Svizzera, scaricare resta lecito

La copia pirata per uso personale rimarrà legale. La condivisione selvaggia non avrebbe affatto distrutto il mercato. Perché gli scariconi rientrerebbero tra i migliori amici del business autorizzato

Roma – Ad annunciarlo è stato un recente comunicato diramato dal Consiglio Federale Elvetico: lo scaricamento su Internet di contenuti audiovisivi per uso personale resterà un’attività lecita . Nessuna modifica alle attuali leggi in materia di diritto d’autore, niente implementazione di misure punitive come quelle adottate in Francia con HADOPI o preventivate negli Stati Uniti con l’imminente Stop Online Piracy Act (SOPA).

Secondo uno studio riportato dal governo svizzero, il 30 per cento della popolazione al di sopra dei 15 anni ha scaricato musica, film e videogiochi senza pagare nulla. Ma più della metà dei quasi 8 milioni di abitanti – censimento al 2010 – ha anche acquistato contenuti in maniera legale, ovvero consumato esperienze dell’ entertainment autorizzato. La pirateria digitale sarebbe infatti un fenomeno complementare e non alternativo.

In sostanza, l’industria globale avrebbe poco da lamentarsi. Dal 1999 al 2007, il livello d’acquisto di biglietti per concerti dal vivo sarebbe rimasto inalterato . I downloader di videogiochi sarebbero tra i migliori clienti dello stesso settore videoludico. Tendenze già confermate in terra olandese, dove un artista su due aveva sottolineato come la distribuzione online fosse vantaggiosa in termini di maggiore visibilità.

I vertici del Consiglio Federale Elvetico hanno dunque equiparato lo scaricamento ad uso personale ad altre cruciali tecnologie del passato. Dalla fotocopiatrice alle cassette audio fino ai videoregistratori. La Svizzera non avrebbe dunque intenzione di modificare le sue leggi sul copyright, dal momento che le abitudini dei netizen non sembrano attentare alla salute del business legale .

Lo stesso report ha poi fatto notare come in Francia siano stati già spesi 12 milioni di euro per combattere il fenomeno . Troppi, almeno secondo le autorità di Berna. L’introduzione di misure estreme come i tre colpi rischierebbe di violare il diritto fondamentale all’accesso alla Rete. E soprattutto di risultare inutile, dal momento che gli scariconi sono tra i migliori amici del mercato legato all’ entertainment multimediale.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • alvaro scrive:
    applefans incapaci al pc
    ruppolo incassa e porta a casa...la vendetta completa sara' lunga ma inevitabile tra poco gli pagheranno pure i danni a samsung..tie' ad apple e gli applefans(spesso solo degli incapaci al pc che usano apple perche' prendono meno virus...vedi mio cognato- tanto e' incapace pure con apple)
  • aaaaaaa scrive:
    laaaaaaaaaaa
    patonza
  • Apple Hater scrive:
    Ruppolo al tappeto!
    Ruppolo al tappeto!
    • gnammolo scrive:
      Re: Ruppolo al tappeto!
      cavolo mi hai battuto di 3 minuti!
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Ruppolo al tappeto!
      È meno attivo, in questi giorni... forse sta facendo gli acquisti di natale...
      • panda rossa scrive:
        Re: Ruppolo al tappeto!
        - Scritto da: uno qualsiasi
        È meno attivo, in questi giorni... forse sta
        facendo gli acquisti di
        natale...Pure io sto facendo gli acquisti di natale, ma questo non mi impedisce di frequentare il forum.Sara' che con linux e con firefox si possono tenere due tab aperti, uno sul forum di PI e l'altro su eBay per fare gli acquisti di natale.Forse il mac non e' in grado, o forse la apple non vuole, o forse non c'e' l'app per gli acquisti di natale, chissa'...
        • sherpya scrive:
          Re: Ruppolo al tappeto!
          Dai ma che troll, il mac cela fa a fare tre tab e per i regali di Natale la home di safari che nessuno cambia è sempre sullo store di apple quindi appena lo apri sei subito pronto a sganciare
Chiudi i commenti