di una sedia non vai dal miglior falegname del mondo, vai da un buon falegname che hai a portata di mano magari... ecco, lavorano tutti i falegnami, chi più chi meno... col sw invece, secondo qsto tuo ragionamento, tutti dall'unica e migliore ditta che produce il sw free copiato tale e quale da un'altra parte magari.
        • Emoticon e video scrive:
          Re: lavorate free...
          Ma sai che quasi quasi ti do ragione?!?!Poi tutti si lamentano dei prodotti cinesi che forse si sono meno controllati o sicuri (poi voglio sapere come fa una maglietta ad esser meno sicura [a meno che non sia radioattiva]), però costano decisamente meno.Avete paura del fatto che le aziende se ne vanno all'estero perchè il lavoro costa meno? a me pare lo stesso discorso.
        • Shu scrive:
          Re: lavorate free...
          - Scritto da: Gino
          Un'azienda che conosco 4 anni fa sviluppava siti
          web personali e blog a prezzi bassi e
          ragionevoli, ora con wordpress tutto a puttane e
          10 persone in mezzoa ad una
          strada.Quell'azienda aveva un'amministrazione orba, o le 10 persone erano poco più che incapaci.Sarebbe bastato prendere WP e iniziare a svilupparci plugin personalizzati per i clienti, temi grafici, servizi acXXXXXri, oppure cercare di fare siti piu` su misura, invece di continuare a fare concorrenza con un prodotto costoso a un prodotto gratuito (senza avere alle spalle i miliardi e il monopolio di Microsoft).Come in tutti i settori economici, e` inutile accanirsi a offrire prodotti (o servizi) dove non c'e` una domanda corrispondente. Oppure si cerca di creare la domanda tramite il marketing.Nulla di trascendentale, concetti di economia da primo anno di Ragioneria.Bye.
        • Funz scrive:
          Re: lavorate free...
          - Scritto da: Gino
          Se il lavoro in ambito IT manca è GRAZIE ai
          software ratis che disintegrano qualunque tipo di
          attività uno voglia intraprendere. Ogni softare
          che è possibile eventualmente creare, migliore di
          altri, ne esiste una versione free che fa morire
          in partenza ogni iniziativa.Se c'è una versione gratis uguale o migliore della tua, fanne una migliore o cambia mestiere,
          Così potenziali dipendenti programmatori, restano
          morti di fame, e ne conosco
          tantissimi.Quindi dovremmo comprare SW closed per sussidiare una categoria intera, che evidentemente è diventata superflua?
          Google poi, mette la ciliegina sulla torta
          infilandosi in qualunque mercato, fornendo
          servizi gratis utilizzando la suap posizioen
          dominante in ambito web & search e l'antitrust se
          la prende con Microsoft per il
          browserino.Come se MS non si fosse sempre infilata in qualunque mercato con tutto il suo peso e le sue pratiche scorrette...
          Quando esisterà un software free per ogni
          possibile

          richiesta sul mercato, con cosa lavoreremo? Per
          chi lavoreremo? Quale idiota pagherebbe per un
          qualcosa che esiste
          free?Cambierete lavoro, è evidente.
          Un'azienda che conosco 4 anni fa sviluppava siti
          web personali e blog a prezzi bassi e
          ragionevoli, ora con wordpress tutto a puttane e
          10 persone in mezzoa ad una
          strada.Sono superati, superflui.
          Non l'ho mai capito: perchè se sviluppo un
          software devo regalarlo a dei morti di fame che
          non vogliono spendere xx euro per comprare la mia
          fatica, il mio studio e il mio
          tempo?Vendilo, se trovi chi te lo compra
          E perchè a causa di alcuni idioti IO ed altre
          migliaia dobbiamo avere possibilità pari a zero
          poichè le aziende chiudono e non ne nascono
          nuove?idioti sarete voi che non avete capito come vanno le cose.L'economia è al collasso e dovremmo preoccuparci di una spesa superflua come quella del sw chiuso, quando ci sono alternative aperte e gratuite?
          qualche idiota nerd "Opensourcista" non lanci un
          servizio professionale GRATIS (giusto perchè ha
          tempo da perdere) esattamente uguale al core
          business dell'azienda in cui lavora, o tutti in
          mezzo alla strada ! Evvai!
          :)I servizi gratis alla fine c'è sempre qualcuno che li paga, alla fine. TANSTAAFL. Se il tuo modello di business non è competitivo sparisci pure.
        • di passaggio scrive:
          Re: lavorate free...
          quoto
        • di passaggio scrive:
          Re: lavorate free...
          ma non ti vergogni con la tua risposta poco educata, poco cortese e direi anche scarica di contenuti validi?
        • carlo scrive:
          Re: lavorate free...
          Gino, il tuo mestiere è il pescatore di cozze, non il programmatore.Quindi, lascia perdere tutto e comprati pinne e maschera.Quanto ai tuoi amici programmatori morti di fame, beh, si vede che poi tanto bravi non sono.Quindi, o pinne e maschera anche a loro, oppure una bella vanga, oppure un cane pastore.Non hai idea di quanti ciarlatani del software come voi avrebbe invece bisogno l'agricoltura, la transumanza delle pecore o la pesca dei mitili.
      • nome e cognome scrive:
        Re: lavorate free...

        costo della prima parte. Io ho guadagnato
        sempronio ha guadagnato e tizio e caio hanno
        pagato un prodotto a prezzo
        ragionevole.Pensa che invece avresti potuto fare tu le modifiche e soprattutto che dopo essere stato pagato da tizio quel programma non lo venderai più a nessuno.
    • pabloski scrive:
      Re: lavorate free...
      guarda che opensource != free software
Chiudi i commenti