SUN, i piani di Oracle

I server SPARC sopravviveranno, mentre nulla è dato sapere sul software open source. Peccato che a guastare la festa arrivino notizie di possibili marette giudiziarie

Roma – Per gli appassionati del RISC è una notizia ottima: i processori SPARC, da quasi 25 anni vero cavallo di battaglia dell’hardware prodotto da SUN, resteranno in vita e anzi verranno rilanciati. A confermarlo è il nuovo patron dell’azienda californiana, il CEO di Oracle Larry Ellison, che ha ribadito l’intenzione di investire in una piattaforma che racchiuda tutto il know how risultante dalla fusione tra le competenze delle due aziende: l’obiettivo è essere in grado di offrire un pacchetto completo, hardware e software, così come oggi sono in grado di fare HP e IBM. È questo l’obiettivo che Oracle si pone oggi, e che difenderà a tutti i costi anche davanti alle prime difficoltà che affiorano in queste ore.

La prima, quella un po’ più seria, riguarda la violazione di una legge statunitense in materia di corruzione all’estero: il Foreign Corrupt Practices Act regola il comportamento delle aziende a stelle e strisce fuori dai confini nazionali, e in particolare impone il divieto assoluto di utilizzare mezzi di corruzione economica per ingraziarsi un governo al fine di sviluppare il proprio business in quel paese. SUN, in una notifica fatta pervenire all’organo di controllo della Borsa USA (SEC), ha rivelato di essere venuta a conoscenza di una violazione della legge: autodenunciandosi, l’azienda spera probabilmente di limitare i danni.

Nessuna precisazione ulteriore viene fornita riguardo a dove e come la legge sarebbe stata violata: SUN dichiara solo di essere venuta a conoscenza di questo fatto lo scorso anno, di aver avviato un’indagine interna avvalendosi di un consulente esterno, di aver preso tutte le contromisure necessarie per rimediare a quanto successo. Il Dipartimento di Giustizia statunitense (DoJ), inoltre, è stato informato degli avvenimenti e starebbe a sua volta procedendo alle indagini di rito: nel caso dovesse essere rilevata un’infrazione, tra l’altro SUN rischierebbe di essere esclusa dagli appalti pubblici a stelle e strisce che costituiscono una buona fetta dei suoi introiti.

La faccenda, emersa a detta di SUN prima dell’accordo con Oracle (evidentemente l’azienda di Larry Ellison ha ritenuto ininfluente la notizia), rischia quindi di complicare la faccenda fusione: e dire che l’operazione era stata salutata con favore dagli osservatori, che giudicano irrilevante o quasi il fattore antitrust in questo caso (e che invece si dimostra spesso l’ostacolo principale di questi accordi ad alto livello). Ma non si tratta dell’unico impedimento da superare. Almeno in tre diversi casi degli azionisti di SUN hanno fatto ricorso contro la decisione del consiglio di amministrazione di procedere alla vendita : tre diverse mozioni sono state presentate in tribunale.

Stando a quanto si è appreso , gli attori ritengono insoddisfacenti i termini dell’accordo stipulato poche settimane fa: secondo le indiscrezioni, i ricorrenti non avrebbero gradito la valorizzazione del titolo attorno ai 9,5 dollari, di gran lunga inferiore a quanto da loro pagato ai tempi dell’entrata nel capitale aziendale, quando un’azione SUN valeva oltre 20 dollari. Per questo, come si legge in un’altra comunicazione alla SEC, l’accordo viene definito “ingiusto e inadeguato” mentre i manager avrebbero “violato l’accordo fiduciario” esistente tra gli azionisti e il management.

Difficile comprendere se, in questo caso, le accuse reggeranno al vaglio della corte: gli analisti si dichiarano scettici su questo punto, ma è indubbio che le complicazioni di questo tipo non gioveranno alla ristrutturazione che senz’altro Ellison sta preparando e che inevitabilmente porterà a qualche taglio nell’organico e nelle attività di SUN . Se per i processori lo stesso Larry precisa che “Non stiamo assolutamente uscendo dal business dell’hardware”, aggiungendo che “Persino Apple si progetta i suoi chip di questi tempi” e che oggi SPARC continua a garantire dei vantaggi rispetto alle CPU Intel anche e soprattutto sul piano dei consumi, nulla viene detto (ancora) in materia di software.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • andy61 scrive:
    e i microfoni laser?
    devono attaccare un altoparlante anche ai vetri.potrebbero utilizzare un altoparlante elettrostatico su pellicola trasparente da applicare ai vetri.oppure prendere gli uffici vicino all'autostrada o alla stazione, così nessuno sentirà più nulla.
  • anonymous scrive:
    della nota serie diretta da mel brooks..
    ...ricordo 99 che diceva a max"Che sostanza dal nome curioso, cos'é un dolcificante?""No, il secondo veleno più potente del mondo.""Qual' é il primo?""I dolcificanti."
  • attonito scrive:
    maxuel smart, un agente tuto da ridere
    Ve lo ricordate? era la parodia degli agenti segrati, qeusto era un cretino totale che con un misto di puro c*lo, aiuto dei colleghi ed XXXXXXXXXta' dei cattivi, riusciva sempre a vincere.E ogni tanto, a rapporto dal capo, per evitare possibili origliatori, richiedeva la "campana del silenzio", che era una bolla blastica che calava dal soffitto e inglobava i due conversatori. Purtroppo a parlarci dentro non si capiva ninete e alla fine il capo, esasperato, la faceva togliere.ORA: COME MINCH|A fanno gli altoparlanti a dirigere in maniera "precisa" un suono contro la probabile spia? sono dotati di motori che li ruotano alla visogna?Boh, mi sembra la classica "amerinchionata", perfettamente veicolanta dal Maruccia.(Alfonso: le due notizie serie di ieri non te le ha cagate nessuno, vediamo con questa come va oggi).
    • vroom scrive:
      Re: maxuel smart, un agente tuto da ridere
      Interferenza. Ci sono anche dei radar che funzionano su questo principio senza avere alcuna parte mobile.
    • Pietro scrive:
      Re: maxuel smart, un agente tuto da ridere
      Ma tu chi sei?Un fisico del suono? Un ingegnere? Un fonico?E anche tu fossi tutte e tre le cose: hai sotto mano il progetto dettagliato che spiega tecnicamente il funzionamento?Che diamine di obbiezione è: "secondo me non può funzionare!"?Il fatto che tu non ne capisca il funzionamento non è una dimostrazione della sua impossibilità di funzionare. E' solo una dimostrazione della tua non sufficiente conoscenza tecnica.Se lo hanno studiato e vogliono brevettarlo deve funzionare.Non puoi brevettare una cosa che non funziona?INOLTRE come ti permetti di attaccare l'autore dell'articolo. Non ti piace come scrive? Non leggerlo.Trovi che un articolo sia inutile? Passa al successivo.Non ti piace PuntoInformatico? leggi altro.. Nessuno ti obbliga a leggere tutti gli articoli e a commentarli.Ricordi cosa disse il papà a Tippete? "Se non hai nulla di carino da dire, STAI ZITTO!".cordialmentePietro
      • attonito scrive:
        Re: maxuel smart, un agente tuto da ridere
        - Scritto da: Pietro
        Ma tu chi sei?
        Un fisico del suono? Un ingegnere? Un fonico?no, no e no.
        E anche tu fossi tutte e tre le cose: hai sotto
        mano il progetto dettagliato che spiega
        tecnicamente il funzionamento?
        Che diamine di obbiezione è: "secondo me non può
        funzionare!"?mi sono riletto il mio post ma la frase "secondo me non può funzionare!" non l'ho proprio trovata.
        Il fatto che tu non ne capisca il funzionamento
        non è una dimostrazione della sua impossibilità
        di funzionare. E' solo una dimostrazione della
        tua non sufficiente conoscenza tecnica.e quindi?
        Se lo hanno studiato e vogliono brevettarlo deve
        funzionare.
        Non puoi brevettare una cosa che non funziona?ho visto cose che voi umani... (etcetera)
        INOLTRE come ti permetti di attaccare l'autore
        dell'articolo. Non ti piace come scrive? Non
        leggerlo.
        Trovi che un articolo sia inutile? Passa al
        successivo.
        Non ti piace PuntoInformatico? leggi altro..
        Nessuno ti obbliga a leggere tutti gli articoli e
        a commentarli.mio buono, PI campa letteralememte sul concetto di "parlatene male ma parlatene": inzigano, stimolano, favoriscono articoli michioni per far salire gli accessi al sito.Vende piu' "novella 3000" o "Gli annali della Matematica"?Qui devono portare a casa la pagnotta, mica essere precisi.Basta vedere i flame scatenati sugli articoli inerenti Apple, Windows seven o altra roba "calda". Io sto al gioco, passo un po' di tempo pirloneggiando su PI e mi rilasso. Anche tu, involontariamente, sei caduto nella rete. Ti saresti potuto limitare a pensare "che fesso, non vale la pena di rispondergli" e invece ti sei erto a paladino di chi non ha bisogno di essere difeso. Poi io ti sto rispondendo. E gli accessi al sito salgono. E sono tutti contenti.
        Ricordi cosa disse il papà a Tippete? "Se non hai
        nulla di carino da dire, STAI ZITTO!".ho mai visto "bambi", sorry.

        cordialmente
        PietroCiao.
        • Pietro scrive:
          Re: maxuel smart, un agente tuto da ridere
          Quando uno dice: "mi sembra la classica "amerinchionata"" immagino voglia dire "classica XXXXXXXta americana". E dato che lo hai anticipato scrivendo "COME MINCH|A fanno ..." significa che dubiti della funzionalità (oppure hai dei seri problemi di dialettica e volevi chiedere chiarimenti sul funzionamento).Scusami non avevo capito che tu fossi un dipendente di PI.Pensavo che tu fossi solo uno dei tanti che in rete si ostinano a voler scrivere di ciò che non conoscono/capiscono.Sia chiaro: ben venga una discussione ma che sia costruttiva..Una volta sui forum se inserivi un post trovavi persone che ti dicevano: "ho avuto lo stesso problema e lo ho risolto così" oppure "ho letto qualcosa prova questo link" oppure "dammi maggiori informazioni e vediamo cosa riusciamo a fare". Oggi su quegli stessi forum ti rispondono "non so" oppure "ma che domanda inutile stai facendo" oppure impegnano e provano a darti una risposta che quando la leggi capisci che non sanno neanche di cosa si stia parlando.Pensavo tu appartenessi alla seconda categoria di risponditori e invece scopro che ne esiste una terza "i sostenitori morali".Quindi ringrazio te e i tuoi simili visto che con il vostro impegno consentite a PI di continuare il proprio lavoro.
          • attonito scrive:
            Re: maxuel smart, un agente tuto da ridere
            - Scritto da: Pietro
            Quando uno dice: "mi sembra la classica
            "amerinchionata"" immagino voglia dire "classica
            XXXXXXXta americana". E dato che lo haiEsatto.
            anticipato scrivendo "COME MINCH|A fanno ..."
            significa che dubiti della funzionalità (oppure
            hai dei seri problemi di dialettica e volevi
            chiedere chiarimenti sul funzionamento).Riconosco di non essere stato chiaro e me ne scuso.Provo a spiegare.il mio dubbio NON verteva sulla possibile non funzionamento, ma sulla funzionalita', uin altre parole, la mia perplessita' verteva sulla utilita' del prodotto.Per farti un esempio, anni fa misero in vendita un prodotto (connesso usb) che poteva, partendoda delle essenze base, generare una vasta gammadi odori.Pubblicita', bla bla, etc: FUNZIONAVA, ma era una "amerinchionata" ed alla fine fini' inun flop commerciale. Oppure, altro esempio, la vastissima gamma di prodotti offerti nelle televendite: aspirabliciole, sbucciamele elettrici, taglapeli a batteria per l'uomo moderno, etc etc. tutta roba che funziona ma della cui reale utilita' dubito molto.(ecco il riferimento a Maxuel Smart che insisteva ad usare un prodotto che funzionava, si, ma che dava piu' problemi di quelli che era chiamato a risolvere e che alla fine, non serviva a nulla).
            Scusami non avevo capito che tu fossi un
            dipendente di PI.

            Pensavo che tu fossi solo uno dei tanti che in
            rete si ostinano a voler scrivere di ciò che non
            conoscono/capiscono.
            Sia chiaro: ben venga una discussione ma che sia
            costruttiva..vengo su PI, leggo articoli ESCA, fatti appostaper generare flame e rank. LO SO CHE e' cosi,ma PI e' l'equivalente informatico delle rivisteche trovi dal barbiere: perfette per passare unpo' di tempo senza pensare prima di qualcosa di utile.Vero che ogni tanto capita la discussione proficua, ma e' molto rara su PI (e anche io ho contribuito a renderle rare.)
            Una volta sui forum se inserivi un post trovavi
            persone che ti dicevano: "ho avuto lo stesso
            problema e lo ho risolto così" oppure "ho letto
            qualcosa prova questo link" oppure "dammi
            maggiori informazioni e vediamo cosa riusciamo a
            fare". Oggi su quegli stessi forum ti rispondono
            "non so" oppure "ma che domanda inutile stai
            facendo" oppure impegnano e provano a darti una
            risposta che quando la leggi capisci che non
            sanno neanche di cosa si stia
            parlando.Perdonami, ma questo NON e' un forum.
            Pensavo tu appartenessi alla seconda categoria di
            risponditori e invece scopro che ne esiste una
            terza "i sostenitori morali".Quando sono su PI, preferisco definirmi "perditempo".
            Quindi ringrazio te e i tuoi simili visto che con
            il vostro impegno consentite a PI di continuare
            il proprio lavoro.Sempre piu' economico che comprarmi "Gente", "Novella 3000", "Maxim", "Cronaca Vera", etc senza contare che in ufficio non sarebbe bello leggerle.
          • ukay scrive:
            Re: maxuel smart, un agente tuto da ridere
            posso domandarti uno o più siti migliori, all'interno dei quali posti da utente non perditempo? sono seriosarei interessato ad attingere da più fonti online. grazie
          • attonito scrive:
            Re: maxuel smart, un agente tuto da ridere
            - Scritto da: ukay
            posso domandarti uno o più siti migliori,
            all'interno dei quali posti da utente non
            perditempo? sono
            serio

            sarei interessato ad attingere da più fonti
            online.
            graziebah, uno e' wifi-ita.com, ma no ha ninete a che vedere con PI.
          • ukay scrive:
            Re: maxuel smart, un agente tuto da ridere
            grazie :)e qualche altra fonte, un po' meno specifica?
    • web96 scrive:
      Re: maxuel smart, un agente tuto da ridere
      - Scritto da: attonito
      Ve lo ricordate? ...
      e alla fine il capo, esasperato, la faceva
      togliere. :)

      ORA: COME MINCH|A fanno gli altoparlantiPero' hai notato i nomi dei ricercatori?"Joe Paradiso e Yasuhiro Ono, ingegneri..."In Italia il primo farebbe da Badante, il secondo al piu' il commerciante. :(ciao
    • Mr.Pink scrive:
      Re: maxuel smart, un agente tuto da ridere
      I due "minchioni" in questione, effettivamente lavorano per l'MIT l'uno e per un'università giapponese il secondo. Ed effettivamente si occupano di "Distributed acoustic conversation shielding" e pubblicano lavori. Davvero ti puoi permettere di disprezzarli dall'alto della tua scienza?
Chiudi i commenti